Conferme dall'Olanda: certi link sono illegali

La società che gestisca un database di link, accusata e condannata per il suo search, non ricorrerà contro la sentenza e pagherà i danni ai discografici. Passa un principio pesantissimo

Amsterdam - Con una certa amarezza la comunità P2P internazionale sta venendo a conoscenza in queste ore della decisione assunta dai gestori di Zoekmp3.nl di non ricorrere alla Corte Suprema contro la sentenza di appello che, al contrario di quella di primo grado, ha sancito l'illegalità della pubblicazione di un database di link, quanto questi puntino a materiale protetto dal diritto d'autore e pubblicato altrove da altri.

La clamorosa sentenza che ha azzoppato Zoekmp3, è arrivata lo scorso giugno e in molti speravano che i gestori del celebre servizio, fondato su un motore di ricerca di link proposti dagli utenti del sito, avrebbero richiesto l'intervento della Corte Suprema, cercando così di bypassare il giudizio di secondo grado.

Così non è stato. BREIN, l'omologa olandese dell'italiana SIAE, ha fatto sapere di avere notizia dell'intenzione dei gestori di pagare ai discografici i danni che sarebbero derivati dalla pubblicazione di quel database dinamico con relativo motore di ricerca. Danni il cui ammontare deve ancora essere deciso.
Una anticipazione confermata da Zoekmp3, che in una nota ha fatto sapere che all'epoca dell'appello "noi stessi abbiamo chiesto al tribunale un giudizio chiarificatore sulla legalità dei nostro servizio. Rispettiamo il giudizio del tribunale, secondo cui è illegale fare un uso strutturato dell'offerta massiva di file musicali illegali in Internet. E quindi abbiamo deciso di non appellarci alla Corte Suprema e pagare i danni a BREIN".

Di interesse segnalare che in primo grado i gestori del sito erano stati assolti in quanto, dinanzi alla segnalazione della presenza nel proprio database di un link a materiale pirata, si erano sempre attivati per rimuoverlo. Ma BREIN voleva di più: anziché vedersi costretta a segnalare ogni singolo link, l'organizzazione per la raccolta del diritto d'autore in Olanda ha chiesto ed ottenuto dalla Corte d'Appello che la mera pubblicazione di quei link e messa a disposizione di un motore per la ricerca nei link venisse considerata illegale.

Le conseguenze della sentenza d'appello sono ancora tutte da determinare. Sebbene si tratti di una decisione che riguarda un servizio specializzato nei file musicali circolanti in rete, quindi di un search dedicato arricchito dalle segnalazioni di una folta comunità di utenti, c'è chi teme un effetto virale della sentenza, che possa cioè estendersi ad una pletora di altri servizi di search. Inutile dire che i più blasonati motori di ricerca, tutti senza eccezione, permettono ai più abili searcher di trovare in rete, e nei computer connessi alla rete, pressoché qualsiasi cosa.

Secondo BREIN "la decisione del tribunale in questa vicenda è in linea con la giurisprudenza internazionale".
34 Commenti alla Notizia Conferme dall'Olanda: certi link sono illegali
Ordina
  • ..ma non una legge, e soprattutto in olanda non in Europa.-
    non+autenticato
  • Scrivete pure alle seguente e-mail

    linkcalienti@tempinbox.com

    Per inviare le e-mail potete usare tranquillamente
    usare i servizi di

    http://anonymouse.org/anonemail.html

    Tutti potranno leggere le e-mail con i link
    andando sul sito

    http://www.tempinbox.com/italian/
    non+autenticato
  • C'e' poco da ridere Triste
    Bisogna iniziare ad avere paura di pubblicare un qualunque link su un qualunque sito...
    ...il web, non serve neanche a dirlo, si basa sui link ma se un giorno la gente comincerà ad avere paura di pubblicare un link ad un sito temendo che al suo interno (magari non oggi, ma nel prossimo aggiornamento) ci possa essere del materiale non consentito dove andremo a finire? E' la fine del WWW. Sono triste.
    non+autenticato

  • > E' la fine del WWW. Sono
    > triste.

    Non é la fine del web, solo la fine del web libero come l'hai conosciuto finora.

    E' l'inizio di un nuovo web, controllato come ogni cosa dal potere dell'economia.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > > E' la fine del WWW. Sono
    > > triste.
    >
    > Non é la fine del web, solo la fine del web
    > libero come l'hai conosciuto
    > finora.
    >
    > E' l'inizio di un nuovo web, controllato come
    > ogni cosa dal potere
    > dell'economia.

    inveteremo qualcos'altro.

    Dispiace dirlo ma quando una cosa diventa "per tutti" le piovre dell'economia non perdono occasione di metterci i loro tentacoli.

    Quando si scaricava da Ftp russi o da mirc nessuno diceva nulla...
    non+autenticato
  • link NO, partiti pedofili SI.

    Non sono solo i politici italiani a essere palesemente corrotti quindi.

    Ridicoli.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > link NO, partiti pedofili SI.
    >
    > Non sono solo i politici italiani a essere
    > palesemente corrotti
    > quindi.
    >
    > Ridicoli.

    paradosso per paradosso:
    il partito pedofilo vuole abbassare l'eta' legale e allinearla a quella di altri paesi europei.....
    non+autenticato

  • > paradosso per paradosso:
    > il partito pedofilo vuole abbassare l'eta' legale
    > e allinearla a quella di altri paesi
    > europei.....


