MotionDSP: mai più video sporchi?

Una tecnologia progettata per l'esercito statunitense si affaccia sul mercato: la promessa è chiudere l'era dei video a bassa definizione creati con webcam o cellulari. Grazie ad un nuovo servizio

San Mateo (USA) - La qualità dei video realizzati con webcam o telefoni cellulari, specialmente se di vecchia generazione, a volte può essere deludente. MotionDSP, una giovane azienda californiana, ha annunciato una panacea tecnologica in grado di migliorare la resa di qualsiasi video a bassa definizione: è il momento di dire addio a filmati mossi, scattosi o "pixelati"? Sean Varah, CEO e cofondatore di MotionDSP, non ha dubbi: "mai più video sporchi".

Il segreto alla base della tecnologia creata da Varah e soci, ha spiegato il dirigente in un'intervista, è racchiuso dentro una applicazione militare sviluppata per conto dell'esercito statunitense. Si tratta di un sistema di algoritmi che recuperano le informazioni sui pixel da ogni singolo frame di un video digitale: attraverso varie operazioni di comparazione tra frame sequenziali e l'analisi dei pixel, la tecnologia in questione può ricostruire intere sequenze e migliorare in modo eccezionale la qualità e la definizione degli oggetti ripresi dalla telecamera.

Gli esempi pubblicati sul sito dell'azienda valgono sicuramente più di qualsiasi descrizione: i video "trattati" con la tecnologia di MotionDSP acquistano maggiore nitidezza, sono più fluidi e diventano esteticamente più gradevoli. Una clip di un minuto, secondo i portavoce ufficiali dell'azienda, richiede al proprio sistema circa dieci minuti di elaborazione per essere completamente ricostruito e ripulito.
A partire da settembre, MotionDSP aprirà le porte ad un test pubblico: gli interessati potranno inviare filmati direttamente all'indirizzo di posta elettronica dell'azienda, a bassa risoluzione ed in formato 3GP o 3G2, per poi visionare le versioni "migliorate" direttamente sul sito ufficiale dell'iniziativa. In futuro, l'obiettivo è creare una sorta di portale in stile YouTube dove gli utenti possano inviare i propri video in bassa risoluzione e pubblicarli online con una qualità totalmente rinnovata.

Alcuni osservatori hanno fatto notare che MotionDSP dispone ancora di pochi fondi ma che gli investitori sono estremamente interessati a questa tecnologia per la videoricostruzione. Il mercato della "ricostruzione video" è aperto: i più grandi competitori di MotionDSP potrebbero essere Cognitech e Salient Stills, due aziende che tuttavia sono specializzate nel miglioramento qualitativo di fermi immagine e scatti fotografici.

Tommaso Lombardi
23 Commenti alla Notizia MotionDSP: mai più video sporchi?
Ordina
  • Un saluto a tutti voi A bocca aperta

    Sono una mamma e come mamma non mi piacerebbe vedere che i miei figli entrando in internet vedano siti volgari e siccome internet è un luogo pubblico acedibile a tutte le età , sono favorevole alla chiusura totale di tutto ciò che è di volgare , a chi le piace la volgarità inventategli un programma apposta che istallino solo i volgari , cioè a chi le piace la volgarità , ma non che ci dobbiamo trovare volgarità in un luogo pubblico . Cordialmente invio un cielo di sorrisi per chi difende i diritti su tutto internet che elimini la volgarità A bocca aperta che il sorriso entri nelle vostre case e in tutte le case del mondo A bocca aperta . Da una mamma di nome Angela scala40 ...www onestà per tutto internet www

  • il boeing che ha colpito il pentagono.A bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > il boeing che ha colpito il pentagono.A bocca apertaA bocca aperta

    Non ci sono abbastanza frame per secondo.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > il boeing che ha colpito il pentagono.A bocca apertaA bocca aperta
    >
    > Non ci sono abbastanza frame per secondo.

    Qualche frame ce l'ha Bush nel comodino...
    non+autenticato
  • mencoder, quattro filtri, tra cui qualcuno che utilizzi un antialias temporale, oppure avidemux per chi non ha volgia di usare una shell e si ottengono risultati mooooooooooooolto simili.

    Non dico superiori perché non ho mai voluto esagerare, ma una risoluzione di 320x288 la porto tranquillamente a 756x512 garantendomi una qualità simile a quella vista negli esempi del sito MotionDSP (cioè generata da filtri antialias temporali).

