Sony fuori dal mercato delle batterie?

Lenovo si prepara a ritirare oltre mezzo milione di accumulatori difettosi prodotti dal gigante giapponese, il terzo richiamo di massa in poche settimane. Quale futuro per Sony nel settore batterie?

Roma - I guai di Sony nel settore delle batterie per notebook stanno raggiungendo proporzioni clamorose. Dopo Apple e Dell, dopo Toshiba, anche Lenovo e IBM hanno ieri annunciato il richiamo di 526.000 batterie prodotte dal colosso giapponese.

Nel complesso, gli accumulatori fabbricati da Sony che sono attualmente oggetto di richiamo sfiorano i 6,8 milioni di esemplari. Gli osservatori non hanno dubbi: nell'industria del settore non si è mai verificato nulla di paragonabile.

Lenovo, che ha acquisito la divisione notebook di IBM lo scorso maggio, ha spiegato che le batterie richiamate contengono un difetto che può portarle a surriscaldarsi. L'azienda non ha specificato se il problema sia correlato a quello delle batterie utilizzate da Apple, Dell e Toshiba.
Il programma di sostituzione arriva a meno di due settimane di distanza dall'incendio, presso l'aeroporto di Los Angeles, di un notebook di Lenovo contenente una batteria di Sony.

In un comunicato congiunto, IBM e Lenovo hanno sottolineato come "potenzialmente nessuna marca o modello di batteria è immune da surriscaldamento o malfunzionamento", confermando tuttavia che "queste batterie possono essere soggette a surriscaldamento, con potenziale rischio di incendio".

L'invito rivolto dalle due aziende ai propri clienti, pertanto, è quello di verificare appena possibile se la propria batteria sia tra quelle potenzialmente a rischio. Per farlo è possibile visitare questa pagina di IBM o questa di Lenovo.

Le batterie oggetto del richiamo sono state vendute tra febbraio 2005 e settembre 2006 separatamente o abbinate ad alcuni dei seguenti modelli di PC portatili ThinkPad: Serie T (T43, T43p, T60), Serie X (X60, X60s), Serie R (R51e, R52, R60, R60e).

Lenovo ritiene che il ritiro interesserà una percentuale compresa tra il 5 e il 10% dei notebook ThinkPad venduti nella succitata finestra temporale.

Come nel caso di Apple e Dell, Sony si è accordata con Lenovo per "supportare finanziariamente" il richiamo. Se un simile accordo sia stato preso anche con Toshiba nessuna delle due parti lo ha ancora rivelato. A fine agosto il colosso giapponese ha stimato che il richiamo di Apple e Dell potrebbe costarle una cifra compresa fra i 130 e i 200 milioni di euro.

A questo punto gli unici grossi produttori di notebook che utilizzano batterie Sony e che non hanno ancora annunciato programmi di sostituzione sono HP e la stessa Sony. A Tokyo c'è chi starà facendo i debiti scongiuri.
55 Commenti alla Notizia Sony fuori dal mercato delle batterie?
Ordina
  • Ma la Sony, a parte i monitor CRT trinitron, che prodotti di qualità ha partorito negli ultimi anni?

    Lo stereo mi è durato 2 anni e di tutto funziona solo la radio, idem per quello portatile.
    Gli LCD mi sembrano penosetti. Non è che fanno prodotti risparmiando parecchio sui componenti?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma la Sony, a parte i monitor CRT trinitron, che
    > prodotti di qualità ha partorito negli ultimi
    > anni?


    Mica solo negli ultimi anni...



    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma la Sony, a parte i monitor CRT trinitron, che
    > prodotti di qualità ha partorito negli ultimi
    > anni?
    >
    > Lo stereo mi è durato 2 anni e di tutto funziona
    > solo la radio, idem per quello
    > portatile.
    > Gli LCD mi sembrano penosetti. Non è che fanno
    > prodotti risparmiando parecchio sui
    > componenti?

