Pedoporno online, denunciati 48 italiani

Nuova operazione della Polizia Postale che in più di un anno di indagini ha raccolto elementi su decine di persone che usavano Internet per acquisire immagini pedopornografiche. Sequestri e denunce

Roma - Con una nota, la Polizia Postale di Milano ha reso noto di aver concluso la prima fase di una inchiesta sulla diffusione di immagini di pornografia infantile in rete, una indagine partita nel 2005 che ha ora condotto a 48 denunce e un arresto nella capitale.

L'indagine riguarda tutte persone che si ritiene abbiano ripetutamente e con frequenza scaricato da Internet immagini illegali, sfruttando in particolare dei siti internet ospitati su server all'estero.

L'operazione, denominata Fast Lolita "per la particolare velocità di acquisizione del materiale - spiega la nota - ha riguardato 7 regioni e 15 province".
Nel corso del blitz, gli agenti della PolPost hanno sottoposto a perquisizione le abitazioni degli indagati rilevando in molti casi grandi quantità di file illegali detenuti su computer e su altri supporti. Nel complesso sono stati sequestrati 42 PC, 1700 CD e DVD, 91 VHS e centinaia di floppy e chiavette USB.

L'unico arrestato, fino a questo punto, riferisce il Corriere della Sera, è stato colto in flagranza di reato. Sono più di mille i file, tra video e foto, che l'uomo aveva a disposizione sul proprio computer. Dalle indagini risulterebbe che questa persona, impiegato di 47 anni, sarebbe anche un turista del sesso in quanto si sarebbe recato spesso in paesi "notoriamente famosi per lo sfruttamento sessuale dei minori".
89 Commenti alla Notizia Pedoporno online, denunciati 48 italiani
Ordina
  • questi hanno visto 4 foto, indirettamente sfruttato i bambini, andranno alla gogna senza passare dal via.

    Vittori Emanuele che che a quanto pare è accusato di sfruttare direttamente le ragazzine, oggi esce dal carcere per il compleanno del pargoletto.

    Poveri noi
    non+autenticato
  • Chi semplicemente scarica per qualunque motivo (e non è il caso di processare le intenzioni) delle fotografie che qualcuno ha stabilito più o meno arbitrariamente essere illegali non ha sfruttato nessuno, né direttamente né indirettamente. A maggior ragione se non sono rappresentati atti sessuali. Possibile che una tale ovvietà non entri nella testa di questi meri esecutori della legge?
    Ricordate la storia di Gimmi Ilpedofilo, morto ucciso per il proprio cognome!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > Ricordate la storia di Gimmi Ilpedofilo, morto
    > ucciso per il proprio
    > cognome!

    Elio, un mito.
  • Leggendo e partecipando al thread mi sono cominciato a fare delle domande:

    Primo, definire cosa sia pedopornografia e' facile: Riprese di atti sessuali con individui che non hanno sviluppato i caratteri sessuali secondari, quelli che definiamo banalmente bambini. Ma per la legge anche scene che ritraggono individui sicuramente maturi nei caratteri sessuali, ma apparentemente molto giovani, sono incluse nella definizione di pedopornografico?

    Se detenere foto pedopornografiche per la prima definizione e' necessariamente un reato, nel secondo caso c'e' differenza? (la dove cioe' le foto ritrggano "probabilmente" degli adolescienti di eta' compresa tra 14\18 anni)?
    Non mi dispiace che chi scarica foto con ragazzine di 15 anni vada nei guai, ma direi che qualche differenza c'e' con la pedopornografia, e poi quando l'eta' e' a ridosso dei 18 diventa veramente difficile distinuguere.

    Se su un supporto viene trovata una sola immagine pedopornografica cancellata come si fa a discriminare tra uno che ne sia entrato in possesso in modo csuale, e uno che invece l'abbia scaricata sapendo quello che stava facendo?

    di spunti per trasformare un caso giudiziario in errore giudiziario ce ne sono parecchi, la legge
    cautela queste evenienze?

    Poi ci sono considerazioni di tipo piu' politico che altro, come quella di domandarsi del perche' ad ogni decisione in tema di liberta' digitali e rete compaia la parola pedopornografia, (in alternativa terrorismo) e del come sia possibile che dalla nascita di internet ad oggi ci sia stata una vera e propria epidemia di pedofilia nel mondo. Ma qui andiamo sul filosofico...
  • - Scritto da: medioman
    > Leggendo e partecipando al thread mi sono
    > cominciato a fare delle
    > domande:

    Ottimo.

    > Primo, definire cosa sia pedopornografia e'
    > facile: Riprese di atti sessuali con individui
    > che non hanno sviluppato i caratteri sessuali
    > secondari, quelli che definiamo banalmente
    > bambini.

    Non credo sia così semplice come dici.
    Prima di tutto da una foto difficilmente si può stabilire l'età delle persone coinvolte.

