Iran, alza polvere il videogioco antiamericano

Alcuni programmatori finanziati dal governo iraniano avrebbero realizzato un controverso videogioco propagandistico: l'obiettivo è far esplodere bersagli statunitensi impegnati nel trasporto marittimo di petrolio

Teheran - Dopo la polemica scatenata dai videogiochi violenti che ripercorrono fatti di cronaca, i riflettori dei media sono puntati sopra un videogioco creato dal governo iraniano che permette di condurre azioni violente contro bersagli americani. La notizia, ripresa dal quotidiano locale Jomhouriye Eslami, non fornisce molti dettagli su questa controversa simulazione: si chiamerebbe "Counter Strike" ed il nome fa pensare che si tratti di una versione modificata del celebre "sparatutto" 3D in prima persona.

"In questo nuovo gioco", riporta l'agenzia Reuters, "i partecipanti possono condurre missioni d'incursione in luoghi strategici come lo stretto di Hormuz". L'obiettivo di "Counter Strike", realizzato grazie ai finanziamenti di Teheran, sembra essere la distruzione delle petroliere statunitensi che transitano per questo importante tratto di mare, punto di passaggio per circa due quinti del petrolio mondiale.

In questi tempi di crisi geopolitica e diplomatica, numerosi programmatori hanno realizzato titoli controversi che illustrano possibili scenari del futuro. Da Quest For Saddam fino a Assault on Iran, il numero di "giochi dello scandalo" che hanno innescato reazioni a livello politico è sempre più alto.
Gli osservatori di Joystiq, seguitissimo blog dedicato ai videogiochi, sono convinti che "l'uso propagandistico dei videogiochi è una questione degna dell'interesse di tutti". Secondo il blogger Zack Stern non passerà molto tempo prima che "gli aerei in guerra inizieranno a sganciare videogiochi sopra gli stati nemici", al posto dei volantini di propaganda "tradizionali".

Tommaso Lombardi
151 Commenti alla Notizia Iran, alza polvere il videogioco antiamericano
Ordina
  • E tutte le finte indignazioni scaturite? Oggi con GTA manco se ne accorgono più. Che cos'hanno portato? Che è stato uno dei giochi più giocati dei primi anni '90. Anche se il gioco faceva pena ed era praticamente ingovernabile. Però essendo un gioco "maledetto" faceva figo averlo.
    Puro marketing del terziario avanzato.
    non+autenticato
  • Abbiamo giocato per anni con videogames e letto libri dove i russi erano i cattivi.

    Dove sta il problema?

    L'importante è che rimanga un gioco. Ciò su cui si scherza e si gioca fa da valvola di sfogo. Da sempre.

    Molto peggio sono i fondi per finanziare studi anti Olocausto.
    non+autenticato
  • Sinceramente mi sono stufato dei soliti "ammericani contro terroristi" o anche "ammericani contro tedeschi nella II guerra mondiale" o pure "ammericani contro alineni" ecc...

    Sperando che il gameplay migliori un po'.

    >GT<
  • Ed ecco un gioco per VIC20 datato 1982...
    "Raid on Isram".
    Con il velivolo si sparava su giacimenti, missili "terra aria" e quant'altro.

    http://fgasking.wordpress.com/2006/05/24/game-spot.../



    non+autenticato
  • In effetti siamo pieni di videogiochi infarciti di sbudellamenti & co, tutti o quasi con gli USA al centro (uno qualsiasi, Ghost Recon Advanced Warfighter).
    La differenza è che per una volta anzichè avere gli USA come buoni e (qualcun altro) come cattivi abbiamo (qualcun altro) come buoni e gli USA come cattivi.
    Poi molto ci sarebbe da dire sul fatto che si attaccano petroliere che trasportano petrolio (no, perchè nella mia vita di videogiocatore petroliere, campi, oleodotti, autostrade, ponti e depositi ne ho fatti saltare pochi) ma limitiamoci a dire che nessuno s'è mai fatto problemi ad "ammazzare degli americani" quando per ammazzarli si impersonavano ALTRI americani (Max Payne ?).

