AOL compra e fonde Time Warner

Le due aziende mettono in piedi un colosso dell'intrattenimento elettronico e non dal valore di 355 miliardi di dollari. L'operazione "costa" ad AOL 166 miliardi di dollari

AOL compra e fonde Time WarnerNew York (USA) - C'è una sola notizia che in queste ore e per tutta la giornata di ieri ha scosso e movimentato i mercati finanziari: la megafusione tra Time Warner, già multinazionale dell'intrattenimento e dello spettacolo, e America Online, il primo e più potente provider internet americano.

L'operazione ha un "peso" notevole perché porta alla creazione del più importante gruppo industriale del settore con una capitalizzazione di mercato valutata intorno ai 355 miliardi di dollari. L'operazione voluta dalle due aziende, e condotta da AOL, è "costata" al provider qualcosa come 166 miliardi di dollari.

Le conseguenze di questo accordo sono notevolissime non solo per l'industria dello spettacolo, che "si integra" nei suoi gangli vitali con le tecnologie di rete e con i quasi 25 milioni di abbonati di America Online, ma anche per la rete stessa dove, c'è da scommetterci, si imparerà presto a fruire delle produzioni di Time Warner in modo "nuovo". Al centro, infatti, si trovano le nuove tecnologie interattive e soprattutto di streaming audio e video...
Significativo il fatto che Steve Case, la mente dietro la crescita prodigiosa di AOL in questi anni, sia il chairman del nuovo colosso. "Dentro" questo gigante trovano posto marchi, oltre a Time e Warner Bros., come CNN, HBO, Time, Sports Illustrated, studios di Hollywood, Fortune, Looney Tunes e molti altri.

In realtà, sebbene i manager delle due aziende lo diano quasi per scontato, l'accordo dovrà essere approvato dagli azionisti. Ma già si sa che il potente Ted Turner, boss di CNN che possiede tra le altre il 9 per cento di Time Warner, ha dato la sua benedizione all'accordo. L'operazione di fusione si concluderà prima della fine dell'anno.