NetFraternity: guerra contro i cheaters

L'azienda si difende dalle accuse di chi se la prende con la sua nuova policy. Il presidente Alberto Vazzoler risponde punto su punto e spiega perché si è dovuto adottare una strategia più severa del passato

NetFraternity: guerra contro i cheatersRoma - Proteste sulla Rete, numerose segnalazioni in mailing list, forum intasati: si è riaperto nelle scorse ore il fronte del Pay-to-surf, ovvero dei servizi che riconoscono somme agli utenti che visualizzano sul proprio monitor la pubblicità inviata loro via Internet. Al centro delle accuse di molti utenti è NetFraternity, la principale società di Pay-to-surf italiana.

Qualcuno sostiene che NetFraternity in questi giorni stia azzerando i crediti di molti utenti pur di non pagare quanto accumulato da chi ha visualizzato banner. Una freccia al cuore del sistema dell'azienda che NetFraternity respinge con forza.

Il presidente di NetFraternity, Alberto Vazzoler, ha ieri spiegato a Punto Informatico che l'azienda "ha attivato da qualche tempo una policy di tolleranza zero" contro i "cheaters" (in questo modo vengono definiti gli utenti che fingono di visualizzare le inserzioni telematiche sfruttando programmini pensati per "ingannare" il sistema di advertising).
Grazie a nuove tecnologie sviluppate dall'azienda e associate ad altre già in uso sulla Rete, Vazzoler ha spiegato che NetFraternity ha inserito nel software utilizzato dagli utenti per visualizzare le inserzioni, nuovi sistemi di controllo. Sistemi che avrebbero scoperchiato "un vero e proprio vaso di Pandora" nel quale in questi giorni NetFraternity sta individuando "alcune migliaia di utenti, dunque una frazione del numero complessivo di utenti dell'azienda" (che dichiara una media di 400mila collegati quotidiani).

Vazzoler ha spiegato che NetFraternity ha dovuto implementare le proprie tecnologie di sicurezza dopo che uno dei più importanti inserzionisti dell'azienda aveva espresso dei dubbi relativamente alla capacità del "sistemone" di tenere lontani i cheaters. Da qui lo sviluppo di nuovi sistemi e l'attivazione di "un'operazione a tappeto per individuare chi non ha rispettato il contratto".
87 Commenti alla Notizia NetFraternity: guerra contro i cheaters
Ordina
  • Allora come tanti di voi a inizio anno avendo maturato 80 euro ho richiesto il rimborso...
    Solita solfa art. 17 "ripescaggio" con contentino di netcoin anche azzeramento di 3500 punti da gennaio in poi, vabbè mi dico... Forse utilizzando la barra Spedia assieme alla loro ha dato problemi (ma a proposito per il loro "fumoso" art. 17 sul desktop ci dev'essere solo la loro di barra???)
    Vedo di salvare il salvabile e accetto le netcoin.
    Nel Doublestore vedo un lettore DVD Philips mod. 711 che fa al caso mio visto che ne devo acquistare uno.
    Costa 379.000 + circa 8500 netcoin. Faccio l'ordine... ci sono alcuni casini nella conferma che non mi ripete i dati, ma da Netfraternity dopo un paio di solleciti mi rispondono che l'ordine è confermato.
    Passano i giorni....
    Pallano le E-Mail spedite da me per sollecitare e senza ovviamente risposte...
    RiPassano giorni e arriviamo a circa 40 giorni d'attesa.
    Mi scrive una tipa di Doublestore che si scusa per le mancate risposte e che dal magazzino le viene riferito che il lettore in questione oramai è fuori produzione e quindi non possono processare la mia richiesta, ma comunque (quale umana graditudine) se le invio i dati del conto provvederà a reaccreditarmi le netcoin sul conto.
    Tutto normale no dopo 40 giorni d'attesa...
    Ma fosse solo questo... potrebbe esser vero...
    Fatto sta che mi faccio un giretto nel negozio virtuale e il lettore è ancora li...
    Dopo pochi giorni il lettore è ancora li, ma il prezzo è aumentato ora il DVD Philips mod. 711 costa L.517.500 + Nc. 9942
    Com'è se lo dovessi acquistare ora a prezzo maggiorato RITORNA IN PRODUZIONE???

    QUESTA IO LA CHIAMO TRUFFA!
    Devono ringraziare il cielo che in questo momento non posso permettermi spese per avvocati, ma se fra un mesetto s'avvera una cosuccia e mi si liberano dei soldi oppure se qualcuno che ha intenzione di fare causa alla società in questione sarò felicissimo di testimoniare e di portare questa mia "esperienza" oltre alle e-mail di corrispondenza con la società quali prove tangibili della disonestà.
    A tutt'oggi non mi rispondono dopo aver preteso immediatamente il lettore in questione al prezzo da me concordato e da loro proposto e accettato!

