3 ottobre, il giorno della liberazione dal DRM

La fervida creatività degli attivisti che si battono contro la proliferazione dei lucchetti digitali annuncia la mobilitazione annuale. La speranza è che si traduca nel giorno dell'indipendenza digitale

Roma - Grazie alle vulcaniche menti dei membri di Defective by Design (DbD), già protagonisti di azioni contro le tecnologie anticopia, la mobilitazione per cancellare e reprimere i sistemi di Digital Rights Management (DRM) sale di livello.

Sviluppatosi in rete, su forum e blog, il dissenso per il DRM si è già evoluto nello scendere in piazza per manifestare il desiderio di poter partecipare ad una "liberazione della cultura" ed ora queste iniziative sfociano in una non ufficiale giornata mondiale contro i lucchetti digitali.

L'Anti-DRM Day lanciato da Defective by Design è fissato al 3 ottobre, data che riprende quella in cui si sono svolte precedenti azioni ma che d'ora in poi, di anno in anno, rappresenterà il clou della protesta antiDRM.
L'idea di Defective by Design è allargare la portata del movimento per arrivare ad una quantità di utenti molto grande, a quelli che la rete la seguono meno assiduamente e che possono essersi persi la grande battaglia per l'accesso alla cultura ma che sono ugualmente coinvolti in questo delicato processo.

La manifestazione del 3 ottobre non sarà appannaggio di una singola città perché, anzi, si vuole dar vita a numerose e diffuse iniziative da lanciare in località sparse in tutto il Mondo.

A dare una descrizione delle motivazioni che hanno portato a questa iniziativa è intervenuto il professor Ian Brown, docente all'Università di Los Angeles e al MIT nonché esponente dei DbD:" Le società produttrici di contenuti multimediali dovrebbero abbracciare le nuove tecnologie digitali e invece molte tra queste tentano di mantenerci bloccati all'interno di dinamiche economiche che potevano andare bene nel secolo scorso, facendo uso di tecnologie che a lungo andare non permetteranno ai consumatori di rispettare appieno le normative sulla tutela del copyright".

Giorgio Pontico
21 Commenti alla Notizia 3 ottobre, il giorno della liberazione dal DRM
Ordina
  • bell'articolo tradotto in italiano qui
    http://www.doxaliber.it/se-il-bug-e-nel-drm-la-cor...
    che spiega come a microsoft della sicurezza
    degli utenti dei propri sistemi non gliene freghi
    nulla, né abbia responsabilità legali per
    le centinaia di migliaia di winputer usati come
    zombie, ma come nello stesso tempo si affretti
    a rilasciare patch velocissime nel caso i
    problemi riguardino il proprio software drm,
    del quale i suoi utenti farebbero volentieri a meno ma non certo le major.
    non+autenticato
  • ma quando c'erano le video cassette non era la stessa cosa?
    sabotiamo le major e creiamo cultura libera e totale.
    Ficoso
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ma quando c'erano le video cassette non era la
    > stessa
    > cosa?
    > sabotiamo le major e creiamo cultura libera e
    > totale.
    > Ficoso

    Si ma le videocassette funzionavano dappertutto anche se copiate. Che bei tempi le vhs.

    i DVD DRM, se li masterizzi col tuo masterizzatore, sarà l'unica cosa in grado di leggerlo, dopo.

    spero che ci siamo capiti
    non+autenticato

  • >
    > Si ma le videocassette funzionavano dappertutto
    > anche se copiate.

    Non e' vero.
    non+autenticato
  • CIAO A TUTTI
    ora, non prendetemi per un Pirata, perche` sono contrario alla pirateria, ma di fatto, sono pure contrario ai sopprusi imposti dai DRM.
    Io, che compero un CD o un DVD, lo compero, ed e` quindi mio, e voglio avere il diritto di farmente infinite copie di BackUp, Ripparmelo altrettante volte nel Computer, e potermi creare CD con i File rippati delle canzoni che preferisco di ogni CD cosi` da potermi fare CD di sole canzoni che mi piacciono.
    Quando i DRM mi permetteranno di fare tutto cio`, allora, smettero` di boicottarli.
    Voi mi direte che se permettessero di fare tutto cio`, non servirebbero a nulla, beh, no, c'e` ancora un modo per proteggere i prodotti MultiMediali: ogni CD e DVD deve avere un Codice che, all'acquisto verra` legato al nostro codice Fiscale, poi, la palla passa in mano alle forze dell'ordine, che, ad esempio, quando ci fermano in Auto, potranno chiederci di tirare fuori i CD dall'Autoradio e loro verificheranno che i Codici dei CD o DVD corrispondano a quelli allacciati al nostro Codice Fiscale.
    Per quel che mi riguarda, cosi` andrebbe piu` che bene.
    Quello che ora noi Informatici dovremmo impegarci a fare, e` mettere in piedi una associazione altrettanto forte ed iniziare a manifestare contro il trusted Computing, altro Sistema che punta a minare la liberta` dell'Utenza e che noi dovremmo combattere con tutte le nostre forze, e questo gruppo Anti-DRM fara` il suo rumore, e se facessimo altrettanto contro il TC, potremmo ottenere il fallimento definitivo di questo Progetto malefico.
    DISTINTI SALUTI
    Crazy
    1945
  • quindi diventa automaticamente illegale prestare un CD. Si un amico mi presta il suo cd di back up, quello che tiene in macchina per farmelo sentire, cosa succede?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > quindi diventa automaticamente illegale prestare
    > un CD. Si un amico mi presta il suo cd di back
    > up, quello che tiene in macchina per farmelo
    > sentire, cosa
    > succede?