    In secondo luogo non è affatto detto che alle persone coivolte sia stato fatto del male.
    Ti faccio un esempio... molte foto BCT ritraggono scene di sesso violento, tuttavia, nella quasi totalità dei casi, le persone coinvolte erano del tutto consenzienti e si sono divertite a posare. Chi ti può garantire che nel caso delle immagini così dette "pedopornografiche" ci sia effettivamente stata violenza?

    È chiaro che bisogna intervenire nel caso sia provata la violenza, ma intervenire quando la violenza non c'è è un puro e semplice abuso.

    > Ma per la legge anche scene che
    > ritraggono individui sicuramente maturi nei
    > caratteri sessuali, ma apparentemente molto
    > giovani, sono incluse nella definizione di
    > pedopornografico?

    Si. Sfortunatamente è così. È una legge vergognosa e quasi sicuramente persino anticostituzionale... purtroppo prima che le cose cambino qualcuno di "potente" deve finire nei guai... si sa... la legge è uguale quasi per tutti.

    > Se detenere foto pedopornografiche per la prima
    > definizione e' necessariamente un reato, nel
    > secondo caso c'e' differenza? (la dove cioe'
    > le
    > foto ritrggano "probabilmente" degli adolescienti
    > di eta' compresa tra 14\18
    > anni)?

    Secondo la legge attuale non c'è differenza alcuna. La legge attuale ignora completamente il fatto che ci sia o meno violenza. Anzi, ignora addirittura il fatto che le persone riprese siano effettivamente minorenni... o meglio... non è che lo ignora... fa _apposta_ ad ignorarlo perché così è più facile creare nuove streghe da mettere al rogo.

    Ti faccio inoltre notare che leggi di questo tipo sono sempre le ultime ad essere approvate, quelle a fine legislatura, proprio per poter prendere più voti possibili da parte dei bigotti.

    C'è poi l'assurdità che si considera (imo giustamente) un 14enne in grado di fare sesso con chiunque (adulto incluso) ma non lo si ritiene in grado di farsi scattare una foto... una cosa a dir poco sciocca e criminale perché crea mostri anche dove i mostri non ci sono.

    > Non mi dispiace che chi scarica foto con
    > ragazzine di 15 anni vada nei guai,

    Non vedo proprio perché. Che danno stanno facendo queste persone esattamente?

    > ma direi che
    > qualche differenza c'e' con la pedopornografia, e
    > poi quando l'eta' e' a ridosso dei 18 diventa
    > veramente difficile
    > distinuguere.

    Su questo posso essere d'accordo.

    > Se su un supporto viene trovata una sola immagine
    > pedopornografica cancellata come si fa a
    > discriminare tra uno che ne sia entrato in
    > possesso in modo csuale, e uno che invece l'abbia
    > scaricata sapendo quello che stava
    > facendo?

    Dipende da quanto vogliono sbatterti in galera, spesso le "indagini" sul pedoporno sono fatte unicamente al fine di raccogliere consensi fra la popolazione, questo causa un sacco di danni alle persone che ne vengono coinvolte in qualche misura, ma evidentemente per i PM è più importante la fama che altro.

    > di spunti per trasformare un caso giudiziario in
    > errore giudiziario ce ne sono parecchi, la legge
    >
    > cautela queste evenienze?

    In che modo? Tutto è lasciato a discrezione del giudice di turno.

    > Poi ci sono considerazioni di tipo piu' politico
    > che altro, come quella di domandarsi del perche'
    > ad ogni decisione in tema di liberta' digitali e
    > rete compaia la parola pedopornografia, (in
    > alternativa terrorismo) e del come sia possibile
    > che dalla nascita di internet ad oggi ci sia
    > stata una vera e propria epidemia di pedofilia
    > nel mondo. Ma qui andiamo sul
    > filosofico...

    La pedofilia c'è sempre stata, anzi, è probabile che entro certe misure sia addiruttura normale (provare attrazione per i più giovani non è una cosa isolata). Internet semmai ha permesso di trovare un sacco di persone che si fanno s*ghe online, i veri pedofili, ossia coloro che poi fanno sesso veramente con i bambini, sono molto ma molto più difficili di individuare.
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    >
    > Non credo sia così semplice come dici.
    > Prima di tutto da una foto difficilmente si può
    > stabilire l'età delle persone
    > coinvolte.

    Bhe' i caratteri sessuali secondari sono piuttosto evidenti, ovviamente non indicano l'eta' assoluta ma se presenti almeno indicano che non si tratti di un bambino di 10 anni. Questo ovviamente non rappresenta un limite giuridico poiche' ritrarre minorenni in generale
    e' giustamente reato.

    >
    > In secondo luogo non è affatto detto che alle
    > persone coivolte sia stato fatto del
    > male.

    Stiamo parlando di "pedopornografia"!. Come si puo' dire che circuire un bambino per ottenere favori sessuali non sia un atrocita' indipendentemente dal fatto che quello sia consenziente o meno??!

