Texas Instruments svela i chip al DivX

Il DivX prosegue la sua avanzata nel mondo dell'hardware e presto potrebbe sbarcare sui player DVD e altri dispositivi consumer

San Diego (USA) - In termini economici, se confrontata con alcuni dei suoi maggiori rivali - Microsoft, RealNetworks o Apple - DivXNetworks appare come un piccolo, insignificante moscerino. Eppure il suo popolarissimo formato di compressione video, il DivX, sta emergendo come uno dei pi¨ seri concorrenti al Windows Media Video, al RealVideo o al QuickTime.

Grazie alla popolaritÓ conquistata ai tempi in cui il DivX era solo una scopiazzatura dei codec di Microsoft, questo formato, che dalla versione 4 Ŕ stato totalmente riscritto e potenziato, sta ora emergendo dall'underground per duellare a testa alta sul mercato commerciale, e questo anche grazie al prezioso apporto della comunitÓ di sviluppatori open source riunita nel noto Project Mayo.

Gli sforzi di DivXNetworks si sono di recente focalizzati nel garantire al proprio formato il supporto da parte dei produttori di hardware. Dopo il recente accordo con e.Digital, che consentirÓ al DivX di sbarcare su diversi dispositivi per l'elettronica di consumo, la piccola azienda di San Diego ha ora annunciato una partnership ancora pi¨ importante con Texas Instruments (TI), un colosso dei chip embedded e mobile che ha giÓ integrato un decoder DivX nella sua famiglia di digital signal processor DSC25.
Questa mossa potrebbe presto portare il supporto alla decodifica DivX su una vasta gamma di dispositivi elettronici di consumo, inclusi set-top box, player video hand held, lettori DVD e videocamere digitali.

Il DSC25 di TI Ŕ un system-on-a-chip integrante un motore per l'elaborazione audio/video capace di riprodurre flussi audio/video in formato DivX a pieno schermo e frame-rate.

"Un ingrediente fondamentale nel rendere la convergenza video una realtÓ Ŕ l'emergenza di una robusta soluzione embedded che spinga la prossima generazione di dispositivi multimediali in grado di fare da ponte fra il PC e la TV. Noi siamo convinti che i chip di DSC TI rispondano in pieno a questa esigenza", ha dichiarato Jordan Greenhall, CEO e co-fondatore di DivXNetworks. "Nei prossimi 6-8 mesi, assisteremo al rilascio di una varietÓ di dispositivi hardware capaci di riprodurre video DivX, dai player hand held alle set-top box digitali".

La posizione di leadership che TI ha sul mercato dei chip embedded potrebbe spingere il formato DivX lÓ dove ben pochi concorrenti si sono al momento spinti, e contribuire a rendere questa tecnologia uno standard di fatto anche al di fuori di Internet.
TAG: hw
3 Commenti alla Notizia Texas Instruments svela i chip al DivX
Ordina