Washington: stiamo sconfiggendo la pirateria

Il Dipartimento di Giustizia annuncia i risultati di due anni di tolleranza zero nei confronti della pirateria multimediale. Il numero di indagini è aumentato dell'87%. EFF: devastanti gli effetti sui diritti civili

Washington (USA) - Il governo degli Stati Uniti canta il suo peana ed annuncia una prima, importantissima vittoria nella battaglia istituzionale contro le violazioni della proprietà intellettuale. L'annuncio arriva direttamente dal Dipartimento di Giustizia di Washington, dove il Procuratore Generale Alberto Gonzales ha evidenziato i risultati dei primi due anni di tolleranza zero contro la pirateria.

Una vera e propria lotta senza campo, condotta a colpi di accordi internazionali e leggi ad hoc. Il tutto condito dal supporto congiunto di forze dell'ordine e rappresentanti dell'industria digitale: l'FBI, secondo il rapporto compilato da Gonzales, ha aumentato dell' 87% le indagini sotto copertura sui reati connessi al copyright, soprattutto su Internet.

Le autorità statunitensi contano adesso su un piccolo esercito di 230 magistrati altamente specializzati sulle tematiche della proprietà intellettuale. Speciali team antipirateria sono stati attivati in tutte le più grandi città degli USA, dice Gonzales: "Il nostro impegno è grande, perché dobbiamo minimizzare i reati legati alla proprietà intellettuale, che ogni anno causano danni per ben 250 miliardi di dollari alla nostra economia nazionale".
Il numero di azioni di polizia e sequestri è aumentato drammaticamente a partire dal 2003, con ben 230 operazioni ed almeno 60 pirati finiti in galera. Nel 2005 sono stati sequestrati prodotti contraffatti per un valore complessivo di almeno 100 milioni di dollari.

Malgrado le cifre ed i risultati raggiunti dal governo, per i membri di Electronic Frontier Foundation la battaglia antipirateria di Washington è un vero fallimento sotto il profilo dei diritti civili. L'associazione di San Francisco, che si batte per le libertà digitali, è convinta che l'attuale amministrazione americana stia lavorando ad alcuni progetti di legge, previsti per il 2007, che avranno effetti devastanti in tutto il mondo.

Fred von Lohmann, giurista di EFF, dice infatti che "il governo statunitense ha in cantiere alcune leggi al limite dell'ammissibilità, completamente ingiustificabili sotto il punto di vista giuridico". Tra queste, ad esempio, ci sarebbe la possibilità di arrestare i pirati all'estero e perseguire i sospetti attraverso l'uso di intercettazioni persino al di fuori dei confini nazionali, a patto che la violazione contestata riguardi un prodotto realizzato negli Stati Uniti.

Tommaso Lombardi
57 Commenti alla Notizia Washington: stiamo sconfiggendo la pirateria
Ordina
  • è che certi poteri in mano a chi vorrebbe arrestare tutto l'universo per una canzoncina o un filmino ce li abbiamo messi noi.

    Certo, tutti ora pensano "ma io alle elezioni non voto mica la Sony o la Microsoft, figuriamoci, ho votato sinistra, Bertinotti... che lui è di sinistra, contro questi Padroni, contro le Multinazionali..."

    Sicuri?
    Sicuri sicuri di non aver MAI votato le multinazionali?

    Ma tu che hai votato sinistra... magari l'uomo che hai votato sarà anche un politico onesto, giusto, col senso dello stato... non lo so... Sei proprio sicuro di non aver votato le multinazionali?

    Scusa, ma allora cosa ci facevi in fila davanti al cinema a vedere il Codice da Vinci? Eh già, è il film del momento, puoi non perderlo? E cos'hai in tasca? un biglietto del cinema postdatato al 2007... per vedere.. "Harry Potter e l'ordine della Menata Adolescenziale?" Ah certo, quello è Inglese al 100%, mica lo hanno fatto gli ienchis...*

    Ma naturalmente usi linux vero? Bravo, software libero.. ma glielo hai detto al commesso della catena di elettronica che ti ha venduto quel bel portatile che non volevi quel sistema operativo precaricato che danno sempre... lo hai convinto vero? il negoziante ti ha dato indietro i soldi di quella licenza che non volevi sfruttare, vero? Oppure hai pensato che fosse troppo complicata quella procedura, e hai pensato 'chissenefrega, formatto l'HD e installo quello che mi pare punto e buonanotte, tanto per sti due euro... mi costa di più far tutta la trafila burocratica...'?

    Ecco quando hai votato le multinazionali.