    > Ti faccio un esempio... molte foto BCT ritraggono
    > scene di sesso violento, tuttavia, nella quasi
    > totalità dei casi, le persone coinvolte erano del
    > tutto consenzienti e si sono divertite a posare.
    > Chi ti può garantire che nel caso delle immagini
    > così dette "pedopornografiche" ci sia
    > effettivamente stata
    > violenza?
    >
    > È chiaro che bisogna intervenire nel caso sia
    > provata la violenza, ma intervenire quando la
    > violenza non c'è è un puro e semplice
    > abuso.

    Lasciami capire meglio. Stai realmente dicendo che se un bambino e' consenziente allora sarebbe accettabile che un adulto avesse rapporti con lui, e che addirittura lo riprenda mostrandone le immagini pubblicamente? Credo di aver capito male, no?

    >
    > > Ma per la legge anche scene che
    > > ritraggono individui sicuramente maturi nei
    > > caratteri sessuali, ma apparentemente molto
    > > giovani, sono incluse nella definizione di
    > > pedopornografico?
    >
    > Si. Sfortunatamente è così. È una legge
    > vergognosa e quasi sicuramente persino
    > anticostituzionale... purtroppo prima che le cose
    > cambino qualcuno di "potente" deve finire nei
    > guai... si sa... la legge è uguale quasi per
    > tutti.

    Quindi una persona puo' finire indagata ed eventulmente condannata se detiene foto di individui che appaiono minori ma che minori non sono? Mi sembra fantascienza, ma e' davvero cosi'?

    > > Se detenere foto pedopornografiche per la prima
    > > definizione e' necessariamente un reato, nel
    > > secondo caso c'e' differenza? (la dove cioe'
    > > le
    > > foto ritrggano "probabilmente" degli
    > adolescienti
    > > di eta' compresa tra 14\18
    > > anni)?
    >
    > Secondo la legge attuale non c'è differenza
    > alcuna. La legge attuale ignora completamente il
    > fatto che ci sia o meno violenza. Anzi, ignora
    > addirittura il fatto che le persone riprese siano
    > effettivamente minorenni...

    Io ritengo che la legge fa bene a considerare reato la pornografia quando questa riguardi minorenni, credo altresi' che farebbe bene a distinguere tra pedopornografia e pornografia di minorenni pero'. Credo che la semplice detenzione di materiale che ritrae bambini renda corresponsabili della violenza (automatica se si tratta di un bambino) e che vada punita con la necessaria durezza, ma proprio per questo non si puo' mettere sullo stesso piano chi detiene un immagine in cui una ragazza di 17 anni che si trastulla davanti alla webcam. La legge prevede una gradualita' o no?

    cut
    >
    > C'è poi l'assurdità che si considera (imo
    > giustamente) un 14enne in grado di fare sesso con
    > chiunque (adulto incluso)

    Non mi risulta. Un 14 potra' fare pure sesso con un adulto, ma e' l'adulto che cpmmette il reato.

    ma non lo si ritiene in
    > grado di farsi scattare una foto... una cosa a
    > dir poco sciocca e criminale perché crea mostri
    > anche dove i mostri non ci
    > sono.

    Francamente non ti seguo molto. Io mi domandavo se la legge attui una distinzione o no tra cose che a mio giudizio sono distinte. Con distinte non intendo che pur non essendo i due comportamenti leciti una differenza di gravita' va prevista. Se la legge non la prevede vuol dire che il legislatore e' impazzito. Ti chiedo nuovamente, e' davvero cosi?

    > > Non mi dispiace che chi scarica foto con
    > > ragazzine di 15 anni vada nei guai,
    >
    > Non vedo proprio perché. Che danno stanno facendo
    > queste persone
    > esattamente?

    Vuoi mettere sullo stesso piano le capacita' di giudizio di un adulto con quelle di un 15enne? Perche' se non e' cosi' allora un adulto che fa sesso con un adolescente ed in piu' lo immortala, magari anche con lo scopo di lucrarci sopra, sta commettendo un atto non amorale ma assolutamente "immorale", e bene fa la legge a punirlo severamente.

    > > ma direi che
    > > qualche differenza c'e' con la pedopornografia,
    > e
    > > poi quando l'eta' e' a ridosso dei 18 diventa
    > > veramente difficile
    > > distinuguere.
    >
    > Su questo posso essere d'accordo.
    >

    La distinzione e' importante perche' il diritto giuridico si deve basare sulla forma. Per questo sono esterrefatto che una legge punisca un comportamento con un cosi' ampio margine di discrezionalita'. Non e' possibile che una persona venga condannata per pedopornografia perche' deteneva un immagine di un attrice la cui identita' e reale eta' e' nota, ma che appare come una minorenne. Non puo' essere cosi.

