Sorpresa! Crescono i remailer italiani

Partito in queste settimane un nuovo remailer anonimo italiano, che allarga così gli strumenti di tutela della privacy in rete a disposizione dell'utenza, tricolore e non. Un progettone già attivo e funzionante. Tutti i dettagli

Sorpresa! Crescono i remailer italianiRoma - No alle censure, sì alla libertà di comunicazione. È con questo spirito che i promotori di Cyberiade.it hanno deciso di dar vita ad un remailer anonimo, ovvero uno strumento che garantisce la possibilità di spedire comunicazioni senza essere individuati. Un'iniziativa rara, in Italia sono pochissimi i remailer attivi perlopiù frutto del lavoro del Progetto Winston Smith (PWS), un'operazione che è anche rivendicazione di libertà.

"In questi anni - scrive infatti Giacomo Cariello di Cyberiade.it - la libertà di comunicare senza essere spiati ha ricevuto notevoli limitazioni. A livello internazionale, la maggior parte degli stati ha imparato ad usare con successo la strategia del terrore per guardare dal buco della serratura l'intimità dei propri cittadini". E non si parla solo di paesi totalitari come la Cina o di quei paesi che non rispettano i diritti umani ma anche degli stati occidentali dove - continua Cariello - "le regole costituzionali vengono messe nel sacco, come nel caso del recente scandalo delle intercettazioni di AT&T e NSA".

Una situazione che disegna un limite già superato e che non esclude l'Italia, tra i paesi che effettuano il maggior numero di intercettazioni nel nome della sicurezza e soprattutto della lotta al terrorismo. "La legge - spiega Cyberiade.it - non spaventa i criminali, che ordiscono trame oscure a danno dei cittadini, grazie a reti di spionaggio abusive, utilizzate per gli scopi più svariati, come screditare avversari politici o effettuare operazioni finanziarie illecite di insider trading".
Unendo i propri sforzi a quelli dello stesso PWS e di Autistici/Inventati, e con questa dichiarazione di intenti, Cyberiade.it ha dato vita al nuovo remailer, uno strumento che può essere realizzato senza dover ricorrere ad ingenti risorse ma che produce effetti immediati in termini di libertà e privacy. E che si contrappone al rallentamento nello sviluppo di remailer che ha prodotto anche una contrazione del loro numero negli anni.

Nello specifico, si tratta di un remailer di tipo I, II e III, con il supporto SSL/TLS certificato da una Certification Authority accreditata. Sulla home page del servizio c'è anche il riferimento esplicito all'articolo 15 della Costituzione italiana, quello che stabilisce l'inviolabilità delle comunicazioni e della corrispondenza.

Tre i servizi disponibili:
- Remailer di tipo I e II realizzato con il software mixmaster
- Remailer di tipo III realizzato con mixminion
- Remailer pinger mixmaster, attivo a questa pagina, uno strumento che, attraverso mail di prova, testa il funzionamento dei remailer e offre una reportistica conseguente.

"Durante il percorso di erudizione e di attuazione del progetto - spiega Cyberiade.it - abbiamo potuto constatare che la situazione di questo tipo di software è abbastanza desolante: metodi di installazione non-standard, qualità del codice mediamente scarsa, aggiornamenti sporadici, documentazione obsoleta, link non disponibili. Questo stato di sofferenza globale è sicuramente un freno nell'adozione di questi strumenti da parte del grande pubblico".

