Bid.it nei guai, sciopero dei dipendenti

I lavoratori che hanno portato avanti una delle più interessanti realtà della new-economy italiana entrano in sciopero. A breve una conferenza stampa della dirigenza

Roma - Basta accedere alla home page di Bid.it, una delle più interessanti realtà della net-economy italiana, per rendersi conto dei guai in cui si trova l'azienda e che hanno messo in agitazione i suoi dipendenti, dal 30 aprile in sciopero ad oltranza per richiedere gli stipendi arretrati.

Sulla home page, infatti, si apre un piccolo pop-up che parla dello sciopero e rimanda esplicitamente al sito pollodigomma.org dove sono pubblicate le ragioni dello sciopero e il verbale dell'ultima assemblea dei dipendenti.

Sono 40 i posti di lavoro considerati a rischio dai dipendenti di quella che è sempre stata descritta come una delle realtà pugliesi di maggiore speranze. "Alle corde - scrivono i lavoratori su pollodigomma.org - i dipendenti hanno cercato, dopo mesi di attese e di fiducia nella loro azienda, di smuovere le acque con lettere aperte al presidente e ai soci, ma i mesi di 'buco' sono aumentati, fino a sfiorare il fallimento".
Vista la situazione, per il prossimo giovedì 9 maggio il presidente di Bid.it Spa Antonio Manno ha annunciato una conferenza stampa alla quale sono invitati tutti i soci di Bid.it, tra i quali si trovano nomi del calibro di DADA, Banca Popolare di Bari, Banca 121 e altri ancora.