    > > Se su un supporto viene trovata una sola
    > immagine
    > > pedopornografica cancellata come si fa a
    > > discriminare tra uno che ne sia entrato in
    > > possesso in modo csuale, e uno che invece
    > l'abbia
    > > scaricata sapendo quello che stava
    > > facendo?
    >
    > Dipende da quanto vogliono sbatterti in galera,
    > spesso le "indagini" sul pedoporno sono fatte
    > unicamente al fine di raccogliere consensi fra la
    > popolazione, questo causa un sacco di danni alle
    > persone che ne vengono coinvolte in qualche
    > misura, ma evidentemente per i PM è più
    > importante la fama che
    > altro.

    Ripeto, ci deve essere un metodo esplicitato nella legge per identificare con ragionevolezza un illecito cosi' grave. Possibile che non esista una specifica che impedisca ad uno che ha scaricato un immagine magari rinominata, e che l'ha cancellata subito dopo essersi reso conto di cosa si trattasse, di finire condannato?

    > > di spunti per trasformare un caso giudiziario in
    > > errore giudiziario ce ne sono parecchi, la legge
    > >
    > > cautela queste evenienze?
    >
    > In che modo? Tutto è lasciato a discrezione del
    > giudice di
    > turno.

    Allora e' una legislazione folle, ma non conoscendola mi devo affidare a quello che dici.

  • - Scritto da: medioman
    > Bhe' i caratteri sessuali secondari sono
    > piuttosto evidenti, ovviamente non indicano

    Mai sentito parlare di malattie e "malformazioni"?

    Se poi vuoi saperla tutta... conosco un maggiorenne che, in foto, sembra un 14enne (e non scherzo).

    Ti ricordo che la legge parla di "minorenni", non di minori di 10 anni.

    > e' giustamente reato.

    Non vedo perché debba esserlo. Se non c'è violenza non vedo proprio secondo quale principio questo debba essere reato.

    > Stiamo parlando di "pedopornografia"!. Come si

    Si, ne sono cosciente.

    > puo' dire che circuire un bambino per ottenere
    > favori sessuali non sia un atrocita'

    Perché "circuire"? Perché si da per scontato che sia sempre e comunque un "approfittarsi" di qualcuno? Anzi, ti dirò, spesso avviene l'esatto contrario. Non confondiamo la gioventù con l'incapacità.

    Se è consenziente è consenziente.
    > accettabile che un adulto avesse rapporti con
    > lui, e che addirittura lo riprenda mostrandone le
    > immagini pubblicamente?

    Non hai capito male affatto.
    Se il bambino è consenziente, e cioè sceglie LUI/LEI di avere un rapporto (ovvio... dipende anche da che rapporto si tratti... è chiaro che una "penetrazione" non è salutare se si tratta di persone non fisicamente preparate, tuttavia la legge non fa distinzione nemmeno su questo), allora chi sei tu o chi sono io per stabilire che questa è un'esperienza che per lui/lei non va bene?

    Sarai d'accordo con me che è decisamente più pericoloso andare in bicicletta (puoi finire sotto un'auto, schiantato su un muro, puoi spaccarti la testa cadendo, ecc) che masturbarsi in compagnia. [Sia chiaro che io do sempre per scontato che NON si tratti di casi di violenza o di casi in cui le cose sono in qualche modo forzate]

    Quindi cerchiamo di rimettere le cose in prospettiva... mi pare che la fobia sul sesso abbia oramai raggiunto livelli tali per cui masturbarsi equivalga ad uccidere qualcuno.

    > sono? Mi sembra fantascienza, ma e' davvero
    > cosi'?

    Si, con la nuova legge è davvero così.
    Non solo... la "somiglianza" è del tutto soggettiva, in pratica decide il giudice caso per caso.

    A volte la realtà è ben peggiore della fantascienza.

    Pensa che addirittura la nuova legge condanna i "disegni realistici"... anche in questo caso il "realismo" è lasciato del tutto al giudizio del giudice.

    È chiaro che l'obiettivo di questa legge non è quello di difendere nessuno, bensì quello di imporre una morale sugli altri... a forza di galera e intimidazioni.

    > Io ritengo che la legge fa bene a considerare
    > reato la pornografia quando questa riguardi
    > minorenni
    cut
    > Credo che la semplice detenzione
    > di materiale che ritrae bambini renda
    > corresponsabili della violenza (automatica se si
    > tratta di un bambino) e che vada punita
    cut
    > non si
    > puo' mettere sullo stesso piano chi detiene un
    > immagine in cui una ragazza di 17 anni che si

    Premetto che non sono d'accordo con quasi nulla di quanto hai affermato.
    Non sono d'accordo che si tratti di "violenza automatica", non sono d'accordo che chi possiede quelle immagini sia automaticamente "complice" o "corresponsabile" e non sono d'accordo che la detenzione ai fini personali di tale materiale vada punita in alcun modo.

