Il mio ADSL è scomparso

Aveva l'ISDN ma l'ha disdetto per l'ADSL. Dopo mesi finalmente si può connettere ma dura due giorni. L'odissea broadband di un lettore

Roma - A Novembre dello scorso anno mi decido a passare alla linea ADSL della Telecom. Telefono al 187, mi dicono che siccome ho la linea ISDN verranno i tecnici per fare entrare prima in casa un altro cavo su cui far passare la linea ADSL.

Dopo 10 giorni arrivano i tecnici. Peccato che non mi avessero avvisato e non fossi in casa.

Nuovo appuntamento (dopo Natale "perchè ci sono in mezzo le feste") e finalmente si parte. I tecnici provano a far entrare questo benedetto cavo ma non trovano il punto in cui la linea telefonica entra in casa mia. Frugano dappertutto, nel giardino, in casa dei vicini ma non si trova il punto di ingresso.
"Mi dispiace", dice il tecnico, "l'unico modo per avere l'ADSL è disdire l'ISDN così utilizziamo una delle due linee ISDN per l'ADSL". Bene! Disdico l'ISDN e chiedo una linea normale. Mi avvisano che è una cosa lunga. Infatti ho la linea analogica a fine Marzo (mi mandano anche la fattura di circa 100.000 lire).

A quel punto ripartono le procedure per installare l'ADSL. Mi dicono che basta una settimana, ma non succede niente. Telefono al 187 e mi dicono che ho disdetto l'ADSL. "Come!?", dico io "io non ho disdetto nulla!"

Sintetizzo per non annoiare. In sostanza, per 40 giorni, da fine Marzo a inizio Maggio la mia pratica è andata in KO 7 volte!. Il che vuol dire che ogni volta che veniva reinserita, il sistema la sputava fuori! Ho parlato tutti i giorni con diverse persone del 187, alcune si sono offerte di richiamarmi "perchè la pratica gliela seguo io (sigh!)", ma nessuna si è rifatta viva o mi ha saputo spiegare cosa succedeva.

Alla fine un'anima pia mi segnala la Task Force ADSL della Telecom che ha un numero di Genova. "Chiami loro" mi dice. Chiamo loro ed effettivamente dopo 3 giorni mi chiama uno della Telecom dicendomi: "Ma la vuole questa linea ADSL?. Se la vuola veniamo a metterla".

Bene! Dopo 5 giorni (8 Maggio) viene il tecnico a mettermi in modem Ethernet. Peccato che non sappia cosa sia un Macintosh e mi dia un dischetto che gira solo col vecchio OS, il 9. Naturalmente si pianta tutto (perchè io ho il MacOS X che fa girare in emulazione il vecchio OS).

Dopo un giorno di ricerche su Internet scopro che col mio sistema operativo ci vogliono circa 10 secondi per configurare il MAC per l'ADSL e non serve alcun dischetto e alcun driver! Bene! Ora navigo!!!! Navigo per ben due giorni.

L'incubo si rimaterializza il 10 maggio. Da tale data non funziona più l'ADSL. Chiamo TIN (che fa la manutenzione per Telecom) e mi dicono che la linea è cessata. Chiamo Telecom e mi dicono che è tutto a posto. Seguono tre giorni kafkiani in cui salto dal 187 a TIN e da TIN al 187 solo per sentirmi dire che è colpa degli "altri", per Telecom è tutto a posto, per TIN non c'è la linea.

Alla fine dico: Invece di dirlo a me, parlatevi tra di voi e mettetevi d'accordo!" Non serve a nulla. Allora scopro che la mia linea per TIN non esiste perchè "il nostro programma Small, non la vede".

Corro a comunicare a Telecom che Small non vede la mia linea e qualcosa sembra muoversi.
Una signorina di Firenze del 187 mi dice che ci penserà lei. E in effetti mi richiama diverse volte tenendomi aggiornato. Purtroppo mi tiene aggiornato sul nulla perchè nulla succede. Lei conosce un tecnico che conosce un'altro tecnico che conosce ecc.ecc. Andiamo avanti così per una settimana nel caos completo.

