Quella (tremenda) esperienza con CHL

Un lettore descrive nei dettagli quanto accadutogli dopo un acquisto dal celebre negozio specializzato. Tra un ping-pong e una scheda Pinnacle

Roma - Vi scrivo per mettervi al corrente di ciò che mi è accaduto.
Iniziamo dal principio: agli inizi di marzo ordino una scheda Pinnacle Studio PCTV dal negozio online di CHL. Dopo pochissimi giorni, esattamente il 5 marzo 2002, puntualmente la suddetta scheda arriva nel loro negozio di Bari e io lì la pagai e la ritirai.

Appena arrivato a casa, ovviamente, monto la scheda nel mio PC, ma quest'ultimo non si accende più. Allora faccio varie prove anche con gli altri 2 PC che abbiamo in casa e mi convinco che la scheda è difettosa. Fiducioso, la mattina seguente scrivo al servizio assistenza tecnica di CHL comunicando che la scheda purtroppo mi era stata consegnata guasta e chiedendo istruzioni per il reso.

La risposta non tarda ad arrivare da parte del sig. E.N. che mi spiega che la garanzia dei prodotti Pinnacle è con rimessa diretta presso l'importatore. Allora, pensando a un malinteso, scrivo ancora specificando che la merce mi è stata consegnata già guasta nel loro negozio (dove non mi è stata fatta provare) e non si è guastata successivamente, quindi era loro dovere sostituirmela senza altre spese per me.
La risposta è stata una fotocopia della precedente: i recapiti (peraltro con il numero telefonico errato) della Pinnacle.
Allora ho pensato di rivolgermi direttamente al negozio CHL di Bari, presso cui avevo ritirato la scheda e i gestori, sempre disponibili, hanno provato a intercedere. Anche in questo caso senza alcun risultato se non la solita e-mail copia e incolla con i dati di Pinnacle.

Ho provato ancora a insistere sempre con il sig. N. facendogli notare che esistono delle leggi a tutela del consumatore, tra cui la direttiva 1999/44/CE del parlamento europeo e del Consiglio, che specifica che nei casi in cui l'oggetto non è "immune" da vizi, il consumatore potrà adesso chiedere non soltanto la risoluzione del contratto o la riduzione del prezzo (come già previsto dalla normativa in precedenza) ma anche la riparazione o la sostituzione; ho anche aggiunto che avevo chiesto consulenza presso un'associazione di consumatori che mi aveva dato piena ragione. Ancora una volta la solita risposta: i recapiti di Pinnacle.

Dopo tutto ciò ho anche fatto spedire al mio legale di fiducia una raccomandata A/R da loro ricevuta il 2 aprile 2002, cioè 15 giorni fa, a cui non ho avuto risposta e, in seguito, ho anche chiamato il loro help desk telefonico e mandato una ulteriore e-mail al sig. N. per cercare di risolvere la situazione.
Risultato? Ancora una volta la solita mail con i soliti recapiti.

A questo punto ho deciso di inviare la scheda in riparazione a spese mie alla Pinnacle, dato che non vedevo altra via di uscita. Inoltre in moltissimi articoli si è costretti a pagare un "contributo garanzia celere", il che suona un pochino fuorilegge, dato che la garanzia è un mio DIRITTO legale di consumatore. Per i prodotti Pinnacle, caso strano, non è prevista questa "tassa".

Semmai mi ritroverò a acquistare presso di loro, pretenderò che i miei acquisti siano testati nel POPITT in mia presenza (cosa MAI accaduta) e solo allora provvederò al pagamento. A voi il giudizio e le conclusioni.

