Panasonic 705p, nuovo 3G

Dopo l'abbandono del 2G, il produttore nipponico prosegue le sue mosse sul mercato della terza generazione

Roma - Lo scorso anno aveva deciso di abbandonare il 2G: un mercato divenuto troppo affollato, competitivo e oneroso. Per questo Panasonic ha spostato la propria attenzione sul più avanzato mondo 3G. Uno dei nuovi frutti di questa decisione è un telefonino - il cui arrivo potrebbe essere imminente - che si chiama 705P.

Il design esterno non sembra brillare per originalità (per il profilo l'ispirazione sembra attinta dallo stile dalla gamma RAZR di Motorola); quello interno (tastiera, display) nemmeno, ma la versione attualmente resa pubblica potrebbe non essere quella definitiva (un'eventuale versione destinata ai mercati occidentali non presenterà quantomeno gli ideogrammi).

Il nuovo dispositivoIl 705P, che dovrebbe debuttare con il brand giapponese Softbank (operatore mobile che ha rilevato la business unit locale di Vodafone), è un Tribanda W-CDMA (e prossimamente UMTS) che misura 101x50x14,8 mm e pesa 103 grammi.
Dai datasheet pubblicati da alcune fonti orientali è possibile apprendere che in queste dimensioni il bivalve sfoggia un doppio display (interno QVGA a 16 milioni di colori), doppia fotocamera (esterna da 2,2 Megapixel, interna VGA per le videochiamate), connettività USB e wireless (Bluetooth + IrDa), multimedia player, memoria con slot per schede MicroSD.

Trattandosi di un'anteprima, non esistono attualmente prospettive ufficiali sulla sua commercializzazione al di fuori dei paesi asiatici. C'è tuttavia più di un fondato sospetto che il nuovo Panasonic possa varcare la soglia dei mercati occidentali, dato che l'azienda aveva espresso interesse a non abbandonarli. E resta tuttora da capire se abbia mantenuto anche il proposito - dichiarato sempre lo scorso anno - di dotare i suoi nuovi smartphone di un sistema operativo Linux-based.

D.B.