Linux spreme i core di Niagara

L'ultima release del kernel ha ufficialmente portato in Linux il supporto all'ultimo processore di Sun, che potrà ora essere utilizzato in un grande numero di distribuzioni orientate ai server

Roma - Con il rilascio dell'ultima versione stabile del kernel di Linux, la 2.6.17, il Pinguino ha introdotto il supporto ufficiale al giovane processore multi-core UltraSPARC T1 di Sun, anche noto con il nome in codice Niagara.

Tra i maggiori fautori del supporto a Niagara vi è Dave Miller, che verso la fine di febbraio era già riuscito, con un kernel di test, a far avviare Linux su di un server basato sull'ultimo chip di Sun. In quell'occasione Miller spiegò che il lavoro del suo staff è stato semplificato dalla disponibilità delle specifiche del T1 sotto licenza GPL.

Per aggiungere il T1 ai processori pienamente supportati da Linux, gli sviluppatori hanno riscritto ampie porzioni del kernel per architettura SPARC64. Questo lavoro consente al celebre sistema operativo open source di sfruttare gli 8 "cuori" di Niagara, ciascuno dei quali capace di eseguire simultaneamente fino a 4 thread, e la sua tecnologia di virtualizzazione in hardware (hypervisor).
Sun sta seguendo da vicino il porting su Niagara di altri noti sistemi operativi open source, primo tra i quali FreeBSD, inoltre ha recentemente stretto una partnership con Canonical per fare di Ubuntu 6.06 LTS (Long Term Support) una delle prime distribuzioni Linux in grado di supportare T1 e girare sui server Sun Fire T1000 e T2000.

"Poter disporre dei port di Linux o BSD per il processore UltraSPARC T1 espande enormemente il mercato dei sistemi SPARC, fornendo ai clienti più opportunità per avvantaggiarsi della nostra avanzata tecnologia multi-threading", ha commentato il CEO di Sun, Jonathan Schwartz.
26 Commenti alla Notizia Linux spreme i core di Niagara
Ordina

  • - Scritto da:
    > cdo.
    Si?
    Dove?
    Ma torna a dormire, trollino.
    non+autenticato
  • A quando la versione di Windows per Niagara?

    Sorride)
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > A quando la versione di Windows per Niagara?

    Beh ma windows e' gia' un Niagara (lo sturacessi)

    A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

  • - Scritto da:
    > A quando la versione di Windows per Niagara?
    >
    > Sorride)

    Quando Sun fallirà, molto presto oramai, e Bill Gates si comprerà Sun.
    non+autenticato
  • >Quando Sun fallirà, molto presto oramai, e >Bill Gates si comprerà Sun.

    certo, con i soldi della fondazione e per fare filantropia

    poi riciclerà la sun per farle produrre
    xp edizione per miserabili, che verrà
    vendudo per 80 dollari nei paesi a reddito
    medio di un dollaro al giorno, con il
    beneplacito dei governi beneficiati, ovvero
    i cui componenti sono unti dal sign...ehm, da
    san gates
    non+autenticato
  • Qui un interessante benchmark della priva versione testing di ubuntu linux su UltraSparc T1: rende un'idea di perchè la Sun ci tenga a supportare anche linux...
    http://www.stdlib.net/~colmmacc/2006/04/13/more-ub.../
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Qui un interessante benchmark della priva
    > versione testing di ubuntu linux su UltraSparc
    > T1: rende un'idea di perchè la Sun ci tenga a
    > supportare anche
    > linux...
    > http://www.stdlib.net/~colmmacc/2006/04/13/more-ub

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • le ultime 3 risposte, dimostrano la scarsa serietà di questo forum
    Sgabbio
    26177
  • > priva versione testing

    ottimo: mi risulta poi che uno dei leader
    del progetto server di ubuntu, anzi credo
    il principale mantenitore del kernel lato
    server sia proprio Fabbione, che dovrebbe
    essere un core dde'rroma

    un'altro tecnico che è riuscito a passare
    con l'oss dall'infima condizione di creatore
    di form per gestionali da salumieri a
    professionista conosciuto e stimato ad alto livello nonché portatore sano di buona
    busta paga
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Qui un interessante benchmark della priva
    > versione testing di ubuntu linux su UltraSparc
    > T1: rende un'idea di perchè la Sun ci tenga a
    > supportare anche
    > linux...