"Speriamo - conclude il sito - che la nostra esperienza e buona volontà possano risultare utili alla comunità. Per cominciare, vogliamo rendere disponibili gli ebuilds che abbiamo creato per installare il software necessario su Gentoo".
155 Commenti alla Notizia Sorpresa! Crescono i remailer italiani
Ordina
  • E' vero che esiste la tessera del donatore on line? Un sì telematico che permette a chiunque di donare a chiunque a sua insaputa? Secondo il sito http://www.antipredazione.org basta nome cognome data di nascita luogo di nascita e UNA EMAIL. Niente di più facile. Automaticamente il "donato" verrà inserito in un archivio informatico gestito dall'ufficio marketing e commerciale di una società di Roma, che li passerà al CNT colegato con gli archivi informatici dei Centri interregionali garantendogli un espianto alla prima occasione.
    Ora, utilizzando un remailer anonimo potrei aggiungere all'archivio tutti quelli a cui voglio far depredare gli organi ....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > E' vero che esiste la tessera del donatore on
    > line? Un sì telematico che permette a chiunque di
    > donare a chiunque a sua insaputa? Secondo il sito
    > http://www.antipredazione.org basta nome cognome
    > data di nascita luogo di nascita e UNA EMAIL.
    > Niente di più facile. Automaticamente il "donato"
    > verrà inserito in un archivio informatico gestito
    > dall'ufficio marketing e commerciale di una
    > società di Roma, che li passerà al CNT colegato
    > con gli archivi informatici dei Centri
    > interregionali garantendogli un espianto alla
    > prima
    > occasione.
    > Ora, utilizzando un remailer anonimo potrei
    > aggiungere all'archivio tutti quelli a cui voglio
    > far depredare gli organi
    > ....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > E' vero che esiste la tessera del donatore on
    > line? Un sì telematico che permette a chiunque di
    > donare a chiunque a sua insaputa? Secondo il sito
    > http://www.antipredazione.org basta nome cognome
    > data di nascita luogo di nascita e UNA EMAIL.
    > Niente di più facile. Automaticamente il "donato"
    > verrà inserito in un archivio informatico gestito
    > dall'ufficio marketing e commerciale di una
    > società di Roma, che li passerà al CNT colegato
    > con gli archivi informatici dei Centri
    > interregionali garantendogli un espianto alla
    > prima
    > occasione.
    > Ora, utilizzando un remailer anonimo potrei
    > aggiungere all'archivio tutti quelli a cui voglio
    > far depredare gli organi
    > ....

    Mi pare che tu stia confondendo due problemi
    1) una legge (discutibile o meno) sulla donazione

    2) l'anonimato di una e-mail con effetto di legge (cosa illegittima per definizione) e che in ogni caso riguarderebbe anche la NORMALE POSTA!

    Se una legge è sbagliata (sempre che lo sia) la si cambia non si inventano problemi che nulla hanno a che fare con la legge in sè .
    L'anonimato di una e-mail non cambia ne in senso migliorativo ne peggiorativo la legge.

    A maggior ragione il problema riguarda allora anche la posta "normale", il telefono, il camminare per strada o l'entrare in un cinema!

    o in un negozio!

    Fossi in te proverei ad usare la testa prima di spararare nel mucchio per cercare facili sensazionalismi!
    non+autenticato
  • E non vedo l'ora che il mio provider blocchi la ricezione di messaggi con mittente nascosto.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > E non vedo l'ora che il mio provider blocchi la
    > ricezione di messaggi con mittente
    > nascosto.

    Rotola dal ridere Mica c'è una flag che ti dice "il mittente di questo messaggio non corrisponde al mittente reale". Altrimenti sarebbe una banalità creare software anti-SPAM.

  • - Scritto da:
    > E non vedo l'ora che il mio provider blocchi la
    > ricezione di messaggi con mittente
    > nascosto.

    Posto che sei liberissimo di non rispondere a noi checcenecale?
    AnnoiatoNewbie, inespertoAnnoiatoNewbie, inesperto
    non+autenticato
  • Sarebbe allora giusto che ogni utente possa avere un opzione dal provider per bloccare oltre a virus e simili anche questi tipi di email.

    Uno vuole il diritto di inviare anonimo, uno puo' voler il diritto di non ricevere messaggi anonimi.

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Uno vuole il diritto di inviare anonimo, uno puo'
    > voler il diritto di non ricevere messaggi
    > anonimi.
    >

    E perché mai un utente vorrebbe fare una cosa tanto sciocca? Ossia limitarsi la possibilità di ricevere messaggi anonimi... è un po' come chiedere alle poste di non consegnarti lettere e cartoline senza mittente.

  • > E perché mai un utente vorrebbe fare una cosa
    > tanto sciocca? Ossia limitarsi la possibilità di
    > ricevere messaggi anonimi... è un po' come
    > chiedere alle poste di non consegnarti lettere e
    > cartoline senza
    > mittente.