    Tu sei fuori. I TFT Sony Bravia HDTV sarebbero penosetti per te ? Ma che stai dicendo ?
    Sony e Samsung hanno la fabbrica ed il centro di ricerca e sviluppo più grande del mondo per i TFT in una Joint-Venture. E per te sarebbero penosetti?

    Sony non ha prodotto nulla in questi anni ?
    I portatili Sony Vaio sono i migliori sul mercato, i TFT Sony Vaio per PC con tecnologia X-Black sono i migliori malgrado i fanatici Apple sbandierino che la Apple, o meglio chi produce per Apple, sarebbe il meglio del meglio.
    non+autenticato
  • >
    I portatili Sony Vaio sono i migliori sul
    > mercato, i TFT Sony Vaio per PC con tecnologia
    > X-Black sono i migliori malgrado i fanatici Apple
    > sbandierino che la Apple, o meglio chi produce
    > per Apple, sarebbe il meglio del meglio.
    >


    ....e tu invece?
    non sei un fanatico Sony?


    ...poi cosa centra apple non lo so.....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > >
    > I portatili Sony Vaio sono i migliori sul
    > > mercato, i TFT Sony Vaio per PC con tecnologia
    > > X-Black sono i migliori malgrado i fanatici
    > Apple
    > > sbandierino che la Apple, o meglio chi produce
    > > per Apple, sarebbe il meglio del meglio.
    > >
    >
    >
    > ....e tu invece?
    > non sei un fanatico Sony?
    >
    >
    > ...poi cosa centra apple non lo so.....

    Lui ha evidenziato la verità dei fatti, non un'opinione però.
    non+autenticato
  • Il mio bel Dell (un inspiron 9300) ne ha proprio una che rientra tra quelle considerate "a rischio"...

    In effetti l'avro' caricata pochissime volte e spesso la toglievo e sentivo che scottava abbastanza, ma credevo fosse normale...

    Ovviamente, per quanto i prodotti Dell siano buoni, se le piste cominciano a surriscaldarsi che succede ?
    Puo' succedere di tutto: a me ad esempio e' successo che e' venuta fuori una riga verticale rossa, quindi si e' un po' cotto il chip che gestisce la matrice dei pixel...

    Mentre mandando una e-mail al centro assistenza Dell mi hanno risposto che per il monitor (siccome e' da poco fuori garanzia) avrei dovuto pagare sui 300 euro, guardacaso a loro il codice della batteria non risultava rientrare tra quelle "a rischio".

    Peccato per loro che, grazie ai potenti mezzi di PI, ho trovato il seguente sito:
    www.dellbatteryprogram.com
    dove ho inserito il codice, mi hanno confermato che rientra tra le difettose, ho lasciato il mio indirizzo e mi hanno segnalato che me l'avrebbero spedita a mezzo di corriere UPS.
    (Dovrebbe arrivarmi in questi giorni...)

    Certo che quelli del centro assistenza non ci avrebbero fatto una bella figura se mi avessero detto che avevo acquistato una batteria difettosa ma il monitor me lo sarei dovuto pagare io lo stesso...

    (Quindi mi sembra anche logico lasciare un cliente con una batteria che potenzialmente potrebbe incendiarsi...)

    Ovviamente questo mi servira' da lezione per il prossimo acquisto: nonostante il mio inspiron lo *adori* lo stesso (anche col piccolo difetto) per sicurezza il prossimo "non sara' Dell".
    (Neanche Lenovo e Company...)

    Un'altra cosa: io per lavoro uso videocamere e ho tutte Sony (con le fatidiche InfoLithium, quelle bastarde che non puoi modificare ad esempio mettendoci in parallelo un'altra batteria uguale per farle durare di piu', se non con accrocchi Sony), adesso mi chiedo: quanto mi posso fidare di queste ?
    Tengo a precisare che le mie videocamere se non sentono la tecnologia InfoLithium (ergo ci metti una batteria non Sony ma uguale) non si accendono, segnalando proprio (nel mirino, chissa' chi lo alimenta...) di cambiarla.


