Il cracking di Galileo? Una mezza bufala

Lo confermano le autorità europee che si occupano del progettone satellitare: i codici aperti dai ricercatori della Cornell University americana non sono quelli che verranno usati per Galileo

Bruxelles - I sospetti dei molti che hanno letto, spesso con indignazione, del cracking ai danni dei codici del sistema satellitare europeo Galileo, vengono ora confermati dalla Commissione Europea: quei codici non sono destinati ad essere operativi.

Secondo le autorità comunitarie, infatti, il codice craccato altro non è che un prototipo e non sarà quello ad essere utilizzato quando Galileo entrerà nella sua fase commerciale, fornendo un servizio di localizzazione sulla carta più preciso di quello offerto dall'attuale GPS americano.

Riferendosi al codice craccato, le autorità dell'Unione hanno spiegato che non è un mistero che si tratti di codice non pubblico. "Il codice - hanno spiegato ai giornalisti - non è stato pubblicato dal momento che non si intendeva utilizzarlo per scopi commerciali. Ma il codice non era segreto, anzi, non può essere neppure considerato un risultato significativo trovarlo".
Il riferimento è al fatto che quel codice è utilizzato per Giove-A, uno dei satelliti sperimentali di Galileo, e che nulla avrebbe a che vedere con quella che sarà la "release" finale. Anzi, il rappresentante UE ha spiegato che sul sito europeo Galileo Joint Undertaking, con il quale vengono coordinate le attività di sviluppo e di partnership del progetto, quei codici sono già stati pubblicati.

La risposta di Bruxelles alle pretese scoperte degli scienziati della Cornell University che sostenevano di avere "aperto" Galileo getta dunque acqua sul fuoco. Come a mettere le mani avanti, la Commissione ha persino fatto sapere, secondo EETimes, che in futuro il codice finale sarà liberamente disponibile.
13 Commenti alla Notizia Il cracking di Galileo? Una mezza bufala
Ordina
  • Riprendo una spunto letto su pi qualche tempo fa: se ricevo un segnale dal cielo e lo decritto, sono punibile? Rotola dal ridere

  • - Scritto da: Kudos
    > Riprendo una spunto letto su pi qualche tempo fa:
    > se ricevo un segnale dal cielo e lo decritto,
    > sono punibile?
    > Rotola dal ridere

    Mi pare che per le tv satellitari a pagamento ci sia una legge apposta.
  • avete letto su l'Espresso?

    rischia semplicemente di essere un buco nero perchè non si mettono d'accordo... gli investitori non vogliono rischiare troppo... e vorrebbero accollare tutto sugli stati... (eccezionali... perchè di solito è quello che si dice degli imprenditori rispetto ai dipendenti... che loro rischiano...)

    ... rischia di non partire affatto, insomma.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > avete letto su l'Espresso?
    >
    > rischia semplicemente di essere un buco nero
    > perchè non si mettono d'accordo... gli
    > investitori non vogliono rischiare troppo... e
    > vorrebbero accollare tutto sugli stati...
    > (eccezionali... perchè di solito è quello che si
    > dice degli imprenditori rispetto ai dipendenti...
    > che loro
    > rischiano...)
    >
    > ... rischia di non partire affatto, insomma.

    hoibò, dovranno tirar giù i satelliti già in orbita, allora...
    ...non so se gli conviene...
    non+autenticato
  • Ma quante volte vogliono farcelo pagare l'accesso ai servizi di localizzazione?
    Il successo del GPS (quello americano) è nato proprio dal fatto che tutti, in tutto il mondo possono beneficiarne, basta avere un antenna GPS e funziona. Ho capito bene? Il servizio di localizzazione Galileo vuole una registrazione per l'accesso, quindi: paghi per il software, paghi per l'hardware, paghi per l'accesso. Ecco quindi a voi il "GPS DEI RICCHI". E tanti saluti. Meglio il sistema GPS NON EUROPEO. E cosa offre di più? La localizzazione con la precisione millimetrica? E capirai!!! Mi auguro che fallisca.
    non+autenticato
  • Forse non hai capito, cittadino: Galileo é EUROPEO quindi COSA BUONA E GIUSTA. Quindi tu comprerai i ricevitori e li pagherai, e sarai contento di farlo.

    Se l'Europa ti dice di saltare, tu salti. Se ti dice di cavarti un occhio, tu prendi un cacciavite e domandi "destro o sinistro"?