    Io vorrei tanto un'opzione per poter finalmente occultare alla mia vista i tuoi post trolleschi. E aggiungo anche di pessimo gusto quando si trolla e ironizza su cose come la pedofilia.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > > E perché mai un utente vorrebbe fare una cosa
    > > tanto sciocca? Ossia limitarsi la possibilità di
    > > ricevere messaggi anonimi... è un po' come
    > > chiedere alle poste di non consegnarti lettere e
    > > cartoline senza
    > > mittente.
    >
    > Io vorrei tanto un'opzione per poter finalmente
    > occultare alla mia vista i tuoi post trolleschi.

    E' registrato, evitare i suoi post è facile.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Io vorrei tanto un'opzione per poter finalmente
    > occultare alla mia vista i tuoi post trolleschi.

    Facile. Ignorali. Sono firmati no?
    Mi piacerebbe fare altrettanto con i tuoi... ma non posso... purtroppoTriste

    > E aggiungo anche di pessimo gusto quando si
    > trolla e ironizza su cose come la
    > pedofilia.

    Io non trollo mai sulla pedofilia, MAI. Dico solo cose di cui sono ASSOLUTAMENTE convinto.
    Sei tu che ritieni che chiunque non la pensi come te sta trollando.
  • - Scritto da:
    >
    > > E perché mai un utente vorrebbe fare una cosa
    > > tanto sciocca? Ossia limitarsi la possibilità di
    > > ricevere messaggi anonimi... è un po' come
    > > chiedere alle poste di non consegnarti lettere e
    > > cartoline senza
    > > mittente.
    >
    > Io vorrei tanto un'opzione per poter finalmente
    > occultare alla mia vista i tuoi post trolleschi.
    > E aggiungo anche di pessimo gusto quando si
    > trolla e ironizza su cose come la
    > pedofilia.

    Se paghi la sviluppo io.

    Cmq sarebbe una cosa buona la possibilita' di non ricevere posta senza mittente.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 luglio 2006 13.16
    -----------------------------------------------------------
    kotaro
    2056

  • - Scritto da: kotaro
    > - Scritto da:
    > >
    > > > E perché mai un utente vorrebbe fare una cosa
    > > > tanto sciocca? Ossia limitarsi la possibilità
    > di
    > > > ricevere messaggi anonimi... è un po' come
    > > > chiedere alle poste di non consegnarti
    > lettere
    > e
    > > > cartoline senza
    > > > mittente.
    > >
    > > Io vorrei tanto un'opzione per poter finalmente
    > > occultare alla mia vista i tuoi post trolleschi.
    > > E aggiungo anche di pessimo gusto quando si
    > > trolla e ironizza su cose come la
    > > pedofilia.
    >
    > Se paghi la sviluppo io.

    A bocca aperta
    Dai che ti aiuto ^_^

  • - Scritto da:
    >
    > > E perché mai un utente vorrebbe fare una cosa
    > > tanto sciocca? Ossia limitarsi la possibilità di
    > > ricevere messaggi anonimi... è un po' come
    > > chiedere alle poste di non consegnarti lettere e
    > > cartoline senza
    > > mittente.
    >
    > Io vorrei tanto un'opzione per poter finalmente
    > occultare alla mia vista i tuoi post trolleschi.
    > E aggiungo anche di pessimo gusto quando si
    > trolla e ironizza su cose come la
    > pedofilia.

    Hai rotto. Se non vuoi leggere i suoi post ignoralo e finiscila. Dei tuoi problemi non interessa nulla a nessuno qui.

    Non capisco perchè il moderatore abbia marcato come OT il mio precedente messaggio mentre secondo lui è perfettamente IT attaccare Wakko e definire i suoi post "trolleschi" in un post in cui si parla di remailer e messaggi anonimi.
    non+autenticato

  • > Hai rotto. Se non vuoi leggere i suoi post
    > ignoralo e finiscila. Dei tuoi problemi non
    > interessa nulla a nessuno
    > qui.

    Rotola dal ridere Fantastico! Sono gli altri ad avere dei problemi adesso. Eh sì! Noi non capiamo!
    Ma smettetela di trollare tutti e due.

    > Non capisco perchè il moderatore abbia marcato
    > come OT il mio precedente messaggio mentre
    > secondo lui è perfettamente IT attaccare Wakko e
    > definire i suoi post "trolleschi" in un post in
    > cui si parla di remailer e messaggi
    > anonimi.

