Che sorpresa il Piccolo Fratello italiota

di P. De Andreis. Nei giorni del vertice NATO è stato risvegliato il Golem iper-tecnologico. Dicono che tornerà argilla subito dopo, smettendo di ascoltare le telefonate, in particolare quelle dei romani. Chissà che pettegolezzi

Che sorpresa il Piccolo Fratello italiotaRoma - Attenzione romani, in questi giorni le vostre conversazioni private sono ascoltate da un orecchio indiscreto e malizioso, quello di un novello Golem informatico svelato in occasione del vertice NATO. Un apparato echelonante al quale si attribuisce la capacità di intercettare, registrare e scandagliare le telefonate che avvengono nella zona di Roma e non solo, da qualche settimana a questa parte e per tutta la durata del vertice.

Se in passato qualcuno pensava di poter sproloquiare al telefono nella convinzione che tanto nessuno mai l'avrebbe preso sul serio, ora - stando a quanto battuto ieri dalle agenzie - c'è ufficialmente un orecchio che ascolta e sarà bene, come si dice a Roma, imparare a tenersi qualche cecio in bocca. Una battuta sagace, un sarcasmo fuori misura o un'esplicita minaccia alla suocera possono tradire bellicose intenzioni che saranno accuratamente vagliate con equipaggiamenti ultramoderni da sconosciuti in camice bianco all'interno di preziosi laboratori di servizi segreti e militari.

Il supergiochino che pare sia stato messo a punto dalle tecnomilizie nordatlantiche per tenere a bada il terrorismo parrebbe infatti sia specializzato nel registrare quelle telefonate che avvengono tra utenti di telefonia mobile o tra fisso e mobile. La storiella vuole che i terroristi ormai non utilizzino più le obsolete cabine pubbliche per i propri contatti e che sfruttino invece i più comodi e ubiqui cellulari: da qui la necessità dell'ombrello intercettante che si è voluto mettere a punto.
La situazione è quella di un sistemone capace di filtrare le conversazioni scegliendo quelle in cui appaiano parole o frasi "chiave", indipendentemente dalla lingua utilizzata, e di passare le intercettazioni ritenute degne di nota al secondo stadio dell'analisi. Poiché questa seconda fase è gestita da umani a rischio d'errore, che devono decidere quali conversazioni eventualmente trasmettere ai tutori dell'antiterrorismo, è evidente come il primo stadio, quello informatico, risulti decisivo. Chissà qual è la potenza di calcolo dei computer utilizzati.

È curioso, in tempi di Echelon, di Enfopol, di data retention, di vite regalate alla telecamera, di farneticanti proposizioni normative sulla sorveglianza totale, che sollevi addirittura scalpore un Piccolo Fratello italiano, al punto da finire con rilievo sui giornali, raccontato come l'ultimo ritrovato della sicurezza strategica. Una notizia condita dalla (r)assicurazione che dopo il vertice NATO il sistema tornerà a dormire, come faceva fino a qualche settimana fa. Ancora più singolare, però, sarebbe illudersi davvero che il Golem, una volta attivato, torni ad essere inanimata argilla dopoché qualcuno avrà premuto un pulsante rosso.
Per fermare il Golem c'è un solo mezzo: occorre che sulla sua fronte appaia una parola antica, quella che i cultori della total security non conoscono o non vogliono comporre. E a noi ce la raccontano così.

Paolo De Andreis
TAG: italia
58 Commenti alla Notizia Che sorpresa il Piccolo Fratello italiota
Ordina
  • Dovremmo tutti telefonare a Roma dicendo cose tipo "uccidere, bombe, plastico" nello stesso giorno alla stessa ora. Cosi' testiamo il limite d'ingorgo dell'apparato.