    --------------

    Un saluto da Mazinga.

  • In due parole vale questa:

    Sony: se la conosci la eviti !

    Io personalmente non prendo più niente da loro, soprattutto per le "soluzioni" proprietarie con cui infarciscono i loro prodotti, che vengono venduti a prezzi SUPERIORI alla concorrenza vantando una qualità superiore che è negata dai fatti.

    Portatili: Acer, Asus, Toshiba
    Desktop: Assemblati (MB Abit o Asus)
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 29 settembre 2006 13.46
    -----------------------------------------------------------

  • - Scritto da: Sparrow
    > In due parole vale questa:
    >
    > Sony: se la conosci la eviti !
    >
    > Io personalmente non prendo più niente da loro,
    > soprattutto per le "soluzioni" proprietarie con
    > cui infarciscono i loro prodotti, che vengono
    > venduti a prezzi SUPERIORI alla concorrenza
    > vantando una qualità superiore che è negata dai
    > fatti.
    >
    > Portatili: Acer, Asus, Toshiba
    > Desktop: Assemblati (MB Abit o Asus)
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 29 settembre 2006 13.46
    > --------------------------------------------------


    Ecco, bravo, compra la roba più scadente che così i cinesi sono ancora più contenti di fregarti meglio.
    non+autenticato
  • Acer fossi in te la lascerei perdere. Non avranno problemi con le batterie ma sono di una fragilità incredibile.

    - Scritto da: Sparrow
    >
    > Portatili: Acer, Asus, Toshiba
    > Desktop: Assemblati (MB Abit o Asus)
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 29 settembre 2006 13.46
    > --------------------------------------------------
    non+autenticato

  • - Scritto da: Sparrow

    > Portatili: Acer, Asus, Toshiba
    > Desktop: Assemblati (MB Abit o Asus)

    Guarda ... salvo solo Toshiba e anche Abit perchè non la conosco e non posso giudicare. Sul resto avrei da ridire ma ... si vede che sei uno fortunato.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: Sparrow
    >
    > > Portatili: Acer, Asus, Toshiba
    > > Desktop: Assemblati (MB Abit o Asus)
    >
    > Guarda ... salvo solo Toshiba e anche Abit perchè
    > non la conosco e non posso giudicare. Sul resto
    > avrei da ridire ma ... si vede che sei uno
    > fortunato.

    Per Toshiba posso dire la mia: ne ho uno da piu' di 6 anni e ancora va egregiamente...

    Tra l'altro la batteria ha mantenuto il suo tempo (perche' usata pochissimo): 30 minuti !

    Ho comunque notato che la differenza tra il mio "Satellite" e quelli odierni, di qualita' costruttiva dello chassis, e' stato mantenuto "robusto".

    Mentre gli Acer, a parita' di prezzo, hanno solitamente piu' accessori (o prestazioni) dei concorrenti, diciamo che non mi ispirano fiducia i portatili che come li sollevi cominciano a scricchiolare...

    Quelli che mi piacciono di piu' per solidita', in primis sono gli Asus (che dire che sono rocce e' dire poco...) e i Toshiba della serie M** ; la serie L** non so' perche' ma non mi garba lo stile, e' troppo "retro".


    --------------

    Un saluto da Mazinga.


  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: Sparrow
    >
    > > Portatili: Acer, Asus, Toshiba
    > > Desktop: Assemblati (MB Abit o Asus)
    >
    > Guarda ... salvo solo Toshiba e anche Abit perchè
    > non la conosco e non posso giudicare. Sul resto
    > avrei da ridire ma ... si vede che sei uno
    > fortunato.

