Un pannello orbitante oscurerà le stelle

Potrebbe entrare in funzione entro pochi anni assieme al successore di Hubble. Il suo compito sarà consentire agli scienziati di individuare pianeti simili alla Terra anche se molto distanti

Roma - Oscurare la luce stellare per permettere di vedere quella riflessa dagli eventuali pianeti vicini ad esse. Questa l'idea di alcuni studiosi per facilitare le ricerche nello spazio. L'idea sta tutta in un pannello oscuratore di plastica sottile a forma di margherita, che sarebbe sufficiente a scoprire cosa orbita intorno alle stelle.

Puntando un telescopio su un pianeta lontano risulta alquanto difficile vedere la sua luce riflessa poiché la luce emessa dalla stella attorno cui orbita lo rende quasi invisibile ai telescopi terrestri. La soluzione tradizionale utilizzata per ovviare a questo problema è uno schermo, chiamato cromografo, che permette di oscurare la luce della stella madre fornendo una visione della zona circostante ad essa. Ma è un sistema non del tutto efficiente poiché la luce tende a diffondersi comunque, "oscurando" quella di qualsiasi altro corpo celeste.

Grazie alla sua particolare forma, lo starshade, riuscirebbe a minimizzare la diffusione della luce. Costruito in plastica sottile e grande quasi 46 metri di diametro, il disco verrà mandato in orbita insieme ad un telescopio ed aperto ad una distanza di circa un milione di miglia dalla Terra. Tre propulsori garantiranno il mantenimento della posizione orbitante prevista dagli scienziati.
Già ribattezzato come New World Observer, il dispositivo concepito nel 2004, suscita interesse e ottimismo tra i suoi inventori. "Noi sosteniamo che sia un progetto entusiasmante, in particolare perché può essere costruito utilizzando le attuali tecnologie", dichiara il professor Webster Cash dell'Università del Colorado. "Saremo in grado di studiare pianeti simili alla Terra, lontani decine di milioni di miglia ed anche analizzare chimicamente la loro atmosfera, alla ricerca di segni di vita".

Attualmente lo starshade è all'attenzione della NASA. Il team di sviluppo ha già presentato un progetto da 400 milioni di dollari per associare lo starshade al James Webb Space Telescope, l'osservatorio ad infrarossi che verrà lanciato nel 2013 e che avrà il compito di "rimpiazzare" Hubble. I progettisti assicurano che se ci fossero pianeti simili alla Terra, il New World Observer potrebbe scovarli già nel prossimo decennio.

Vincenzo Gentile
47 Commenti alla Notizia Un pannello orbitante oscurerà le stelle
Ordina
  • Le Stelle sono a mè molto care ,sono persone che porto nel cuore , nonè che per caso oscurandole si rischia che io e tutti noi non le vediamo più , io mi auguro di poterle vedere sempre , anzi ci parlo con le Stelle e tra tutte quelle cè anche la Stella di mio padre che adoro e mi manca tanto .Da una mamma di nome Angela
  • A questo punto perchè non piazzarne di piu'?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > A questo punto perchè non piazzarne di piu'?


    $$$?
    non+autenticato
  • Infatti. La NASA ha pochi solti in questi anni, per via delle solite persone che credono sia meglio investire in altri campi piuttosto chje ricerche spaziali. Ma le ricerche spaziali sono utili anch'esse, dato che portano un boost indiretto alla tecnologia.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Infatti. La NASA ha pochi solti in questi anni,
    > per via delle solite persone che credono sia
    > meglio investire in altri campi piuttosto chje
    > ricerche spaziali. Ma le ricerche spaziali sono
    > utili anch'esse, dato che portano un boost
    > indiretto alla
    > tecnologia.

    quoto ..

    quando dico che la tecnologia dei cellulari la dobbiamo alle missioni apollo del 1969 ...
    molti stentano a crederlo
    non+autenticato


  • - Scritto da:
    > A questo punto perchè non piazzarne di piu'?

    Quanto sei disposto a donare?
    non+autenticato
  • "La soluzione tradizionale utilizzata per ovviare a questo problema è uno schermo, chiamato CORONOGRAFO (non CROMOGRAFO), che permette di oscurare la luce della stella madre fornendo una visione della zona circostante ad essa."