    Probabilmente i vari "offesi" farebbero meglio a chiudere il becco, perchè stanno facendo la stessa figura di quelli che si scagliavano contro Postal, GTA Vice City e cosi simili.
    Cioè, in pratica, si sono scordati della regola aurea: è un videogioco, è SOLO un videogioco, non è la vita reale, se è divertente ci giochi, se non lo è no.

    Nessuno s'è scandalizzato per le grosse denuncie sullo stato della società presenti nei vari Metal Gear Solid e di sicuro nessuno ha pianto quando in questo o quel gioco c'è stato da fare il teppista da strada o il killer (Manhunt ?).

    Probabilmente stanno solo cercando di colpire l'Iran (a cui, per molti versi, dovremmo essere grati, intanto perchè è un grande importatore di made in italy e poi perchè è l'unico produttore a volersi staccare dal dollaro e commerciare in euro... come lo era, guardacaso, Saddam durante l'Oil for food) facendo dei videogiochi una scusa.
    non+autenticato
  • > è un videogioco, è SOLO un videogioco, non
    > è la vita reale, se è divertente ci giochi, se
    > non lo è
    > no.

    parole sante

    lo stesso vale con libri, film e musica

    fin quando c'è liberta di espressione

    ma ci vogliono togliere anche quella
  • Sono d'accordo anch'io con voi due.
    Questa sorta di "scandalo" io proprio non lo vedo.

    Vi dico di piu': se mi fanno una versione GPL per linux lo provo pure, cosi' per lo meno mi faccio un'idea diretta invece che sentirne soltanto parlare e dover giudicare "a scatola chiusa".

    Anzi, potrebbe essere un buon punto di partenza per qualche software house iraniana, che magari in un secondo tempo potrebbe produrre videogiochi a tema piu' vario (l'antico iran, per esempio, e' meraviglioso... a quando un videogame sullo shahname?)
    CoD
    131
  • concordo
    attualmente sto giocando ad un gioco del 2002 (cosi costa meno e non ci sono problemi con le richieste hw) che si chiama "First Ti Fight"
    è ambientato a Beirut nel 2006 (!!) e prevede azioni di marines americani contro hexbollah e siriani

    se si "tengono" gli USA tutto bene...

  • - Scritto da: ishitawa
    > concordo
    > attualmente sto giocando ad un gioco del 2002
    > (cosi costa meno e non ci sono problemi con le
    > richieste hw) che si chiama "First Ti
    > Fight"
    > è ambientato a Beirut nel 2006 (!!) e prevede
    > azioni di marines americani contro hexbollah e
    > siriani
    >
    > se si "tengono" gli USA tutto bene...


    tutto iniziò con HalfLife dove se volevi potevi uccidere i dottori e le guardie tue amiche.

    I marines invece li dovevi uccidere per forza.

    Lo scandalo fu appunto che uccidevi persone e non mostri

    in quake 2 ad esempio oltre i mostri c'erano dei soldati, ma erano umanoidi e non umani, perche erano alieni.

    Adesso, cosa importa la nazionalita di chi uccidi nel video gioco?

    perche gli americani sono considerati buoni e gli islamici cattivi?

    Ben vengano i video giochi conto l'occidente.

    in day of defeat io gioco sempre coi nazisti!!!

    viva l'immaginazione viva i video giochi

    solo i bigotti possono pernsare che dal videogioco possono scaturire comportamenti violenti