    Le migliori motherboard sono le Gigabyte con Asus come seconda scelta (ora Gigabyte ed Asus sono in joint-venture con Gigabyte che detiene il 51% della nuova società)
    Migliori produttori RAM: Corsair, Kingston, Geil
    Migliori produttori PSU: Antec, Enermax, FSP
    Migliori produttori Case: Chieftech,Supermicro,Antec,Enermax

    Per i portatili, i migliori in assoluto sono i Sony Vaio. A seguire HP, Asus, Toshiba, Acer.
    non+autenticato
  • Qualche tempo fa anche un problema agli alimentatori di ps2.
    Qualcuno poteva "surriscaldarsi e provocare principi di incendio o ustioni".

    http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1304576




  • - Scritto da: lalla63
    > Qualche tempo fa anche un problema agli
    > alimentatori di
    > ps2.
    > Qualcuno poteva "surriscaldarsi e provocare
    > principi di incendio o
    > ustioni".
    >
    > http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1304576

    Anche quello di Xbox.
    M$ però, mandò una lettera a tutti i clienti con le istruzioni per la gratuita sostituzione.
    non+autenticato
  • > Anche quello di Xbox.
    > M$ però, mandò una lettera a tutti i clienti con
    > le istruzioni per la gratuita
    > sostituzione.

    ah, perchè m$ ha l'indirizzo di tutti quelli che hanno comperato l' Xscatola?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Anche quello di Xbox.
    > > M$ però, mandò una lettera a tutti i clienti con
    > > le istruzioni per la gratuita
    > > sostituzione.
    >
    > ah, perchè m$ ha l'indirizzo di tutti quelli che
    > hanno comperato l'
    > Xscatola?
    Si solo a coloro che hanno inviato il classico tagliando di registrazione del prodotto... Cosa oscura per molti!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > > Anche quello di Xbox.
    > > > M$ però, mandò una lettera a tutti i clienti
    > con
    > > > le istruzioni per la gratuita
    > > > sostituzione.
    > >
    > > ah, perchè m$ ha l'indirizzo di tutti quelli che
    > > hanno comperato l'
    > > Xscatola?
    > Si solo a coloro che hanno inviato il classico
    > tagliando di registrazione del prodotto... Cosa
    > oscura per
    > molti!
    Veramente non è vero cmq io non ho inviato nessun tagliando e la lettera è arrivata ugualmente ma non è il trasformatore ma il cavo !!!! (infatti lo scatolone nero ha il trasformatore incorporato ed ribadisco che era il cavo che era stato mal costruito. (costava solo 5 € XD)
    Deme**i!!!!
    non+autenticato
  • Allora sulla vecchia X la cosa era cosi,andavi sul loro sito,inserivi il numero di serie della console e se risultava tra quelle che forse potevano avere problemi,mettevi i tuoi dati e loro ti spedivano a casa un cavo con un differenziale inserito,che in caso di guasto all'alimentatore interno della X staccava la corrente.La mia era o meglio è una di quelle,il cavo mi è arrivato nel giro di una settimana dal Belgio,son passati ormai un paio di anni e non mi è mai arrivato nient'altro dalla Ms che sfruttasse i dati che avevo fornito per questa cosa,quindi non vedo dove sia il problema.
    non+autenticato
  • Confermo la stessa cosa per me. E della Xbox sono soddisfatto, tant'è vero che per il momento non penso neppure di comprare PS3, Wii o... X360! A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Confermo la stessa cosa per me. E della Xbox sono
    > soddisfatto, tant'è vero che per il momento non
    > penso neppure di comprare PS3, Wii o... X360!
    >A bocca aperta
    A guarda io l'ho presa ad aprile del 2002,mai avuto un problema di funzionamento,ormai ho una quarantina e più di giochi di cui molti ancora da finire e per di più ora li trovi in giro a prezzi assurdi,tipo ho preso burnout revenge nuovo una settimana fa a 2,90 euro,quindi per me la next può aspettare ancora a lungo!!!!
    non+autenticato
  • Sono passate appena 3 ore dall'articolo e nessuno ancora ha scritto niente a proposito di Apple e Dell e delle loro batterie a scoppio...