    CIAO
    vige la responsabilita` oggettiva, non potresti, CD e relative copie sono marchiate con tale codice, cosi`, se gli sbirri ti fermano e ti trovano con la copia con il codice di un Amico, sei fregato.
    Tengo a far presente che con l'attuale legge in vigore, se tu inviti qualcuno a casa tue e metti un CD che ti sei regolarmente comprato sulla Stereo, sei passibile di denuncia perche` la licenza relativo al tuo CD e` tua, e della famiglia (pensa che fino al 2003 la licenza era valida solo per te, se volevi far sentire il CD a tua madre, era illegale...) comunque, prestare il CD, e` un po' come prestare la Macchina, se il furbo passa davanti ad * Autovelox a 200Km/h, non hai piu` la tua patente, e lui, si e` goduto un bel giro.
    CORDIALI SALUTI
    Crazy
    1945
  • > CIAO
    > vige la responsabilita` oggettiva, non potresti,
    > CD e relative copie sono marchiate con tale
    > codice, cosi`, se gli sbirri ti fermano e ti
    > trovano con la copia con il codice di un Amico,
    > sei
    > fregato.
    > Tengo a far presente che con l'attuale legge in
    > vigore, se tu inviti qualcuno a casa tue e metti
    > un CD che ti sei regolarmente comprato sulla
    > Stereo, sei passibile di denuncia perche` la
    > licenza relativo al tuo CD e` tua, e della
    > famiglia (pensa che fino al 2003 la licenza era
    > valida solo per te, se volevi far sentire il CD a
    > tua madre, era illegale...) comunque, prestare il
    > CD, e` un po' come prestare la Macchina, se il
    > furbo passa davanti ad * Autovelox a 200Km/h, non
    > hai piu` la tua patente, e lui, si e` goduto un
    > bel
    > giro.
    > CORDIALI SALUTI

    Si, ma se io presto la mia macchina ad un amico e lui rispetta tutte le regole del codice stradale ne io ne lui stiamo commettendo un reato ne stiamo facendo niente di immorale.

    Secondo il tuo ragionamento invece se io presto un cd ad un amico sto automaticamente commettendo un reato e facendo una cosa immorale.

    Considera anche che potenzialmente è molto più pericoloso guidare che ascoltare una canzone.
    non+autenticato
  • Scusa Crazy, ma non ti sembra che sarebbe improponibile gestire un database del genere? E che poi andrebbe a finire che le spese ricadrebbero come al solito sugli utenti finali?

    E poi (personalmente) non è questo il motivo che mi porta ad essere ostile al DRM. E' che vorrei semplicemente poter acquistare un bene e poi farci ciò che voglio. E vorrei essere sicuro che il bene in questione facesse solo quello. In fondo, è quel che mi ha portato verso il software open source.

    Ciao
  • - Scritto da: Crazy

    > CIAO A TUTTI
    > c'e`
    > ancora un modo per proteggere i prodotti
    > MultiMediali: ogni CD e DVD deve avere un Codice
    > che, all'acquisto verra` legato al nostro codice
    > Fiscale,...
    > Per quel che mi riguarda, cosi` andrebbe piu` che
    > bene.

    Evidentemente pero' per le industrie non e' sufficiente.

    > DISTINTI SALUTI

    si distinti.
    non+autenticato
  • Ma hai un testo che copi/incolli tutte le mattine?
    Sei ridicolo oramai!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Crazy
    > CIAO A TUTTI
    > ora, non prendetemi per un Pirata, perche` sono
    > contrario alla pirateria, ma di fatto, sono pure
    > contrario ai sopprusi imposti dai
    > DRM.
    > Io, che compero un CD o un DVD, lo compero, ed e`
    > quindi mio, e voglio avere il diritto di farmente
    > infinite copie di BackUp, Ripparmelo altrettante
    > volte nel Computer, e potermi creare CD con i
    > File rippati delle canzoni che preferisco di ogni
    > CD cosi` da potermi fare CD di sole canzoni che
    > mi
    > piacciono.
    Questo mi sembra sacrosanto e concordo appieno.