    Perchè wakko è un abile provocatore. Non ci vuole un genio per capire che "trolla".
    E' un troll raffinato. Sa muovere tutte le corde giuste per farti incazzare. Ormai il forum di PI sta diventando WakkoShow, e lui ci gode in questo.
    Anche il suo intervento sui remailer è una trollata. Poi tu vedila come ti pare, ma non fare il cane da difesa di wakko che non ne ha certo bisogno.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Perchè wakko è un abile provocatore.

    Ficoso Per gli autografi contattatemi in PI-Box Ficoso

    Caz*ate a parte, non sono io che tiro fuori l'argomento pedofilia ogni due per tre per istigare guerre di religione. Dimmi tu qui cosa c'entrava il post di questo tizio se non per provocarmi.

    Io non provoco, io dico *esattamente* quello che penso. Siete voi a non essere capaci di accettare le idee altrui. Siete voi a non essere capaci di usare il raziocinio anziché le centinaia d'anni di caz*ate che vi sono state propinate e spacciate per verità.

    E come dice Alien:
    "open your eyes and close your ass".

    E questo è il mio ultimo post in questo thread.
  • sei un troll.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato

  • La criminalità organizzata e i gruppi terroristici hanno fin troppe agevolazioni grazie alla possibilità di usufruire di una "tecnolgia" senza regole.

    Tutti dovrebbero essere individuabili, la privacy è un concetto che riguarda la sicurezza di una nazione e non il singolo individuo.

    Gli individui non devono poter usfruire della privacy. La privacy è in ogni caso un falso problema , perchè la privacy non esiste, e non può essere il singolo individuo a richiederla o pretenderla ma devono essere le leggi del proprio paese a garantirgli una protezione da un uso illegittimo dei suoi dati personali.

    Chi cerca di costruirsi una propria privacy rispetto a quella garantitagli dalle istituzioni dovrebbe essere penalmente perseguito!

    Chi si nasconde dovrebbe essere gettato in galera. Tutti (e intendo proprio tutti! Ogni individuo che gira liberamente nei nostri paesi occidentali democratici e liberi) dovremmo essere rintracciabili tramite bracciali o chips sottocutanei, perchè la libertà di un paese è funzione solo della sicurezza!

    Non vi è libertà e democrazia senza sicurezza!
    non+autenticato
  • > La criminalità organizzata e i gruppi
    > terroristici hanno fin troppe agevolazioni grazie
    > alla possibilità di usufruire di una "tecnolgia"
    > senza
    > regole.

    Ma dai, non mi dire che bin laden e simili usano la tecnologia... la cosa più evoluta che hanno usato è spedire una videocassetta ad aljazeera


    > Tutti dovrebbero essere individuabili, la privacy
    > è un concetto che riguarda la sicurezza di una
    > nazione e non il singolo
    > individuo.
    > Gli individui non devono poter usfruire della
    > privacy.

    Perfetto, allora dato che siamo della tua stessa nazione posta su questo forum il tuo numero di conto corrente, il nome e cognome della ragazza che avevi prima di esserti sposato ed il tuo numero di carta di credito

    > devono essere le leggi del
    > proprio paese a garantirgli una protezione da un
    > uso illegittimo dei suoi dati
    > personali.
    > Chi cerca di costruirsi una propria privacy
    > rispetto a quella garantitagli dalle istituzioni
    > dovrebbe essere penalmente
    > perseguito!

    Appunto, siccome ci sono le leggi che ti tutelano dall'uso illegittimo dei tuoi dati personali dacci subito quelli che ti ho richiesto


    > Chi si nasconde dovrebbe essere gettato in
    > galera.

    Se non li dai entro 5 minuti vacci pure, l'hai voluto te


    > Ogni individuo che gira liberamente nei nostri paesi
    > occidentali democratici e liberi) dovremmo essere
    > rintracciabili tramite bracciali o chips
    > sottocutanei, perchè la libertà di un paese è
    > funzione solo della
    > sicurezza!

    Benissimo, mettitelo e fa in modo che tutti i tuoi spostamenti siano consultabili dal web da chiunque da qualsiasi parte del mondo
    E se ogni tanto lo togli vai in galera!