    Già dimenticati che i laptop Apple e Dell non sono ammessi in certe linee aeree se portati con la batteria installata?

    E nessuno aveva intelligentemente scritto che le batterie sono della Sony...

    Forse qualcuno.

    Attenti ai vostri portatili, aldilà di Apple, Dell, Toshiba o Lenovo. Invece di scrivere ca@@ate, date un'occhiata alle vostre batterie agli ioni di litio della Sony.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Sono passate appena 3 ore dall'articolo e nessuno
    > ancora ha scritto niente a proposito di Apple e
    > Dell e delle loro batterie a
    > scoppio...
    >
    > Già dimenticati che i laptop Apple e Dell non
    > sono ammessi in certe linee aeree se portati con
    > la batteria
    > installata?
    >
    > E nessuno aveva intelligentemente scritto che le
    > batterie sono della
    > Sony...
    >
    > Forse qualcuno.
    >
    > Attenti ai vostri portatili, aldilà di Apple,
    > Dell, Toshiba o Lenovo. Invece di scrivere
    > ca@@ate, date un'occhiata alle vostre batterie
    > agli ioni di litio della
    > Sony.
    Come dimostrate tutti delle cose scomode si scordano tutti per es. tutti si ricordano dei casini xbox 360 che sono state prodotte prima del 2006 (tanto le cambiano gratis) e nessuno ricorda dei casini ps2 ed adesso? E' uguale!
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Come dimostrate tutti delle cose scomode si
    > scordano tutti per es. tutti si ricordano dei
    > casini xbox 360 che sono state prodotte prima del
    > 2006 (tanto le cambiano gratis) e nessuno ricorda
    > dei casini ps2 ed adesso? E'
    > uguale!

    La gente tende a ricordare meglio gli episodi positivi. Siccome i problemi della sony sono un episodio positivo, vengono ricordati meglio
    non+autenticato
  • .. per far fuori la Sony e papparsela. Producono per Sony le batterie, se le celle sono prodotte in Giappone comunque l'assemblaggio è quasi sempre in Cina. Ne producono milioni di pezzi difettosi, la colpa ricade su Sony. Sony subisce perdite che il governo comunista dittatoriale cinese spera ne causino il fallimento per poi effettuare un'operazione di acquisizione e comprarsi Sony a quattro soldi, di fatto distruggendo l'economia giapponese e facendo scacco matto al Giappone.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > .. per far fuori la Sony e papparsela. Producono
    > per Sony le batterie, se le celle sono prodotte
    > in Giappone comunque l'assemblaggio è quasi
    > sempre in Cina. Ne producono milioni di pezzi
    > difettosi, la colpa ricade su Sony. Sony subisce
    > perdite che il governo comunista dittatoriale
    > cinese spera ne causino il fallimento per poi
    > effettuare un'operazione di acquisizione e
    > comprarsi Sony a quattro soldi, di fatto
    > distruggendo l'economia giapponese e facendo
    > scacco matto al
    > Giappone.

    Guarda, la soluzione è molto più semplice...
    Produrre in Cina costa poco, ma la qualità è più scadente. Una volta si cercava la roba made in Japan, o made in Germany, perché si sapeva che aveva una certa qualità. Anche se costava di più. Oggi invece si vuole tutto e a poco prezzo. Quando la gente compra un computer, bada a che costi il meno possibile, non alla qualità. I produttori hanno capito il trend e, per assecondare i desideri degli utenti, hanno abbassato i prezzi sacrificando la qualità. Credete che non lo sappiano, i produttori, di stare producendo roba molto più scadente rispetto a 10 anni fa? Certo che lo sanno, ma sanno anche che se loro mettessero in vendita un pc che costa il 30% in più perché è di qualità la gente non lo comprerebbe e otterrebbero il solo risultato di uscire dal mercato.
    Siamo noi che abbiamo chiesto ai produttori di darci cose che costano sempre meno: ora non lamentiamoci se non funzionano!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Siamo noi che abbiamo chiesto ai produttori di
    > darci cose che costano sempre meno: ora non
    > lamentiamoci se non
    > funzionano!