Salvatore

Caro Salvatore, il problema delle garanzie e della gestione dei guasti in questo settore si sta imponendo sempre più. Speriamo presto di poter pubblicare su queste pagine la risposta di CHL alla tua lettera che abbiamo segnalato all'azienda. Un saluto, la Redazione.
171 Commenti alla Notizia Quella (tremenda) esperienza con CHL
Ordina
  • ciao, sto cercando altri come me adirati per la negazione del diritto di recesso sui i prodotti ritirati presso i popitt di chl. Contattatemi al più presto. ma_pis@libero.it
  • Mi pare che CHL estenda la facoltà di esercizio del diritto di recesso anche sulgi acquisti effettuati pressi i propri Popitt proprio perche', di fatto, l'acquisto anche se assistito da personale in loco, avviene su catalogo elettronico senza possibilità di verificare e provare il materiale ne in pre vendita ne in post vendita... Cosa non di poco conto.
    La soluzione quindi era molto semplice: l'insoddisfazione generale patita dal cliente poteva essere lenita esercitando entro i termini (credo che CHL dia 15 gg lavorativi) il diritto di recesso ex Lex 185/99 e riprocedere all'acquisto di nuovo prodotto. Il precedente acquisto sarebbe stato rimborsato entro 30 giorni. Riflettere piu' a mente fredda evita perdite di tempo e lungaggini... per non parlare dell'estremo di dover ricorrere ad un legale la maggior parte delle volte superfluo.
    Ti ha parlato il tuo legale di questa possibilità e delle Lex 185/99 o se ne e' guardato bene? Ciao.
    non+autenticato
  • Me ne ha parlato, ma il recesso mi sarebbe costato molto di più rispetto alla spedizione per il cambio.
    Loro giocano su questo, purtroppo.
    Se tutti alzassimo un pò di più la voce forse molti la smetterebbero di cercare di fregarci.
    non+autenticato
  • Ciao Salvatore, se ancora mi leggi ti mando una precisazione che forse ti potra' tornare utile anche in futuro.
    Non so se e quanto ti e' costato l'intervento di un legale e lo spedire l'articolo alla casa madre.
    Tieni presente che la normativa base delle vendite "a distanza" (tra cui rientra anche l'ecommerce) e' la Legge 185 del 1999 e fissa a chiare lettere che l'esercizio del Diritto di recesso deve essere senza oneri aggiuntivi per il cliente eccezion fatta che le sole spese di trasporto per l'invio del reso... Di norma se usi un vettore come SDA e simili siamo nell'ordine dei 15/25 Euro. Concordo con Te che ogni tanto si deve alzare la voce ma se ti serve un prodotto magari per lavori la prima preoccupazione e' reperirlo e rendersi operativi senza perdere tempo... Poi se un fornitore si rivela insoddisfacente la milgiore arma che abbiamo è cambiarlo rivolgendosi ad un concorrente piu' affidabile... Ci penserà il mercato mettere fuori gioco chi non si dimostra all'altezza. Un saluto.
    non+autenticato
  • 1.CHL non e' e.commerce allo stato puro
    2.i punti di presenza popitt ora li chiama NEGOZI
    3.i "negozi" in genere forniscono anche e sopratutto SERVIZI che vanno oltre la normale consegna merce
    4.diamo quindi ai NEGOZI CHL la possibilita' di gestire in proprio RESI, RIMBORSI, CAMBIO MERCE, ASSISTENZA sui PC.
    5.lasciamo scegliere al cliente CHL se servirsi o meno del personale dei negozi CHL per gestire il POSTVENDITA oppure fare da se interfacciandosi col CALLCENTER.
    6.nessun supermercato mi prova la merce prima di acquistarla; anzi pago, la ritiro e poi se voglio me la devo provare in prima persona.
    7.la merce con garanzia diretta BRAND se me la cambia il negoziante al volo significa solo che la merce guasta la "passa" ad un altro poveraccio che verra' dopo di noi e cosi via.
    8.CHL che ha raggiunto certe dimensioni non puo' avere i migliori prezzi del mercato sempre e comunque anche perche' non puo' fare giochini vari sull' iva ...
    9.hanno mediamente un buon assortimento, tempi di consegna rapidi, fanno uscire la merce dal magazzino senza pagare un euro, ti fanno decidere in negozio come pagare e se fare un finanziamento.
    certo se il sistema si inceppa allora vanno in TILT.
    10.con questi margini cosi bassi in campo informatico dobbiamo sempre considerare che se per ipotesi a CHL va' un 8/10% lordo, all' omino di CHL va' un 2% sempre lordo e che pagare affitti e personale significa lavorare di quantita' per sopravvivere a discapito della qualita'.
    Tutto il resto sono chiacchere da studenti fuori corso di Ingegneria saputelli e figli di papa'.
    Andate a lavorare, aprite una P.IVA, pagate a fine mese il personale, pagate le tasse e poi cambierete opinione su tante persone e situazioni.
    non+autenticato


