IDF, Intel pensa quad-core

All'Intel Developer Forum il costruttore rivela la roadmap dei suoi chip quad-core e delinea alcuni dei piani con cui intende continuare a spingere il rapporto fra performance e consumi. Ecco cosa bolle in pentola

San Francisco (USA) - Nel giorno d'apertura dell'Intel Developer Forum di San Francisco i dirigenti del chipmaker di Santa Clara hanno svelato la roadmap del colosso relativa ai processori quad-core, un annuncio atteso da tempo dagli osservatori. Il CEO Paul Otellini ha delineato i piani con cui la propria azienda intende accelerare l'evoluzione della propria architettura multi-core e migliorare costantemente il rapporto fra performance e consumi.

Otellini ha confermato l'intenzione di rilasciare il primo chip quad-core nel corso di novembre con il brand "Core 2 Extreme": come noto, questa famiglia di processori è dedicata soprattutto ad appassionati di giochi e creatori di contenuti multimediali. Costituito da due CPU dual-core integrate nello stesso package, il Core 2 Extreme quad-core promette di fornire fino al 70% in più di performance rispetto all'attuale versione dual-core.

Entro la fine dell'anno Intel lancerà anche i primi Xeon a quattro core, identificati dalla serie 5300.
Sul mercato mainstream i Core 2 Quad arriveranno invece nel primo trimestre del 2007 insieme ad uno Xeon quad-core a basso consumo, l'L5310, indirizzato ai server blade.

Intel è pronta ad abbracciare la tecnologia di processo a 45 nanometri a partire dalla seconda metà del 2007. I processori attualmente in progetto basati sulla nuova tecnologia sono 15, e coprono quasi ogni ambito del mercato.

Il big californiano ha in progetto di introdurre una nuova microarchitettura ogni due anni circa, una cadenza che, secondo Otellini, consentirà ad Intel di tenere il passo dettato dalla famosa Legge di Moore.

La prossima architettura, erede dell'attuale Core utilizzata nei processori Core 2 Duo, verrà lanciata nel 2008 e si baserà interamente sulla tecnologia di pocesso a 45 nm. Il seguente avvicendamento tecnologico avverrà nel 2010, periodo in cui le fabbriche di Intel avranno già iniziato a sfornare chip da 32 nm. "Entro la fine del decennio saremo in grado di migliorare l'attuale rapporto performance/watt del 300%", ha dichiarato Otellini.

Per dare un assaggio delle chicche tecnologiche a cui sta lavorando Intel, il suo boss ha mostrato un prototipo di processore integrante 80 unità di calcolo in virgola mobile su di un singolo pezzo di silicio (die) della dimensione di 300 millimetri quadrati. Il chip è in grado di raggiungere un teraflop di prestazioni, ovvero 1 trilione di operazioni in virgola mobile al secondo, una differenza notevole rispetto all'innovazione storica di Intel introdotta 11 anni fa con il primo supercomputer teraflop, un sistema basato su circa 10.000 processori Pentium Pro in più di 85 grandi armadi che occupavano una superficie di circa 185 metri quadrati.

All'IDF è stato poi presentato il nuovo set di istruzioni estese SSE4, che sarà implementato sulla prossima generazione di processori.

Justin Rattner, CTO di Intel, ha invece illustrato i progetti di ricerca del colosso nel campo del cosiddetto tera-scale computing, che studia nuove tecnologie di calcolo e networking capaci di elaborare, trasferire e archiviare svariati terabyte di dati. Per raggiungere questo obiettivo occorreranno processori costituti da decine o persino centinaia di core, e sistemi di I/O con ampiezze di banda drasticamente più elevate di quelle attuali.

Tra le soluzioni studiate da Intel vi è il die-stacking, una tecnica che permette di interconnettere la memoria con il processore integrando i due componenti sullo stesso die di silicio.