    Imho non è così semplice, perché se su molte cose è facile fare recensioni di tipo comparativo, test, benchmark e via dicendo (e tuttavia si sà che la maggior parte degli utenti non se ne interesserà e sceglierà i prodotti in base al consiglio dell'amico smanettone se va bene, al consiglio del commerciante se va male, al marketing e alle scritte sulla confezione se va ancora peggio), su altri prodotti è meno triviale. Ora prendiamo queste batterie, hai mai letto su internet la recensione comparativa di batterie? Anche non di portatili... io no, probabilmente esisterà nel mondo qualche articolo inculato su altroconsumo e riviste analoghe, risalente al 2005, che paragona le pile AA alcaline.

    Dovrebbero essere invece gli stessi produttori a creare degli standard per la valutazione di un prodotto. Nessuno si scandalizza che un prodotto migliore costi di più di uno peggiore: i produttori si scelgano il loro target e puntino o al risparmio o alla qualità. Ma non è possibile, non conviene.
    Innanzitutto non conviene alle marcacce, questo è ovvio, perché un ragionamento del genere presuppone che per lo meno il prodotto venduto faccia quello per cui viene venduto, cosa che non è da dare per scontata. Ma se ci fossero dei test trasparenti e di pubblico dominio, compiuti da un ente indipendente e pubblicati ad esempio nei supermercati, chi si comprerebbe un prodotto che non è neanche in grado di funzionare o di essere sicuro?
    Eppure quanti di questi vengono venduti!
    Ma anche i produttori che tradizionalmente puntano ad un target attento alla qualità non hanno convenienza in questo tipo di trasparenza. Perché chiunque avrà sbattuto la testa una volta contro un prodotto di qualità non eccelsa, sperando di risparmiare, ci ripenserà due volte, e si affiderà alle marche note.
    Che tendenzialmente, di media, hanno davvero prodotti di qualità migliore, tuttavia non sempre, e non per tutti i tipi di prodotti, o per tutti i modelli di un determinato prodotto. Di conseguenza possono risparmiare, puntando sulla qualità solo parzialmente in modo da farsi un immagine di azienda che se ne cura, e nel caso di prodotti la cui qualità non è al top, c'è pur sempre la garanzia, nei casi estremi.


  • - Scritto da:
    > .. per far fuori la Sony e papparsela. Producono
    > per Sony le batterie, se le celle sono prodotte
    > in Giappone comunque l'assemblaggio è quasi
    > sempre in Cina. Ne producono milioni di pezzi
    > difettosi, la colpa ricade su Sony. Sony subisce
    > perdite che il governo comunista dittatoriale
    > cinese spera ne causino il fallimento per poi
    > effettuare un'operazione di acquisizione e
    > comprarsi Sony a quattro soldi, di fatto
    > distruggendo l'economia giapponese e facendo
    > scacco matto al
    > Giappone.

    Molto più semplice: non serve produrle tutte difettose. Basta farne un tot e poi per sicurezza le devono richiamare tutte.
    Cmq la tua idea per quanto accattivante non regge. Secondo me è Sony che ha voluto tirare troppo sul prezzo. Semplice ed elementare.
    non+autenticato
  • Mah, che ipotesi balzana. Eppoi i jap possono sempre impedire che un'azienda straniera compri Sony, basta emettere una leggina ad hoc...

    Il fatto vero è che Sony, a causa della concorrenza sui prezzi, è costretta a fare batterie supereconomiche e, quindi, scadenti.
    non+autenticato
  • > .. per far fuori la Sony e papparsela.

    Fare fuori, che significa? Comprarsela. Ce ne corre, soprattto a colpi di batterie.

    > Producono
    > per Sony le batterie, se le celle sono prodotte
    > in Giappone comunque l'assemblaggio è quasi
    > sempre in Cina.