    Infatti nell'ultimo esempio che la scena è parecchio in movimento il risultato è tutt'altro che eccellente.

    Mentre nel secondo, che ci si muove poco, si riescono persino a leggere i titoli del libri.

    Insomma roba già vista.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > mencoder, quattro filtri, tra cui qualcuno che
    > utilizzi un antialias temporale, oppure avidemux
    > per chi non ha volgia di usare una shell e si
    > ottengono risultati mooooooooooooolto
    > simili.
    >
    > Non dico superiori perché non ho mai voluto
    > esagerare, ma una risoluzione di 320x288 la porto
    > tranquillamente a 756x512 garantendomi una
    > qualità simile a quella vista negli esempi del
    > sito MotionDSP (cioè generata da filtri antialias
    > temporali).
    >
    > Infatti nell'ultimo esempio che la scena è
    > parecchio in movimento il risultato è tutt'altro
    > che
    > eccellente.
    >
    > Mentre nel secondo, che ci si muove poco, si
    > riescono persino a leggere i titoli del
    > libri.
    >
    > Insomma roba già vista.

    Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice opensource con codice professionale. Stesso rapporto segnale/rumore secondo te, stessa ristabilizzazione dell'asse del flusso ottico, vero ? Ehhh!
    non+autenticato
  • > Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice
    > opensource con codice professionale.
    Vorrei farti notare che tantissimo software ultra-professionale è anche libero. Un esempio? I programmi di calcolo dell'ente per l'energia nucleare francese. Il sw libero non è necessariamente migliore di quello proprietario, ma frequentemente i programmi liberi più diffusi sono di fattura "più che professionale".
    Evitiamo fraintendimenti....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice
    > > opensource con codice professionale.
    > Vorrei farti notare che tantissimo software
    > ultra-professionale è anche libero. Un esempio? I
    > programmi di calcolo dell'ente per l'energia
    > nucleare francese. Il sw libero non è
    > necessariamente migliore di quello proprietario,
    > ma frequentemente i programmi liberi più diffusi
    > sono di fattura "più che professionale".
    >
    > Evitiamo fraintendimenti....

    E farei notare al tipo di sopra, che sempre più spesso, il software libero lo trovi nei vari dispositivi embedded all'interno dei loro firmware: navigatori satellitari, cellulari, voip, router, ...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > > Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice
    > > > opensource con codice professionale.
    > > Vorrei farti notare che tantissimo software
    > > ultra-professionale è anche libero. Un esempio?
    > I
    > > programmi di calcolo dell'ente per l'energia
    > > nucleare francese. Il sw libero non è
    > > necessariamente migliore di quello proprietario,
    > > ma frequentemente i programmi liberi più diffusi
    > > sono di fattura "più che professionale".
    > >
    > > Evitiamo fraintendimenti....
    >
    > E farei notare al tipo di sopra, che sempre più
    > spesso, il software libero lo trovi nei vari
    > dispositivi embedded all'interno dei loro
    > firmware: navigatori satellitari, cellulari,
    > voip, router,
    > ...

    Sì, vabbè, sicuro. I GPS vanno ad opensource.. ahahahah! Questa è bella.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > > Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice
    > > > > opensource con codice professionale.
    > > > Vorrei farti notare che tantissimo software
    > > > ultra-professionale è anche libero. Un
    > esempio?
    > > I
    > > > programmi di calcolo dell'ente per l'energia
    > > > nucleare francese. Il sw libero non è
    > > > necessariamente migliore di quello
    > proprietario,
    > > > ma frequentemente i programmi liberi più
    > diffusi
    > > > sono di fattura "più che professionale".
    > > >
    > > > Evitiamo fraintendimenti....
    > >
    > > E farei notare al tipo di sopra, che sempre più
    > > spesso, il software libero lo trovi nei vari
    > > dispositivi embedded all'interno dei loro
    > > firmware: navigatori satellitari, cellulari,
    > > voip, router,
    > > ...
    >
    > Sì, vabbè, sicuro. I GPS vanno ad opensource..
    > ahahahah! Questa è
    > bella.

    ma perchè ogni maledetta volta vi dobbiamo postare 100naia di link per ridicolizzarvi?