Nell'era del tera-scale computing rivestiranno un ruolo di primo piano i chip fotonici, che al posto dei tradizionali circuiti metallici utilizzano fasci laser. In questo settore Intel ha di recente compiuto un grosso passo in avanti con lo sviluppo del primo laser ibrido al silicio alimentato ad elettricità.

Thomas Barton, CEO di Rackable, ha presentato un sistema basato su quello che ha definito un nuovo record - 320 core in un unico rack di server da 22 unità in altezza - utilizzando i nuovi processori Intel Xeon quad-core serie 5300.

Sul piano dell'innovazione, Otellini ha spronato i settori del computing e dell'elettronica di consumo a impegnarsi di più per trarre vantaggio dalle funzionalità a elevate prestazioni e a basso consumo dei processori Intel Core 2 Duo. A tale scopo, Otellini ha annunciato l'iniziativa Intel Core Processor Challenge, un concorso che mette in palio fino a 1 milione di dollari di premi per il progettista o produttore di PC che realizza il sistema più piccolo e dal design più accattivante basato su un processore Core 2 Duo abbinato alla tecnologia Intel Viiv.
36 Commenti alla Notizia IDF, Intel pensa quad-core
Ordina
  • Mi risulta che attualmente le versioni "Professional" (o equivalenti) di Windows supportino fino a due core, per sfruttare più core occorre acquistare costosissime licenze server.
    non+autenticato
  • certo che se al posto che dare addosso a prescindere attaccaste il cervello 3 secondi prima... secondo voi uno si compra un desktop da 1000 euro e deve spendere altrettanto in licenza per l'os? su, ma fatemi il piacere...

    per di più, tra l'altro, è stata la stessa intel a chiarire la questione contestualmente alla presentazione dei quad core: non serve manco xp pro, basta l'home... fate vobis.

    lo scopo di MS è quello di vendere le licenze server a chi ha server multiprocessori, non all'utente casalingo: la questione dei core supportati, non so se c'avete fatto caso, ma è andata pari passo con l'aumento dei core nelle cpu... EVIDENTEMENTE MS pone il limite in relazione al numero di cpu, non di core
    non+autenticato
  • che io sappia xp +sp2 e vista supportano già questo processore..
    non+autenticato
  • IO in azienda ho un AMD athlon 64 dueal core con win xp 64. Beh...a parte i driver di certe cose (un...anzi due macelli) che nn ci sono pero' alla fine non mi sembra che parallellizzi un gran chè! il multitasking è ancora una chimera.
    PS: con tutto il bene che voglio ad AMD.
    non+autenticato
  • Dipende dalle applicazioni che usi, non certamente dal S.O.. Certo, il Sistema Operativo può darti una mano facendo girare metà thread su un core e l'altra metà sull'altro, ma se una applicazione è single-thread non c'è niente da parallelizzare.

    Prova con qualche applicativo realmente multithreading e poi sappimi dire, che sono curioso anche io di sapere qual'è l'effettivo boost-up nelle prestazioni!
    non+autenticato
  • Se parli come scrivi lascia l'azienda e fai un corso privato per prendere la licenza elementare Deluso


    - Scritto da:
    > IO in azienda ho un AMD athlon 64 dueal core con
    > win xp 64. Beh...a parte i driver di certe cose
    > (un...anzi due macelli) che nn ci sono pero' alla
    > fine non mi sembra che parallellizzi un gran chè!
    > il multitasking è ancora una
    > chimera.
    > PS: con tutto il bene che voglio ad AMD.
    non+autenticato
  • nessun ostacolo MS

    l'home supporta 1 cpu con qunti core vuoi
    il professional supporta 2 cpu con quanti core vuoi
    non+autenticato
  • Mi sa che ti devo segare le gambe:

    XP supporta fino a due processori. Con PROCESSORE si intende (e qui AMD e Intel hanno pregato MS in ginocchio...) tutto il circuito che si monta sul socket. Che ogni processore integri una, due, quatto o più unità di calcolo (che chiamiamo core) è assolutamente indifferente.