  • - Scritto da: NAMNOITCA
    > 1.CHL non e' e.commerce allo stato puro

    Che c'entra ?

    > 2.i punti di presenza popitt ora li chiama
    > NEGOZI

    Quindi ?

    > 3.i "negozi" in genere forniscono anche e
    > sopratutto SERVIZI che vanno oltre la
    > normale consegna merce

    Che lono NON forniscono.

    > 4.diamo quindi ai NEGOZI CHL la possibilita'
    > di gestire in proprio RESI, RIMBORSI, CAMBIO
    > MERCE, ASSISTENZA sui PC.

    Sarebbe ottimo.

    > 5.lasciamo scegliere al cliente CHL se
    > servirsi o meno del personale dei negozi CHL
    > per gestire il POSTVENDITA oppure fare da se
    > interfacciandosi col CALLCENTER.

    Come sopra.

    > 6.nessun supermercato mi prova la merce
    > prima di acquistarla; anzi pago, la ritiro e
    > poi se voglio me la devo provare in prima
    > persona.

    In un supermercato la merce te la scegli sul posto e almeno hai un primo impatto con essa e ti regoli. Se è avariata gliela riporti.

    > 7.la merce con garanzia diretta BRAND se me
    > la cambia il negoziante al volo significa
    > solo che la merce guasta la "passa" ad un
    > altro poveraccio che verra' dopo di noi e
    > cosi via.

    E io che la pago a fare la merce ? Fatemi pagare il costo "puro" di un oggetto e rinuncio alla garanzia.

    > 8.CHL che ha raggiunto certe dimensioni non
    > puo' avere i migliori prezzi del mercato
    > sempre e comunque anche perche' non puo'
    > fare giochini vari sull' iva ...

    Ripeto: e allora ?

    > 9.hanno mediamente un buon assortimento,
    > tempi di consegna rapidi, fanno uscire la
    > merce dal magazzino senza pagare un euro, ti
    > fanno decidere in negozio come pagare e se
    > fare un finanziamento.
    > certo se il sistema si inceppa allora vanno
    > in TILT.

    Ri: che c'entra ?

    > 10.con questi margini cosi bassi in campo
    > informatico dobbiamo sempre considerare che
    > se per ipotesi a CHL va' un 8/10% lordo,
    > all' omino di CHL va' un 2% sempre lordo e
    > che pagare affitti e personale significa
    > lavorare di quantita' per sopravvivere a
    > discapito della qualita'.

    Benissimo: tu evidentemente hai un'idea di commercio da prima repubblica, tesa solo a fregare il cliente.
    Sappi che i venditori di questo tipo hanno vita breve.

    > Tutto il resto sono chiacchere da studenti
    > fuori corso di Ingegneria saputelli e figli
    > di papa'.

    Non so se pensare a te come un negoziante imbroglione o ad una persona vile, che non ne capisce nulla e scrive solo perchè sa di rimanere anonimo.

    > Andate a lavorare, aprite una P.IVA, pagate
    > a fine mese il personale, pagate le tasse e
    > poi cambierete opinione su tante persone e
    > situazioni.

    Io lo faccio. E il mio guadagno si basa sull'onestà, sui servizi VERI, e sul rispetto delle leggi, non sulle prese per il culo.
    non+autenticato
  • Caro amico SALVATORE,
    vorrei conoscere la tua idea di commercio visto che la mia e' da prima repubblica.
    Grazie.

