IDF/ Il futuro di Centrino e PCI

Intel ha svelato i dettagli della propria prossima piattaforma mobile, Centrino Duo, confermando il supporto all'ultima evoluzione di Wi-Fi. Rivelati anche i piani relativi ad una nuova versione di PCI Express amica dei co-processori

San Francisco (USA) - Intel ha dedicato la seconda parte del proprio Developer Forum (IDF) alla presentazione di due tecnologie chiave: la piattaforma Centrino di quarta generazione, nota con il nome in codice Santa Rosa, e una nuova evoluzione del bus PCI Express con supporto ai co-processori.

Santa Rosa raggiungerà il mercato durante la prima metà del 2007 con il nome commerciale di Centrino Duo. Al cuore della nuova piattaforma mobile vi sarà il giovane processore Core 2 Duo Merom, il chipset ICH8M Crestline e il modulo wireless Kedron.

Tra le principali novità di Santa Rosa vi sono l'incremento della frequenza del front-side bus, passata dagli attuali 667 MHz a 800 MHz, e il supporto alla specifica Wi-Fi 802.11n, attualmente ancora in fase di definizione. Dal momento che Kedron implementerà una versione non definitiva della specifica 802.11n, Intel ha avviato una collaborazione con diversi produttori di dispositivi wireless, tra cui D-Link, Linksys e Netgear, per garantire la massima interoperabilità con gli odierni e futuri prodotti Wi-Fi.
Grazie al supporto della specifica MIMO/11n, e all'integrazione di due trasmettitori e tre ricevitori, il nuovo modulo wireless promette di quintuplicare la banda passante ed estendere significativamente la portata del segnale.

Intel ha anche annunciato una collaborazione con Nokia per l'integrazione, nelle soluzioni basate su Santa Rosa, della connettività alle reti mobili 3G.

Per quanto riguarda il risparmio energetico, Centrino Duo introdurrà due novità significative: la prima è la possibilità di variare dinamicamente la frequenza e la tensione elettrica del bus; la seconda è l'adozione della tecnologia Enhanced Deeper Sleep (EDS), che mette i core inutilizzati del processore in uno stato di "sonno profondo" caratterizato da un assorbimento energetico minimo.

A fianco del chipset Crestline vi sarà un nuovo acceleratore grafico integrato, chiamato X3000, capace di supportare l'interfaccia Aero Glass di Windows Vista e, grazie alla tecnologia Crear Video di Intel, il video in alta definizione.

Centrino Duo includerà anche il supporto alla tecnologia di gestione dei sistemi Active Management, oggi alla base della piattaforma vPro, e alla tecnologia Robson, che utilizza memorie flash di tipo NAND per velocizzare l'avvio del sistema, il lancio delle applicazioni e il ritorno dallo stato di ibernazione.

Intel ha anche confermato il proprio impegno nel continuare a migliorare la piattaforma Ultra Mobile PC (UMPC), a cui prossimamente aggiungerà il supporto a WiMAX.
15 Commenti alla Notizia IDF/ Il futuro di Centrino e PCI
Ordina
  • Ci vuole un Hw dedicato a vista, roba da matti, una volta era il programmatore a spaccarsi la testa per sfruttare bene il sistema, oggi i produttori di Hw sono costretti (e ben felici) di dover vendere hw dedicato ad un sistema operativo....... mah....
  • l'uncinetto e la sceneggiata napoletana, grazie a Centrino e a Core Duo A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > l'uncinetto e la sceneggiata napoletana, grazie a
    > Centrino e a Core Duo
    >A bocca aperta

    Da fanatico pro-AMD ti rode che Intel abbia un prodotto migliore,vero?
    non+autenticato
  • Quello che non tollero io di Intel non sono le sue tecnologie, ma le pratiche sporche e anticoncorrenziali con cui le impone, del tutto simili ai ricatti e gli accordi sottobanco di Micro$oft.

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Quello che non tollero io di Intel non sono le
    > sue tecnologie, ma le pratiche sporche e
    > anticoncorrenziali con cui le impone, del tutto
    > simili ai ricatti e gli accordi sottobanco di
    > Micro$oft.
    >
    Occhio che arriva Crazy per dire la sua sul TC.....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Quello che non tollero io di Intel non sono le
    > > sue tecnologie, ma le pratiche sporche e
    > > anticoncorrenziali con cui le impone, del tutto
    > > simili ai ricatti e gli accordi sottobanco di
    > > Micro$oft.
    > >
    > Occhio che arriva Crazy per dire la sua sul
    > TC.....
    TC!!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Quello che non tollero io di Intel non sono le
    > sue tecnologie, ma le pratiche sporche e
    > anticoncorrenziali con cui le impone, del tutto
    > simili ai ricatti e gli accordi sottobanco di
    > Micro$oft.
    >
    Concordo, il caso più eclatante fra quelli recenti, quelli passati non si contano, è come ha "tirato il freno a mano" sui 64bit inondando il segmento low-end di CPU a 32bit per vanificare il vantaggio accumulato da AMD negli ultimi due e passa anni: continuando a far crescere il parco macchine mondiale a 32bit ha fatto sì che le SW house passassero ai 64bit solo in ristrette nicchie e MS stessa appoggiasse poco e male la novità fino a Vista, che guarda caso uscirà praticamente in concomitanza con la definitiva e tardiva transizione di intel.
    Purtroppo anche stavolta, con la sola forza del potere economico e della maggiore capacità produttiva, intel è riuscita se non quasi a vanificare, a contenere molto più di quanto meritasse più di due anni di eccellenza tecnologica del suo avversario, il tutto ovviamente a svantaggio dell'utente.
    E anche MS, che era molto indietro rispetto al mondo Unix nel campo dei 64bit, si è fortemente avvantaggiata di questo ritardo imposto al settore.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > l'uncinetto e la sceneggiata napoletana, grazie
    > a
    > > Centrino e a Core Duo
    > >A bocca aperta
    >
    > Da fanatico pro-AMD ti rode che Intel abbia un
    > prodotto
    > migliore,vero?