    Fatevi controllare gli articoli per lo meno da un astrofilo prima di pubblicare, grazieOcchiolino
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 07 luglio 2006 10.04
    -----------------------------------------------------------
  • sono due strumenti diversi.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > sono due strumenti diversi.

    link?
    non+autenticato

  • - Scritto da: pegasus2000
    > "La soluzione tradizionale utilizzata per ovviare
    > a questo problema è uno schermo, chiamato
    > CORONOGRAFO (non CROMOGRAFO), che permette di
    > oscurare la luce della stella madre fornendo una
    > visione della zona circostante ad
    > essa."
    >
    > Fatevi controllare gli articoli per lo meno da un
    > astrofilo prima di pubblicare, grazie
    >Occhiolino
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 07 luglio 2006 10.04
    > --------------------------------------------------
    vabeb dai se correggi PI dovresti far chiudere i quotidiani quando parlano di questa materia.
    Mi ricordero sempre la foto della centrale del brasimone spacciata per osservatorio astronomico.
    cieli sereni...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: pegasus2000
    > > "La soluzione tradizionale utilizzata per
    > ovviare
    > > a questo problema è uno schermo, chiamato
    > > CORONOGRAFO (non CROMOGRAFO), che permette di
    > > oscurare la luce della stella madre fornendo una
    > > visione della zona circostante ad
    > > essa."
    > >
    > > Fatevi controllare gli articoli per lo meno da
    > un
    > > astrofilo prima di pubblicare, grazie
    > >Occhiolino
    > >
    > --------------------------------------------------
    > > Modificato dall' autore il 07 luglio 2006 10.04
    > >
    > --------------------------------------------------
    > vabeb dai se correggi PI dovresti far chiudere i
    > quotidiani quando parlano di questa
    > materia.
    > Mi ricordero sempre la foto della centrale del
    > brasimone spacciata per osservatorio
    > astronomico.
    > cieli sereni...

    Ok ma rimane il fatto che un cronografo è un segna tempo Deluso
    non+autenticato


  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da: pegasus2000
    > > > "La soluzione tradizionale utilizzata per
    > > ovviare
    > > > a questo problema è uno schermo, chiamato
    > > > CORONOGRAFO (non CROMOGRAFO), che permette di
    > > > oscurare la luce della stella madre fornendo
    > una
    > > > visione della zona circostante ad
    > > > essa."
    > > >
    > > > Fatevi controllare gli articoli per lo meno da
    > > un
    > > > astrofilo prima di pubblicare, grazie
    > > >Occhiolino
    > > >
    > >
    > --------------------------------------------------
    > > > Modificato dall' autore il 07 luglio 2006
    > 10.04
    > > >
    > >
    > --------------------------------------------------
    > > vabeb dai se correggi PI dovresti far chiudere i
    > > quotidiani quando parlano di questa
    > > materia.
    > > Mi ricordero sempre la foto della centrale del
    > > brasimone spacciata per osservatorio
    > > astronomico.
    > > cieli sereni...
    >
    > Ok ma rimane il fatto che un cronografo è un
    > segna tempo
    >Deluso

    Si il croNografo e' un segna tempo, BRAVISSIMO!!!!Rotola dal ridere

    MA su PI si parla di croMografo, Arrabbiato che e' uno strumento esistente e che serve a studiare la croMosfera delle stelle.

    Se volte correggere qualcuno preoccupatevi di saper leggere con attenzione almeno.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    --------------------------------------------------
    > vabeb dai se correggi PI dovresti far chiudere i
    > quotidiani quando parlano di questa
    > materia.
    >

    ..mah.. quasi quasi mi lascerei tentare.

    Il livello di informazione scientifica proveniente dai quotidiani/periodici italiani a larga diffusione è meno di nulla (leggi: informazioni sbagliate). I giornalisti (generalmente) non fanno il minimo sforzo per cercare di capire ciò di cui vogliono poi parlare. Piuttosto che leggere castronerie, io preferisco il silenzio. Poi ci si meraviglia se la gente confonde l'Astronomia con l'astrologia..

    > cieli sereni...

    A te Occhiolino
    non+autenticato
  • Ma la smettono di ragionare in miglia questi qua ? Non gli e' bastato perdere un satellite congiunt UK USA per capire che tutti devono ragionare in metri ??
    non+autenticato
  • Perché continuiamo a dire la macchina X ha Y CV quando dovremmo usare i kW?
    Perché continuiamo a usare atmosfere e bar invece del Pascal?
    Ci sono usi inveterati che è molto difficile cambiare...
    non+autenticato
  • Beh, dai qualche passo avanti lo abbiamo fatto:
    La tassa automobilistica la paghi un tanto al kW, le pressioni atmosferiche alle previsioni del tempo da qualche annetto te le dicono in ettopascal invece che in millibar. Su molte confezioni di alimenti in valore energetico è scritto anche in kJ oltre che in calorie.