    E poi perche' ti fa alterare subito il mio tirare fuori i margini di guadagno del settore? ma capisci che e' un mercato dove stiamo andando a finire su margini che si contano su 1 sola mano???
    chi riuscira' piu' a dare servizi di buon livello?
    andremo tutti ad acquistare qualche prodotto civetta agli Ipermercati per poi farci fare assistenza dallo studentello che si diverte in NERO ad assemblare e riparare PC?

    ma quale servizio mi dovrei attendere dal discount che mi vende un HD che pago 100? e su cui ci si guadagna circa anche meno di 10? lordi?
    che risponda a tutte le 1000 domande dell' utente faidate' che vuole sapere magari per telefono come si monta una CPU, come si monta una MB senza fare un mega corto, e poi come si configura il sist.op.??? e se poi ti riportano indietro un AMD bruciato devi anche calmarli e spiegargli che forse lo hanno montato male e bruciato loro.....e NO! il discount mi deve dare assistenza subito e bene, voglio il recesso, il rimborso, le scuse, l' avvocato....ma andate tutti a ZAPPARE!!!
    e smettetela di leggere le riviste e ragionare sui benchmark-->usatelo questo benedetto PC, usatelo bene e sopratutto studiate studentelli figli di papa' che la vita presto sara' dura anche per voi, tempi duri per tutti!!!


    Scritto da: Salvatore
    >
    >
    > - Scritto da: NAMNOITCA
    > > 10.con questi margini cosi bassi in campo
    > > informatico dobbiamo sempre considerare
    > > che se per ipotesi a CHL va' un 8/10% lordo,
    > > all' omino di CHL va' un 2% sempre lordo e
    > > che pagare affitti e personale significa
    > > lavorare di quantita' per sopravvivere a
    > > discapito della qualita'.
    >
    > Benissimo: tu evidentemente hai un'idea di
    > commercio da prima repubblica, tesa solo a
    > fregare il cliente.
    > Sappi che i venditori di questo tipo hanno
    > vita breve.
    >
    > > Tutto il resto sono chiacchere da studenti
    > > fuori corso di Ingegneria saputelli e
    > > figli di papa'.
    >
    > Non so se pensare a te come un negoziante
    > imbroglione o ad una persona vile, che non
    > ne capisce nulla e scrive solo perchè sa di
    > rimanere anonimo.
    >
    > > Andate a lavorare, aprite una P.IVA,
    > > pagate a fine mese il personale, pagate le
    > > tasse e poi cambierete opinione su tante
    > > persone e situazioni.
    >
    > Io lo faccio. E il mio guadagno si basa
    > sull'onestà, sui servizi VERI, e sul
    > rispetto delle leggi, non sulle prese per il
    > culo.
    non+autenticato
  • Dimmi dove hai il negozio, che sicuramente verrò a farmi fregare da te, brutto imbroglione !!!
    non+autenticato
  • non vendo ai privati ma lavoro solo con aziende e mi occupo non tanto di vendita quanto di servizi (assistenza e networking).
    l' appellativo "brutto imbroglione" fa ridere a chi in coscienza lavora seriamente da parecchi anni e dirige una piccola azienda di 5 dipendenti e vari collaboratori esterni.
    quando CHL era CentroHL ed aveva un listino RIV acquistavo da loro.
    Hanno avuto coraggio e sono stati innovativi in "un mercatino all'italiana"; hanno sempre cambiato qualcosa nel loro assetto aziendale e penso lo stiano ancora facendo.
    Esistono ancora a differenza di altri discount + tradizionali ridotti ai minimi termini come Union, oppure in cattive condizioni come Vobis.
    Da loro cliente ho semplicemente riassunto in pochi punti quello che penso di loro e quello che io cambierei al loro posto: se unissero la loro coraggiosa organizzazione di vendita senza esposizione con servizi di assistenza e sostituzione merce in negozio ritornerebbero ad essere i migliori.

