Italia, le mani del Governo sulla Rete

di Alberigo Massucci. Il pasticcio Passigli produce una clonazione malferma di quanto accade in Cina: potrebbe nascere da noi una Commissione Nazionale che controlla tutto quello che va dai domini alla diffusione dell'accesso. Aiuto!

01/01/96 - Stand By - Roma - Chi credeva che il decreto Passigli avesse rappresentato l'emblema della poca considerazione del Palazzo rispetto alla Rete si deve ora ricredere: c'è di peggio.

Nel DDL 4594 sui domini che sta passando in Parlamento (nei giorni scorsi approvato dalla Commissione Giustizia del Senato) non solo si ritrovano le varie follie di quel decreto ma soprattutto si aprono le porte ad una rivoluzione: il controllo diretto del Governo sui domini, la loro gestione e le loro regole. Una situazione che al Mondo ha eguali solo in Cina (con il CNNIC, ente governativo) e che cozza con la tradizionale indipendenza dei NIC nazionali di gestione dei domini. Quell'indipendenza che è riconosciuta e promossa dall'ICANN e c'è già qualcuno nel NIC italiano che teme che proprio l'ICANN non sarà felice della scelta alla cinese.

La "mossa" del 4594 sta tutta nella costituzione presso la Presidenza del Consiglio di una "Commissione Nazionale per l'accesso ad Internet e alle altre reti telematiche". Una cupola di nove membri che avrà in carico tutto quello che oggi è in carico alla Naming Authority, in primo luogo "le regole dei domini".
Potrebbe apparire come un giustificato "commissariamento" della paralisi che blocca la NA su tutti i fronti da mesi ma l'operazione è in sé sconvolgente. Basti pensare che il presidente della Commissione sarà scelto dal Governo e che uno degli altri otto membri dovrà provenire dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, che oggi "ospita" la Registration Authority. Gli altri: tutti ministeriali. Il tutto condito da un collegio consultivo di quindici componenti scelti tra docenti universitari, insegnanti di informatica, legge ed economia, operatori online e utenti Internet.

La scelta di legare i domini direttamente agli umori del Governo era stata già sconsigliata, senza successo, dal "Comitato Esperti Internet" della stessa Presidenza del Consiglio, che suggeriva invece di puntare su "indipendenza" e "cooperazione reciproca".

Come se non bastasse, alla Commissione vengono attribuite "missioni" che con i domini non hanno alcuna attinenza e che affogano in una vaghezza stupefacente: stimolare la diffusione "dell'utenza di Internet" (non di Internet, dunque, ma della sua utenza) e stabilire contatti internazionali per favorire lo sviluppo di Internet dal punto di vista regolamentare e scientifico.

Ma la chicca è questa: "promuovere l'attuazione di quanto necessario per garantire la sicurezza della rete e del trattamento dei dati personali che ha luogo nella stessa o mediante la stessa".

Ta-da! La Commissione, dunque, si occuperà di privacy e di sicurezza informatica, di domini, di diffusione di Internet, di nuove regole internazionali e di scienza per lo sviluppo della Rete.

La speranza è che il 4594 non sia approvato prima della fine della Legislatura e venga così bloccato. Qualche possibilità c'è, visto che deve ancora passare in Aula al Senato e poi ottenere l'approvazione alla Camera.

Alberigo Massucci
TAG: italia
27 Commenti alla Notizia Italia, le mani del Governo sulla Rete
Ordina
  • PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR
    ALLA EDOARDO DE FILIPPO.........
    BUFFONI.
    GIU' LE MANI DA INTERNET.
    non+autenticato
  • Ci vogliono tenere in pugno non lo avete capito!! Vogliono poter controllare tutto. Non a caso nel mondo solo la CINA ha una legge simile........meditate gente meditate!!!!!!
    non+autenticato
  • Se hanno emanato una roba del genere bisogna
    "ringraziare"
    GRAUSO e le sue "MANIE DI GRANDEZZA"

    Lo speculatore sardo... che con la SUA IGNORANZA
    PER PARARSI IL CULO, ha
    DECANTATO dall'alto delle sue colline (da dove le pascolava le pecore in passato)
    il suo pensiero IDIOTA di "liberta'"
    RUBANDO NOMI A DOMINIO DI POLITICI E GENTE "FAMOSA" E "IMPORTANTE".

    I POLITICI, se non fosse stato che il sig. GRAUSO
    avesse comprato una 30ina di DOMINI
    nome-cognome.com / .it di alcuni "NOTI"
    PARLAMENTARI,
    NON AVREBBERO MAI PENSATO AD INTERNET.

    FIGURATEVI, SONO TALMENTE IGNORANTI che
    SOLO se uno come GRAUSO
    glielo avesse detto SE NE SAREBBERO ACCORTI.

    ED INFATTI, il "nostro messaggero di libertà"
    FECE L'ANNUNCIO (ma quanto sei stato IDIOTA, cosa pensavi d'ottenere? La medaglia al merito?)
    d'aver "comprato" circa 500.000 domini.

    Ed ecco il risultato: il Sig. Nicolino Grauso
    sta svendendo i .it
    i .com li ha intestati ad una societa' con personalita' giuridica estera

    e COME AL SOLITO SARANNO PENALIZZATE
    LE PERSONE CHE NON HANNO NULLA A CHE VEDERE
    CON QUELLO SPECULATORE SARDO.