    L'ideale sarebbe che tutti si cancellassero e li lasciassero marcire nella loro sporcizia nel più completo fallimento (tanto prima o poi così finiranno)
    E pensare che vorrebbero quotarsi in borsa!!!
    Saluti
    PS: Ecco l'ultima mail ricevuta:

    "Gentile Sig. xxxxxxx,
    mi scuso innanzittutto per non averLe risposto subito.
    Solo oggi il magazzino mi ha avvisato che la merce da Lei acquistata
    (PHILIPS DVD 711) è fuori produzione, e perciò ci risulta impossibile
    eseguire la consegna.
    Scusandoci per l'inconveniente le chiedo di inviarmi il numero del Suo
    netconto per riaccreditarle i netcoin spesi inizialmente.
    Cordiali saluti
    Double Store Staff"
    non+autenticato
  • Sono in attesa di un loro pagamento da 4 mesi e non mi e' stata data alcuna giustificazione per il ritardo, anzi ultimamente non rispondono alle email che gli invio.

    Probabilmente anche Netfraternity ha risentito della crisi degli sparabanner e come risultato adesso ha bloccato i pagamenti.
    Ovviamente bisognava trovare qualche scusa ...
    non+autenticato
  • L'unica mia "colpa" è stata quella di usare insieme i due servizi in oggetto, insieme a NOPAY, quindi 3 banner sullo skermo! E tutto x cosa? X vedermi rifiutati i 75 EURO AL MOMENTO DELLA RICHIESTA DEL RIMBORSO! GUARDA CASO!
    Quelli di Payland poi, con la scusa del negozio virtuale, manco sganciano più! cosa ci resta da fare? Io mi sono rivolto ad ALTROCONSUMO! Spero mi rispondano in fretta! Sapete se bisogna mandare una raccomandata? Due e-mail e ancora nessuna risposta! CHIEDO LE PRESUNTE PROVE!!!

    Apppresto!

    Tony
    non+autenticato
  • Ecco cosa dispone la FAQ N. 11 pubblicata sul sito della Netfraternity all'URL http://www.nfn.it/italiano/faq.asp

    11. NetSpot controllerà cosa faccio col mio PC?
    Noi non faremmo mai niente del genere: monitorare l'utilizzo del PC o i programmi installati è un'azione che NetFraternity giudica altamente scorretta.

    Bene, nelle clausole contrattuali da noi accettate all'ART 17 e' disposto che la barra e' in grado di rilevare l'uso di eventuali programmi cheating.

    Interpretando combinatamente le due disposizioni ( entrame riconducibili al volere del DOtt. Vazzoler e NON oggetto do contrattazione con noi utenti )sembrerebbe desumersi che la barra rileva l'eventuale presenza di programmi cheating MA senza arrivare la punto di monitorare l'uso dei nostri PC o dei programmi in esso installati.

    Allora mi chiedo : COME mai la barra ha invece visualizzato il messaggio di violazione contratto a chi aveva NON IN ESECUZIONE ma SEMPLICEMENTE in standby un software di automazione delle operazioni, cio'e MacroSCheduler.

    In secondo luogo, sono l'unico a rilevare una contraddizione tra l'affermazione di cui al punto 11 delle FAQ e la disposizione di cui all'art. 17 delle cluasole contrattuali?

    C'e' qualcosa che non torna....
    Inviterei le autorita' responsabili della sicurezza e della privacy In internet a VERIFICARE le operazioni che la barra compie nei nostri sistemi.
    Non sarei molto contento di scoprire che quella barra ANCHE PER un SEMPLICE bug possa inviare in Internet, durante la comunicazione con i server di Netfraternity, dati PERSONALI presenti nel sistema informatico MIO e di quei quasi 2 milioni di utenti che il Dott. Vazzoler dichiara essere iscritti alla Netfraternity.
    Credo che a questo punto il presidente della piu' nota sparabanner italiana sia tenuto a fornire spiegazioni in merito, piuttosto che trincerarsi dietro un silenzio inadeguatissimo alla situazione.
    RIBADISCO: la mia maggiore preoccupazione al momento verte sulla sicurezza delle mia postazione informatica che ho timore possa essere stata resa vulnerabile ad attacchi esterni a causa di quel software contenente codici a noi utenti MAI rivelati, ma a quanto pare in grado di MONITORARE l'uso dei nostri PC.


