Linux il pinguino sfonda nelle aziende

Dopo un periodo di prudente scetticismo, Linux ed il software open source in generale stanno ora riscuotendo il giusto successo anche nel mondo aziendale

Roma - Linux e l'open source sembrano piacere sempre di più non solo a rivoluzionari e avventurieri, ma anche a posati manager e dirigenti d'azienda, coloro che solitamente si ritrovano ad essere conservatori per necessità.

Questa tendenza è confermata da un recente sondaggio di Survey.com, dal quale risulta che Linux e gli altri sistemi operativi "for free", nei prossimi due anni dovrebbero più che raddoppiare la loro quota di mercato nel mondo corporate.

La cosa che più ha contribuito e contribuirà a diffondere Linux in azienda è la qualità del supporto tecnico, un servizio che ormai offrono un pO' tutte le grandi distribuzioni commerciali, società indipendenti e anche alcuni grossi produttori di computer come Compaq, Dell e IBM.
Bisogna tenere conto che per le medie e grosse aziende la gratuità di Linux è un fattore quasi trascurabile: caratteristiche fondamentali sono invece stabilità, sicurezza, scalabilità, ottimo supporto, bassi costi di installazione, gestione e manutenzione.

Il grosso successo dell'"alternativa" chiamata Linux secondo alcuni
potrebbe persino portare a rivedere, da parte dell'antitrust americana, il giudizio sulla posizione occupata da Microsoft sul mercato: da monopolista a... vittima?