    Anzi, distinguerei i casi in cui per ottenere quelle foto c'è stata violenza dai casi in cui violenza non c'è stata e punirei i creatori di tali immagini SOLO nel primo caso (nel secondo caso al limite ci vedrei bene una bella multa pesante se l'interessato si dimostrasse essere all'oscuro di essere stato ripreso o si verificasse non essere capace di decidere).

    Sono tuttavia d'accordo che è assurdo che un minorenne (diciamo >= 14 anni) sia considerato alla stessa stregua di un bambino di 5 anni.


    continua...
    non+autenticato
  • Continua da sopra...

    > Non mi risulta. Un 14 potra' fare pure sesso con
    > un adulto, ma e' l'adulto che cpmmette il
    > reato.

    Non che io sappia.
    La legge, per lo meno quella che conosco (non so se il bigottismo in Italia oggi è tale da averla modificata), dice che dai 14 in su è legale a meno che non si tratti di un professore o comunque di qualcuno che ha una certa "autorità" sul ragazzino che dunque potrebbe sfruttare a suo vantaggio.
    Un 14enne è del tutto in grado di decidere del proprio corpo, chiunque dica il contrario o non conosce i 14enni oppure ha una visione piuttosto ingenua dell'adolescenza.

    > Francamente non ti seguo molto. Io mi domandavo
    > se la legge attui una distinzione o no tra cose
    > che a mio giudizio sono distinte. Con distinte
    > non intendo che pur non essendo i due
    > comportamenti leciti una differenza di gravita'
    > va prevista. Se la legge non la prevede vuol dire
    > che il legislatore e' impazzito. Ti chiedo
    > nuovamente, e' davvero
    > cosi?

    Che io sappia non c'è differenza fra la foto di un 16enne e quella di un bambino di 8 anni. Non secondo la legge attuale... anzi... si vuole rendere illeciti anche i disegni e le foto di coloro che "sembrano" minorenni.

    > Vuoi mettere sullo stesso piano le capacita' di
    > giudizio di un adulto con quelle di un 15enne?

    Secondo te un 15enne non è in grado di decidere se vuole farsi fare una foto nudo? Che 15enni conosci tu?

    > Perche' se non e' cosi' allora un adulto che fa
    > sesso con un adolescente ed in piu' lo

    Può già farlo.

    > immortala,

    No, questo non può farlo.

    > magari anche con lo scopo di lucrarci sopra,

    Se il 15enne in questione è d'accordo non vedo che problema ci sia. Se invece il 15enne si è fatto scattare la foto perché il suo compagno/compagna possa tenerla privatamente allora è un altro paio di maniche.

    > sta
    > commettendo un atto non amorale ma assolutamente
    > "immorale", e bene fa la legge a punirlo
    > severamente.

    Non vedo proprio perché.
    Come ti ho detto, se il 15enne è consenziente non c'è nulla di "amorale" o "immorale".
    Se invece il/la 15enne è stato/a imbrogliato per ottenere la foto e poi lucrarci sopra le cose sono completamente diverse e allora, e solo allora, ti do ragione.

    > La distinzione e' importante perche' il diritto
    > giuridico si deve basare sulla forma. Per questo
    > sono esterrefatto che una legge punisca un
    > comportamento con un cosi' ampio margine di
    > discrezionalita'. Non e' possibile che una
    > persona venga condannata per pedopornografia
    > perche' deteneva un immagine di un attrice la cui
    > identita' e reale eta' e' nota, ma che appare
    > come una minorenne. Non puo' essere
    > cosi.

    Invece è così.
    La scusa è proprio che non è spesso possibile distinguere l'età di un soggetto da una foto... quindi meglio far diventare tutti criminali in un sol colpo.

    > Possibile che non esista
    > una specifica che impedisca ad uno che ha
    > scaricato un immagine magari rinominata, e che
    > l'ha cancellata subito dopo essersi reso conto di
    > cosa si trattasse, di finire condannato?

    Chiedilo a quel migliaio (MIGLIAIO) di persone finite in un'inchiesta per pedopornografia solo perché avevano fatto acquisti nello stesso shop-online da cui alcuni sospetti avevano fatto compere... certo... non li hanno poi messi in galera... ma intanto:
    1) li hanno sputtanati sui giornali
    2) li hanno sputtanati davanti a famiglia e vicini
    3) gli hanno sequestrato materiale in casa per milioni
    4) hanno dovuto pagare l'avvocato per difendersi e sopportare l'umiliazione dell'inchiesta

    > Allora e' una legislazione folle, ma non

    Sono d'accordo.
    non+autenticato
  • Scusa tanto, ma non potevi trovarti un'altro nick?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Scusa tanto, ma non potevi trovarti un'altro nick?

    E perche'. Ognuno e' quello che e'Sorride

  • - Scritto da: medioman
    > Leggendo e partecipando al thread mi sono
    > cominciato a fare delle
    > domande:
    > di spunti per trasformare un caso giudiziario in
    > errore giudiziario ce ne sono parecchi, la legge
    >
    > cautela queste evenienze?