    Oste è buono il vino? Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Qui un interessante benchmark della priva
    > > versione testing di ubuntu linux su UltraSparc
    > > T1: rende un'idea di perchè la Sun ci tenga a
    > > supportare anche
    > > linux...
    >
    > Oste è buono il vino? Rotola dal ridere
    Certo, buonissimo. Guarda, puoi assaggiarne quanto ne vuoi, se poi ti piace puoi prenderne quante botti vuoi, è gratis. Sorride
    non+autenticato
  • continua l'evoluzione del sistema più
    portabile della storia dell'informatica

    non importa se il giochino che si chiama windows ha il 90% nei desktop: linux è ormai in moltissimi settori e in qualcuno è leader
    indiscusso

    soprattutto la sua superiorità tecnica
    è ormai immensa, specie in termini di
    scalabilità e portabilità

    quando i portavoce di ms affermavano nel 2000
    che si trattava di un gioco per cantinari
    che si sarebbe sgonfiato in poco tempo
    la sparavavano davvero grossa

    da allora le hanno provate tutte: miliardi di dollari buttati in patetici get the facts a cui non ha mai creduto nessuno, altri miliardi buttati nel sostegno ad aziende pagate per fare cause assurde, vedi sco, altri buttati in lobby per far passare leggi come quelle sui brevetti, altri spesi in multe prese dovunque per mantenersi al di fuori delle regole e continuare a compiere abusi e concorrenza sleale, altri spesi in beneficienza pelosa per convincere i paesi in via di sviluppo a introdurre windows, magari
    pezzent edition, etc.

    ma non c'è nulla da fare: tutti i giorni linux fa un piccolo passo in avanti

    quello di oggi è il supporto a un'architettura server di grande livello
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > continua l'evoluzione del sistema più
    > portabile della storia dell'informatica

    Uhm, NetBSDCon la lingua fuori ?

    > non importa se il giochino che si chiama windows
    > ha il 90% nei desktop: linux è ormai in
    > moltissimi settori e in qualcuno è
    > leader
    > indiscusso

    Moltissimi? Dimmene uno A bocca aperta

    > soprattutto la sua superiorità tecnica
    > è ormai immensa, specie in termini di
    > scalabilità e portabilità

    Va che e' NetBSD il campione di scalabilità (con 1 processore) e portabilità

    > quando i portavoce di ms affermavano nel 2000
    > che si trattava di un gioco per cantinari
    > che si sarebbe sgonfiato in poco tempo
    > la sparavavano davvero grossa
    >
    > da allora le hanno provate tutte: miliardi di
    > dollari buttati in patetici get the facts a cui
    > non ha mai creduto nessuno, altri miliardi
    > buttati nel sostegno ad aziende pagate per fare
    > cause assurde, vedi sco, altri buttati in lobby
    > per far passare leggi come quelle sui brevetti,
    > altri spesi in multe prese dovunque per
    > mantenersi al di fuori delle regole e continuare
    > a compiere abusi e concorrenza sleale, altri
    > spesi in beneficienza pelosa per convincere i
    > paesi in via di sviluppo a introdurre windows,
    > magari
    > pezzent edition, etc.
    >
    > ma non c'è nulla da fare: tutti i giorni linux fa
    > un piccolo passo in
    > avanti

    Un piccolo passo per un pinguino, un grande passo per l'umanita' ?Indiavolato

    > quello di oggi è il supporto a un'architettura
    > server di grande
    > livello

    Troppo grande livello, chissa' quanto costa
  • NetBSD?
    Ma per favore.....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > NetBSD?
    > Ma per favore.....

    A differenza di Linux c'è il fatto che BSD è un vero Unix. Linux no.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    > > NetBSD?
    > > Ma per favore.....
    > A differenza di Linux c'è il fatto che BSD è un
    > vero Unix. Linux
    > no.