    Assolutamente no, visto che per il momento AMD reagisce ribassando i listini e a breve accelererà il rilascio delle novità.
    La concorrenza fa bene all'utente.
    non+autenticato
  • Clap clap! Tutti si sono accorti che la battuta era sui nomi strampalati scelti da intel. Tutti tranne te.
    non+autenticato
  • Così si comporta un gruppo serio

    "Intel ha avviato una collaborazione con diversi produttori di dispositivi wireless, tra cui D-Link, Linksys e Netgear, per garantire la massima interoperabilità con gli odierni e futuri prodotti Wi-Fi."

    Ora ve lo spiego meglio: Intel, consapevole che il suo futuro prodotto potrà rischiare di non essere compatibile e non essere compatibili in questo mondo vuol dire esser fatti fuori ha avviato delle collaborazioni proprio per evitare tale rischio.
    il mond linux invece si divide, fa i fork, ogni volta con una motivazione più futile della precedente e lacompatibilitò tra le distro va a farsi benedire.
    Nel mondo linux il concetto è: chi non vuol essere compatibile con me "si f_tta" peccato che il mondo linux fa parte di unmondo ben piùgrosso che la pensa uguale di chi non sa adattarsi.

    Imparate da chi ci sa fare
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Così si comporta un gruppo serio
    >
    > "Intel ha avviato una collaborazione con diversi
    > produttori di dispositivi wireless, tra cui
    > D-Link, Linksys e Netgear, per garantire la
    > massima interoperabilità con gli odierni e futuri
    > prodotti
    > Wi-Fi."
    >
    > Ora ve lo spiego meglio: Intel, consapevole che
    > il suo futuro prodotto potrà rischiare di non
    > essere compatibile e non essere compatibili in
    > questo mondo vuol dire esser fatti fuori ha
    > avviato delle collaborazioni proprio per evitare
    > tale
    > rischio.
    > il mond linux invece si divide, fa i fork, ogni
    > volta con una motivazione più futile della
    > precedente e lacompatibilitò tra le distro va a
    > farsi
    > benedire.
    > Nel mondo linux il concetto è: chi non vuol
    > essere compatibile con me "si f_tta" peccato che
    > il mondo linux fa parte di unmondo ben piùgrosso
    > che la pensa uguale di chi non sa
    > adattarsi.
    >
    > Imparate da chi ci sa fare

    E come si suol dire, tutto può essere pretesto per un desiderato flame.
    non+autenticato
  • Infatti, Intel e' un gruppo serio e finora nessuna delle schede Intel di rete, wifi o gigabit, con cui ho avuto a che fare sotto linux, non hanno mai dato problemi.

    Se poi sei il solito Troll che vuole solo innescare una flame, ti consiglio una bella doccia fredda e di andare a dormire che a mezzanotte si ragiona maleSorride

    EB
    non+autenticato
  • Sai la cosa divertente? Tutti e tre i nomi citati utilizzano Linux nei loro access point tanto che quando compri un loro prodotto trovi allegata una copia della GPL.
    Non è tutto bianco o nero: il mondo linux e open source in generale è così variegato che è un po' difficile affettarlo con il coltello come fai tu.
    Esempio: io uso linux perché lo ritengo più stabile e non prendo virus, per quello per cui uso il pc mi basta a avanza. Di contro non sopporto tutti i supertecnici che ti guardano storto se mentre gli chiedi delucidazioni ti permetti di chiedere se esiste una modalità grafica per fare quelle che ti dicono (di solito c'è ma non te la dicono!).
    Love'n'peace fratello.
    Giangi
  • ah ma si spera che impareranno tutti, inclusa Intel e derivate.

    vedi, oggi il bello degli standards e` che ce ne sono cosi` tanti, ma COSI` TANTI, tra cui scegliere...

    [fai un po' te se questa e` standardizzazione VERA o una PRESA per i FONDELLI]
    non+autenticato

  • > Imparate da chi ci sa fare

    Annoiato
    non+autenticato