    In un paese come il nostro dove alcuni vengono condannati per "concorso esterno" (che non esiste neanche come voce di reato) oppure perché "non poteva non sapere" mentre altri vengono assolti perché "reclutare guerriglieri che uccidano donne e bambini in un altro paese non è reato" quali cauteli credi che ci siano veramente?

    A leggere i giornali ho quasi l'impressione che legge se la cucinino a proprio uso e consumo i magistrati e che il parlamento in realtà sia solo una platea di spettatori degli eventi. Cerca quindi di non avere tessere di partito sbagliate, se no anche una tardona in topless diventa pedopornografia, in un modo o nell'altro.
    non+autenticato

  • Come al solito non si sanno i dettagli tecnici sull'operazione come se non li volessero far sapere;
    come sono risaliti agli utenti che ci scaricavano? Il server e' in altra nazione quindi coinvolge altre polizie con un server spia o si tratta ancora una volta di servizi a pagamento da cui si risale alle carte di credito utilizzate?
    Su tutto il materiale sequestrato e mostrato alla stampa si sa se dentro c'e' effettivamente quello che si cerca (ricordo un caso in cui venivano esibiti alla conferenza dei dischi vergini).
    Quali sono le accuse? E' un'operazione solo italiana?
    Sono state usate tecniche di intercettazione presso i provider?
    In quale paese si trovavano i server incrimnati? (non chiedo l'indirizzo ma almeno la natura dei server).
    Possibile che mai si riesca ad avere un dato decente che certifica la bonta' dell'operazione?
    Mi ricodo che per bloccare thepiratebay hanno sequestrato tutto quello che aveva il provider mettendo offline 200 pagine web e portandosi via persino gli switch, i router, le ciabatte della 220 e le risme di carta bianca, vorrei capire se anche in questo caso e' stata rispettata questa tradizione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: opazz.
    > L'amore è libero e non ha età.

    Troll chiacchieroneCerto, certo. Ora vado in centro a fare cacca in piazza! A chi si disgusta dico che fare cacca è la cosa più naturale del mondo!
    Su, sei un Troll, ammettilo!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > - Scritto da: opazz.
    > > L'amore è libero e non ha età.
    >
    > Troll chiacchieroneCerto, certo. Ora vado in centro a fare
    > cacca in piazza! A chi si disgusta dico che fare
    > cacca è la cosa più naturale del
    > mondo!
    > Su, sei un Troll, ammettilo!

    Fare la cacca è tra le cose più naturali del mondo infatti... Se poi il pudore la fa passare come una cosa innaturale quello è un discorso a parte. Un po' come la chiesa demonizza il sesso quando invece è una cosa normalissimaA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Certo, certo. Ora vado in centro a fare
    > cacca in piazza! A chi si disgusta dico che fare
    > cacca è la cosa più naturale del
    > mondo!
    > Su, sei un Troll, ammettilo!

    Diogene si masturbava in pubblico, e quindi?

  • > Diogene si masturbava in pubblico, e quindi?

    Per questo nessuno se lo filava.
    non+autenticato
  • Ma che centra con la notizia?
    non+autenticato
  • Il vero pedofilo non ha la minima idea della gravità di ciò che fa e lo ritiene un comportamento se non normale non grave. Io avevo un cliente pedofilo (sono avvocato) e lo ritenevo innocente ma poi mi resi conto che per lui fare del male ad una bambina di 10 anni non era così grave e che in fondo le faceva un favore perchè "l'aiutava ad esprimersi". Una volta mi disse:"ma in fondo che ho fatto? mica ho rapinato una banca!"ed io gli risposi che era mille volte meglio se rapinava una banca ma vidi che continuava a non capire. Per la cronaca rinuncia al mandato, fu difeso da un altro avvocato e fu condannato ad undici anni di carcere
    non+autenticato
  • Eh bravo avvocato... un avvocato moralista, caspita una rarita'. Ma come dice il detto non tutti i mali vengono per nuocere, il suo cliente che lei aveva il dovere di difendere si è beccato 11 anni? Pochi.. sicuramente con lei avrebbero buttato la chiave.

    non+autenticato

  • 11 Anni non sono una bazzeccola, ma che aveva combinato anche senza scendere nei dettagli?
    Non credo che chi si limiti a scaricare o condividere immagini sia condannato a pene cosi' esagerate, o almeno so che i giudici sono intelligenti e normalmente comminano delle pene che in genere sono proporzionate ingorando quello che succede fuori dall'aula.
    non+autenticato
  • eppure c'è una cosa che non è chiara in tutto questo trambusto pedo-socio-incasinato....

    il partito dei pedofili in Olanda ha sollevato una questione (moralmente discutibile ma cmq valida)....può un bambino/bambina di 12-13 anni (quindi si parla di persone che hanno raggiunto la maturità sessuale) decidere della propri vita sessuale?

    in secondo luogo quando si parla di pedofilia si implica necessariamente la violenza?

    perchè se di violenza si tratta allora è un crimine punto e basta, ma se la questione viene posta nei termini che usa il partito dei pedofili allora cambia molto.....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > eppure c'è una cosa che non è chiara in tutto
    > questo trambusto
    > pedo-socio-incasinato....
    >
    > il partito dei pedofili in Olanda ha sollevato
    > una questione (moralmente discutibile ma cmq
    > valida)....può un bambino/bambina di 12-13 anni
    > (quindi si parla di persone che hanno raggiunto
    > la maturità sessuale) decidere della propri vita
    > sessuale?