    "COMUNQUE" NULLA.
    I giapponesi producono migliaia di prodotti in Cina. Ma li fanno fare come li vogliono loro e supervisionano tutto.
    Evidentemente il progetto di base di questo modello di batteria (perche' poi di UN modello parliamo) ha dei difetti.

    > difettosi, la colpa ricade su Sony. Sony subisce
    > perdite che il governo comunista dittatoriale
    > cinese spera

    "spera"? Che piano geniale!

    > ne causino il fallimento per poi
    > effettuare un'operazione di acquisizione e
    > comprarsi Sony a quattro soldi, di fatto
    > distruggendo l'economia giapponese e facendo
    > scacco matto al
    > Giappone.

    COSA!????
    Questo delirio lo dovevo ancora sentire!! Crisi batterie -> crollo Sony -> crollo economia giapponese -> scacco al Giappone.
    Ma hai riletto quello che hai scritto?
    Hai idea della struttura e della complessita' della economia giapponese e della ricchezza di questa che e' la seconda potenza economica mondiale? Ci fai un baffo alla Sony con le batterie guaste. I cinesi, che sono piu' informati di te, queste cose le sanno e non metterebbero mai in piedi un piano cosi' cretino.
    non+autenticato
  • Ti quoto... Roba da matti!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > .. per far fuori la Sony e papparsela.
    >
    > Fare fuori, che significa? Comprarsela. Ce ne
    > corre, soprattto a colpi di
    > batterie.
    >
    > > Producono
    > > per Sony le batterie, se le celle sono prodotte
    > > in Giappone comunque l'assemblaggio è quasi
    > > sempre in Cina.
    >
    > "COMUNQUE" NULLA.
    > I giapponesi producono migliaia di prodotti in
    > Cina. Ma li fanno fare come li vogliono loro e
    > supervisionano
    > tutto.
    > Evidentemente il progetto di base di questo
    > modello di batteria (perche' poi di UN modello
    > parliamo) ha dei
    > difetti.
    >
    > > difettosi, la colpa ricade su Sony. Sony subisce
    > > perdite che il governo comunista dittatoriale
    > > cinese spera
    >
    > "spera"? Che piano geniale!
    >
    > > ne causino il fallimento per poi
    > > effettuare un'operazione di acquisizione e
    > > comprarsi Sony a quattro soldi, di fatto
    > > distruggendo l'economia giapponese e facendo
    > > scacco matto al
    > > Giappone.
    >
    > COSA!????
    > Questo delirio lo dovevo ancora sentire!! Crisi
    > batterie -> crollo Sony -> crollo economia
    > giapponese -> scacco al
    > Giappone.
    > Ma hai riletto quello che hai scritto?
    > Hai idea della struttura e della complessita'
    > della economia giapponese e della ricchezza di
    > questa che e' la seconda potenza economica
    > mondiale? Ci fai un baffo alla Sony con le
    > batterie guaste. I cinesi, che sono piu'
    > informati di te, queste cose le sanno e non
    > metterebbero mai in piedi un piano cosi'
    > cretino.


    Povero ingenuo. Tu non hai proprio sentore di come vanno le cose. Vuoi vedere per forza le cose più complesse di come sono veramente se credi che dietro lo scandalo batterie non ci sia un complotto finalizzato a colpire l'economia giapponese. Sony rappresenta il Giappone.
    non+autenticato

  • > Povero ingenuo. Tu non hai proprio sentore di
    > come vanno le cose.

    E' vero, vivo in Giappone e commercio con la Cina, che sentore vuoi che abbia rispetto a te.

    > Vuoi vedere per forza le cose
    > più complesse di come sono veramente

    In effetti la macro economia Giapponese e' semplicissima!!A bocca aperta
    Per questo lo sono anche i piani dei cinesi per abbatterla!
    Ma sarai troll...!

    > se credi che
    > dietro lo scandalo batterie non ci sia un
    > complotto

    Non credo ai complotti solo perche' sono possibili, ma perche' ho delle prove o almeno delle prove indiziarie.
    Di certo non credo ai complotti stupidi.

