Notebook, il re della giungla

Un primo assaggio del mondo dei portatili proietta nel settore a più veloce crescita nel personal computing. Oggi notebook è sinonimo di potenza e affidabilità, come Tarzan

Notebook, il re della giunglaRoma - Al bando tutto ciò che è: Infodomestici, info-appliance, hand-held, palmari, leggerissimi! Se è vero che sul mercato stanno facendosi largo i sistemi che stando in una mano danno l'idea di tenere il mondo in pugno, è altrettanto vero che i dominatori del mercato "mobile" sono i personal computer portatili. Tutt'altro che vecchi e obsoleti, i notebook conquistano una folla sempre crescente di utenti perché dispongono di tecnologie in rapidissima evoluzione.

La corsa ai portatili non s'è mai fermata: i processori che portano la potenza in questi sistemi rivaleggiano per potenza con i personal computer da scrivania "tradizionali", i monitor LCD che li caratterizzano sono di una chiarezza esaltante e si sono lasciati alle spalle quei difettucci davanti ai quali qualcuno storceva il naso, gli accessori si sono moltiplicati come funghi dopo l'acquazzone ed è dunque naturale che i consumatori di questi device abbiano avuto la stessa sorte.

Dentro un portatile è oggi lecito attendersi che giri una CPU specializzata, cioè realizzata esclusivamente per l'uso "mobile", e che vi si trovi un hard disk potente, ciclopico, capace di contenere una quantità di dati che non può essere inferiore ai 6 gigabyte. Il tutto associato ad una memoria RAM che non solo dev'essere "tanta" ma anche espandibile, e ad un monitor piatto capace di dimostrare che la ricerca sull'LCD è un investimento, non una spesa. Ecco quello che si trova nei tre modelli che inVetrina presenta questa settimana.
TAG: hw