    La pedofilia è il peggiore dei crimini, non ci sono scuse.
    Hanno scelto loro di chiamarsi così, e di battersi per certi "valori"
    non+autenticato
  • eseguendo una operazione del genere :

    - Aprono un potale di link tramite prestanomi
    - Mettono su qualche centinaio di link a mp3 o album di successo
    - Fanno causa al prestanome
    - Il prestanome non si difende
    - Vincono
    - Hanno la possibilità di annientare tutte le altre società grazie ai precedenti.

    Se funziona veramente cosi....siamo messi male ( come sistema giudiziario intendo )
    ryoga
    2003
  • Non "potrebbero": vinceranno, semplicemente. Anzi, hanno già vinto.

    E' solo questione di tempo, la Rete sarà imbrigliata e convertita in una gigantesca macchina per fare soldi, e contemporaneamente in una prigione per le vostre idee. Senza possibilità di fuga.
  • Stai tranquillo. Il granaio è pieno !
    non+autenticato

  • > - Fanno causa al prestanome
    > - Il prestanome non si difende

    questa parte non funziona salvo che non abiti in un paese di regime.

    Era tutto previsto da anni, alla fine sopravvivono solo i network decentralizzati come quello di emule dove non c'e' nessuno da colpire e il p2p criptato che ormai e' prossimo (nei paesi asiatici c'e' gia').

    Bittorrent e' ancora debole perche' legato alla necessita' di reperire .torrent da altre parti ma almeno con dht non richiede piu' un tracker per funzionare.
    Nessuno poi impedisce di pubblicare torrent e link su freenet, i pc stanno incrementando potenza e memoria e fra poco far girare freenet sara' uno scherzo;

    come dire, finche' non s costringe a bloccar il traffico ai provider c'e' sempre una soluzione.
    E se bloccano gli isp allora vedrai che il pirat-partiet non fallisce una seconda volta.

    E comunque guardate le statistiche su Slyck.com , e guardate come aumenta il traffico al passare del tempo; questo dice tutto.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    >
    > > - Fanno causa al prestanome
    > > - Il prestanome non si difende
    >
    > questa parte non funziona salvo che non abiti in
    > un paese di
    > regime.

    purtroppo stiamo vivendo sempre di più in regimi, non di tipo sovietici o dittatoriale, ma sicuramente stiamo in un regime.

    cominciamo con la responsabilità dei giudici, se sbagliano pagano loro.

    limitiamo di moltissimo il reato di diffamazione e aboliamo l'ordine dei giornalisti, ovvero riprendiamoci (a ben pensare in effetti in Italia non ce l'abbiamo mai avuta) la libertà di espressione e di stampa.

    > Era tutto previsto da anni, alla fine
    > sopravvivono solo i network decentralizzati come
    > quello di emule dove non c'e' nessuno da colpire
    > e il p2p criptato che ormai e' prossimo (nei
    > paesi asiatici c'e'
    > gia').
    >
    > Bittorrent e' ancora debole perche' legato alla
    > necessita' di reperire .torrent da altre parti ma
    > almeno con dht non richiede piu' un tracker per
    > funzionare.
    > Nessuno poi impedisce di pubblicare torrent e
    > link su freenet, i pc stanno incrementando
    > potenza e memoria e fra poco far girare freenet
    > sara' uno
    > scherzo;

    a me scoccia un po' usare freenet o tor sapendo che per il mio computer potrebbero passare qualunque tipo di schifezze pedofile o messaggi di terroristi a mia insaputa.

    > come dire, finche' non s costringe a bloccar il
    > traffico ai provider c'e' sempre una
    > soluzione.
    > E se bloccano gli isp allora vedrai che il
    > pirat-partiet non fallisce una seconda
    > volta.

    cmq molti provider stanno già tentando di filtrare il traffico in base al pacchetto, bloccando il p2p (vedi i vari update per l'offuscamento degli stessi)

    questi anni sono gli ultimi che abbiamo per il partito dei pirati, quando bloccheranno i provider significherà che ormai sarà finita del tutto per la liberta di espressione, pensiero, etc.

    ciao
    non+autenticato

  • -
    > questi anni sono gli ultimi che abbiamo per il
    > partito dei pirati, quando bloccheranno i
    > provider significherà che ormai sarà finita del
    > tutto per la liberta di espressione, pensiero,
    > etc.
    >

    E' già finita: il "Partito dei Pirati" non avrà una seconda chance. Prima che arrivino le prossime votazioni, i suoi principi saranno messi fuori legge.
    non+autenticato
  • > eseguendo una operazione del genere :
    >
    > - Aprono un potale di link tramite prestanomi
    > - Mettono su qualche centinaio di link a mp3 o
    > album di
    > successo
    > - Fanno causa al prestanome
    > - Il prestanome non si difende
    > - Vincono
    > - Hanno la possibilità di annientare tutte le
    > altre società grazie ai
    > precedenti.
    >
    > Se funziona veramente cosi....siamo messi male (
    > come sistema giudiziario intendo
    > )

    E' proprio la stessa cosa che stavo pensando io. La prima cosa che mi è passata per la testa era proprio che hanno fatto una società fittizia, "nata per perdere", ma forse hanno semplicemente corrotto qualcuno dentro la società o l'avvocato della stessa (o entrambi), per farla perdere...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)