    * A proposito di Harry... a parte che la storia della scrittrice inglese povera in canna che in perfetto stile 'US-Self-Made-(wo)Man' diventa straricca con le sue sole forze non me la berrò mai, com'è che sui libri ANCHE delle versioni italiane compare a chiare lettere "(c) Warner Bros"? Ma la proprietà intellettuale di quei racconti è di quella donna o di chi?
    non+autenticato
  • Lo stralcio in calce è esaustivo per dar modo di comprendere a tutti quale mistificazione si sia compiutà tacciando di pirateria colui che liberamente e scentemente sceglie di condividere ciò che è di sua proprietà in quanto comprato e pagato ( anche se trattasi di diritto d'ascolto, io scelgo di condividerlo con altri ). Purtroppo la miopia e l'ignoranza delle persone, PERCHE' SIAMO TUTTI PROFONDAMENTE IGNORANTI IN PARTICOLAR MODO PER CIO' CHE RIGUARDA I NOSTRI SACROSANTI DIRITTI, ha fatto si che dei parassiti come la RIAA o la SIAE o tutte le società che si occupano del famigerato diritto d'autore, spacciandola per difesa e tutela delle opere d'ingegno ( ascoltando tutta la musica contemporanea...sinceramente mi pare che il termine INGEGNO sia usato assolutamente a a sproposito )siano in realtà riuscite a tutelare e proteggere la loro posizione di nulla facenti alla faccia di milioni di persone che realmente tutte le mattine si alzano dal letto e vanno si a lavorare per guadagnare quattro soldi che diventano poi uno pagate le tasse, perchè guarda caso questi esseri bisogna anche MANTENERLI ESSENDO INCAPACI IN TOTO DI PROVVEDERE AI LORO BISOGNI come tutti noi.

    GENTE....SVEGLIATEVI E RIFLETTETE...E POI

                     AGIAMO TUTTI INSIEME IN TUTTO IL MONDO !.

    ***********************************************
    - Scritto da:
    > ragazzi, diciamo la verità che tutti conosciamo.
    > Lo scrocco non è una
    > pratica
    > istituzionalizzabile.

    scrocco??
    quale scrocco??
    io mica scrocco, non sono un politico, io condivido, il che è una cosa radicalmente diversa dallo scrocco....

    > dobbiamo avere la laurea in sociologia per capire
    > le strategie in gioco
    > ?
    > strano, il mio bisnonno ci arriva con la terza
    > elementare...

    e bravo il bisnonno!!
    peccato che come bisnipote gli sei capitato tu
    non+autenticato
  • >ciò che è di sua proprietà in quanto comprato

    e per il software come la mettiamo ?
    secondo te vale lo stesso principio ?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > >ciò che è di sua proprietà in quanto comprato
    >
    > e per il software come la mettiamo ?
    > secondo te vale lo stesso principio ?

    No...il software potremmo anche comprarlo se non ci togliessero i soldi per mantenere politici, pseudopolitici, e tutti gli arraffoni di questo mondo....finti poveracci compresi.
    I veri poveracci, quelli che avrebbero veramente bisogno di essere mantenuti, sono quelli che non hanno neanche la forza di andare a chiedere aiuto, e per questo nessuno li c,ga.
    Invece lavoriamo per mantenere gente come i pseudoimprenditori vari ...e se per caso lavorassero (cosa che non credo) di certo la loro opera non vale quanto il rendiconto che hanno.
    Per non parlare dei politici il cui unico scopo è quello di litigare una volta al mese perchè così dice il copione.
    Io mi son rotto i coj di portare su e giù sacchi di cemento per fargli la barca a sti morti di fame (nel senso di elemosinari...come lo chiamereste voi uno che chiede per non lavorare -che sia ai finestrini o ai cartelloni o in tv-)
    che vadano a lavorare, forse capiranno cosa vuol dire, e avranno un pò più di rispetto per coloro che "governano".
    non+autenticato
  • Da domani MS Windows, Office, Musica, Film verranno distribuiti gratis dagli USA.
    Sbaglio o solo con la fine del proibizionismo degli anni 30 gli USA sono riusciti a colpire in modo pesante gli interessi legati al commercio clandestino di alcool, che almeno era un bene materiale. Perche' mai dovrebbero avere piu'successo con il materiale protetto dal diritto d'autore?
    non+autenticato
  • In America copiano i nostri prodotti alimentari... il ParmEgiano, gli spaghetti e altro... allora noi denunciamo chi li produce e anche chi li compra. Andiamo nei supermercati americani a spiamoli, chi compra uno di questi prodotti contraffatti viene arrestato, o al massimo gli diamo un 400.000 euro di multa.
    non+autenticato
  • Chissà, chi è il vero pirata.
    Non bisogna dimenticare che gli Americani,credono soprattutto nel dio Dollaro e tutto quello che va contro gli interessi delle majors americane,viene etichettato come pirateria e,talvolta,terrorismo ...a proposito, sapevate che ve ne sono due tipi? : Uno istiga, l' altro reagisce ma entrambi , sono legati a doppio filo...
    Nessuno , a questo punto, può avere dubbi sulla loro totale azione anti-democratica a livello mondiale. Non fanno che praticare la legge più antica del mondo: quella del più forte...:fino a quando qualcun altro, non li manderà a quel paese.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 21 giugno 2006 10.45
    -----------------------------------------------------------
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)