    Non so se ti sei reso conto di quello che stai dicendo
    non+autenticato

  • > Non so se ti sei reso conto di quello che stai
    > dicendo

    Mah ... secondo me è un Troll chiacchierone.
    non+autenticato
  • Solo secondo te vero? Cylon
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > La criminalità organizzata e i gruppi
    > > terroristici hanno fin troppe agevolazioni
    > grazie
    > > alla possibilità di usufruire di una "tecnolgia"
    > > senza
    > > regole.
    >
    > Ma dai, non mi dire che bin laden e simili usano
    > la tecnologia... la cosa più evoluta che hanno
    > usato è spedire una videocassetta ad
    > aljazeera
    >
    Si vede che ignori completamente il modus operandi dei terroristi di matrice islamica
    >
    > > Tutti dovrebbero essere individuabili, la
    > privacy
    > > è un concetto che riguarda la sicurezza di una
    > > nazione e non il singolo
    > > individuo.
    > > Gli individui non devono poter usfruire della
    > > privacy.
    >
    > Perfetto, allora dato che siamo della tua stessa
    > nazione posta su questo forum il tuo numero di
    > conto corrente, il nome e cognome della ragazza
    > che avevi prima di esserti sposato ed il tuo
    > numero di carta di
    > credito
    >
    Allora non capisci. Il singolo individuo non è tenuto a rendere note le sue credenziali a un altro individuo, ma alle istituzioni. Tu devi essere schedato e schedabile, rintracciato e rintracciabile in qualsiasi fottuto istante della tua vita da un ente governativo preposto per la sicurezza della collettività non solo nazionale ma 'mondiale'.
    > > devono essere le leggi del
    > > proprio paese a garantirgli una protezione da un
    > > uso illegittimo dei suoi dati
    > > personali.
    > > Chi cerca di costruirsi una propria privacy
    > > rispetto a quella garantitagli dalle istituzioni
    > > dovrebbe essere penalmente
    > > perseguito!
    >
    > Appunto, siccome ci sono le leggi che ti tutelano
    > dall'uso illegittimo dei tuoi dati personali
    > dacci subito quelli che ti ho
    > richiesto
    >
    idem come sopra
    >
    > > Chi si nasconde dovrebbe essere gettato in
    > > galera.
    >
    > Se non li dai entro 5 minuti vacci pure, l'hai
    > voluto
    > te
    >
    pensi di essere spiritoso?
    >
    > > Ogni individuo che gira liberamente nei nostri
    > paesi
    > > occidentali democratici e liberi) dovremmo
    > essere
    > > rintracciabili tramite bracciali o chips
    > > sottocutanei, perchè la libertà di un paese è
    > > funzione solo della
    > > sicurezza!
    >
    > Benissimo, mettitelo e fa in modo che tutti i
    > tuoi spostamenti siano consultabili dal web da
    > chiunque da qualsiasi parte del
    > mondo
    > E se ogni tanto lo togli vai in galera!
    >
    continui a non capire...non dobbiamo essere rintracciabili da tutti ma solo dagli enti governativi preposti. Lo vuoi capire o no?
    >
    > Non so se ti sei reso conto di quello che stai
    > dicendo

    Forse sei tu quello che capisci
    non+autenticato
  • Hai strani concetti di "libertà" e "sicurezza".

  • - Scritto da: Wakko Warner
    > Hai strani concetti di "libertà" e "sicurezza".

    Beh wacco, il tuo concetto di libertà è quello di fare i tuoi porci comodi senza alcun ritegno del prossimo. Della sicurezza poi non ti poni neppure il problema ...
    C'è chi è troppo da una parte, ma tu sei troppo dall'altra.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Beh wacco, il tuo concetto di libertà è quello di
    > fare i tuoi porci comodi senza alcun ritegno del
    > prossimo.

    Dimostrami il danno, poi se ne riparla.
    Provenzano forse usava PGP per comunicare con i suoi compari? Quanti decenni sono stati necessari per stanarlo? Come vedi non serve affatto avere a disposizione questi sistemi per delinquere.

