Hardware per colpire il traffico BitTorrent

Ci pensa una societÓ americana che sostiene di aver realizzato un dispositivo che consentirÓ ai provider di gestire o eliminare i download basati sul protocollo torrentizio

Roma - Ha senso per un fornitore di connettività ridurre o eliminare il traffico BitTorrent? Considerando che una parte sempre maggiore del traffico Internet gira su protocollo BitTorrent andando a saturare la banda disponibile dei provider (ISP), e che qualche ISP già lavora sul traffic shaping, il timore che molti ISP vogliano "far fuori" BitTorrent è fondato. E un produttore americano lo sa benissimo.

Allot Communications ha infatti annunciato un dispositivo hardware che a suo dire è il primo capace di individuare e gestire con facilità i download effettuati con BitTorrent. Secondo Allot, l'apparecchio lavora anche sui pacchetti cifrati, che costituiscono una parte sempre crescente del download torrentizio. Il tutto grazie a sistemi di "analisi profonda" dei pacchetti:

Aiuta i service provider e le imprese a impostare priorità con regole per il traffico BitTorrent e sistemi di traffic shaping. Inoltre permette alle aziende di bloccare il traffico basato su questo protocollo o limitare la quantità di banda disponibile per il traffico BitTorrent.
- Ne parla Ars Technica
- PC Facile pone l'accento sulla capacità di intercettare i download criptati

- Lo scorso gennaio una paper di Bram Cohen, che BitTorrent lo ha inventato, sconsigliava ai provider di ricorrere a questi sistemi. Occhio provider, agli utenti potrebbe non piacere...
TAG: p2p, hw, attualitÓ
48 Commenti alla Notizia Hardware per colpire il traffico BitTorrent
Ordina
  • Fastweb ne fa un uso massiccio in Italia (oltre allo schifo di rete senza IP dinamico pubblico che danno per limitare l'uso della connessione)
    Anche Telecom ogni tanto li attiva.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Fastweb ne fa un uso massiccio in Italia (oltre
    > allo schifo di rete senza IP dinamico pubblico
    > che danno per limitare l'uso della connessione)
    >
    > Anche Telecom ogni tanto li attiva.

    Ma va? Questa storia di Fastweb non la sapevo. Dici che possa dipendere da questo il fatto che un mio amico per settimane non è riuscito ad utilizzare e-Mule? Lui ha il contratto con Fastweb.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Fastweb ne fa un uso massiccio in Italia (oltre
    > > allo schifo di rete senza IP dinamico pubblico
    > > che danno per limitare l'uso della connessione)
    > >
    > > Anche Telecom ogni tanto li attiva.
    >
    > Ma va? Questa storia di Fastweb non la sapevo.
    > Dici che possa dipendere da questo il fatto che
    > un mio amico per settimane non è riuscito ad
    > utilizzare e-Mule? Lui ha il contratto con
    > Fastweb.

    Ho Fastweb fibra 10Mbps dal 2001. Anni fa malgrado la mancanza di IP pubblico si poteva usare ed i programmi P2P trovavano fonti all'esterno della rete Fastweb, poi hanno iniziato a bloccare la banda verso l'esterno a 50KB/s, hanno tolto il proxy server che avevano con cui si usciva all'esterno e negli ultimi due anni hanno attivato i filtri Cisco anti-P2P che abbattono il trasferimento di pacchetti con i torrent, emule ed altri. In più all'inizio facevo 1,25MByte/s fissi con 100 thread, oramai anche se uso 500 thread oltre 650-700KB/s non si riesce ad ottenere.

    In pratica Fastweb è più lenta dell' ADSL2+ di Telecom, e di molto.
    Tanto è che il prossimo anno credo proprio che disdirò e passero ad ADSL2+ di Telecom, o meglio ritornerò visto che prima usavo ADSL, attivata nel 2000, fra i primissimi con TIN.
    non+autenticato
  • Potrebbe farne uso x le reti esterne anche se non e' sempre vero a volte scarico oltre 600kb/s da un solo utente dall'estero, mentre con le reti dc++ interne di FW o Adunanza viaggia alla grande anche 1MB/s volendo...
    non+autenticato
  • Questione trita e ritrita: se l'assassino uccide col coltello, allora si impedisca la vendita dei coltelli. Metafora che calza a pennello nella questione del bittorrent.

    La condivisione non autorizzata di materiale, qualunque esso sia, non solo mp3 o film, esisteva molto prima dell'avvento del torrent e, bene o male, questa e' stata sempre una questione mai affrontata a fondo, sino ad arrivare ad oggi, dove l'espansione di un problema mai affrontato e' ora a livelli planetari.

    Tralasciando il tema del perché si e' arrivati alla situazione attuale, mi limito alla riflessione che per risolvere un problema, la semplice repressione di uno dei tanti mezzi usati per commettere un reato, semplicemente non estinguerà il reato stesso.