Mi ricordo della Task Force ADSL e li chiamo. Somo molto gentili e cominciano ad occuparsi della cosa. Chiamano Firenze per cercare un tale che sa come fare.

Dopo un giorno mi chiamano (venerdì scorso) mentre sono fuori, dicendomi che la sera stessa la linea sarebbe stata riattivata, spiegandomi che può succedere questo inconveniente a chi ha avuto molti KO cme avevo avuto io in passato.

Torno a casa felice come una pasqua e provo tutta la sera ma naturalmente nulla funziona.
Oggi sono stato fuori casa tutto il giorno per lavoro e solo domattina tornerò a casa: qualcuno di voi sa dirmi se troverò funzionante la mia linea ADSL???

Andrea Luchi
TAG: adsl
32 Commenti alla Notizia Il mio ADSL è scomparso
Ordina
  • Salve a tutti.

    Aprofittero di questo spazio virtuale per esporvi alcune assurdita a cui sono andato incontro in questi mesi con Telecom, per rendere chiaro cosa un utente medio debba aspettarsi da questa società.

    Ma partiamo con ordine :

    Essendo interessato al servizio BBB di Telecom, poiche considerato da molti un ottima soluzione alternativa alle varie flat ISDN, ho richiesto il servizio che mi e stato fornito per un periodo di prova di 2 mesi, alla fine dei quali sarebbe dovuta avvenire una comunicazione da parte di Telecom per la richiesta di sottoscrizione o disdetta dell'abbonamento stesso.

    Terminato il periodo di prova di 2 mesi, mi è stato disabilitato il servizio, senza peraltro che nessuna comunicazione o avviso di disabilitazione servizio mi giungesse da parte di telecom.

    Richieste spiegazioni e delucidazioni a Telecom 187, (per sottoscrivere il contratto, poichè vivamente interessato al servizio), mi veniva dato per tutta risposta un 2 periodo di prova, al termine del quale sarebbe stato inviato regolarmente un contratto da sottoscrivere via posta.

    Terminato il periodo di prova, mi sono ritrovato una seconda disabilitazione del servizio da parte di Telecom, a dispetto della parola prestata per la gestione della pratica.

    Contattato di nuovo il 187 per seconde delucidazioni e lamentele sul servizio (intanto i giorni di disconnessione pesavano sulla bolletta normale del telefono, poiche lavoro in partnership con un softwarehouse, e il trasferimento dati e programmi avviene tramite internet), sono stato avvistato che il mio servizio era stato disabilitato una seconda volta, ma non del tutto cessato (per Telecom, ero ancora un utente ADSL).

    Essendo dubbioso circa l'efficienza del servizio sottoscrizione online e per gestire di prima persona la sottoscrizione del contratto, mi e stato consigliato di rivolgermi presso il punto vendita Telecom della mia citta, con garanzia che il servizio (poiche solamente sospeso) sarebbe stato riattivato entro 48 ore.

    Rubato un pomeriggio al lavoro per giungere presso detto negozio, e parlato con il gestore del negozio, mi e stato annunciato che il mio servizio sarebbe stato attivato entro e non oltre 5 giorni: il gestore, promettendomi un colpo telefonico per avvisare della riuscita riattivazione, si faceva garante di tutta una serie di promesse.

    Passati 5 giorni, e non avendo ricevuto nessuna comunicazione, mi sono ripresentato al negozio.

    Il gestore, per nulla imbarazzato, mi ha fatto chiaro che la mia pratica era un problema di complessa entità burocratica , e che quindi altro tempo sarebbe stato necessario.

    Essendo chiaro che il tempo per me era un qualcosa di vincolante al lavoro, ho richiesto numero telefonico del responsabile ADSL presso la mia citta.

    Il gestore, dopo avermi proposto un contratto scritto, si e fatto di nuovo garante che la pratica sarebbe stata portata avanti nella massima celerita' e, dietro mia specifica richiesta, ha dato parola che entro e non oltre 3 giorni mi avrebbe dato tempistiche di realizzazione collegamento.

