Carcere per il cracker delle botnet

Un americano di 21 anni passerà 37 mesi dietro le sbarre per aver gestito una rete di PC infetti con cui rastrellava denaro e si dilettava in pericolosi attacchi a strutture critiche. Gli è andata bene

Los Angeles (USA) - Una sentenza esemplare: così l'ha definita il magistrato distrettuale che nelle scorse ore ha condannato il 21enne californiano Christopher Maxwell a tre anni ed un mese di carcere. La sua colpa? Aver infettato migliaia di computer e averli utilizzati da remoto a scopo di lucro e non solo.

La condanna prevede che, passato il periodo detentivo, Maxwell trascorra tre anni in libertà vigilata. Secondo il giudice Marsha J. Pechman, è essenziale che quanto accaduto al giovane cracker sia di avvertimento a "tutti i giovani che smanettando nei propri seminterrati sono usciti di testa".

Gli è andata bene
Il ragazzo, che si è dichiarato colpevole al processo per evitare pene ancora più pesanti, è stato condannato per aver creato con due complici una botnet di PC zombie, ossia infettati e controllati da remoto, per sparare spam e malware su un numero elevatissimo di computer rastrellando così almeno 100mila dollari.
Ciò che però ha reso pesantissima la posizione processuale del cracker è il fatto che quella botnet è stata utilizzata per prendere di mira con attacchi di tipo DDoS (distributed denial-of-service) sia reti militari che le infrastrutture telematiche di un ospedale californiano che ha denunciato il fatto sostenendo di non aver potuto utilizzare per ore i propri computer.

La legislazione americana considera un'aggravante la realizzazione di attacchi che possano nuocere alla salute, come quello scagliato contro il Northwest Hospital. Per questo c'è chi considera la pena di Maxwell più leggera di quanto avrebbe potuto essere. Non solo, alcune condanne pronunciate in precedenza contro gestori di botnet si sono tradotte in pene assai più pesanti.
10 Commenti alla Notizia Carcere per il cracker delle botnet
Ordina
  • in ogni caso la punizione non servirà a redimerlo purtroppo.
    non+autenticato
  • ...che in italia non sono ancora così rigorosi nel punire questi lamer che passano la vita a gonfiare le proprie botnet x poi creare danni tramite ddos e rivendersi mini botnet agli allocchi.
    non+autenticato
  • Mi pare che Mr. Redmond abbia rastrellato ben più di 100mila dollari infettando buona parte dei PC del pianeta con il suo sistema (dis)operativo, le sue falle ed i suoi programmini di sondaggio... TrollRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Mica colpa sua, lui all'inizio il "suo" SO l'ha proposto... potevano dirgli di no ai tempi, invece...

    Certo, ora lo impone, ma si è arrivati a questo dopo un bel po', ormai le leggi se le era fatte cambiare e quello che fa non è PIU' illegale

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
  • ciò che mi fa più rabbia di tutto questo è che l'errore sta proprio nel sistema giudiziario: non si guarda mai all'azione in se, ma solo alle conseguenze. esempio: un tizio guida ubriaco in autostrada, entra in un autogrill, va a sbattere contro un'autocisterna per il trasporto del gas. la cisterna è vuota, lui distrugge la macchina e si becca la multa.

    ma se l'autocisterna fosse stata piena e nell'esplosione fossero morte 10 persone? prigione per omicidio colposo.
    eppure, in entrambi i casi, l'automobilista ha fatto la stessa cosa! nè più nè meno! che l'autocisterna fosse piena o vuota non dipendeva da lui!

    per gli agher il discorso è lo stesso, se uno smanettone utilizza un certo sistema per lucrare alle spalle di qualche terrorista sprovveduto e sventa qualche attacco, allora bene, blasoni ed elogi. se invece lucra alle spalle dell'American Bank finisce in carcere.

    non dico che sia giusto rubare, per carità, ma creare un precedente del genere che varrà anche per chi in futuro smanettando al massimo crackerà un software per le previsioni del tempo, mi sembra esagerato...

  • - Scritto da: Kudos
    > ciò che mi fa più rabbia di tutto questo è che
    > l'errore sta proprio nel sistema giudiziario: non
    > si guarda mai all'azione in se, ma solo alle
    > conseguenze. esempio: un tizio guida ubriaco in
    > autostrada, entra in un autogrill, va a sbattere
    > contro un'autocisterna per il trasporto del gas.
    > la cisterna è vuota, lui distrugge la macchina e
    > si becca la
    > multa.
    >
    > ma se l'autocisterna fosse stata piena e
    > nell'esplosione fossero morte 10 persone?
    > prigione per omicidio
    > colposo.
    > eppure, in entrambi i casi, l'automobilista ha
    > fatto la stessa cosa! nè più nè meno! che
    > l'autocisterna fosse piena o vuota non dipendeva
    > da
    > lui!
    >
    > per gli agher il discorso è lo stesso, se uno
    > smanettone utilizza un certo sistema per lucrare
    > alle spalle di qualche terrorista sprovveduto e
    > sventa qualche attacco, allora bene, blasoni ed
    > elogi. se invece lucra alle spalle dell'American
    > Bank finisce in
    > carcere.
    >
    > non dico che sia giusto rubare, per carità, ma
    > creare un precedente del genere che varrà anche
    > per chi in futuro smanettando al massimo crackerà
    > un software per le previsioni del tempo, mi
    > sembra
    > esagerato...

    Esagerato cosa ? Questo tizio rubava, è un truffatore di professione !
    Bene che vada in galera, ma che ce lo facciano restare almeno per tutto il tempo previsto senza sconti di pena che annullano sistematicamente le condanne e mettono in libertà assassini e criminali di ogni tipo !
    non+autenticato
  • La pena per lui mi sta bene.

    Secondo il giudice Marsha J. Pechman, è essenziale che quanto accaduto al giovane cracker sia di avvertimento a "tutti i giovani che smanettando nei propri seminterrati sono usciti di testa".

    il precedente per gli altri no.
  • Ma che senso ha l'esempio che hai fatto?
    Vorresti che la gente fosse condannata per delitti che non ha commesso?
    Il guidatore ubriaco dovrebbe essere indipendentemente punito sia che abbia o meno ammazzato persone (compreso se stesso)?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma che senso ha l'esempio che hai fatto?
    > Vorresti che la gente fosse condannata per
    > delitti che non ha
    > commesso?
    > Il guidatore ubriaco dovrebbe essere
    > indipendentemente punito sia che abbia o meno
    > ammazzato persone (compreso se
    > stesso)?


    senza contare che lui pensava che la rete dell'ospedale fosse il set di un film?

  • - Scritto da: Kudos
    > ciò che mi fa più rabbia di tutto questo è che
    > l'errore sta proprio nel sistema giudiziario: non
    > si guarda mai all'azione in se, ma solo alle
    > conseguenze. esempio: un tizio guida ubriaco

    Senti, il tuo esempio è pressapochista e fazioso. Ti facci gentilmente presente che molti criminali cominciano con cose "da poco" per finire ad essere polo d'attrazione per organizzazioni che della tua "umana comprensione" manco la usano per le prime pulizie quotidiane personali. Ci arrivi?
    non+autenticato