    Non credo che ci vogliano anni di esperienza in indagini anticrimine per ipotizzare questo scenario.

    A meno che, scenario fantascientifico, non si voglia utilizzare la lotta al reato specifico come strumento per l'introduzione di nuovi mezzi di controllo delle persone e dell'informazione che viaggia in rete, che ovviamente e casualmente potranno essere usati anche per scopi che esulano da quello originale che sarà, potremmo dirlo, mero pretesto.

    Torniamo ora in argomento... il torrent e' uno strumento in grado di offrire dati e permettere di ridistribuire i flussi dati tra gli utenti connessi, questo e' un enorme vantaggio per tutti, per chi distribuisce perché ha il controllo di quanta banda passante usare, qualunque sia il numero di utenti, e per chi riceve, perché la velocità di ricezione non e' limitata a solo quella data a disposizione dal fornitore.

    Il fatto che venga usato anche per commettere reati, non implica che questo sia uno strumento illegale. Altrimenti non potremmo comprare un coltello per tagliare le nostre pietanze...
  • Quarda che in questo caso non e' questione di legalita' o meno.
    Semplicemente gli ISP vogliono continuare il loro "overbooking", vendere (e farsi pagare) "100" per poi permetterti di usare solo "10".
    Loro vogliono che la banda rimanga a disposizione di coloro che pagano ulteriormente per loro servizi.
    non+autenticato
  • Poi viene usato non soltanto per la condivisione di file protetti da diritto, ma di file liberi, come distro di Linux o viene usato spesso incluso in alcuni software come ad esempio molti giochi per la diffusione di patch di aggiornamento per alleggerire il lavoro del server e ridurre i costi.
    non+autenticato
  • Il giorno che il mio provider mi sega la banda, che io ho regolarmente pagato, io non gli rinnovo il contratto.

    Inoltre in tutti i contratti tra le possibilita' di recesso vi e' la clausola legata alle variazioni di contratto.

    Se il provider varia la qualita' del servizio erogato (e per me questa diventa una perdita di qualita') senza variare il prezzo in modo sfavorevole al cliente, quest'ultimo puo' recedere con effetto immediato.

    >GT<

  • - Scritto da: Guybrush
    > Il giorno che il mio provider mi sega la banda,
    > che io ho regolarmente pagato, io non gli rinnovo
    > il
    > contratto.
    >
    > Inoltre in tutti i contratti tra le possibilita'
    > di recesso vi e' la clausola legata alle
    > variazioni di
    > contratto.
    >
    > Se il provider varia la qualita' del servizio
    > erogato (e per me questa diventa una perdita di
    > qualita') senza variare il prezzo in modo
    > sfavorevole al cliente, quest'ultimo puo'
    > recedere con effetto
    > immediato.
    >
    > >GT<

    leggi bene il contratto potresti scoprire che il tuo provider queste modifiche puo' farle tranquillamente. Comunque dare disdetta in casi simili e' l'unico modo che si ha per protestare.
    non+autenticato
  • > > Il giorno che il mio provider mi sega la banda,
    > > che io ho regolarmente pagato, io non gli
    > rinnovo
    > > il
    > > contratto.
    > >
    > > Inoltre in tutti i contratti tra le possibilita'
    > > di recesso vi e' la clausola legata alle
    > > variazioni di
    > > contratto.
    > >
    > > Se il provider varia la qualita' del servizio
    > > erogato (e per me questa diventa una perdita di
    > > qualita') senza variare il prezzo in modo
    > > sfavorevole al cliente, quest'ultimo puo'
    > > recedere con effetto
    > > immediato.
    > >
    > > >GT<
    >
    > leggi bene il contratto potresti scoprire che il
    > tuo provider queste modifiche puo' farle
    > tranquillamente. Comunque dare disdetta in casi
    > simili e' l'unico modo che si ha per
    > protestare.
    ... e continuare a pagare l'anno che resta prima della scadenzaA bocca aperta
    non+autenticato
  • il problema che poi anche se tutti disdiranno ADLS non si porranno il dubbio del motivo..

    ma diranno:
    "in italia non credono nell'online".. blablabla..
    e daranno incentivi alle aziende fornitrici di connettività -_-
    non+autenticato
  • io l'ho gia fatto (X LIBERO) e mi sono accorto di stare benissimo senza adsl
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > io l'ho gia fatto (X LIBERO) e mi sono accorto di
    > stare benissimo senza
    > adsl


    Boh... a me Infominchia/Wind non mi ha tolto nulla, e DC++ viaggia che è una bellezza...Sorride
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > io l'ho gia fatto (X LIBERO) e mi sono accorto
    > di
    > > stare benissimo senza
    > > adsl
    >
    >
    > Boh... a me Infominchia/Wind non mi ha tolto
    > nulla, e DC++ viaggia che è una bellezza...
    >Sorride