    Immagino che la costituzione italiana serva molto nelle riunioni di gabinetto del governo... usare le foglie di vite irrita il didietro.
    non+autenticato
  • Mi piacerebbe dare un'occhiata all'elenco delle parole e delle frasi chiave che farebbero scattare l'allarme.
    Forse del tipo: "Buongiorno, sono un terrorista, avrei bisogno di un informazione...", oppure "Aho, me hai ordinato quella partita de tritolo, che mercoledì je famo un botto tanto?" Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • E se i terroristi parlassero in codice?? Non ci vuole tanto a parlare x metafore....Il simpatico macchinino rimane fregato oppure è anche intelligente e capisce lo stesso?? A me sa tanto la prima...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Rocco Siffredi
    > E se i terroristi parlassero in codice?? Non
    > ci vuole tanto a parlare x metafore....Il
    > simpatico macchinino rimane fregato oppure è
    > anche intelligente e capisce lo stesso?? A
    > me sa tanto la prima...

    Ancora?
    Al simpatico macchinino non gliene frega un accidenti   di scoprire i terroristi (tanto sanno già chi sono dove stanno cosa fanno e quali sono i prossimi obbiettivi, e quali di questi obbiettivi gli permetteranno di colpire e quali no).
    Oddio se ogni tanto gli permette di trovare qualche terrorista un pò più fesso degli altri non gli dispiace cosi giustificano gli investimenti.
    Il simpatico macchinino serve per funzioni di controllo e schedatura sociale da una parte e per giustificare i finanziamenti e le strutture e gli apparati dall'altra.
    non+autenticato
  • ma ke senso ha mi kiedo... poveri romani... magari con sto coso la polizia se diverte pure a spiare le telefonate di altre persone...
    abbiamo votato berlusconi? bene ora ci tocca mantenerlo lui e tutte le sue aziende...
    non+autenticato
  • Ad aprendere questa notizia mi sento molto più sicuro: finalmente anche noi italiani abbiamo un sistema al pari degli stati più avanzati.
    Con questi sistemi possiamo essere sicuri che il terrorismo ne uscirà veramente sconfito: tutto è sotto controlo e tutto è continuamente registrato e verificato dai nostri tuttori dell'ordine.
    Ogni telefonata, email, luogo pubblico (ci sono microtelecamere dappertuto), computer è soggetto continuamente al controllo ed alla registrazione.
    E questo non è bene ?
    Controllare e reprimere, innanzituto, è un preciso dovere morale.
    Prima viene la sicureza e poi tuto il resto.
    Come al solito, i linuxari (lo so perchè ho un dipendente sistemista giurassinux), dicono che cio non dovrebbe essere fatto.
    Ma sbagliano perchè hanno una moralità troppo bassa ... del resto i loro sacerdoti sono tutti pirati hacker e che ci si puo aspetare da loro ?

    In effetti, se ci pensate bene, è nell'ordine naturale delle cose: il dipendente è controllato capilarmente dal datore di lavoro, tutti i cittadini sono controlati continuamente dallo stato, gli stati sono controllati dalle associazioni degli stati ... e via così.

    L'unica cosa che stona è quella cosa amorfa di giurassinux (ed i loro seguaci) che, rendendo disponibile il codice insorgente, non permette di effetturare validamente un controlo remoto aprofondito dentro i PC che lo hanno instalato (come invece avviene in sistemi più avanzati quali Windows e MacOS).
    Infatti chi usa giurassinux ?
    Dalla verifica che ho fatto sul mio dipendente sistemista linux, solo chi ha qualcosa da nascondere (o per motivi di scarsa mortalità o per altro inerente alla pubblica sicurezza)!
    E' per questo che questo sistema operativo, sorgete di tutti i mali, venga definitivamente debellato!

    Così potremo avere un controlo più certo a cui nessuno potrà sottrarsi.
    Ed il risultato di questo sarà quello di avere finamente un mondo molto piu sicuro.

    non+autenticato
  • Suvvia Zop. Te l'ho già detto sei un PRETORIANO zoppo che ha imparato a zoppicare frequentando assisuamento lo zoppo.

