Internet veloce senza fili, scontro di titani

Oggi Telecom Italia presenta la propria offerta Alice Flash ma arriva seconda, perché poche ore prima Albacom ha annunciato i servizi a banda larga su Wi-Fi. Ma di Wi-Fi parla anche Viasat. Wireless italiano all'arrembaggio

Internet veloce senza fili, scontro di titaniRoma - Gli operatori italiani rompono gli indugi e aprono la via alle offerte di connettività wireless veloci, con un abbrivio degno di un mercato dinamico. Albacom ha infatti annunciato che da giugno offrirà servizi a banda larga wireless sfruttando le tecnologie Wi-Fi e poche ore dopo Telecom ha preannunciato Alice Flash, connettività wireless veloce.

La piattaforma Wi-Fi (Wireless Fidelity), alla quale Punto Informatico ha dedicato ampio spazio in questi mesi, consente di realizzare reti locali senza fili con trasmissione dati su frequenze di 2.4 GHz, con una velocità potenziale fino a 11 megabit al secondo e dunque offrendo tutti i vantaggi di una connessione mobile di questo tipo.

Le reti Wi-Fi utilizzano un "network" con stazioni base (Access Point) in grado di garantire la copertura radio di tutte le postazioni mobili presenti in una determinata area (in un raggio di circa 50-100 metri). I punti di accesso, a loro volta, sono collegati ad un backbone e/o ad un segmento di una wired LAN aziendale.
Per accedere alla rete Wi-Fi le apparecchiature devono essere dotate unicamente di una scheda dedicata. I maggiori produttori di personal computer già offrono configurazioni standard con integrata la scheda Wi-Fi.

Albacom in una nota diffusa ieri ha spiegato di puntare alla fornitura di "ambienti di connettività" aperti a qualsiasi device capace di sfruttare il Wi-Fi e da lì di connettersi ad internet a velocità elevata. L'offerta dell'operatore è anche in questo caso sostanzialmente rivolta alle aziende, nelle quali una wireless LAN può trasformarsi in uno strumento di produttività in più. Stando ad Albacom gli utenti potranno contare sull'estensione Wi-Fi negli uffici della connettività DSL a banda larga e degli altri servizi di telefonia già forniti dall'azienda.

"Le aziende che aderiranno all'offerta Wi-Fi di Albacom - spiega una nota - avranno a loro disposizione, oltre che collegamenti per fonia e dati a larga banda su rete fisica, anche collegamenti senza filo all'interno dei propri uffici, affrancandosi così dai vincoli e dai costi imposti dal cablaggio".

All'iniziativa di Albacom risponde oggi Telecom Italia, con la presentazione ufficiale di Alice Flash. Ecco i primi dettagli.
TAG: adsl
108 Commenti alla Notizia Internet veloce senza fili, scontro di titani
Ordina
  • Da Repubblica:

    http://www.repubblica.it/online/scienza_e_tecnolog...

    ......Ma la novità più interessante e rivoluzionaria viene dal versante non commerciale, ovvero dai progetti di rete senza fili e - tendenzialmente - gratuita cui stanno lavorando vari gruppi di volontari disseminati in tutto il mondo. Seattle Wireless è uno dei più ambiziosi ed è il frutto dell'inventiva di due giovani ingegneri che sognavano da tempo un'alternativa al monopolio (e alle lentezze) dei tradizionali fornitori di accesso. Così hanno iniziato col mettere in piedi i primi "nodi", montando sui tetti delle loro abitazioni le apposite antenne e chiedendo poi attraverso un sito ai concittadini interessati di partecipare, facendo altrettanto. In questo caso l'investimento è iniziale e una tantum, intorno al milione di lire. Esperimenti analoghi sono poi quelli di SFLan, caldeggiato a San Francisco da Brewster Kahle, già inventore del metabrowser Alexa o di Consume.net e Guerrilla.net, rispettivamente a Londra e Cambridge, in Massachusetts, oltre a un numero crescente di altri. La particolarità comune sta nel puntare su una navigazione alternativa, velocissima e tendenzialmente gratuita - o con abbonamenti molto contenuti - rispetto a quella tradizionalmente fornita dai service provider. Una sorta di "Internet libera" sulla scia del "software libero", alla Linux, utilizzato per far funzionare anche quest'ultima infrastruttura. Un segnale forte e controtendenza in un momento di crisi della gratuità, raccolto per il momento da 80 volontari a Seattle e da tante altre decine nel mondo, volenterosi artefici della "prossima Internet".