    Ex Utente PREOCCUPATTSSIMO
    non+autenticato
  • Egregio dottor ****** *****, Amministrtatore Delegato di *********
    buongiorno.
    Le scrivo la presente E-Mail per portarla a conoscenza di quanto segue:
    fino al 01 Febbraio 2001 sono stato iscritto al servizio offerto dalla
    società NetFraternity.Net ed ero pagato per vedere passare sul suo banner gli
    Spot pubblicitari dei suoi committenti, tra cui anche la società che lei
    rappresenta, ossia la *******.
    Purtroppo la NetFraternity, dal mese di Dicembre 2001 ha cambiato politica
    nei confronti dei propri iscritti (ossia noi), in quanto ha prima
    rivoluzionato tutte le regole che la legavano a noi iscritti, e poi, a tutti
    quanti noi che abbiamo fatto richiesta di essere pagati con moneta Cash, così
    come previsto, e confermato contrattualmente, ha rifiutato di pagare quanto
    dovuto!
    La somma di per sè non é grande, in effetti sono circa lire 150.000, però non
    é giusto che prima ci illude di pagarci in cambio della visione degli Spot
    Pubblicitari che voi Committenti pagate per farli passare sul suo Banner, e
    poi, quando giunge il fatidico momento si tira indietro!
    Per giustificare tale comportamento, il presidente della
    Net.Fraternity.Net, Alberto Vazzoler, ci invia una bella E-Mail in cui ci
    accusa di essere contravvenuti all'Art. 17, che, se letto, dice tutto e nulla!
    Ci accusa di proposito di non si capisce quali scorrettezze quando la prima
    scorrettezza é proprio lui a farla nei nostri riguardi.
    Tale operare sarebbe giustificato se fosse rivolto solo ad eventuali
    imbroglioni, che, oltre a danneggiare le casse di Vazzoler, danneggerebbero
    anche noi clienti onesti, mentre invece sta usando tale cortesia in modo
    indiscriminato a chiunque gli faccia richiesta di rimborso Cash!
    Stante tale comportamento ingiusto ed ingiustificato, tutti noi che siamo
    stati ingiustamente danneggiati ci stiamo cancellando dal Data Base di
    Net.Fraternity, per cui tra pochi giorni non rimarrà più nessuno a guardare
    gli Spot, tra cui anche il vostro, che passano sul loro Banner.
    E' evidente che tale comportamento ingiusto danneggia pure l'immagine di chi,
    come voi, si é rivolta alla suddetta società, per inoltrare via Internet, il
    proprio messaggio pubblicitario.
    Pertanto la invito gentilmente a rivedere il contratto commerciale che ha
    stipulato con Net.Fraternity e ad investire tale denaro in società più serie,
    che sanno come si opera, e che non danneggiano ingiustamente i loro iscritti, che sono la
    loro forza contrattuale verso voi committenti.
    Tanto con tale comportamento NetFraternity ha firmato la sua condanna:
    secondo Lei in quanti resteranno a guardare i vostri Spot, pagati, in cambio
    di nulla?
    Lei lo farebbe?
    Per conoscenza le allego una copia della E-Mail che Vazzoler ci sta inviando
    in questi giorni, così si rende meglio conto della faccenda.

    ------------------------------------------------------------------------------
    -------------
    Caro utente,

    in relazione alla Sua richiesta di rimborso, a fronte del servizio erogato da
    NetFraternity Network S.p.A., Le comunichiamo che il nostro sistema ha
    rilevato una violazione del contratto al punto 17, denominato ?LIMITAZIONI AL
    SERVIZIO?, da Lei sottoscritto.

    Più specificatamente tale punto recita:



    ?NetFraternity proibisce:
    - l'uso di apparecchi, macchine, computer o altri equipaggiamenti per la
    generazione automatica di crediti.
    - di più barre simultaneamente e non da parte dello stesso soggetto ed in
    particolare in situazioni quali cyber-café, reti universitarie, lan aziendali
    dove un singolo individuo ha a disposizione più computer da cui operare.
    - la creazione di più account da parte di un singolo utente.
    - l'uso di software che permette il movimento automatico e ripetitivo del
    mouse e della tastiera assieme alla barra di NetSpot.
    - l'uso di programmi in grado di oscurare, nascondere o disabilitare la barra
    di NetSpot.
    La barra di NetSpot è in grado di rilevare e notificare tali operazioni e di
    segnalarli quali tentativi di frode, quindi NetFraternity applica una
    politica molto severa in tal senso in quanto tale prassi danneggia l'immagine
    di NetFraternity e del servizio offerto. NetFraternity si riserva quindi, di
    terminare immediatamente la fornitura del servizio, a sua totale e
    indiscutibile discrezione, qualora venisse rilevato un tentativo di abuso nei
    suoi confronti. Il questo caso tutti i crediti accumulati dall?utente
    verranno persi.?

    Pertanto il Suo credito non Le può essere corrisposto.

    I crediti accumulati Le saranno cancellati.

    Restiamo in ogni modo a Sua disposizione,

    credit@netfraternity.net

    ------------------------------------------------------------------------------
    ---------
    Se poi vuole vedere con i suoi occhi, Le suggerisco di visitarare il sito
    www.tuttobanner.net e leggere i vari Topic dedicati a NetFraternity nella
    sezione "Discussioni sui banner italiani".
    Toccherà con mano tutta l'amarezza di noi truffati!

    Lieto di averla informata, Le rivolgo i miei più cordiali saluti
    non+autenticato
  • Ragazzi, più la leggo quest'E-Mail e più mi risulta impossibile trovarci alcunchè di offensivo o diffamatorio.
    Sarà che a qualcuno non piaccia sentir dire ad altri la verità?
    Ma i dittatori non erano finiti?
    Comunque i suoi contenuti sono interessanti, quasi quasi......

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | Successiva
(pagina 1/11 - 53 discussioni)