Ti piace un sito? Dagli del cash

Amazon lancia Honor System, un apparato che permetterà ai siti che lo richiedono di ricevere donazioni e finanziamenti dai propri utenti. Il negozione virtuale entra così nel business dei pagamenti, affiliando già decine di siti

Web - Si chiama Honor System l'ultima trovata di Amazon.com: un sistema che consente all'utente Internet di far arrivare delle donazioni, dei fondi, ai propri siti preferiti affiliati al sistema di Amazon.

"E ' giunta l'ora che tu venga pagato per il tuo sito. Gli utenti del tuo sito lo frequentano perché fornisci informazioni, intrattenimento, comunità. Amazon Honor System permette loro di dimostrarti che ti apprezzano, facendoti arrivare del cash": così la pagina dedicata di Amazon accoglie il webmaster che cerchi un modo per finanziare la propria attività online.

Il funzionamento è semplice: il sito che vuole utilizzare il sistema appone un pulsantone sulle proprie pagine. L'utente che vi clicca sopra viene trasportato ad una "pagina sicura" su Amazon dedicata al sito affiliato e dalla quale può offrire con la propria carta di credito l'ammontare di denaro che ha stabilito. Il minimo che può essere versato è un dollaro.
Amazon trattiene il 15 per cento di quanto viene "donato" più 15 centesimi di dollaro per ogni operazione. E sono già decine i siti che si stanno affiliando in queste ore ad Honor System, tra questi anche il SETI Institute.

Per Amazon il nuovo sistema significa entrare nel business dei pagamenti, sfruttando la piattaforma tecnologica che già utilizza per le attività di commercio elettronico. E significa anche, naturalmente, poter veicolare sul proprio sito traffico proveniente da tutti i siti che si affilieranno al programma, ed è facile pensare che saranno molti.
10 Commenti alla Notizia Ti piace un sito? Dagli del cash
Ordina
  • Pare che ci si possa iscrivere solo se sei americano... Chissà che non sia un vantaggio!
    non+autenticato
  • - Scritto da: www.onnivora.net
    > Pare che ci si possa iscrivere solo se sei
    > americano... Chissà che non sia un
    > vantaggio!

    Forse per ragioni fiscali.
    Comunque non è da escludere che se la cosa ha
    successo, verrà copiata in altri paesi, Italia
    inclusa...
    non+autenticato
  • Che vi piaccia o no, questo è il futuro!

    Internet gratis ha i giorni contati. La raccolta pubblicitaria non basta a far quadrare i conti delle aziende della New Economy e così ognuno si arrangia come può.

    Da qui in avanti i sistemi per spillarci i quattrini attraverso Internet si moltiplicheranno più di un virus.

    Ma con questo non sto dicendo che io sia del tutto contrario, anzi...

    Fino a ieri abbiamo pagato per leggere le notizie sui quotidiani. Perchè su Internet dovrebbe essere tutto gratis?

    non+autenticato
  • - Scritto da: AB
    > Che vi piaccia o no, questo è il futuro!

    Il futuro è come ce lo costruiamo,
    e se non si vuole pagare semplicemente
    non ci si fa pagare.

    > Internet gratis ha i giorni contati. La
    > raccolta pubblicitaria non basta a far
    > quadrare i conti delle aziende della New
    > Economy e così ognuno si arrangia come può.

    E chi parla di aziende?
    I migliori siti che conosco sono retti
    da privati che sviluppano freeware o
    servizi gratuiti.
    Si sa che le aziende hanno il pallino
    del farsi pagare, ma Internet non lo segue
    per forza, anche se la maggioranza dei
    neosurfers passa il tempo su siti aziendali.
    Ma la tendenza non sarà sempre quella, col tempo.

    > Da qui in avanti i sistemi per spillarci i
    > quattrini attraverso Internet si
    > moltiplicheranno più di un virus.

    E' normale, ma hai notato quanta roba è comunque
    gratis e non acenna assolutamente a cambiare?

    > Ma con questo non sto dicendo che io sia del
    > tutto contrario, anzi...

    Nemmeno io.
    Anzi, appunto, una donazione è molto più
    umana di un pagamento fisso. Trovassi un
    sito affiliato, magari un dollaro glielo
    darei, se il sito mi porta un servizio
    davvero simpatico.

    > Fino a ieri abbiamo pagato per leggere le
    > notizie sui quotidiani. Perchè su Internet
    > dovrebbe essere tutto gratis?