    Ora torna in fila.
    non+autenticato
  • Ma manco x idea! se devo pagare x qualcosa ke già è abbastanza funzionale e gratuito, quello europeo se lo possono infilare in quel posto!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma quante volte vogliono farcelo pagare l'accesso
    > ai servizi di
    > localizzazione?
    > Il successo del GPS (quello americano) è nato
    > proprio dal fatto che tutti, in tutto il mondo
    > possono beneficiarne, basta avere un antenna GPS
    > e funziona. Ho capito bene? Il servizio di
    > localizzazione Galileo vuole una registrazione
    > per l'accesso, quindi: paghi per il software,
    > paghi per l'hardware, paghi per l'accesso. Ecco
    > quindi a voi il "GPS DEI RICCHI". E tanti saluti.
    > Meglio il sistema GPS NON EUROPEO. E cosa offre
    > di più? La localizzazione con la precisione
    > millimetrica? E capirai!!! Mi auguro che
    > fallisca.

    Da wikipedia:
    "Un servizio criptato commerciale a larga banda e alta accuratezza sarà fornito ad un costo aggiuntivo, mentre il servizio di base sarà liberamente disponibile a chiunque sia dotato di un ricevitore compatibile."
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma quante volte vogliono farcelo pagare l'accesso
    > ai servizi di
    > localizzazione?
    > Il successo del GPS (quello americano) è nato
    > proprio dal fatto che tutti, in tutto il mondo
    > possono beneficiarne, basta avere un antenna GPS
    > e funziona. Ho capito bene? Il servizio di
    > localizzazione Galileo vuole una registrazione
    > per l'accesso, quindi: paghi per il software,
    > paghi per l'hardware, paghi per l'accesso. Ecco
    > quindi a voi il "GPS DEI RICCHI". E tanti saluti.
    > Meglio il sistema GPS NON EUROPEO. E cosa offre
    > di più? La localizzazione con la precisione
    > millimetrica? E capirai!!! Mi auguro che
    > fallisca.

    No, Galileo da quello che so sarà gratuito... offrirà *anche* servizi commerciali.
  • Da quello che ho capito Galileo sarà gratuito per tutti gli usi già coperti dal gps in più potrà vendere il servizio su zone non coperte dal suo rivale, magari anche a stati a cui per motivi militari è precluso l'utilizzo del gps (ad esempio Iran...).
    Inoltre la moaggior precidione può offrire servizi ancora più sofisticati come la guida automatica di veivoli e persino mezzi terrestri.

  • Facciamo un po' di chiarezza:

    - Galileo offrirà diversi tipi di serivizio, tra cui uno GRATUITO, chiamato Open Service e disponibile a tutti.

    - Galileo è interamente EUROPEO, il GPS è proprietà USA. Questo significa che con il Galileo non saremo più alla mercè degli USA, che possono decidere di oscurare il segnale quando vogliono (come accadde l'11 settembre)

    - Galileo è un sistema progettato per essere utilizzato *esclusivamente* in ambito CIVILE, mentre il GPS è prevalentemente militare.

    E' bene che taluni, prima di parlare, si informino un pochino...
    non+autenticato
  • Se l' hanno fatto una volta potranno rifarlo di nuovo con i codici definitivi a meno che non venga cambiato l' algoritmo di cifratura (sempre che si possa farlo a questo punto del progetto). Mi pare che questa smentita serva più che altro a gettare fumo negli occhi. Cosa c'entra che i codici trovati sono quelli provvisori usati nella fase di test, il problema è se l' algoritmo di cifratura è craccabile o no.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 18 luglio 2006 01.56
    -----------------------------------------------------------

  • - Scritto da: Enzo4510
    > Se l' hanno fatto una volta potranno rifarlo di
    > nuovo con i codici definitivi a meno che non
    > venga cambiato l' algoritmo di cifratura (sempre
    > che si possa farlo a questo punto del progetto).
    > Mi pare che questa smentita serva più che altro a
    > gettare fumo negli occhi. Cosa c'entra che i
    > codici trovati sono quelli provvisori usati nella
    > fase di test, il problema è se l' algoritmo di
    > cifratura è craccabile o
    > no.
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 18 luglio 2006 01.56
    > --------------------------------------------------

    Credo che non possiamo dare giudizi se non sappiamo effettivamente come stanno le cose. Più che altro possiamo andare a sensazione, senza dimenticare però, che le sensazioni ce le "smuove" chi ha scritto l'articolo che è andato anch'esso a sensazione per scriverlo.
    Praticamente...ho la sensazione che non ne sappiamo una mazza
    non+autenticato