    Fatti 1 ragione, anche se la Trippa x Gatti è finita anche per te, non buttarti anche te nel fiume, già troppi cadaveri vedo galleggiare, comincio ad annoiarmi a contarli.
    Se decidi di non buttarti, avvertimi guando si butterà il DRAGA.
    non+autenticato
  • > L'unica cosa che stona è quella cosa amorfa
    > di giurassinux (ed i loro seguaci) che,
    > rendendo disponibile il codice insorgente,
    > non permette di effetturare validamente un
    > controlo remoto aprofondito dentro i PC che
    > lo hanno instalato (come invece avviene in
    Guarda che da quanto dicevi sulla necessità di un controllo capillare avrei giurato che avresti detto il contrario sull'Open Source, proprio perchè consente di controllare una cosa molto importante: ciò che fai girare sulla tua macchina.
    Se tu, cliente piccolo o grande, non sai come funziona il computer a cui affidi dati di grande valore come puoi essere al sicuro?
    Per farti un esempio fantapolitico, chi ci dice che Bill Gates non sia un agente segreto del governo cubano e che non stia passando tutte le informazioni degli utenti M$ (tra cui anche governi, organizzazioni militari, grandi industrie ecc...) a Fidel? E che un giorno, dopo aver piazzato un bel server XP in ogni silos di missili intercontinentali non riceverà un ordine dal compagno Castro e li farà partire sui suoi nemici della NATO(*)?
    Oppure per stare con i piedi per terra, se tu sei gianni Agnelli e M$ (o il proprietario del tuo Closed Source, non è che voglia schierarmi contro qualcuno in particolare) ti fruga nel PC, a quanto credi che potrebbe rivendre i tuoi dati al sig. Honda? O quanto guadagnerebbe con le tue azioni se disponesse del tuo bilancio prima che tu lo renda pubblico?
    Credo che dato che i computer controllano la produzione, il commercio, il terziario, i sistemi di sicurezza e in futuro forse anche il voto sia DOVEROSO da parte dei governi fornire ai cittadini e agli uffici istituzionali sw sicuro e controllato, che sia NELL'INTERESSE delle aziende poter controllare ciò che installano e così via.
    Si può essere pro o contro un programma o una licenza ma a mio avviso NON SI PUO', dato il ruolo che oggi riveste il software, essere contrari all'open source.
    Posso accettare solo l'idea che esistano dei sw il cui codice rimane segreto ma è comunque trasparente per chi lo acquista (vedi ad es sistemi come *)
    non+autenticato


  • - Scritto da: gio74web
    > Guarda che da quanto dicevi sulla necessità
    > di un controllo capillare avrei giurato che
    > avresti detto il contrario sull'Open Source,
    > proprio perchè consente di controllare una
    > cosa molto importante: ciò che fai girare
    > sulla tua macchina.
    Apunto è proprio questo il problema!
    Se gli utenti capiscono (o qualcuno che era in grado di leggere gli dice) quali sono i sistemi per permettere l'acceso remoto sulle loro machine, dopo, li disabilitano subbito (la gente commune, viene facilmente iretita dai discepoli dello stallato).
    E adio controllo!
    Invece, se si tiene tuto nascosto, ed eventualmete si mette in galera chi trafica con il codice insorgente e con quello di dubbia provenienza, compresi i pirati haker, si risolve il problema ala radice!

    > Credo che dato che i computer controllano la
    > produzione, il commercio, il terziario, i
    > sistemi di sicurezza e in futuro forse anche
    > il voto sia DOVEROSO da parte dei governi
    > fornire ai cittadini e agli uffici
    > istituzionali sw sicuro e controllato, che
    > sia NELL'INTERESSE delle aziende poter
    > controllare ciò che installano e così via.
    Ma non di VEDERE ciò che cè dentro, perche questo deve rimanere segreto tra la software aus ed i vari stati.
    E se becco qualcuno con un software insorgente fuori da una software aus -zac- in galera!

    E se sui PC degli utenti ci becco un programa di dubbia provenienza o altre informazioni illecite, scatta l'allarme rosso e -zac- arriva la finanza, sequestra tutto e mette il delinquente in galera!

    Vedi, questo è nell'interese della sicureza nazionale e della prosperita econommica !