    Io dico di si. Secondo me il considerare "innocenti" i minorenni serve solo ad abusarne in altri modi: usarli come scudo contro la società, sfogarvi il proprio odio e insegnar loro ad odiare le cose che odi tu o usarli per vincere le proprie battaglie (la parola "pedofilia" sfonda dei muri)... poi dei loro veri problemi se ne dimenticano tutti perchè non hanno diritto di voto.
    Io credo che l'erotismo sia una parte importante nella consapevolezza di sè, del proprio corpo: ai bambini viene subito insegnato che il loro corpo non gli appartiene, ma é proprietà di altri (dei genitori, dello stato...).

    > in secondo luogo quando si parla di pedofilia si
    > implica necessariamente la
    > violenza?

    Si é parlato di pedofilia anche in un caso in america che mi é rimasto impresso: una professoressa (30enne mi pare) é finita due volte in carcere perchè per DUE VOLTE si é fatta mettere incinta da un suo studente di 13 anni di cui era innamorata...
    Dubito che ci sia stata violenza.

    > perchè se di violenza si tratta allora è un
    > crimine punto e basta, ma se la questione viene
    > posta nei termini che usa il partito dei pedofili
    > allora cambia
    > molto.....

    Sarei d'accordo... se questo fosse un mondo migliore. Ma sono combattuto, perchè ci saranno sempre avvocati senza rispetto e scrupoli e persone che faranno di tutto per far passare impunita la violenza vera.
  • > il partito dei pedofili in Olanda ha sollevato
    > una questione (moralmente discutibile ma cmq
    > valida)....può un bambino/bambina di 12-13 anni
    > (quindi si parla di persone che hanno raggiunto
    > la maturità sessuale) decidere della propri vita
    > sessuale?

    A 12-13 anni ti fai ancora corrompere con una caramella!


    > in secondo luogo quando si parla di pedofilia si
    > implica necessariamente la
    > violenza?

    Oh, ma la figa ADULTA proprio non vi piace, eh?

    > perchè se di violenza si tratta allora è un
    > crimine punto e basta, ma se la questione viene
    > posta nei termini che usa il partito dei pedofili
    > allora cambia
    > molto.....

    Come volevasi dimostrare. Adesso che c'è pure il partito si comincia ad avere qualche speranza di poter vedere accettato dalla società il proprio vizietto.
    Ma non pensateci neppure! Consultate un buon psicologo che è meglio. Ve la dovete far passare sta voglia, non ci sono storie!!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > il partito dei pedofili in Olanda ha sollevato
    > > una questione (moralmente discutibile ma cmq
    > > valida)....può un bambino/bambina di 12-13 anni
    > > (quindi si parla di persone che hanno raggiunto
    > > la maturità sessuale) decidere della propri vita
    > > sessuale?
    >
    > A 12-13 anni ti fai ancora corrompere con una
    > caramella!
    >
    >
    > > in secondo luogo quando si parla di pedofilia si
    > > implica necessariamente la
    > > violenza?
    >
    > Oh, ma la figa ADULTA proprio non vi piace, eh?
    >
    > > perchè se di violenza si tratta allora è un
    > > crimine punto e basta, ma se la questione viene
    > > posta nei termini che usa il partito dei
    > pedofili
    > > allora cambia
    > > molto.....
    >
    > Come volevasi dimostrare. Adesso che c'è pure il
    > partito si comincia ad avere qualche speranza di
    > poter vedere accettato dalla società il proprio
    > vizietto.
    > Ma non pensateci neppure! Consultate un buon
    > psicologo che è meglio. Ve la dovete far passare
    > sta voglia, non ci sono
    > storie!!
    Adulta?
    Si dai fino ai 35 max...
    In compenso anche sotto i 18 non interessa a molti...
    Saro ottuso,plagiato ma ritengo che ogni cosa abbia i suoi tempi e decorsi...
    Una bambina di 11 anni?
    Blea non saprei che farmene..
    Sperando di non aver offeso nessuno...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > il partito dei pedofili in Olanda ha sollevato
    > > una questione (moralmente discutibile ma cmq
    > > valida)....può un bambino/bambina di 12-13 anni
    > > (quindi si parla di persone che hanno raggiunto
    > > la maturità sessuale) decidere della propri vita
    > > sessuale?
    >
    > A 12-13 anni ti fai ancora corrompere con una
    > caramella!
    >
    >
    > > in secondo luogo quando si parla di pedofilia si
    > > implica necessariamente la
    > > violenza?
    >
    > Oh, ma la figa ADULTA proprio non vi piace, eh?
    >
    > > perchè se di violenza si tratta allora è un
    > > crimine punto e basta, ma se la questione viene
    > > posta nei termini che usa il partito dei
    > pedofili
    > > allora cambia
    > > molto.....
    >
    > Come volevasi dimostrare. Adesso che c'è pure il
    > partito si comincia ad avere qualche speranza di
    > poter vedere accettato dalla società il proprio
    > vizietto.
    > Ma non pensateci neppure! Consultate un buon
    > psicologo che è meglio. Ve la dovete far passare
    > sta voglia, non ci sono
    > storie!!