    Perché funziona diversamente.
    Non ci sono grossi costi, e comunque non ci
    sono costi fissi dipendenti dal numero di
    copie. Un giornale deve pagare la carta,
    un sito non deve pagare lo spazio sullo schermo,
    ma solo sul server, che può essere duplicato
    quante volte necessario senza praticamente una
    spesa aggiuntiva sensibile.
    Non è tutto gratis, ma possono esserci un mucchio
    di cose gratis, e continueranno a esserci.
    Non sono così pessimista.
    non+autenticato
  • Ridicolo. Non capisco per quale motivo dovrei affidare la gestione dei contributi di un mio sito ad AMAZON, che ci specula su e ci guadagna il 15% senza fare un cavolaccio!A bocca apertaD
    Non basta appoggiarsi alla propria banca? Molto più semplice no?
    non+autenticato
  • Ridi ridi. Prova a chiedere alla tua banca se ti supportano le attività di ecommerce per raccogliere una decina di dollari su cento utenti.
    Ridi ridi Occhiolino

    - Scritto da: Sweeper
    > Ridicolo. Non capisco per quale motivo
    > dovrei affidare la gestione dei contributi
    > di un mio sito ad AMAZON, che ci specula su
    > e ci guadagna il 15% senza fare un
    > cavolaccio!A bocca apertaD
    > Non basta appoggiarsi alla propria banca?
    > Molto più semplice no?
    non+autenticato
  • Io sono un webmaster che ha fatto un sito con 10 mila visitatori al mese in media, ma non ci faccio una lira, ne sono capace di mettere su un sistema che gestisca le possibili offerte dei visitatori.
    L'idea di Amazon e' molto interessante.

    non+autenticato
  • Anche a me pare interesting
    ma non riesco a iscrivere il sito. Qualcuno c'e' riuscito?

    - Scritto da: Gigino
    > Io sono un webmaster che ha fatto un sito
    > con 10 mila visitatori al mese in media, ma
    > non ci faccio una lira, ne sono capace di
    > mettere su un sistema che gestisca le
    > possibili offerte dei visitatori.
    > L'idea di Amazon e' molto interessante.
    >
    non+autenticato


  • - Scritto da: Sweeper
    > Ridicolo. Non capisco

    Forse il punto è qui non capisci l'utilità del servizio.

    > per quale motivo
    > dovrei affidare la gestione dei contributi
    > di un mio sito ad AMAZON,

    Ma chi ti darebbe mai il suo numero di carta di credito scusa?
    Invece "forse" di un Big come Amazon la gente si fiderebbe. Farebbe da garante e di che e' poco!

    > che ci specula su

    Preferisco il termine guadagna

    > e ci guadagna il 15% senza fare un
    > cavolaccio!A bocca apertaD

    E il sistema di e-commerce, sicuro, ed efficiente!

    > Non basta appoggiarsi alla propria banca?

    Pensa nel mondo ci sono 140.000.000 di esercizi commerciali deficienti, perche' invece di fare loro credito hai clienti, lo fanno tramite carta di credito, che gli da lo stesso i soldi dopo un mese e in piu' si trattiene il 5%. Che deficienti, invece di farlo loro!

    > Molto più semplice no?

    Evidnetemente NO, se no lo farebbero tutti!

    Mi pare proprio una bella cosa, forse molti siti e addirittura tutto internet potrebbero trovare molto, ma MOLTO vantaggio in tutto questo!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sweeper
    > Ridicolo.

    Per nulla.
    Direi che se la cosa prende il volo,
    è addirittura rivoluzionaria.

    > Non basta appoggiarsi alla propria banca?
    > Molto più semplice no?

    Ah, sì?
    Se vuoi farti pagare 1 dollaro come
    "donazione d'ingresso", hai idea di quanto
    spenderesti in costi accessori?
    E poi non te lo permetterebbero le banche,
    sarebbe per loro più una perdita di tempo:
    le banche partono da modelli di e-commerce
    che puntano molto più in alto.
    Questo genere di micro-pagamenti sembra
    tanto bello da non essere quasi credibile,
    però vedremo.
    Non so, essendo una donazione potrebbe non
    essere soggetta a tasse? C'è qualcosa che
    non mi torna, ma se tutto va bene, ripeto,
    è una cosa rivoluzionaria.
    non+autenticato