    Essendo ormai stufo di tale situazione, ed avendo piu di un tarlo nell'orecchio, ho telefonato al tecnico responsabile ADSL della mia citta.
    Egli, dopo un po di domande, mi ha fatto intuire dove il "problema tecnico" fosse :


    Telecom, avendo un tot di slot ADSL nella centrale PSTN, ed avendo una sovrarichiesta rispetto alla reale capacita operativa, aveva sacrificato un tot di numerazioni ADSL "in prova" della centrale, donando la banda ADSL di queste ultime a dei gestori commerciali, sacrificando cosi molti utenti "in prova".


    Per logica deduzione, il mio contratto ADSL che normalmente avrebbe dovuto essere spedito all' utente al termine del periodo di prova, per recuperare banda non fu mai inviato.

    Dopo 3 giorni canonici, senza attendere eventuali contatti da parte del gestore del punto shop telecom, mi sono ripresentato al negozio.

    Dopo brevi convenevoli, il gestore mi ha dato larghe probabilita che il servizio sarebbe stato riattivato entro un giorno, e nella remota possibilita che tale cosa non avvenisse, sarebbe passato un periodo abbastanza lungo di aspettativa.

    Ponendo fiducia nella Divina Provvidenza, ho atteso un giorno (oggi) prima di ricontattare io (per accordi il rivenditore si sarebbe dovuto fare vivo), venendo cosi a scoprire l'ultima nefandezza Telecom.

    il rivenditore, ricordando la mia pratica, e decidendo che la strada migliore per scaricare il problema fosse quella di fare la voce grossa, mi ha fatto intuire che il tempo necessario per la riattivazione sarebbe stato 2/3 settimane.

    Ora, mi domando : dopo mesi di attesa e dopo innumerevoli disservizi e mancate promesse, cosa dovrebbe fare un utente per avere un servizio ADSL Telecom?
    non+autenticato
  • Ho io la soluzione x te! Il punto 187 brucialo con la benzina e poi aspetta il gestore e il respnsabile adsl con una mazza da baseball e gioca le world series con la loro capoccia! Almeno ti sfoghi come si deve!! Infine, se ancora non sei soddisfatto, legati in fronte una bandana di Libero e con un camion pieno di c4 schiantati contro la sede principale Telecom!!!!