    In che senso ? Che vuol dire ?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > A differenza di Linux c'è il fatto che BSD è un
    > > vero Unix. Linux
    > > no.
    >
    > In che senso ? Che vuol dire ?

    Che Linux non rispetta completamente lo standard POSIX. Non rispetta le "braindead features"Sorride
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Che Linux non rispetta completamente lo standard
    > POSIX. Non rispetta le "braindead features"
    >Sorride

    Beh... se però funziona....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > > A differenza di Linux c'è il fatto che BSD è
    > un
    > > > vero Unix. Linux
    > > > no.
    > >
    > > In che senso ? Che vuol dire ?
    >
    > Che Linux non rispetta completamente lo standard
    > POSIX. Non rispetta le "braindead features"
    >Sorride

    Perche' secondo te tutti gli Unix supportano pienamente Posix? E sempre secondo te non esistono sistemi non Unix che lo supportano?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > NetBSD?
    > > Ma per favore.....
    >
    > A differenza di Linux c'è il fatto che BSD è un
    > vero Unix. Linux
    > no.

    Dovrebbe essere un merito?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > A differenza di Linux c'è il fatto che BSD è un
    > vero Unix. Linux
    > no.

    E un bel "chissenefrega" non ce lo vogliamo mettere?
    non+autenticato
  • NetBSD è un sistema con un kernel strutturato ad albero; una strutturazione che consente facilmente il porting da un processore/arch ad un'altro. Difatti funziona su oltre 40 arch.
    Linux non ha questa caratteristica; il core del suo kernel è nato intorno al 386 ed ha una struttura monolitica (il core non il kernel); ragion per cui portarlo su altre arch. richiede maggiore lavoro da parte degli sviluppatori.
    La fortuna di Linux è la GPL, che affascina molti sviluppatori e porta un numero crescente di persone su Linux: che in sè non è un grande, architetturalmente, o.s. (sicuramente lo è in paragone a windows, ma rispetto ad altri UNIX non è granchè); la forza vera di Linux sono le persone intorno all'o.s. (il suo numero).
    Altro fattore qualitativamente positivo per i *BSD, ma quantitativamente negativo, è il fatto che i teams BSD vogliono un codice estremamente pulito ed elegante; questo disafezziona molti sviluppatori che una volta scritto una parte di codice si vedono costretti a riscriverlo anche 3 o 4 volte finchè non è elegante (anche se funziona). Ma ciò ha una ragione: il fatto di scrivere codice estremamente pulito ed elegante permette una facile implementazione e sviluppo di progetti (kernel/sw) anche ad un numero minore di persone (ed i *BSD non hanno il numero di sviluppatori di Linux: questo punto è un pò il cane che si morde la coda). Consente oltrettutto (e storicamente è sempre stato così) anche alle industrie di poter collaborare con i teams BSD per lo sviluppo di proggetti che poi loro stesse chiudono e sviluppano, in modo semplice e ampio. Consente d'implementare il codice su terze parti. Gran parte del sw usato in ambito UNIX è nato su BSD e ampie porzioni di codice sono state prese dal BSD: dal SysIII al SysV; ma anche Linux ne hà, lo stesso kernel di Linux ha parti di codice BSD anche nell'SMP (è oltrettutto stato rimarcato nella causa SCO vs IBM/Linux, in cui SCO accusa il pinguino di averle preso .... codice BSD per l'appunto!!).
    Linux non è il sistema operativo più portatile, quindi (non gira infatti su oltre 40 arch.); attualmente quel sistema è NetBSD.

    Oltrettutto, in fatto di portabilità fine del kernel, darei un'occhiata all'ultimo numero di "Linux & C." sul mondo BSD: vi è un'art. estremamente interessante su sysctl in NetBSD, che nell'ultima vers. di NetBSD è diventato lo strumento per syscall di sistema estremamente più potente e flessibile in ambito di sistemi operativi. Qualità che il sysctl di Linux attualmente (e forse mai!!) non ha!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 giugno 2006 14.49
    -----------------------------------------------------------