    Ne risulta che se tu mondi due processori a 4 core questi vengono visti tutti senza alcuna eccezione.

    Se non ricordo male, questa è la solfa.
    non+autenticato
  • Home supporta 1 processore fisico (fino a 32 core)
    Professional supporta 2 processori fisici (fino a 32 core totali)
    Il limite è commerciale ed è imposto da una chiave del registro.

    Più in là di 32 core totali Windows non si spinge, a causa di un limite architetturale dovuto da una maschera di bit usata dallo scheduler del kernel per gestire l'SMP.

    Non so con Vista che abbiano combinato...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Home supporta 1 processore fisico (fino a 32 core)
    > Professional supporta 2 processori fisici (fino a
    > 32 core
    > totali)
    > Il limite è commerciale ed è imposto da una
    > chiave del
    > registro.
    >
    > Più in là di 32 core totali Windows non si
    > spinge, a causa di un limite architetturale
    > dovuto da una maschera di bit usata dallo
    > scheduler del kernel per gestire
    > l'SMP.
    >
    > Non so con Vista che abbiano combinato...
    Infatti, mi ricordavo che per i "biprocessore" ci fossero solo limiti commerciali e che per le versioni precedenti a XP fossero state necessarie delle precisazioni di Microsoft per chiarire la questione...
    ...be', ma in tal caso coi futuri 4 e 8 core e via crescendo, sarà intel a "fregare" MS, dato che anche per i sistemi di fascia più alta basterà una licenza "base" valida fino a due CPU.
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > ...be', ma in tal caso coi futuri 4 e 8 core e
    > via crescendo, sarà intel a "fregare" MS, dato
    > che anche per i sistemi di fascia più alta
    > basterà una licenza "base" valida fino a due
    > CPU.

    MS andrà di pari passo con Intel e AMD e il software farà molte più cose e richiederà i vari core. Nessuno frega nessuno qua.
    non+autenticato
  • I Sistemi operativi a 64 bit (a parte linux) cominciano a farsi avanti ora, 18 mesi dopo la comparsa dei processori a 64 bit.

    Non c'e codice ottimizzato per il quad-sli, non c'e' codice ottimizzato per il dual core... e gia' si pensa al multi-core.

    Finche' il mio fido A3200+ regge resto a guardare.

    GT

  • - Scritto da: Guybrush
    > I Sistemi operativi a 64 bit (a parte linux)
    > cominciano a farsi avanti ora, 18 mesi dopo la
    > comparsa dei processori a 64
    > bit.
    >
    > Non c'e codice ottimizzato per il quad-sli, non
    > c'e' codice ottimizzato per il dual core... e
    > gia' si pensa al
    > multi-core.
    >
    > Finche' il mio fido A3200+ regge resto a guardare.
    >
    > GT

    Strano Cinema 4D sfrutta al 400% il mio G5 e anche FinalCut...

    non vedo l'ora di avere tra le mani un 8 core...
    non+autenticato
  • > Strano Cinema 4D sfrutta al 400% il mio G5 e
    > anche
    > FinalCut...
    >
    > non vedo l'ora di avere tra le mani un 8 core...

    ma se manco avete un os a 64 bit, su, fai il bravino...

    ah, magari tu sei uno di quelli che ha preso il g5 perchè era "il primo desktop a 64 bit del mondo", con "l'ultimo os a 32 bit del mondo"...

    ps: certo che ci sono applicazioni che sfruttano il parallelismo, il senso di quello che diceva l'altro è che siamo ancora indietro... ah ma tu come minimo sarai uno di quelli che pensa che sia una questione di os, mentre l'applicazione non c'entra Troll occhiolino
    non+autenticato

  • > ma se manco avete un os a 64 bit, su, fai il
    > bravino...