    VIA DALL'ITALIA, SE NON CON IL CORPO
    ALMENO CON la personalita' giudidica.

    TUTTO ALL'ESTERO, TUTTO FUORI DA QUESTO PAESE.
    ARRICCHIAMO IL RESTO DEL MONDO.

    L'ITALIA è, e RIMMARRA' SEMPRE:

    IL PAESE DEI MORTI DI FAME.
    non+autenticato

  • Con 15.000.000 di lire al mese che prendono "i nostri parlamentari"

    pensi che VADANO VIA LORO?

    QUESTI PENSANO SOLO AI PROPRI INTERESSI, e nel momento delle elezioni
    COME TUTTI I LECCHINI

    AFFOLLANO LE TV, I GIORNALI, LE RADIO
    ed anche LA RETE
    PER ELEMOSINARE QUALCHE VOTO da parte di qualche povero ILLUSO che pensa di NON ESSERE ILLUSO
    Sorride

    In 20 anni siamo dov'eravamo: AL PUNTO DI PARTENZA.

    ITALIANI CORAGGIOSI: ANDATE VIA DALL'ITALIA,
    da questo paese INFAME.

    Fate come i Vostri padri, i Vostri nonni
    che EBBERO IL CORAGGIO & LE PALLE
    d'andar VIA e costruire all'estero
    PER POI RITORNARE VINCENTI IN PATRIA.

    Aprite la Vostra Off-Shore all'estero
    e muovetevi LIBERAMENTE facendo i Vostri affari nel mondo
    SENZA LE LIMITAZIONI di QUESTO "stato" INFAME.

    GLI ITALIANI HANNO COSTRUITO IL MONDO,
    si il Mondo.

    NON LASCIATEVI DEPRIMERE dalle "sparate"
    di questi politici o dei prossimi che verranno

    PERCHE' NON CAMBIERA' MAI NULLA.

    RICORDATE SEMPRE che: OGNUNO FA SEMPRE I PROPRI
    INTERESSI.

    Se hanno emanato una roba del genere bisogna
    "ringraziare"
    GRAUSO e le sue "MANIE DI GRANDEZZA"

    Lo speculatore sardo... che con la SUA IGNORANZA
    PER PARARSI IL CULO, ha
    DECANTATO dall'alto delle sue colline (da dove le pascolava le pecore in passato)
    il suo pensiero IDIOTA di "liberta'"
    RUBANDO NOMI A DOMINIO DI POLITICI E GENTE "FAMOSA" E "IMPORTANTE".

    I POLITICI, se non fosse stato che il sig. GRAUSO
    avesse comprato una 30ina di DOMINI
    nome-cognome.com / .it di alcuni "NOTI"
    PARLAMENTARI,
    NON AVREBBERO MAI PENSATO AD INTERNET.

    FIGURATEVI, SONO TALMENTE IGNORANTI che
    SOLO se uno come GRAUSO
    glielo avesse detto SE NE SAREBBERO ACCORTI.

    ED INFATTI, il "nostro messaggero di libertà"
    FECE L'ANNUNCIO (ma quanto sei stato IDIOTA, cosa pensavi d'ottenere? La medaglia al merito?)
    d'aver "comprato" circa 500.000 domini.

    Ed ecco il risultato: il Sig. Nicolino Grauso
    sta svendendo i .it
    i .com li ha intestati ad una societa' con personalita' giuridica estera

    e COME AL SOLITO SARANNO PENALIZZATE
    LE PERSONE CHE NON HANNO NULLA A CHE VEDERE
    CON QUELLO SPECULATORE SARDO.

    VIA DALL'ITALIA, SE NON CON IL CORPO
    ALMENO CON la personalita' giudidica.

    TUTTO ALL'ESTERO, TUTTO FUORI DA QUESTO PAESE.
    ARRICCHIAMO IL RESTO DEL MONDO.

    L'ITALIA è, e RIMMARRA' SEMPRE:

    IL PAESE DEI MORTI DI FAME.
    non+autenticato

  • for MAX

    Sono le persone come te che hanno fatto diventare l' Italia quel che è, i vigliacchi che scappano, che non hanno la forza di cambiare le cose e che non lottano!
    Se tu sei l'esempio di un italiano tipo, allora lo ammetto siamo proprio nella merda!
    Complimenti!
    non+autenticato
  • L'unica contromossa e' sempre: fare di piu' di quanto fanno i governi. Essere sempre un passo avanti. Far valere il numero degli utenti. Ribattere punto su punto. Trovare altre strade per fare cio' che non ci vogliono far fare, e che non e' nulla di proibito. Noi siamo milioni, loro sono quattro gatti pericolosi ma che annaspano.
                                        Vittorio
    non+autenticato
  • Noi siamo milioni, loro sono
    > quattro gatti pericolosi ma che annaspano.
    >                                     Vittorio
    -------------------------------------------------

    I "MIOLINI" sono TUTTE PERSONE CHE HANNO PAURA
    DI DIRE: "A" e che si nascondono la coda fra le gambe dietro al P.C.
    non appena sentono parlare di legge, avvocati
    ecc. ecc. ecc.

    QUESTA ITALIA DI INTERNET è PIENA DI CODARDI.

    L'UNICA SOLUZIONE è QUELLA DI ESSERE TUTELATI
    DALLE LEGGI dei paesi con società OFF-SHORE.

    E' GIUNTA L'ORA DI ANDARE VIA DA QUESTO PAESE SQUALLIDO.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)