    > Quando i DRM mi permetteranno di fare tutto cio`,
    > allora, smettero` di
    > boicottarli.
    Anche qui sono d'accordo.

    > Voi mi direte che se permettessero di fare tutto
    > cio`, non servirebbero a nulla, beh, no, c'e`
    > ancora un modo per proteggere i prodotti
    > MultiMediali: ogni CD e DVD deve avere un Codice
    > che, all'acquisto verra` legato al nostro codice
    > Fiscale, poi, la palla passa in mano alle forze
    > dell'ordine, che, ad esempio, quando ci fermano
    > in Auto, potranno chiederci di tirare fuori i CD
    > dall'Autoradio e loro verificheranno che i Codici
    > dei CD o DVD corrispondano a quelli allacciati al
    > nostro Codice
    > Fiscale.
    > Per quel che mi riguarda, cosi` andrebbe piu` che
    > bene.
    Per me non è un'idea così brillante, che succede se acquistadsi un CD per regalarlo ad un amico per il suo compleanno? E se volessi rivendere un CD ormai vecchio e che non mi piace più ad un rivenditore per usifruire di uno sconto sui nuovi (come si fa nelle grandi catene anche per DVD, CD e giochi PS)? Il negoziante della videoteca che ti affitta un DVD quale codice è tenuto a registrare, il suo o quello di ogni cliente che lo affitta?

    > Quello che ora noi Informatici dovremmo impegarci
    > a fare, e` mettere in piedi una associazione
    > altrettanto forte ed iniziare a manifestare
    > contro il trusted Computing, altro Sistema che
    > punta a minare la liberta` dell'Utenza e che noi
    > dovremmo combattere con tutte le nostre forze,
    Perchè, gli utenti dei PC sono tutti e solo degli "informatici"? Dovrebbero partecipare tutti ad un'iniziativa del genere. In realtà non ha senso costituire un'associazione perchè una cosa come il TC non avrebbe mai dovuto essere nemmeno pensata.

    e
    > questo gruppo Anti-DRM fara` il suo rumore, e se
    > facessimo altrettanto contro il TC, potremmo
    > ottenere il fallimento definitivo di questo
    > Progetto
    > malefico.
    Secondo me, come dice l'articolo, potrà salire la soglia d'attenzione ma sia il DRM che il TC andranno comunque in porto perchè c'è gente che vuole farci i suoi guadagni e delle ideologie se ne frega altamente, caro mio. Quante manifestazioni furono fatte contro la guerra in Iraq? Il mondo non è più quello di 100 anni fa, quando un manipolo di donne rimasero uccise in una fabbrica di New York protestando per i loro diritti che dopo gli vennero riconosciuti. Una cosa del genere, oggi, passerebbe come una disgrazia ma non cambierebbe assolutamente nulla.