    Il supporto ai 64bit di Leopard è anni avanti a Windows che ha problemoni di compatibilità in versione 64bit, mentre su Mac potrai far girare indifferentemente applicativi 32 o 64 bit sulla stessa macchina senza problemi


    > ah, magari tu sei uno di quelli che ha preso il
    > g5 perchè era "il primo desktop a 64 bit del
    > mondo", con "l'ultimo os a 32 bit del
    > mondo"...

    ho preso un quadG5 perché era il meglio sul mercato ed ancora oggi il quadXeon è solo il 20% più veloce (forte anche di qualche mhz in più rispetto al G5)

    quanto a Mac OS, se tui usi windows parlarne male suona come la volpe e l'uva...

    >
    > ps: certo che ci sono applicazioni che sfruttano
    > il parallelismo, il senso di quello che diceva
    > l'altro è che siamo ancora indietro... ah ma tu
    > come minimo sarai uno di quelli che pensa che sia
    > una questione di os, mentre l'applicazione non
    > c'entra
    > Troll occhiolino

    Se sei uno che gioca forse questo ti interesserà:
    http://www.macitynet.it/ilmiomac/aA25451/index.sht...

    io mi limito a constatare che Cinema4D su un G5 con 4GB di RAM funziona alla grande e che se nel frattempo devo usare Photoshop posso fare tutto senza il minimo rallentamento, il che, per me, è buono...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    [...]
    > Strano Cinema 4D sfrutta al 400% il mio G5 e
    > anche
    > FinalCut...
    >
    > non vedo l'ora di avere tra le mani un 8 core...

    Orpo: MacOS X a 64 bit... lo voglio!!!

    (apro, aproposito, ma MacOs X su che e' basato?)

    Polemiche a parte e' che se Far Cry o Quake IV ti vanno lenti non risolvi installando un quad core.
    Impegneranno sempre e comunque UN solo processore.

    >GT<

  • - Scritto da: Guybrush
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > [...]
    > > Strano Cinema 4D sfrutta al 400% il mio G5 e
    > > anche
    > > FinalCut...
    > >
    > > non vedo l'ora di avere tra le mani un 8 core...
    >
    > Orpo: MacOS X a 64 bit... lo voglio!!!
    >
    > (apro, aproposito, ma MacOs X su che e' basato?)
    >
    > Polemiche a parte e' che se Far Cry o Quake IV ti
    > vanno lenti non risolvi installando un quad
    > core.
    > Impegneranno sempre e comunque UN solo processore.
    >
    > >GT<


    Mac OS X è una versione di BSD con kernel MACH compilato in modalità non microkernel.
    non+autenticato

  • > Orpo: MacOS X a 64 bit... lo voglio!!!

    Tiger tra qualche mese...

    > Polemiche a parte e' che se Far Cry o Quake IV ti
    > vanno lenti non risolvi installando un quad
    > core.
    > Impegneranno sempre e comunque UN solo processore.

    Semplicemente, no;
    http://www.macitynet.it/ilmiomac/aA25451/index.sht...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Guybrush
    > I Sistemi operativi a 64 bit (a parte linux)
    > cominciano a farsi avanti ora, 18 mesi dopo la
    > comparsa dei processori a 64
    > bit.
    >
    > Non c'e codice ottimizzato per il quad-sli, non
    > c'e' codice ottimizzato per il dual core... e
    > gia' si pensa al
    > multi-core.
    >
    > Finche' il mio fido A3200+ regge resto a guardare.
    >
    > GT


    scusa ma dual core è già multi core...

    magari non ci sarà codice ottimizzato per algoritmi naturalmente monothread o per i giochi, ma per molte altre applicazioni (tra l'altro tutte quelle server) ne beneficiano eccome
    non+autenticato

  • - Scritto da: Guybrush
    > I Sistemi operativi a 64 bit (a parte linux)
    > cominciano a farsi avanti ora, 18 mesi dopo la
    > comparsa dei processori a 64
    > bit.