    > Si può essere pro o contro un programma o
    > una licenza ma a mio avviso NON SI PUO',
    > dato il ruolo che oggi riveste il software,
    > essere contrari all'open source.
    Infati!
    Non bisogna esere indiferenti: bigsona combaterlo e sbarrargli la strada con tuti i mezi possibbili fino a che non sara del tutto debelato e con lui tutti i pirati haker e la gerarchia religiosa del sorcio sbuzato !
    non+autenticato
  • AHAHAHAHA!!! BRavo Zop! Sei stato spassosissimo! Sono d'accordo con te! Abaso gli acher! Sorride
    non+autenticato
  • Giusto, e abbasso anche i crackers, ma solo quelli troppo salati che non mi piaccionoOcchiolino!
    non+autenticato
  • > Apunto è proprio questo il problema!
    > Se gli utenti capiscono (o qualcuno che era
    > in grado di leggere gli dice) quali sono i
    > sistemi per permettere l'acceso remoto sulle
    > loro machine, dopo, li disabilitano subbito
    > (la gente commune, viene facilmente iretita
    > dai discepoli dello stallato).
    > E adio controllo!
    > Invece, se si tiene tuto nascosto, ed
    > eventualmete si mette in galera chi trafica
    > con il codice insorgente e con quello di
    > dubbia provenienza, compresi i pirati haker,
    > si risolve il problema ala radice!

    sono sicuro che a parte il tono "troller" (consentimelo, senza offesa) dietro c'è un buon ragionamento, e dato che le provocazioni mi piacciono perchè le ritengo salutari, rispondo seriamente.
    Già, per certi versi il controllo serve, per altri è dannoso, fermo restando quello che hai convenuto anche tu, cioè che il codice deve essere aperto non sollo alla swhouse ma anche ad organismi di controllo (stati clienti o altro che dir si voglia), base di partenza indispensabile per effettuare qualunque controllo: credo che la sicurezza da un lato e la democrazia dall'altro siano troppo importanti per essere date in "outsorcing" alla M$ di turno!
    Ma democrazia e controllo sono due facce della stessa medaglia, non scindibili.
    Gli stromenti di controllo, come quelli di indagine, di procedura civile e penale, di elezione, di governo, devono essere stabiliti con attenzione tenendo conto di entrambe le faccie, come quando si scrive una costituzione, o un codice.
    Credo che oggi possa sembrare a molti un discorso prematuro, ma nell'arco delle nostre vite potrebbe non esserlo più.
    Garantire sia la sicurezza che i diritti civili (di cui la sicurezza fa parte) è una sfida che ogni società umana si è sempre trovata davanti, l'informatica apre solo nuovi campi di applicazione, ma ciò non toglie che gli stessi principi, assoluti ma non immutabili, che ci hanno guidato a darci leggi non debbano essere usati con raziocinio anche per darci una costituzione in questo senso.
    E non credo che la situazione attuale ci vada vicino!
    non+autenticato
  • > E questo non è bene ?
    > Controllare e reprimere, innanzituto, è un
    > preciso dovere morale.
    > Prima viene la sicureza e poi tuto il resto.
    questo lo dice chi ha qualcosa da perdere...
    ieri guardavo the dominion strike back...nessuno e niente potra mai fermare il genio umano...la fase in cui si piazza con l'astronave sopra il centro di commando e spettacolare...
    non+autenticato
  • > ieri guardavo the dominion strike
    > back...nessuno e niente potra mai fermare il
    > genio umano...la fase in cui si piazza con
    > l'astronave sopra il centro di commando e
    > spettacolare...
    L'ho sempre pensato, me lo sono sempre portato dentro e ci ho convissuto per anni!
    Ora devo gridarlo al mondo intero...
    la principessa Leila è una gran topolona!
    kisses!
    non+autenticato


  • - Scritto da: zop
    > Ad aprendere

    [cut piu' che dovuto]
    A volte, quando sono un po' giu' di corda per farmi 2 risate, verso le 19 mi vedo il tg di retequattro, ora che ti ho "scoperto" NON devo piu' aspettare la sera per tirarmi su' di morale.