    e invece questa volta ti arrangi!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > >
    > > > - Scritto da:
    > > > > > Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni codice
    > > > > > opensource con codice professionale.
    > > > > Vorrei farti notare che tantissimo software
    > > > > ultra-professionale è anche libero. Un
    > > esempio?
    > > > I
    > > > > programmi di calcolo dell'ente per l'energia
    > > > > nucleare francese. Il sw libero non è
    > > > > necessariamente migliore di quello
    > > proprietario,
    > > > > ma frequentemente i programmi liberi più
    > > diffusi
    > > > > sono di fattura "più che professionale".
    > > > >
    > > > > Evitiamo fraintendimenti....
    > > >
    > > > E farei notare al tipo di sopra, che sempre
    > più
    > > > spesso, il software libero lo trovi nei vari
    > > > dispositivi embedded all'interno dei loro
    > > > firmware: navigatori satellitari, cellulari,
    > > > voip, router,
    > > > ...
    > >
    > > Sì, vabbè, sicuro. I GPS vanno ad opensource..
    > > ahahahah! Questa è
    > > bella.
    >
    > ma perchè ogni maledetta volta vi dobbiamo
    > postare 100naia di link per
    > ridicolizzarvi?
    >
    > e invece questa volta ti arrangi!


    Ecco, appunto, continua a pregare il tuo semidio noglobal opensource.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > >
    > > > - Scritto da:
    > > > >
    > > > > - Scritto da:
    > > > > > > Sì, vabbè. Altro esperto. Paragoni
    > codice
    > > > > > > opensource con codice professionale.
    > > > > > Vorrei farti notare che tantissimo
    > software
    > > > > > ultra-professionale è anche libero. Un
    > > > esempio?
    > > > > I
    > > > > > programmi di calcolo dell'ente per
    > l'energia
    > > > > > nucleare francese. Il sw libero non è
    > > > > > necessariamente migliore di quello
    > > > proprietario,
    > > > > > ma frequentemente i programmi liberi più
    > > > diffusi
    > > > > > sono di fattura "più che professionale".
    > > > > >
    > > > > > Evitiamo fraintendimenti....
    > > > >
    > > > > E farei notare al tipo di sopra, che sempre
    > > più
    > > > > spesso, il software libero lo trovi nei vari
    > > > > dispositivi embedded all'interno dei loro
    > > > > firmware: navigatori satellitari, cellulari,
    > > > > voip, router,
    > > > > ...
    > > >
    > > > Sì, vabbè, sicuro. I GPS vanno ad opensource..
    > > > ahahahah! Questa è
    > > > bella.
    > >
    > > ma perchè ogni maledetta volta vi dobbiamo
    > > postare 100naia di link per
    > > ridicolizzarvi?
    > >
    > > e invece questa volta ti arrangi!
    >
    >
    > Ecco, appunto, continua a pregare il tuo semidio
    > noglobal
    > opensource.

    Ok ci penso io:Cerca su google TomTom e vedi cosa usa per funzonare^^
    non+autenticato
  • 1) L'antialiasing non mi sembra la scoperta del secolo. Gli esempi disponibili sul sito di Motion DSP fanno ridere. Sorride

    2) Che senso ha lavorare con video a bassa risoluzione per poi "migliorarli"? Serve a creare valore aggiunto?

  • - Scritto da: firefox88
    > 1) L'antialiasing non mi sembra la scoperta del
    > secolo. Gli esempi disponibili sul sito di Motion
    > DSP fanno ridere.
    >Sorride
    >
    > 2) Che senso ha lavorare con video a bassa
    > risoluzione per poi "migliorarli"? Serve a creare
    > valore
    > aggiunto
    ?

    Si vede che sai molto di codifica video ed elaborazione immagini... Antialiasing... ? Solo quello secondo te si usa di filtro? Mah!
    non+autenticato
  • Credo di aver capito come funziona e anche in questo caso non si tratta di tecnologia nuova ma solo di un diverso impiego di algoritmi gia' esistenti;
    senza scendere nei degttagli dato che mi e' difficile spiegare in quattro parole si fa un calcolo contrario a quello dell'antialiasing usato per smussare i contorni e ricavando l'intensita' dei bordi si confronta piu' immagini consecutive che abbiano un lieve movimento (anche il rumore di fondo potrebbe tornare utile); le variazioni dello stesso gruppo di pixel fra piu' frame permetterebbero di calcolare alcuni dettagli che hanno permesso di avere quelle variazioni.
    Cosi' su dei piedi non so come spiegarmi meglio.
    non+autenticato
  • Era esattamente quello che avevo pensato io guardando i filamti.
    Una sorta di versione migliorata dell'algoritmo di sharping presente in quasi tutti i programmi di fotoritocco.