    ATHLON 64 c'è da più di 3 anni, altro che 18 mesi.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: Guybrush
    > > I Sistemi operativi a 64 bit (a parte linux)
    > > cominciano a farsi avanti ora, 18 mesi dopo la
    > > comparsa dei processori a 64
    > > bit.
    >
    > ATHLON 64 c'è da più di 3 anni, altro che 18 mesi.


    3 anni? Cazzarola come e' passato il tempo!!!

    :)

    >GT<
  • > I Sistemi operativi a 64 bit (a parte linux)
    > cominciano a farsi avanti ora, 18 mesi dopo la
    > comparsa dei processori a 64
    > bit.

    ma se uno installa linux a 64 bit, tipo dapper o suse, su un processore dual core, magari un amd 64x2 funziona tutto? nel senso che riconosce un processore solo o lo vede come due processori? ci sono distro linux gia' ottimizzate per amd 64x2 o intel?
    qualche link? non sono riuscito a trovare molto su questo argomento.
    non+autenticato
  • alabarde spaziali!

    chissà che effetto fa per chi è così avanti aver passato gli ultimi anni a copiare strategie e tecnologie da AMD...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > alabarde spaziali!
    >
    > chissà che effetto fa per chi è così avanti aver
    > passato gli ultimi anni a copiare strategie e
    > tecnologie da
    > AMD...

    Intel avrebbe copiato da AMD ? Eh, sì, sicuro.
    Infatti vedi AMD che tecnologie simil-Centrino ha ? Ehh!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > alabarde spaziali!
    > >
    > > chissà che effetto fa per chi è così avanti aver
    > > passato gli ultimi anni a copiare strategie e
    > > tecnologie da
    > > AMD...
    >
    > Intel avrebbe copiato da AMD ? Eh, sì, sicuro.
    > Infatti vedi AMD che tecnologie simil-Centrino ha
    > ?
    > Ehh!
    Be', intel ha passato gli ultimi due anni a inseguire AMD, prima di riprendersis il primato.
    E ti giungerà nuovo, ma intel usa anche tecnologie AMD su licenza (e viceversa, ovviamente).
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > alabarde spaziali!
    > > >
    > > > chissà che effetto fa per chi è così avanti
    > aver
    > > > passato gli ultimi anni a copiare strategie e
    > > > tecnologie da
    > > > AMD...
    > >
    > > Intel avrebbe copiato da AMD ? Eh, sì, sicuro.
    > > Infatti vedi AMD che tecnologie simil-Centrino
    > ha
    > > ?
    > > Ehh!
    > Be', intel ha passato gli ultimi due anni a
    > inseguire AMD, prima di riprendersis il
    > primato.
    > E ti giungerà nuovo, ma intel usa anche
    > tecnologie AMD su licenza (e viceversa,
    > ovviamente).

    Se ti riferisci ad HyperTransport che dicevano che Intel l'avrebbe usato dimentica quello che ti hanno raccontanto le riviste online, Intel uscirà con il proprio sistema punto-punto CSI nel 2008.
    non+autenticato
  • Non mi riferisco a hypertransport.
    intel usava e forse usa ancora su licenza AMD altre tecnologie, se non sbaglio c'è un cross-licensing su alcune estensioni del set di istruzioni che si evolve dai tempi di "MMX" e "3DNow!", poi, sempre che a intel servano ancora, alcune tecnologie AMD relative a rallentamento della CPU e risparmio energetico, e non so che altro ancora.
    Ma per fare un esempio su quanto di buono AMD è riuscita a fare con molte meno risorse di intel, una supremazia che è durata un decennio, il controller RISC 29000 di AMD, meno costoso e più performante dell'i960 di intel, col paradosso che all'interno delle stesse marche le stampanti al top hanno montato il meno costoso 29000 e le mid-range l'i960 per un sacco di anni.
    non+autenticato