    Beato te perchè io sono arrivato al punto che se scaricavo la posta non riuscivo a navigare e viceversa, per non parlare poi di p2p! 4 k al secondo... Neanche con un 56K!
    Ah (per evitare vaneggiamenti vari) sono un'informatico e so cosa entra ed esce dal mio pc, quindi no virus, spam, trojan, zombie etc...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > io l'ho gia fatto (X LIBERO) e mi sono accorto
    > > di
    > > > stare benissimo senza
    > > > adsl
    > >
    > >
    > > Boh... a me Infominchia/Wind non mi ha tolto
    > > nulla, e DC++ viaggia che è una bellezza...
    > >Sorride
    >
    > Beato te perchè io sono arrivato al punto che se
    > scaricavo la posta non riuscivo a navigare e
    > viceversa, per non parlare poi di p2p! 4 k al
    > secondo... Neanche con un
    > 56K!
    > Ah (per evitare vaneggiamenti vari) sono
    > un'informatico e so cosa entra ed esce dal mio
    > pc, quindi no virus, spam, trojan, zombie
    > etc...

    Ne conosco pochi di "informatici" proLinux, sistemisti, ingegneri e così via che si credono bravissimi e se ne vantano ma poi alla prova dei fatti....
    non+autenticato
  • L'ho letto benissimo, a differenza di molti.
    Tutte le volte che c'e' una modifica che si traduce in un aggravio dei costi o in una penalizzazione dell'utente (taglio della banda per il P2P, ad esempio) scatta il diritto di recesso.

    Questa clausola c'e' per legge e non puo' essere aggirata pena l'annullamento del contratto.

    >GT<

  • - Scritto da: Guybrush
    > Il giorno che il mio provider mi sega la banda,
    > che io ho regolarmente pagato, io non gli rinnovo
    > il
    > contratto.
    >
    > Inoltre in tutti i contratti tra le possibilita'
    > di recesso vi e' la clausola legata alle
    > variazioni di
    > contratto.
    >
    > Se il provider varia la qualita' del servizio
    > erogato (e per me questa diventa una perdita di
    > qualita') senza variare il prezzo in modo
    > sfavorevole al cliente, quest'ultimo puo'
    > recedere con effetto
    > immediato.
    >
    > >GT<

    E io ti seguo.... se pensano di utilizzare la banda che paghiamo per riempirci dei loro contenuti a pagamento o delle ridicole IPTV si sbagliano di grosso.... ArrabbiatoArrabbiato
    non+autenticato
  • ... un giorno qualcuno realizzerà un plugin per Azureus per un attacco DDoS ai siti delle società e dei provider coinvolti....

    Ovviamente scherzo.... forse!

    Ficoso
    non+autenticato
  • decriptare un pacchetto criptato è illegale anche perchè si violerebbe la legge sulla privacy (e la società se la prenderebbe in quel posto)

    se un programma che uso per criptare potesse essere decriptato da chiunque in modo così facile non sarebbe un buon programma e userei un programma x criptare + efficiente (e la società se la prenderebbe in quel posto)
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > decriptare un pacchetto criptato è illegale anche
    > perchè si violerebbe la legge sulla privacy (e la
    > società se la prenderebbe in quel
    > posto)
    >
    > se un programma che uso per criptare potesse
    > essere decriptato da chiunque in modo così facile
    > non sarebbe un buon programma e userei un
    > programma x criptare + efficiente (e la società
    > se la prenderebbe in quel
    > posto)

    BAH! La privacy in primo luogo NON ESISTE, è una finzione per farti sentire protetto da chissà cosa...

    Ogni programma di criptatura DEVE AVERE PER LEGGE una chiave che le forze preposte al controllo DEVONO AVERE PER LEGGE e che PER LEGGE ti apre qualsiasi altra chiave...
    O nessuno mai te l'ha detto???
  • - Scritto da: uguccione500

    > Ogni programma di criptatura DEVE AVERE PER LEGGE
    > una chiave che le forze preposte al controllo
    > DEVONO AVERE PER LEGGE e che PER LEGGE ti apre
    > qualsiasi altra
    > chiave...
    > O nessuno mai te l'ha detto???

    visto che parli di legge, puoi dare gli estremi della legge?

    non+autenticato
  • Si ma i provider rientrano tra "le forze preposte al controllo" ?
    non+autenticato
  • ...i provider: se sono nominati da un ordinanza di vigilanza sul traffico sicuramente: solo che penso che i provider non lo facciano per questioni economiche: se io so che Telecozza mi controlla e mi blocca determinate cose a suo piacimento e ho una valida alternativa, disdico e passo alla valida alternativa...se però lo fanno tutti perchè obbligati e minacciati di favoreggiamento...
    BAH!
  • - Scritto da: uguccione500
    > Ogni programma di criptatura DEVE AVERE PER LEGGE
    > una chiave che le forze preposte al controllo
    > DEVONO AVERE PER LEGGE e che PER LEGGE ti apre
    > qualsiasi altra chiave...

