BSA istruisce le forze dell'ordine italiane

Accade oggi a Genova dove, come promesso, parte il tour didattico dell'anti-pirateria, per spiegare alle forze di polizia che chi copia software è un criminale

Genova - Parte oggi nel capoluogo ligure il corso sulla pirateria del software, della musica e dell'audiovisivo con cui la Business Software Alliance, l'associazione dei produttori di software proprietario, intende istruire magistratura e forze dell'ordine italiane sulle leggi italiane in materia...

Quello di Genova è il terzo degli incontri promessi dalla BSA e non deve stupire che partecipi, tra gli altri, anche il console americano David Reimer. Proprio le aziende statunitensi, Microsoft in testa, sono i più importanti membri della BSA, la cui attività anti-pirateria non conosce confini.

Si tratta di seminari organizzati per "raccontare" le attuali normative sul diritto d'autore che come noto, secondo la BSA, sono poco note in Italia. Nel nostro paese l'associazione del software proprietario ritiene che il 46 per cento dei programmi installati sia pirata.
Il seminario, alla cui realizzazione collaborano anche la Federazione Anti-Pirateria Audiovisiva (FAPAV) e la Federazione antipirateria (FPM), arriva dopo due appuntamenti a Bergamo e Milano.

La scelta di Genova come terza tappa potrebbe essere dovuta anche alla massiccia operazione anti-pirateria condotta lo scorso dicembre in Liguria e, in particolare, a Savona. L'operazione, denominata Jolly Roger, ha portato alla verifica di 45 aziende, 16 delle quali multinazionali, e di 430 postazioni informatiche, con il risultato che una su due utilizzava illecitamente software.

Stando ad una nota della BSA la lotta alla pirateria richiede l'approntamento dei "mezzi tecnici" e delle "procedure" più idonei. E oggi a Genova interverranno, oltre al console per gli affari economici Reimer, anche Domenico Pellegrino, Sostituto Procuratore di Savona che nel 2001 ha coordinato proprio l'operazione Jolly Roger, il Generale Castore Palmerini, Comandante Regionale della Guardia di Finanza e i rappresentanti BSA.

"Durante l'incontro - spiega la BSA - saranno affrontati i temi legati alle nuove forme di pirateria apparse in seguito alle recenti evoluzioni tecnologiche e verrà fatto il punto della situazione sulle novità legislative in materia di tutela della proprietà intellettuale contenute nella legge 248/00". I punti chiave saranno riconoscere prodotti contraffatti, navigare su Internet per rintracciare siti pirata, condividere esperienze di indagini concluse nel nostro Paese e negli Stati Uniti.

Nei prossimi mesi l'antipiracy tour della BSA prevede tappe in altre 9 città italiane: Palermo, Catania, Catanzaro, Messina, Napoli, Venezia, Padova, Firenze, Roma.
36 Commenti alla Notizia BSA istruisce le forze dell'ordine italiane
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)