    non+autenticato
  • Se è gisuto dire che la connettività internet dipende dagli operatori TLC come Albacom e Telecom, mi sentirei molto offeso, ma non spaventato, dalla possibilità che queste vogliano occupare dei settori come quello delle LAN wireless aziendali, già coperti con professionalità e maggiore rapidità da (piccole) realtà locali come la nostra che si occupa di wireless con buoni risultati da quasi un anno ormai.
    Offeso e preoccupato perché memore di pionieri quali gli ISP, i primi internet provider, spazzati via o fagocitati dalla fame di business di questi colossi. Ricordo comunque come non basti Alice wireless o cablata che sia e soprattutto in un ambiente aziendale, è ridicolo non ricorrere a firewall e altri indispensabili sistemi di protezione che il "tecnico della Telecom" NON riuscirà ad installare MAI.
    D'altra parte, qualcuno potrebbe obbiettare, che questo interessamento potrebbe significare per noi un importante aumento delle richieste di questo servizio. Staremo a vedere.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Daniele
    > Se è gisuto dire che la connettività
    CUT

    Scusa mi potresti dare il tuo indirizzo web visto che sono interessato ai wireless e non certo da telecom o da albacom.

    Lele
    non+autenticato
  • Wlan può essere usato per reti locali indoor e outdoor. In casa, il range assicurato è di 30 metri: le onde possono oltrepassare i muri. Con un po' di fortuna si arriva fino a 164 metri.
    Fuori casa è un altro discorso: le l'antenna è abbastanza alta e potente (ci sono diversi modelli sul mercato) ed è presente la classica "linea di vista" (line of sight), il range massimo è di 18,5 km. Il minimo, con antenne di bassa qualità, è di 480 metri.
    non+autenticato
  • Ma si può essere così in malafede?
    Ingannare così noi poveri internauti?

    Allora:
    Il problema principale dell'ADSL oggi è la copertura poichè ne possono beneficiare soltanto gli utenti di grandi e medie città. Tutta la periferia (anche industriale) è completamente emarginata.

    Telecom sfrutta tale inammissibile cattivo servizio di cui ha completa responsabilità pubblicizzando una formula ADSL wireless, facendo immaginare ai malcapitati che, attraverso questo strumento i loro problemi di copertura saranno risolti via radio e senza fili.

    ERRORE !!

    L'offerta pubblicizza semplicemente uno dei tanti pacchetti wireless che è possibile acquistare in uno qualsiasi dei grossi shop di informatica. In altre parole potremmo comprarci il pacchetto nel costro computer discount (prezzi per questi prodotti sono in discesa verticale), attaccarlo al normale router ADSL e avere la tanto reclamizzata ADSL wireless che si publicizza, senza pagare i 9 euri addizionali mensili a matrigna telecom.

    E' semplicemente una presa in giro, in stile telecom, su cui non riporre nessuna speranza concreta di liberarsi dalla segregazione tecnologica nella quale siamo confinati in tanti.


    non+autenticato
  • verissimo tutto quanto..
    pero' a quanto vedo in giro i prezzi dei router wireless sono ancora "altini".. si parla di 350-400 euro (La airport base station di Apple costa 418 euro)Triste(
    Oltretutto non so neanche se il modello di router fornito da telecom sara' quantomeno configurabile via http attraverso il mio Powerbook..sperem..
    Ciao
    Pino
    non+autenticato
  • - Scritto da: pino

    > router wireless sono ancora "altini".. si
    > parla di 350-400 euro (La airport base

    Guarda, non voglio fare il nome perchè è un negozio che mi sta sulle palle, ma ti assicuro che in zona Milano gli access point li trovi a meno di 300 Euro (non so se è quello a cui ti riferisci tu)... certo poi ci sono gli Outdoor Router che costano una paccata di soldi...
    Sicuramente conoscerai questo sito, io comprerei qui piuttosto che in Italia.
    http://www.hyperlinktech.com/web/avaya_products.ht...

    non+autenticato
  • ci stanno dicendo che si viaggia a 11megabit?

    una volta che tutto sarà messo a posto con questa tecnologia andremo a 11 megabit? se è così hanno fatto finalmente una cosa decente... ma ho paura che non sia così...
    non+autenticato
  • Capito male. All'interno della rete si va a 11Mb. Su internet si viaggia alla velocità con cui è connessa alla tua rete. Quindi, per ADSL, nella migliore delle ipotesi sarà 640/128.

    - Scritto da: curioso
    > ci stanno dicendo che si viaggia a 11megabit?
    >
    > una volta che tutto sarà messo a posto con
    > questa tecnologia andremo a 11 megabit? se è
    > così hanno fatto finalmente una cosa
    > decente... ma ho paura che non sia così...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 24 discussioni)