    parola di "brutto imbroglione"
    non+autenticato
  • Attenzione agli acquisti da chl.it !
    Senza dire niente a nessuno, senza avvertire i clienti ne al momento dell'acquisto
    ne alla consegna, i furbetti hanno modificato un regolamento riguardo il Diritto
    di Recesso D.Lgs n. 185 del 22/05/1999, escludendone tutti gli acquisti la cui
    consegna si perfeziona all'interno di un POPITT CHL. Quindi, se acquistate online
    della merce e decidete di ritirarla presso uno dei Negozi CHL distribuiti in tutta Italia,
    così come è capitato al sottoscritto, se non soddisfatti della merce acquistata, potrete
    rinunciare alla sostituzione del prodotto (cosa che CHL faceva con cortesia fino a pochi
    mesi fa). Occhio a CHL quindi...

    si son fatti furbi!
    non+autenticato
  • Salve,

    La somma versata per la garanzia celere è dovuta solamente per quei prodotti per i quali è necessario passare attraverso il negozio rivenditore in caso di guasto, non è invece contemplata qualora ci sia gà l'assistenza diretta presso il produttore.

    CHL in questo caso avrebbe dovuto probabilmente venirLe più incontro, tuttavia il comportamento tenuto è come prescritto nelle condizioni di vendita.

    Cordiali Saluti,
    Gabriele Beltrame
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gabriele Beltrame
    > Salve,
    >
    > La somma versata per la garanzia celere è
    > dovuta solamente per quei prodotti per i
    > quali è necessario passare attraverso il
    > negozio rivenditore in caso di guasto..

    Ma bravi. Veramente un bel modo di fregare soldi in maniera legale.
    Facciamo due conti. La media di costo dei prodotti informatici privi di garanzia del produttore, e' di circa 250.000 lire (si va dal floppy che costa 25mila alle cpu che costano anche mezzo milione)
    In media si rompe un pezzo su cento (chiedete a qualsiasi assemblatore)
    Su ogni pezzo venduto prendono 9mila lire
    Su cento pezzi quindi novecentomilalire . Quindi 99 utenti a cui non si rompera' mai niente, hanno pagato la garanzia al centesimo utente. Ogni cento pezzi venduti, CHL si e' ripagata una media di TRE pezzi nuovi (non dimentichiamoci che comunque, magari dopo due mesi, loro riceveranno il prodotto sostituito dal loro fornitore e potranno rivenderselo o usarlo per altre sostituzioni). Se sono fortunati , non solo si sono ripagati grazie ai 99 utenti , la sostituzione del pezzo rotto del centesimo utente, ma ci hanno anche guadagnato un sacco di soldi!! i prodotti piu' costosi (monitor lcd, portatili, masterizzatori) hanno quasi sempre assistenza diretta dal produttore, quindi alla fine Chl deve garantire ben poche cose. Ti fanno credere che la garanzia celere sia un favore che ti concedono, in realta' la stiamo pagando anche troppo
    Un'azienda seria metterebbe garanzia celere INCLUSA nel prezzo. Non posso fare pubblicita' , ma esistono online societa' che garantiscono sostituzione in 3gg senza alcun contributo
    UTENTI APRITE GLI OCCHI!!
    non+autenticato
  • Finalmente !
    Qualcuno che non è cieco !

    Aggiungerei che in nessun negozio o concessionario di automobili o qualunque altra cosa io pago un supplemento per avere ciò che E' MIO DIRITTO LEGALE !!!
    non+autenticato
  • ma CHL su alcuni articoli mette obbligatoriamente la garanzia celere su altri no, quindi tu puoi scegliere se pagarla o meno in base alla scelta dell' articolo.
    per esperienza pero' prova a vedere in caso di guasto la differenza...: con garanzia celere spedizioni da e per CHL sono gia state pagate, il corriere ti prende e ti riporta a casa il pezzo sostituito e poi in 4/5 gg. risolvi.
    con la garanzia normale dei vari marchi (senza garanzia celere) a seconda dei brand + o - bravi attenderai anche settimane e poi dovrai spendere decide di ? tra telefonate interurbane e pacchi da spedire.

    ciao    
    non+autenticato
  • gabriele beltrame sei un c*o*g*l*i*o*n*e
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | Successiva
(pagina 1/11 - 54 discussioni)