    Uhm... quindi la crittografia RSA ammette una chiave universale con cui decriptare qualsiasi messaggio indipendentemente da quella usata per criptare...
    Hai tutta la mia partecipazione, ma non sono io, a darti torto, è la teoria dei numeri.

  • - Scritto da: rojelio
    > - Scritto da: uguccione500
    > > Ogni programma di criptatura DEVE AVERE PER
    > LEGGE
    > > una chiave che le forze preposte al controllo
    > > DEVONO AVERE PER LEGGE e che PER LEGGE ti apre
    > > qualsiasi altra chiave...
    >
    > Uhm... quindi la crittografia RSA ammette una
    > chiave universale con cui decriptare qualsiasi
    > messaggio indipendentemente da quella usata per
    > criptare...
    > Hai tutta la mia partecipazione, ma non sono io,
    > a darti torto, è la teoria dei
    > numeri.

    http://news.com.com/2100-1001-208505.html

    Team latest to crack 56-bit crypto
    By Alex Lash
    Staff Writer, CNET News.com
    Published: February 25, 1998, 6:50 PM PST
    Tell us what you think about this storyTalkBack E-mail this story to a friendE-mail View this story formatted for printingPrint

    Encryption software maker RSA Data Security has confirmed that a group using computers linked by the Internet has cracked the company's 56-bit DES encryption code as part of an ongoing contest.

    Distributed Computing Technologies, an organization devoted to researching the possibilities of distributed computing over the Internet, broke RSA's code in about 40 days. The group parceled out the chore of crunching billions of numerical combinations to computers across the Internet. (The same type of system was recently used to find the world's largest prime number.)

    The computers worked on the problem during their idle time in what is called a "brute-force" attack on the secret code, roughly akin to the classic scenario of an infinite number of monkeys with typewriters coming up with a Shakespearian sonnet.

    Since last year, RSA has encouraged the Net community to break its codes in an effort to prove that current government rules limiting the export of strong cryptography result in a lack of security for encryption users. To export 56-bit encryption or higher, U.S. software makers such as RSA must receive a special license from the Commerce Department and agree to give law agencies access to the secret codes.

    "This makes a statement that the key lengths allowed for export are relatively weak," said RSA principal research scientist Matt Robshaw. "56-bit keys really don't offer that much security."

    That's somewhat of an odd statement for a company that makes a living from selling such encryption, but Robshaw points out that stronger encryption algorithms up to 128 bits, also part of RSA's cracking contest, have not been broken yet.

    The Distributed team came up with the key "76 9E 8C D9 F2 2F 5D EA," which revealed the secret message: "Many hands make light work."

    RSA is doling out cash prizes to the winners of its contests. The faster the code is broken, the more money the company will give away.
    non+autenticato
  • > Ogni programma di criptatura DEVE AVERE PER LEGGE
    > una chiave che le forze preposte al controllo
    > DEVONO AVERE PER LEGGE e che PER LEGGE ti apre
    > qualsiasi altra
    > chiave...
    > O nessuno mai te l'ha detto???

    Lol, non ho parole per descrivere le risate che ho fatto mentre leggevo questa frase, un lol nn basta. Naturalmente non è assolutamente vero!

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Ogni programma di criptatura DEVE AVERE PER
    > LEGGE
    > > una chiave che le forze preposte al controllo
    > > DEVONO AVERE PER LEGGE e che PER LEGGE ti apre
    > > qualsiasi altra
    > > chiave...
    > > O nessuno mai te l'ha detto???
    >
    > Lol, non ho parole per descrivere le risate che
    > ho fatto mentre leggevo questa frase, un lol nn
    > basta. Naturalmente non è assolutamente vero!
    >
    >
    Si,si...vivi nel mondo dei puffi...salutami il grande puffo che sicuramente ti ha consigliato di non crederci!!!

  • > Si,si...vivi nel mondo dei puffi...salutami il
    > grande puffo che sicuramente ti ha consigliato di
    > non
    > crederci!!!

    Povero te!

    Mi raccomando paura e terrore!

    Evidentemente non nutri molta fiducia nei sistemi informatici (oltre a non capirne una cippa)...
    non+autenticato
  • > Si,si...vivi nel mondo dei puffi...salutami il
    > grande puffo che sicuramente ti ha consigliato di
    > non
    > crederci!!!

    hahaha!
    ma guarda che non siamo noi a darti torto...
    ma i numeri stessi!!!!

    ridicolissimo+ignorante!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)