    Un consiglio:
    per cio' che scrivi non c'e' rimedio, tuttavia per COME scrivi il rimedio C'E'!!!
    Un buon libro di grammatica italiana.
    non+autenticato
  • Ma tu guarda questo! Guarda che secondo me ha solo sbagliato a digitare, furbone. Tu chi sei Leopardi o Manzoni? Xchè poi spari giudizi tra l'altro anche stupidi e totalmente fuori luogo nella discussione??
    non+autenticato
  • Amici di carabinieri che vivono a Genova hanno detto che durante il G8, praticamente tutte le chiamate in entrata e in uscita dalla zona rossa erano registrate.
    Hanno avuto persino una dimostrazione "live" nella sala di controllo.
    Ovviamente, non prendete per oro colato quello che vi sto dicendo perchè può darsi che queste vicende, raccontate da amici di amici possano subire distorsioni e amplificazioni, ma leggendo questo articolo qualche sospetto in più mi viene...
    non+autenticato
  • La prima cosa che ho pensato appena letto l'articolo è "da quanto esiste?". Un sistema così ha costi molto elevati e richiede tempo per essere approntato, configurato ecc.
    O ci stavano lavorando da tempo, o ESISTEVA da tempo.
    Inoltre mi piacerebbe sapere quando e come il nostro governo (che fa parte delle "milizie nordatlantiche") ha stanziato i grossi fondi che saranno stati necessari. Se avessero fatto come dovevano lo stanziamento sarebbe risultato nei lavori delle camere, invece (se è vero che è stato approntato solo ora) devono averlo nascosto da qualche parte.
    E poi che se ne faranno dopo il vertice? Lo smontano e ne fanno pc per la PA? Ma andiamo!
    Fa caldo ma ho i brividi, strano...
    non+autenticato
  • Concordo su tutta la linea, esisteva da tempo, e' costato molto e noi non ne abbiamo mai saputo mezza
    non+autenticato
  • Esiste da tempo, probabilmente adesso gli serve in modo particolare, non ne sapevamo nulla fino ad ora.... perche' non l'hanno lasciato nascosto? A che pro rendene pubblica l'esistenza? Non gli conveniva continuare a non farne sapere nulla?
    non+autenticato


  • - Scritto da: SoSe
    > Esiste da tempo, probabilmente adesso gli
    > serve in modo particolare, non ne sapevamo
    > nulla fino ad ora.... perche' non l'hanno
    > lasciato nascosto? A che pro rendene
    > pubblica l'esistenza? Non gli conveniva
    > continuare a non farne sapere nulla?

    No perchè ora hanno le condizioni che si sono costruiti a poco a poco per renderlo pubblico e ufficiale e istituzionale. La cosa divertente è che molti senntendo la notizia al telegiornale si sentiranno rassicurati.
    non+autenticato


  • - Scritto da: yuptost
    >
    >
    > - Scritto da: SoSe
    > > Esiste da tempo, probabilmente adesso gli
    > > serve in modo particolare, non ne sapevamo
    > > nulla fino ad ora.... perche' non l'hanno
    > > lasciato nascosto? A che pro rendene
    > > pubblica l'esistenza? Non gli conveniva
    > > continuare a non farne sapere nulla?
    >
    > No perchè ora hanno le condizioni che si
    > sono costruiti a poco a poco per renderlo
    > pubblico e ufficiale e istituzionale. La
    > cosa divertente è che molti senntendo la
    > notizia al telegiornale si sentiranno
    > rassicurati.

    Bah secondo me gli USA l'11 settembre hanno visto l'inutilita' di Echelon e hanno cercato un babbeo a cui venderlo.
    Il babbeo di turno poi ha pensato di divulgare la notizia dell'esistenza per infondere un senso di tranquillita' hai cittadini in modo da gioustificare gli elevati costi di acquisto/esercizio del sistema.
    Facile no?

    non+autenticato

  • > Bah secondo me gli USA l'11 settembre hanno
    > visto l'inutilita' di Echelon e hanno
    > cercato un babbeo a cui venderlo.

    Questo secondo la curiosa teoria che non sapessero prima.

    Guarda che il terrorismo non è il fine dei sistemi di controllo ma la scusa.