    O io non dovrei fare i "miei porci comodi" perché a te questo non piace? È questo il punto? Ci sono cose che secondo te io non dovrei fare e ti erigi sopra di me per giudicarmi in base alla tua morale?

    Per fortuna che ci sono i mezzi anonimi e segreti per comunicare... così io posso continuare a fare i "miei porci comodi" e tu puoi continuare a vivere in pace con la tua coscienza.

    > Della sicurezza poi non ti poni neppure
    > il problema

    Di quale sicurezza stai parlando? Ti pare sicura una società in cui il governo (o chi per lui) può spiare a proprio piacere i cittadini?

    Ma prova anche solo ad immaginare cosa sarebbe successo se il Nazismo avesse avuto a disposizione i mezzi di oggi per poter individuare omosessuali, ebrei, ecc ecc ecc. Ci hai pensato a questo? Ritieni veramente tanto impossibile il fatto che questi eventi, avvenuti solo qualche decennio fa, possano ripetersi?
    Anzi... ti dirò... secondo me questi tempi stanno tornando... e anche in fretta!

    Mi dispiace, ma non rinuncio alla mia privacy, al mio anonimato e alla mia segretezza per le tue paure.

    > C'è chi è troppo da una parte, ma tu sei troppo
    > dall'altra.

    Non credo, ma del resto è questione di punti di vista.Sorride

  • - Scritto da: Wakko Warner
    >
    > - Scritto da:
    > > Beh wacco, il tuo concetto di libertà è quello
    > di
    > > fare i tuoi porci comodi senza alcun ritegno del
    > > prossimo.
    >
    > Dimostrami il danno, poi se ne riparla.
    > Provenzano forse usava PGP per comunicare con i
    > suoi compari? Quanti decenni sono stati necessari
    > per stanarlo? Come vedi non serve affatto avere a
    > disposizione questi sistemi per
    > delinquere.
    >
    > O io non dovrei fare i "miei porci comodi" perché
    > a te questo non piace? È questo il punto? Ci sono
    > cose che secondo te io non dovrei fare e ti erigi
    > sopra di me per giudicarmi in base alla tua
    > morale?
    >
    > Per fortuna che ci sono i mezzi anonimi e segreti
    > per comunicare... così io posso continuare a fare
    > i "miei porci comodi" e tu puoi continuare a
    > vivere in pace con la tua
    > coscienza.

    ma che "porci comodi" fai?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: Wakko Warner
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > Beh wacco, il tuo concetto di libertà è quello
    > > di
    > > > fare i tuoi porci comodi senza alcun ritegno
    > del
    > > > prossimo.
    > >
    > > Dimostrami il danno, poi se ne riparla.
    > > Provenzano forse usava PGP per comunicare con i
    > > suoi compari? Quanti decenni sono stati
    > necessari
    > > per stanarlo? Come vedi non serve affatto avere
    > a
    > > disposizione questi sistemi per
    > > delinquere.
    > >
    > > O io non dovrei fare i "miei porci comodi"
    > perché
    > > a te questo non piace? È questo il punto? Ci
    > sono
    > > cose che secondo te io non dovrei fare e ti
    > erigi
    > > sopra di me per giudicarmi in base alla tua
    > > morale?
    > >
    > > Per fortuna che ci sono i mezzi anonimi e
    > segreti
    > > per comunicare... così io posso continuare a
    > fare
    > > i "miei porci comodi" e tu puoi continuare a
    > > vivere in pace con la tua
    > > coscienza.
    >
    > ma che "porci comodi" fai?

    Me lo chiedevo anche io... chiedi al tipo che ho quotato.Sorride
  • diciamo che provenzano aveva amici in alto
    non+autenticato
  • Scusate ma invece di usare questi remailer che in realtà non sono poi così tanto anonimi, perchè il messaggio viaggia su internet sempre in chiaro e quindi vi possono intercettare, perchè non usate la crittografia?
    Basta che prendete un certificato email gratuito da una certification authority (thawte per esempio) e potete criptare e fare la firma digitare a tutte le email che mandate. Così si che non possono intercettarvi Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Scusate ma invece di usare questi remailer che in
    > realtà non sono poi così tanto anonimi, perchè il
    > messaggio viaggia su internet sempre in chiaro e
    > quindi vi possono intercettare, perchè non usate
    > la
    > crittografia?
    > Basta che prendete un certificato email gratuito
    > da una certification authority (thawte per
    > esempio) e potete criptare e fare la firma
    > digitare a tutte le email che mandate. Così si
    > che non possono intercettarvi
    >Occhiolino

    Lo scopo di un remailer anonimo è l'anonimità... lo scopo della crittografia è la segretezza.