    Dai, sto scherzando, posso capirti, ma che c'e' voi fa'?? Telecom rulez!!
    bye
    non+autenticato
  • Gentile redazione,
    da sempre segue la vostra pubblicazione e voglio portare alla vostra attenzione le mie disavventure sull'ADSL.
    Il 7 febbraio 2002, dopo aver verificato che il mio numero era compatibile con la linea dati, decido di cambiare la mia connessione ad Internet da ISDN a ADSL BB-B.
    Le ragioni sono ovvie, maggiore velocità e fine della preoccupazione della bolletta.
    Contemporaneamente chiedo di trasformare la linea ISDN in linea RGT (cioè decido di passare da un canone per 2 linee ad un canone per 1 sola linea), questo perchè a conti fatti le 2 linee non mi servono più e considerando il costo della ADSL BB-B, l'aumento della quota fissa complessiva era accettabile.
    Inoltre l'operazione era tecnicamente più semplice perchè non c'era bisogno di aggiungere una linea ex novo.
    Contatto la TELECOM, invio il fax di richiesta è... fiducioso attendo.
    Dopo circa 20 giorni vengo contattato dalla TELECOM per la trasformazione dell'impianto telefonico da ISDN a RGT.
    Nel colloquio con il tecnico, vengo informato che la trasformazione non prevede il contestuale collegamento dell'ADSL, ad opera di altri tecnici nei giorni seguenti.
    Decidiamo di comune accordo di soprassedere alla trasformazione in attesa della comunicazione dell'attivazione dell'ADSL che dovrebbe arrivare entro 48 ore.
    Questo, anche perchè avendo io un modem ISDN non avrei potuto utilizzare il collegamento Internet se non con un altro modem tradizionale, che avrei dovuto farmi prestare o acquistare. Con tutti gli svantaggi di collegamento, d'uso dell'unica linea e di costi telefonici.
    E' qui cominciamo i miei guai.
    Dopo altri 7 giorni contatto la TIN al numero verde per conoscere lo stato "dell'arte" della mia richiesta, mi informano che la richiesta di ADSL è molto alta perciò c'è da aspettare.
    Effettuano il sollecito, ed io attendo, sempre fiducioso.
    Intanto, chiamo la TELECOM per conoscere lo stato "dell'arte" della mia richiesta di trasformazione, contattando direttamente il capo tecnico che "gentilmente " mi aveva lasciato il suo recapito telefonico.
    Scopro che la mia richiesta era stata annullata "dal cliente" e pertanto bisognava rinnovarla. Cosa che a denti stretti effettuo.
    Passano altri 15 giorni, siamo arrivati al 22 marzo ricontatto il tecnico per l'ADSL che effettua un nuovo sollecito, cosa che fa anche il tecnico TELECOM.
    Intanto in TV parte la pubblicità di ALICE, la nuova ADSL di TELECOM.
    Penso che la cosa non mi riguardi avendo io chiesto la BB-B (all'epoca così si chiamava).
    Scopro invece, che anche io avro ALICE (niente a vedere con la signorina della pubblicità), con un prezzo diverso, MAGGIORE della BB-B ed una serie di condizioni assai diverse.
    Rifaccio i miei conti. Comunque mi conviene, però decido di comprare un modem mio per risparmiare sul prezzo.
    Mi informo di questa possibilità e sulla necessità di doverlo comunicare.
    Mi rispondono "non c'è bisogno, basterà far trovare il modem al tecnico che installerà la linea".
    Bene, debbo solo attendere qualche altro giorno.
    Oggi è il 29 maggio 2002, sono passati oltre 3 mesi dalla mia richiesta è:
    - non ho ancora avuto la trasformazione della ISDN in RGT (ho deciso di farmi prestare un modem tradizionale, purchè si faccia il primo passo);
    - ho effettuato altri 2 solleciti;
    - ho ricevuto con data di invio 8 maggio, una garbata lettera della TELECOM che mi informa che ALICE è pronta e mi vengono inviate ACCOUNT e PASSW per la configurazione del collegamento ADSL.
    Intanto, attraverso il sito internet mi informo sulle condizioni contrattuali della mia ADSL forfait base e scopro che la TELECOM impone la presenza di uno dei modem da lei prescelti i cui prezzi sono comunque più bassi del mercato ma assai più alti di altri disponibili.
    Inoltre, per l'installazione della linea ADSL dovrò pagare, funzionerà o meno (forse anche a causa del mio modem non in elenco 81,00 Euro). Alla faccia.
    Questa la mia situazione che spero non prosegua per non dovermi sentire di dover rimandare il tutto o parte a settembre, perchè siamo vicini all'estate, che si sa, per la TELECOM non coincide con agosto ma esattamente il 21 giugno.
    Saluti
    non+autenticato
  • VEDETE COME SI ATTIVANO LE BESTIE! ALMENO AVRETE L'ORGOGLIO DI VEDERLI SPUTTANATI IN TV, SECONDO ME SI ATTIVEREBBERO I 2/3 DELLA POPOLAZIONE PER INSORGERE CONTRO QUESTI VIGLIACCHI SCIACALLI INCOMPETENTI DI "TELOINCUL" ! >:\
    non+autenticato
  • Salve! leggendo l'articolo mi è sorta una piccola domanda.. ma da voi in Italia non li vendono i modem ADSL per linee ISDN? quelli che forniscono con lo Splitter a Y ?? Qua in Svizzera se uno ha la linea isdn non gli fanno disdire o cambiare nulla, semplicemente gli forniscono questo tipo di modem. Un esempio? ZyXEL PRestige 642ME-I o il ZyXEL Prestige 630-I.. eppure mi sembrano cosi comodi per chi ha gia' ISDN. boh!

    Saluti
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)