    Nel paese più ricco del mondo le cose vanno male per larghe fette della popolazione ma non si ribella nessuno, significa che i mezzi di controllo
    funzionano.
    non+autenticato
  • > Nel paese più ricco del mondo le cose vanno
    > male per larghe fette della popolazione ma
    > non si ribella nessuno, significa che i
    > mezzi di controllo
    > funzionano.
    o solo che la popolazione e molto tollerante...
    Occhiolino
    basta non tirare troppo la corda se no si rompe...
    Occhiolino
    non+autenticato
  • Semplicemente perchè non esiste.Quale apparato ipertecnologico.Al massimo intercetteranno in campione random telefonate cellulari per giustificare i costi dei servizi segreti che puntualmente si vocifera vengano crestati e crestati sopra la cresta.Le applicazioni di riconoscimento vocale allo stato attuale faticano già a interpretare i fonemi di una prosa di Laurence Olivier o Vittorio Gasmann figuriamoci quella di una conversazione sciolta.Parafrasando Carlo Monni in non ci resta che piangere... "intercettare..intercettano..ma chi vogliono loro.." e sempre e solo con l'operatore con il registratorino e le cuffiette che si svolta il guadagno giornaliero.
    Stato vigile e strategie di autopromozione.
    non+autenticato
  • ma tu su questo pianeta ci sei nato o sei appena sbarcato? no perche' forse ti sfugge un fatto importante e cioe' che gran parte delle cosucce tecnologiche - tipo il pc, ma anche il telefono, internet e tante altre con cui ti trastulli e che credi siano state fatte ieri, in realta' son tutte cose che erano gia' state pensate e costruite da una vita e molte sotto la spinta di enti militari di vario tipo (nazi-tedesco, americano, ecc...) - percio' non pensare male vedendo qualche scarso programmino di riconoscimento vocale su pc perche' sta gente, che fa tutto alle tue spalle, ti ha gia' piazzato una sonda anale da un tot e tu non te ne sei nemmeno accorto e forse non te ne accorgerai mai... ma credimi e' meglio cosi'
    come mi diceva sempre mio padre: beato te' che te se nat stupid!

    - Scritto da: quadrilatero
    > Semplicemente perchè non esiste.Quale
    > apparato ipertecnologico.Al massimo
    > intercetteranno in campione random
    > telefonate cellulari per giustificare i
    > costi dei servizi segreti che puntualmente
    > si vocifera vengano crestati e crestati
    > sopra la cresta.Le applicazioni di
    > riconoscimento vocale allo stato attuale
    > faticano già a interpretare i fonemi di una
    > prosa di Laurence Olivier o Vittorio
    > Gasmann figuriamoci quella di una
    > conversazione sciolta.Parafrasando Carlo
    > Monni in non ci resta che piangere...
    > "intercettare..intercettano..ma chi vogliono
    > loro.." e sempre e solo con l'operatore con
    > il registratorino e le cuffiette che si
    > svolta il guadagno giornaliero.
    > Stato vigile e strategie di autopromozione.
    non+autenticato
  • > ti ha
    > gia' piazzato una sonda anale
    che schifo...per chi l'ha piazzata intendo...
    Occhiolino

    non+autenticato


  • - Scritto da: SoSe
    > Esiste da tempo, probabilmente adesso gli
    > serve in modo particolare, non ne sapevamo
    > nulla fino ad ora.... perche' non l'hanno
    > lasciato nascosto? A che pro rendene
    > pubblica l'esistenza? Non gli conveniva
    > continuare a non farne sapere nulla?


    Perchè adesso c'è l'alibi del terrorismo che giustifica qualsiasi mezzo. Giustifica bombardamenti e migliaia di vittime innocenti, giustifica l'invasione (ed il futuro sfruttamento petrolifero) dell'afghanistan, giustifica i patti Nato: figurati se agli occhi dell'opinione pubblica non viene giustificato e tollerato il controllo delle telefonate. La gente dovrebbe leggere un po' di informazione meno filoamericana (Chomsky, per esempio) per rendersi conto delle intenzioni degli stati della Nato. IMHO questa è semplicemente propaganda.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)