    bye
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Credo di aver capito come funziona e anche in
    > questo caso non si tratta di tecnologia nuova ma
    > solo di un diverso impiego di algoritmi gia'
    > esistenti;
    > senza scendere nei degttagli dato che mi e'
    > difficile spiegare in quattro parole si fa un
    > calcolo contrario a quello dell'antialiasing
    > usato per smussare i contorni e ricavando
    > l'intensita' dei bordi si confronta piu' immagini
    > consecutive che abbiano un lieve movimento (anche
    > il rumore di fondo potrebbe tornare utile); le
    > variazioni dello stesso gruppo di pixel fra piu'
    > frame permetterebbero di calcolare alcuni
    > dettagli che hanno permesso di avere quelle
    > variazioni.
    > Cosi' su dei piedi non so come spiegarmi meglio.

    Si chiama antialias temporale e chi più chi meno ce l'hanno tutti i software, persino quelli opensource (che qualcuno pensa siano di qualità inferiore ai prodotti closed, perché spesso gratuiti).
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Credo di aver capito come funziona e anche in
    > > questo caso non si tratta di tecnologia nuova ma
    > > solo di un diverso impiego di algoritmi gia'
    > > esistenti;
    > > senza scendere nei degttagli dato che mi e'
    > > difficile spiegare in quattro parole si fa un
    > > calcolo contrario a quello dell'antialiasing
    > > usato per smussare i contorni e ricavando
    > > l'intensita' dei bordi si confronta piu'
    > immagini
    > > consecutive che abbiano un lieve movimento
    > (anche
    > > il rumore di fondo potrebbe tornare utile); le
    > > variazioni dello stesso gruppo di pixel fra piu'
    > > frame permetterebbero di calcolare alcuni
    > > dettagli che hanno permesso di avere quelle
    > > variazioni.
    > > Cosi' su dei piedi non so come spiegarmi meglio.
    >
    > Si chiama antialias temporale e chi più chi meno
    > ce l'hanno tutti i software, persino quelli
    > opensource (che qualcuno pensa siano di qualità
    > inferiore ai prodotti closed, perché spesso
    > gratuiti).


    Veramente sono algoritmi di motocompensazione.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > Credo di aver capito come funziona e anche in
    > > > questo caso non si tratta di tecnologia nuova
    > ma
    > > > solo di un diverso impiego di algoritmi gia'
    > > > esistenti;
    > > > senza scendere nei degttagli dato che mi e'
    > > > difficile spiegare in quattro parole si fa un
    > > > calcolo contrario a quello dell'antialiasing
    > > > usato per smussare i contorni e ricavando
    > > > l'intensita' dei bordi si confronta piu'
    > > immagini
    > > > consecutive che abbiano un lieve movimento
    > > (anche
    > > > il rumore di fondo potrebbe tornare utile); le
    > > > variazioni dello stesso gruppo di pixel fra
    > piu'
    > > > frame permetterebbero di calcolare alcuni
    > > > dettagli che hanno permesso di avere quelle
    > > > variazioni.
    > > > Cosi' su dei piedi non so come spiegarmi
    > meglio.
    > >
    > > Si chiama antialias temporale e chi più chi meno
    > > ce l'hanno tutti i software, persino quelli
    > > opensource (che qualcuno pensa siano di qualità
    > > inferiore ai prodotti closed, perché spesso
    > > gratuiti).
    >
    >
    > Veramente sono algoritmi di motocompensazione.

    Si può fare anche senza e i risultati, come dicevo se non dello stesso livello, sono sicuramente molto simili (lasciandoti però la possibilità di poter attivare questi filtri in una codifica in real-time). Poi algoritmi di Tempral Noise Reduction tramite Motion Compensation ne esistono anche in prodotti opensource (mencoder e transcode tanto per dirne due "a caso"), ma a meno di non avere adeguato hardware a seguito difficilmente potrai portare un 352x288@25fps a 768x512@30fps in real-time.

    In entrambi i casi, resta valido il fatto che non si tratta di niente di nuovo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: firefox88
    > 2) Che senso ha lavorare con video a bassa
    > risoluzione per poi "migliorarli"?

    perché occupano poca banda passante, cosa che in certi usi può essere utile.

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)