    Esistono (o meglio... esistevano... ora non so) remailer che mettono assieme queste due cose.

  • - Scritto da: Wakko Warner

    > Lo scopo di un remailer anonimo è l'anonimità...
    > lo scopo della crittografia è la
    > segretezza.

    Giusto! fin qui non fa una piega!

    >
    > Esistono (o meglio... esistevano... ora non so)
    > remailer che mettono assieme queste due
    > cose.

    Sbaglato! la crittografia la fai tu con la tua chiave non una "terza parte" che non serve altrimenti anche lei conoscerebbe il contenuto! (giocoforza) il remailer non è coinvolto nella crittografia del tuo content ma solo per la parte esterna (trasporto) che serve a proteggere l'anonimato mentre viaggia tra un remailer e l'altro.

    Ciao wakko

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Sbaglato! la crittografia la fai tu con la tua
    > chiave non una "terza parte" che non serve
    > altrimenti anche lei conoscerebbe il contenuto!
    > (giocoforza) il remailer non è coinvolto nella
    > crittografia del tuo content ma solo per la parte
    > esterna (trasporto) che serve a proteggere
    > l'anonimato mentre viaggia tra un remailer e
    > l'altro.

    Quello che io intendevo è che una volta (non so ora) c'erano remailer a cui potevi spedire messaggi crittati con la loro chiave pubblica PGP.
    In questo modo non solo ottenevi l'anonimato (perché il remailer prima decrittava la mail ricevuta, ne leggeva il contenuto e da esso ne ricavava il destinatario) e poi spediva l'email in chiaro al destinatario.

    In questo modo oltre all'anonimato (l'email in chiaro era spedita dal remailer e non da te) ottenevi anche la segretezza (chiunque intercettasse l'email fra te e il remailer non poteva né conoscerne il contenuto né stabilire il destinatario reale).

  • - Scritto da: Wakko Warner
    > In questo modo oltre all'anonimato (l'email in
    > chiaro era spedita dal remailer e non da te)
    > ottenevi anche la segretezza (chiunque
    > intercettasse l'email fra te e il remailer non
    > poteva né conoscerne il contenuto né stabilire il
    > destinatario
    > reale).

    Beh... la segretezza non è al massimo, si potrebbe benissimo intercettare l'email quando va dal remailer al destinatario, oppure se l'amministratore del remailer è curioso potrebbe leggerla anche lui A bocca aperta

    Magari sarebbe meglio criptare la email come faresti se dovessi inviarla direttamente al destinatario, ed inviarla tramite il remailer.
    Così ottieni anche la segretezza al 100%

  • - Scritto da: Matx
    > Beh... la segretezza non è al massimo, si
    > potrebbe benissimo intercettare l'email quando va
    > dal remailer al destinatario, oppure se
    > l'amministratore del remailer è curioso potrebbe
    > leggerla anche lui
    >A bocca aperta
    >
    > Magari sarebbe meglio criptare la email come
    > faresti se dovessi inviarla direttamente al
    > destinatario, ed inviarla tramite il
    > remailer.
    > Così ottieni anche la segretezza al 100%

    Si, il metodo indicato non implica che il messaggio per il destinatario non debba essere crittato a sua volta. Un messaggio crittato può, tranquillamente, a sua volta, contenere un messaggio crittato.

    Comunque è difficile che anche il remailer sia sotto controllo... se non altro per il fatto che un potenziale "attaccante" non sa in anticipo che tu userai quel particolare remailer.
    È ovvio anche che si da per scontato che quel remailer sia sicuro... chiunque controlli il remailer sa da chi ha ricevuto cosa e dove lo ha spedito... a meno che non si usi una rete di remailer (ossia l'email contiene un messaggio crittato per il primo remailer, il primo remailer decritta l'email estraendone il destinatario che è un altro remailer e mandandogli il relativo messaggio crittato e così via).