    Ma credo che le due più dure da digerire saranno in pesi in Newton e le temperature in Kelvin. Sorride

    Tra amiche:"Mamma mia sono ingrassata! Sono arrivata a 441 Newton! Devo subito mettermi a dieta! Non più di 5400 kJoule al giorno e fare un po' di attività fisica! Anche se con 310 Kelvin all'ombra non è facile!" Sorride))))

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Beh, dai qualche passo avanti lo abbiamo fatto:
    > La tassa automobilistica la paghi un tanto al kW,
    > le pressioni atmosferiche alle previsioni del
    > tempo da qualche annetto te le dicono in
    > ettopascal invece che in millibar. Su molte
    > confezioni di alimenti in valore energetico è
    > scritto anche in kJ oltre che in
    > calorie.
    >
    > Ma credo che le due più dure da digerire saranno
    > in pesi in Newton e le temperature in Kelvin.
    > Sorride
    >
    > Tra amiche:"Mamma mia sono ingrassata! Sono
    > arrivata a 441 Newton! Devo subito mettermi a
    > dieta! Non più di 5400 kJoule al giorno e fare un
    > po' di attività fisica! Anche se con 310 Kelvin
    > all'ombra non è facile!"
    > Sorride))))
    >


    "andiamo a fare quattro parsec?"

    "Aspetta due eoni."
    Larry
    6770

  • - Scritto da: Larry
    >
    > - Scritto da:
    > > Beh, dai qualche passo avanti lo abbiamo fatto:
    > > La tassa automobilistica la paghi un tanto al
    > kW,
    > > le pressioni atmosferiche alle previsioni del
    > > tempo da qualche annetto te le dicono in
    > > ettopascal invece che in millibar. Su molte
    > > confezioni di alimenti in valore energetico è
    > > scritto anche in kJ oltre che in
    > > calorie.
    > >
    > > Ma credo che le due più dure da digerire saranno
    > > in pesi in Newton e le temperature in Kelvin.
    > > Sorride
    > >
    > > Tra amiche:"Mamma mia sono ingrassata! Sono
    > > arrivata a 441 Newton! Devo subito mettermi a
    > > dieta! Non più di 5400 kJoule al giorno e fare
    > un
    > > po' di attività fisica! Anche se con 310 Kelvin
    > > all'ombra non è facile!"
    > > Sorride))))
    > >
    >
    >
    > "andiamo a fare quattro parsec?"
    >
    > "Aspetta due eoni."


    Ma di che quark state parlando?
    non+autenticato
  • > Ma credo che le due più dure da digerire saranno
    > in pesi in Newton e le temperature in Kelvin.

    I Kelvin non sono utili nella vita di tutti i giorni, dato che noi siamo molto legati al punto di congelamento dell'acqua per sapere che tempo fa. Ma usare i Newton per il peso corporeo non ha assolutamente senso: in realtà noi usiamo i grammi a proposito, dato che misuriamo la nostra massa, che non cambia se andiamo nello spazio o sulla Luna. Mentre i newton cambiano a seconda della gravità, quindi è un assurdità immensa parlare di "peso" anzichè di "massa".

    L'errore quindi non sta nella testa della gente, ma nei produttori delle bilancie, che per pesare mettono una scala graduata per le masse, anzichè per i pesi.

    Il grammo è un unità standard e fa parte del sistema metrico decimale e definisce le masse, non i pesi.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Ma credo che le due più dure da digerire saranno
    > > in pesi in Newton e le temperature in Kelvin.
    >
    > I Kelvin non sono utili nella vita di tutti i
    > giorni, dato che noi siamo molto legati al punto
    > di congelamento dell'acqua per sapere che tempo
    > fa. Ma usare i Newton per il peso corporeo non ha
    > assolutamente senso: in realtà noi usiamo i
    > grammi a proposito, dato che misuriamo la nostra
    > massa, che non cambia se andiamo nello spazio o
    > sulla Luna. Mentre i newton cambiano a seconda
    > della gravità, quindi è un assurdità immensa
    > parlare di "peso" anzichè di
    > "massa".
    >
    > L'errore quindi non sta nella testa della gente,
    > ma nei produttori delle bilancie, che per pesare
    > mettono una scala graduata per le masse, anzichè
    > per i pesi.
    >
    >
    > Il grammo è un unità standard e fa parte del
    > sistema metrico decimale e definisce le masse,
    > non i
    > pesi.


    Le masse le prendiamo in considerazione solo per scegliere le veline (e simili)
    non+autenticato
  • bellissimo, emozionante pensare ad un aggeggio del genere in orbita
    non+autenticato
  • Mica oscura a noi le stelle, serve solo al telescopio...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)