    A 13 anni ti fai corrompere con una caramella per colpa soprattutto dei genitori e della società che demonizzano il sesso e raccontano ai figli tutte quelle minchiate sulla cicogna ecc.
    Il sesso dovrebbe essere spiegato chiaramente al bambino non appena possibile.
    Per il fatto del significato di pedofilia e se davvero significa violenza leggetevi la definizione medica su wiki.
    "Pedophilia, paedophilia, or pædophilia (see spelling differences), is the paraphilia of being sexually attracted primarily or exclusively to pre-pubescent children. Persons with this attraction are called pedophiles."
    Quindi è una cosa normale, come i gay sono attratti da individui dello stesso sesso i pedofili sono atratti da individui di piccola età.
    "Law

    Pedophilia is itself neither a crime nor a legal term. It does not describe behavior, but a psychological state. It is, generally speaking, not illegal to be sexually attracted to a child, and not all pedophiles sexually molest children."
    http://en.wikipedia.org/wiki/Pedo

    E' come associare la parola etero a violenza sessuale solo perchè alcuni cazzoni vanno in giro a violentare ragazze.
    Io comunque sono assolutamente contro la violenza sessuale, sia essa ai danni di una dodicenne o di una quarantenne. Ma visto che pedofilia non significa per forza di cose violenza sessuale...
    (e seppur difendo la pedo non sono pedofilo, a me piacciono dai 20 in su :°D)
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > A 12-13 anni ti fai ancora corrompere con una
    > caramella!

    Quindi? Se a 12-13 anni ritieni che vuoi avere sia la caramella che farti una s*ga in compagnia esattamente cosa c'è di male in questo?

    > Oh, ma la figa ADULTA proprio non vi piace, eh?

    Rispondere alla domanda che ti è stata posta nemmeno eh?

    > Come volevasi dimostrare. Adesso che c'è pure il
    > partito si comincia ad avere qualche speranza di
    > poter vedere accettato dalla società il proprio
    > vizietto.

    Voler bene a qualcuno è un "vizietto"?

    > Ma non pensateci neppure! Consultate un buon
    > psicologo che è meglio. Ve la dovete far

    A mio parere quello che dovrebbe consultare un buon psicologo sei tu. Sei tu che hai fobie circa il sesso. Perché mai dovrebbero essere gli altri ad andare dallo psicologo per ovviare ad un tuo problema personale?

    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > > in secondo luogo quando si parla di pedofilia si
    > > implica necessariamente la
    > > violenza?
    >
    > Oh, ma la figa ADULTA proprio non vi piace, eh?

    Aspetta, fammi capire... allora qui il problema NON è quello di "difendere i bambini" bensì quello di incarcerare le persone che ti fanno schifo? È questo il problema? Ho capito bene? Si?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > A 12-13 anni ti fai ancora corrompere con una
    > caramella!

    A 14 anni cambia qualcosa? Eppure in Italia.


    609 quater Atti sessuali con minorenne

    Soggiace alla pena stabilita dall`articolo 609 bis chiunque, al di fuori delle ipotesi previste in detto articolo, compie atti sessuali con persona che. al momento del fatto:

    1) non ha compiuto gli anni quattordici;

    2) non ha compiuto gli anni sedici, quando il colpevole sia l`ascendente, il genitore anche adottivo, il tutore, ovvero altra persona cui, per ragioni di cura, di educazione, di istruzione, di vigilanza o di custodia, il minore è affidato o che abbia, con quest`ultimo, una relazione di convivenza.

    Non è punibile il minorenne che, al di fuori delle ipotesi previste nell`articolo 609 bis compie atti sessuali con un minorenne che abbia compiuto gli anni tredici, se la differenza di età tra i soggetti non è superiore a tre anni.

    Nei casi di minore gravità la pena è diminuita fino a due terzi.

    Si applica la pena di cui all`articolo 609 ter, secondo comma, se la persona offesa non ha compiuto gli anni dieci.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)