TRE e Wind si danno la mano?

Alcuni rumors riferiscono di un accordo tra i due operatori mobili, volto all'integrazione delle rispettive infrastrutture. I numeri ci sarebbero, ma le due aziende non commentano le indiscrezioni

Milano - Da giorni circolano rumors che riferiscono di un accordo, da siglare o già siglato, tra TRE e Wind. Un'intesa che delineerebbe una partnership tra i due operatori mobili, finalizzata a sfruttare le rispettive sinergie sul mercato italiano.

Al momento, però, i rumors (ripresi da un articolo di MF) restano tali, giacché non ci sono conferme ufficiali alle speculazioni che vogliono gemellare le due aziende. Mentre TRE non si esprime, nè intende commentare la notizia, Wind in questi giorni sta invece facendo parlare di sè per le dichiarazioni rilasciate da Naguib Sawiris, presidente del gruppo egiziano Orascom Telecom che controlla l'azienda dell'Arancia attraverso il fondo Weather Investments. L'uomo d'affari egiziano ha riferito alle agenzia di stampa di guardare con interesse verso varie aziende di telecomunicazioni, includendo nel discorso anche Fastweb e Tiscali, ma di non avere ancora deciso se e come muoversi.

In ogni caso, le voci che coinvolgono i due operatori mobili vengono ritenute plausibili per le possibilità che un simile accordo potrebbe comportare. Un'eventuale integrazione tra le due reti potrebbe infatti giovare ad entrambi: TRE può vantare una rete completamente UMTS e l'avvio dell'implementazione della tecnologia HSDPA. La copertura di questa rete non è però molto capillare e potrebbe essere vantaggioso costituire un legame con quella di Wind. Che, per contro, sul fronte UMTS non può vantare una larga diffusione, ma può portare in dote la rete fissa di Infostrada e contribuire così allo sviluppo di offerte realmente convergenti, ormai obiettivo primario per le aziende TLC.
Dario Bonacina