RealArcade, la carica dei videospot

Videogiochi d'abilità ed ingegno gratuiti sì, ma con video pubblicitari al loro interno. RealNetworks aggiorna il servizio RealArcade, frequentato da quasi un milione di utenti al giorno

Seattle (USA) - RealNetworks, il celebre produttore di software e servizi multimediali, ha deciso di aggiornare la propria piattaforma di intrattenimento videoludico con video pubblicitari mirati ed inseriti all'interno dei singoli giochi.

La compagnia statunitense ha quindi deciso di trasformare RealArcade, la "sala giochi" web frequentata da circa un milione di persone al giorno, in un nuovo canale per il marketing online.

Durante il download dei titoli, accessibili attraverso un software da scaricare, gli utenti vedranno brevi filmati della durata di 10 o 15 secondi. Attualmente il catalogo RealARcade comprende oltre 400 game. Finora, gli utenti hanno potuto utilizzare gratuitamente i giochi scaricati solo per un'ora di prova: i dirigenti di RealArcade hanno però notato che soltanto il 2% del numero complessivo dei giocatori è disposto a spendere per questo tipo di giochi.
Adesso, grazie all'introduzione di spot pubblicitari, i giochi possono essere giocati in modo completamente gratuito: a patto di vedere, ogni tanto, brevi messaggi promozionali. I videogiochi disponibili per gli avventori di RealArcade sono i cosiddetti casual game: giochi di carte, abilità o semplici rompicapo, esattamente come il noto Solitario implementato in tutte le versioni dei sistemi operativi Microsoft.

Giochi particolarmente apprezzati dal pubblico femminile, dicono gli analisti di mercato, così come dai lavoratori durante le pause pranzo. Non c'è da stupirsi, infatti, che il videogioco più giocato del pianeta sia stato per anni il Solitario di Windows: questo tipo di videogiochi, ben più semplici e meno costosi delle loro controparti tridimensionali e ricchissime di azione, alimenta un giro d'affari globale pari a 280 milioni di dollari all'anno, specifica il Washington Times.
6 Commenti alla Notizia RealArcade, la carica dei videospot
Ordina