    Se poi tu usi remailer esteri diventa anche più improbabile che qualcuno riesca a scoprire il destinatario perché si creano grossi problemi di giurisdizione.

    Comunque, diverso tempo fa, c'è stato un remailer anonimo che poi si è scoperto appartenere alla CIA... non ricordo il nome però.

  • - Scritto da: Wakko Warner

    > Comunque, diverso tempo fa, c'è stato un remailer
    > anonimo che poi si è scoperto appartenere alla
    > CIA... non ricordo il nome
    > però.

    Vero ma il risultato fu piuttosto scarso... non basta un solo "fake remailer" per compromettere la catena dovresi averne oltre il 50% per ottenere risultati apprezzabili (dipende anche dal numero di passaggi) in realtà ogni remailer tratta il successivo nella catena fondamentalmente come "untrusted" ... IndiavolatoIndiavolatoCon la lingua fuoriCon la lingua fuori
    non+autenticato

  • - Scritto da: Wakko Warner
    >
    > Lo scopo di un remailer anonimo è l'anonimità...
    > lo scopo della crittografia è la
    > segretezza.

    Con la crittografia puoi però cifrare il messaggio in modo che se qualcuno lo intercetta non capisce chi l'ha spedito, basta falsificare il campo Mittente (come fanno gli spammer), l'unico che può sapere chi ha inviato l'email è il reale destinatario, che però si presuppone sia un tuo amico che non fa la spia Occhiolino
    Se invece intendi che non vuoi far capire al destinatario chi ha inviato l'email sono d'accordo, ma sinceramente non ne vedo l'utilità, mi da l'idea che serve solo per attività losche tipo spam, minacce o robe simili... senza contare poi che chi gestisce il remailer può leggere le tue email e mandare a farsi friggere il tuo anonimato, oppure potrebbero intercettare l'email quando stà viaggiando dal tuo computer al remailer
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Con la crittografia puoi però cifrare il
    > messaggio in modo che se qualcuno lo intercetta
    > non capisce chi l'ha spedito, basta falsificare
    > il campo Mittente (come fanno gli spammer),

    Non è così semplice.
    Una email oltre a mittente e destinatario (il campo mittente può essere falsificato facilmente) contiene anche gli IP da essa attraversati... incluso l'IP sorgente (a meno che tu non usi metodi particolari per nasconderlo).
    Dall'IP possono risalire alla tua vera identità quando e come vogliono.

    > l'unico che può sapere chi ha inviato l'email è
    > il reale destinatario, che però si presuppone sia
    > un tuo amico che non fa la spia
    >Occhiolino

    Non è detto che sia un tuo amico. Potrebbe anche essere l'eventuale vittima di un attentato e tu la vuoi avvisare... o potrebbero essere le forze dell'ordine e vuoi avvertirli di un possibile attacco senza esporti personalmente.

    > Se invece intendi che non vuoi far capire al
    > destinatario chi ha inviato l'email sono
    > d'accordo, ma sinceramente non ne vedo l'utilità,
    > mi da l'idea che serve solo per attività losche
    > tipo spam, minacce o robe simili... senza contare
    > poi che chi gestisce il remailer può leggere le
    > tue email e mandare a farsi friggere il tuo
    > anonimato, oppure potrebbero intercettare l'email
    > quando stà viaggiando dal tuo computer al
    > remailer

    Ti faccio un esempio pratico.
    Immagina che io viva in un paese in cui la mafia è molto potente. Vengo a conoscenza (anche per caso) di un misfatto che questi signori vogliono compiere però ho paura per me e per la mia famiglia che se faccio la spia me la facciano pagare (o peggio ancora la facciano pagare alla mia famiglia)... uso un remailer anonimo e spedisco la mia brava denuncia anonima.
    Ovviamente in questo caso non basta falsificare il mittente, dall'IP potrebbero risalire a me... metti che nelle forze dell'ordine (o nel tuo ISP) lavori anche qualche mafioso... non starebbero nulla ad ottenere nome, cognome, indirizzo, ecc.

    È ovvio che in questo caso riponi la fiducia nel remailer... possibilmente ne userai uno straniero o una rete di remailer, in questo modo risolvi il problema di poter essere identificato.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)