    > DISTINTI SALUTI
    Saluti
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: Crazy
    > > CIAO A TUTTI
    > > ora, non prendetemi per un Pirata, perche` sono
    > > contrario alla pirateria, ma di fatto, sono pure
    > > contrario ai sopprusi imposti dai
    > > DRM.
    > > Io, che compero un CD o un DVD, lo compero, ed
    > e`
    > > quindi mio, e voglio avere il diritto di
    > farmente
    > > infinite copie di BackUp, Ripparmelo altrettante
    > > volte nel Computer, e potermi creare CD con i
    > > File rippati delle canzoni che preferisco di
    > ogni
    > > CD cosi` da potermi fare CD di sole canzoni che
    > > mi
    > > piacciono.
    > Questo mi sembra sacrosanto e concordo appieno.
    >
    > > Quando i DRM mi permetteranno di fare tutto
    > cio`,
    > > allora, smettero` di
    > > boicottarli.
    > Anche qui sono d'accordo.
    >
    > > Voi mi direte che se permettessero di fare tutto
    > > cio`, non servirebbero a nulla, beh, no, c'e`
    > > ancora un modo per proteggere i prodotti
    > > MultiMediali: ogni CD e DVD deve avere un Codice
    > > che, all'acquisto verra` legato al nostro codice
    > > Fiscale, poi, la palla passa in mano alle forze
    > > dell'ordine, che, ad esempio, quando ci fermano
    > > in Auto, potranno chiederci di tirare fuori i CD
    > > dall'Autoradio e loro verificheranno che i
    > Codici
    > > dei CD o DVD corrispondano a quelli allacciati
    > al
    > > nostro Codice
    > > Fiscale.
    > > Per quel che mi riguarda, cosi` andrebbe piu`
    > che
    > > bene.
    > Per me non è un'idea così brillante, che succede
    > se acquistadsi un CD per regalarlo ad un amico
    > per il suo compleanno? E se volessi rivendere un
    > CD ormai vecchio e che non mi piace più ad un
    > rivenditore per usifruire di uno sconto sui nuovi
    > (come si fa nelle grandi catene anche per DVD, CD
    > e giochi PS)? Il negoziante della videoteca che
    > ti affitta un DVD quale codice è tenuto a
    > registrare, il suo o quello di ogni cliente che
    > lo
    > affitta?
    >
    > > Quello che ora noi Informatici dovremmo
    > impegarci
    > > a fare, e` mettere in piedi una associazione
    > > altrettanto forte ed iniziare a manifestare
    > > contro il trusted Computing, altro Sistema che
    > > punta a minare la liberta` dell'Utenza e che noi
    > > dovremmo combattere con tutte le nostre forze,
    > Perchè, gli utenti dei PC sono tutti e solo degli
    > "informatici"? Dovrebbero partecipare tutti ad
    > un'iniziativa del genere. In realtà non ha senso
    > costituire un'associazione perchè una cosa come
    > il TC non avrebbe mai dovuto essere nemmeno
    > pensata.
    >
    > e
    > > questo gruppo Anti-DRM fara` il suo rumore, e se
    > > facessimo altrettanto contro il TC, potremmo
    > > ottenere il fallimento definitivo di questo
    > > Progetto
    > > malefico.
    > Secondo me, come dice l'articolo, potrà salire la
    > soglia d'attenzione ma sia il DRM che il TC
    > andranno comunque in porto perchè c'è gente che
    > vuole farci i suoi guadagni e delle ideologie se
    > ne frega altamente, caro mio. Quante
    > manifestazioni furono fatte contro la guerra in
    > Iraq?

    Beh fermare una guerra, è una cosa. Fermare lo sviluppo e produzione di pezzi hardware, mi pare un pò meno impegnativo. Cmq è gia stato detto: si baserà tutto sui primi guadagni.

    > Il mondo non è più quello di 100 anni fa,
    > quando un manipolo di donne rimasero uccise in
    > una fabbrica di New York protestando per i loro
    > diritti che dopo gli vennero riconosciuti. Una
    > cosa del genere, oggi, passerebbe come una
    > disgrazia ma non cambierebbe assolutamente
    > nulla.
    >
    > > DISTINTI SALUTI
    > Saluti

    Mah, io non credo proprio. Staremo a vedere.
    Se proprio ti piace, c'è gia in vendita.

    Ma tu sei sempre quello di 5 giorni fa, MR PESSIMISMO & fastidio ? se sei tu, un consiglio: SU COL MORALE!!
    non+autenticato
  • > Beh fermare una guerra, è una cosa. Fermare lo
    > sviluppo e produzione di pezzi hardware, mi pare
    > un pò meno impegnativo.
    E cosa conti di fare, lanciare una chiave inglese tra gli ingranaggi della catena di produzione? Oppure credi che basti andare davanti al cancello della casa prodruttrice e dire "non ci piace!"?

    > Cmq è gia stato detto: si
    > baserà tutto sui primi
    > guadagni.
    Non credo proprio. Se le grandi case produttrici introdurranno i chippetti nei loro hardware questi diventeranno standard de facto e non ci potrai fare nulla.

    > Se proprio ti piace, c'è gia in vendita.
    Da cosa hai dedotto che "mi piace"? Mai pensato di fare concorrenza a Perry Mason o al tenente Colombo?

    > Ma tu sei sempre quello di 5 giorni fa, MR
    > PESSIMISMO & fastidio ? se sei tu, un consiglio:
    > SU COL
    > MORALE!!
    Non so a chi ti stai riferendo ma non è con il morale alto o con le manifestazioni che cambieranno le cose, il TC come il DRM è una questione di soldi, tanti soldi e non si fermeranno solo perchè hanno fatto una manifestazione. Immagina di avere in mano il bigletto vincente della "lotteria mondiale" e organizzassero una manifestazione sotto casa tua per chiederti di non riscuoterlo, che faresti?
    non+autenticato
  • ... e molto di pù.
    Si dovrebbe associare al codice fiscale anche il numero di serie della tua lavatrice, così che tu possa dimostrare che è realmente tua; lo stesso per il frigo e per tutto quello che possiedi.
    E se ti ferma la finaza per controllarti i CD, dovresti anche dimostrare che, se hai pranzato a casa tua, effettivamente hai pranzato lì, altrimenti dovresti avere con te la ricevuta del ristorante, anche se ti hanno offerto il pranzo.

    Enrico
    non+autenticato