Chi vuole affittare Sun via Internet?

L'azienda spera siano in molti, ora che risponde con un certo ritardo alle offensive di Microsoft .NET. Sun resuscita StarPortal rilanciandolo con il nome Webtop, un'insieme di applicazioni per la produttività accessibili via Web

Palo Alto (USA) - E ' passato quasi un anno e mezzo da quando Sun, acquisita la tedesca StarDivision (la creatrice di StarOffice), svelò il progetto StarPortal, una tecnologia sostanzialmente orientata a rendere disponibili via Web gli applicativi presenti nella suite open source. "A noi non interessa competere con Microsoft con tecnologie degli anni '70-'80", affermò John Loiacono, vice presidente del marketing di Sun, "noi vogliamo prendere queste tecnologie e muoverle sul Web".

Sembrano passati secoli da questa affermazione e ancora una volta è possibile rendersi conto di come Microsoft sia riuscita, in meno di 18 mesi, a far propri certi concetti battendo sul tempo gli avversari e ponendosi alla guida della nuova filosofia del software net-oriented.

Quella tecnologia che Sun aveva inizialmente previsto per la metà del 2000 è invece stata lanciata ora, in occasione dell'annuncio di Sun ONE, e ha cambiato nome da StarPortal a Webtop.
Webtop consente agli utenti di accedere a tutte le più comuni applicazioni di produttività, dal word processor al foglio di calcolo, attraverso un tradizionale browser Web, un handheld o un telefono cellulare con capacità di navigazione su Internet.

Al momento, Webtop supporta unicamente il sistema operativo Unix-like di Sun, Solaris, ma l'azienda sta già lavorando per rendere la piattaforma compatibile con Linux e Windows 2000 per la fine del terzo trimestre dell'anno.
1 Commenti alla Notizia Chi vuole affittare Sun via Internet?
Ordina
  • Come idea è bellissima. Niente più acquisto di software, tutto il lavoro (Word, Excel, etc. compresi) dentro un browser. Fine di upgrade, patch, bug e rogne simili che sono l'incubo di ogni amministratore di sistema. Solo un bel canone mensile o, meglio ancora, a consumo.

    Ma come ci mettiamo con gli accessi Internet italiani? ISDN: cade in continuazione e quando corre non supera gli 8-10K. ADSL: peggio ancora, perchè oltre la spesa (un canone a banda decente non costa meno di 800.000-1.000.000 al mese) c'è anche la beffa perchè Telecom non riesce a rendere stabile il servizio, con continue "cadute" dell'ATM.

    E allora? Posso fidarmi di un Word a singhiozzo o un Excel che per sommare dieci celle impiega 10 minuti?
    non+autenticato