    > finalizzato a colpire l'economia
    > giapponese. Sony rappresenta il Giappone.

    Mah, se io fossi la Cina e volessi colpire l'economia giapponese, lo farei attraverso le banche, ritardando ad esempio il pagamento per i mostuosi investimenti ferroviari fatti dal Giappone in Cina. Ma anche cosi' ce ne vorrebbe... Altro che batterie, i complotti si fanno negli uffici delle banche, non sabotando sotto il naso dei giapponesi per mesi e mesi le batterie della sony.
    Prendi tutti per un branco di stupidi, i cinesi per il piano ingenuo e i giapponesi per lo scarso controllo.
    E infine noi, insultandoci con queste sciocchezze.

    Fatti un viaggio qui, cosi' impari qualcosa e stai anche lontano dalla tastiera.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > > Povero ingenuo. Tu non hai proprio sentore di
    > > come vanno le cose.
    >
    > E' vero, vivo in Giappone e commercio con la
    > Cina, che sentore vuoi che abbia rispetto a
    > te.

    Sì, vabbè, sicuro. Se si parlava della Luna tu dicevi che vivevi sulla Luna. Ma quanto è ridicola la gente come te che qui su P.I. scrive le peggio assurdità a seconda di cosa pensa sia necessario al momento.. bhà !


    > > Vuoi vedere per forza le cose
    > > più complesse di come sono veramente
    >
    > In effetti la macro economia Giapponese e'
    > semplicissima!!
    >A bocca aperta
    > Per questo lo sono anche i piani dei cinesi per
    > abbatterla!
    > Ma sarai troll...!

    Io non me ne esco a dire che vivo in Giappone e commercio con la Cina come hai detto tu per pavoneggiarti e darti ragione ad ogni costo, pollo chi ci crede.

    > > se credi che
    > > dietro lo scandalo batterie non ci sia un
    > > complotto
    >
    > Non credo ai complotti solo perche' sono
    > possibili, ma perche' ho delle prove o almeno
    > delle prove
    > indiziarie.
    > Di certo non credo ai complotti stupidi.

    Sì, vabbè, allora continua a vivere nel tuo mondo ovattato.


    > > finalizzato a colpire l'economia
    > > giapponese. Sony rappresenta il Giappone.
    >
    > Mah, se io fossi la Cina e volessi colpire
    > l'economia giapponese, lo farei attraverso le
    > banche, ritardando ad esempio il pagamento per i
    > mostuosi investimenti ferroviari fatti dal
    > Giappone in Cina. Ma anche cosi' ce ne
    > vorrebbe... Altro che batterie, i complotti si
    > fanno negli uffici delle banche, non sabotando
    > sotto il naso dei giapponesi per mesi e mesi le
    > batterie della
    > sony.
    > Prendi tutti per un branco di stupidi, i cinesi
    > per il piano ingenuo e i giapponesi per lo scarso
    > controllo.
    > E infine noi, insultandoci con queste sciocchezze.


    Ohh, "poverino".. "ti ho insultato" ... ma non essere patetico, altrimenti l'insulto te lo cerchi davvero ! E poi dici che sarei io il troll qui.. ma per favore ! Ma cresci piuttosto! Ma quanti anni hai ?


    > Fatti un viaggio qui, cosi' impari qualcosa e
    > stai anche lontano dalla
    > tastiera.

    Qui, dove ? Nella tua cantina a fantasticare che vivi in giro per il mondo e sei un uomo d'affari ? E se sei così tanto di successo e stai in un posto con fuso orario 6 ore davanti all' Italia, che ci fai ora qui a perder tempo nel pavoneggiarti di quanto sei figo ?

    Bhà!

    non+autenticato
  • Anche secondo me il tipo che dice di vivere in giappone e commerciare con la Cina è un mitomane...
    se fosse un vero businessman non starebbe qui a farsi le pugnette...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)