  • - Scritto da: MandarX
    >
    > - Scritto da: ishitawa
    > > concordo
    > > attualmente sto giocando ad un gioco del 2002
    > > (cosi costa meno e non ci sono problemi con le
    > > richieste hw) che si chiama "First Ti
    > > Fight"
    > > è ambientato a Beirut nel 2006 (!!) e prevede
    > > azioni di marines americani contro hexbollah e
    > > siriani
    > >
    > > se si "tengono" gli USA tutto bene...
    >
    >
    > tutto iniziò con HalfLife dove se volevi potevi
    > uccidere i dottori e le guardie tue
    > amiche.
    >
    > I marines invece li dovevi uccidere per forza.
    >
    > Lo scandalo fu appunto che uccidevi persone e non
    > mostri
    >
    > in quake 2 ad esempio oltre i mostri c'erano dei
    > soldati, ma erano umanoidi e non umani, perche
    > erano
    > alieni.
    >
    > Adesso, cosa importa la nazionalita di chi uccidi
    > nel video
    > gioco?
    >
    > perche gli americani sono considerati buoni e gli
    > islamici
    > cattivi?
    >
    > Ben vengano i video giochi conto l'occidente.
    >
    > in day of defeat io gioco sempre coi nazisti!!!
    >
    > viva l'immaginazione viva i video giochi
    >
    > solo i bigotti possono pernsare che dal
    > videogioco possono scaturire comportamenti
    > violenti

    vergogna!!! ti schieri con i nazisti, coloro che hanno massacrato milioni di innocenti, tra cui quasi tutta la mia famiglia.

    VERGOGNA
    VERGOGNA
    VERGOGNA
    non+autenticato
  • > vergogna!!! ti schieri con i nazisti, coloro che
    > hanno massacrato milioni di innocenti, tra cui
    > quasi tutta la mia
    > famiglia.
    >
    > VERGOGNA
    > VERGOGNA
    > VERGOGNA

    hey, is only a game!
    get a life!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > vergogna!!! ti schieri con i nazisti, coloro che
    > hanno massacrato milioni di innocenti, tra cui
    > quasi tutta la mia
    > famiglia.
    >
    > VERGOGNA
    > VERGOGNA
    > VERGOGNA

    Ma smettila! Non hai mai fatto il ladro a "guardie e ladri"?

    Il gioco è bello proprio perché puoi impersonare nella finzione ciò che non faresti mai nella realtà.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: MandarX
    > >
    > > - Scritto da: ishitawa
    > > > concordo
    > > > attualmente sto giocando ad un gioco del 2002
    > > > (cosi costa meno e non ci sono problemi con le
    > > > richieste hw) che si chiama "First Ti
    > > > Fight"
    > > > è ambientato a Beirut nel 2006 (!!) e prevede
    > > > azioni di marines americani contro hexbollah e
    > > > siriani
    > > >
    > > > se si "tengono" gli USA tutto bene...
    > >
    > >
    > > tutto iniziò con HalfLife dove se volevi potevi
    > > uccidere i dottori e le guardie tue
    > > amiche.
    > >
    > > I marines invece li dovevi uccidere per forza.
    > >
    > > Lo scandalo fu appunto che uccidevi persone e
    > non
    > > mostri
    > >
    > > in quake 2 ad esempio oltre i mostri c'erano dei
    > > soldati, ma erano umanoidi e non umani, perche
    > > erano
    > > alieni.
    > >
    > > Adesso, cosa importa la nazionalita di chi
    > uccidi
    > > nel video
    > > gioco?
    > >
    > > perche gli americani sono considerati buoni e
    > gli
    > > islamici
    > > cattivi?
    > >
    > > Ben vengano i video giochi conto l'occidente.
    > >
    > > in day of defeat io gioco sempre coi nazisti!!!
    > >
    > > viva l'immaginazione viva i video giochi
    > >
    > > solo i bigotti possono pernsare che dal
    > > videogioco possono scaturire comportamenti
    > > violenti
    >
    > vergogna!!! ti schieri con i nazisti, coloro che
    > hanno massacrato milioni di innocenti, tra cui
    > quasi tutta la mia
    > famiglia.
    >

    A giudicare da questo post hanno sbagliato a lasciare qualcuno di loro in vita.

  • - Scritto da:
    > In effetti siamo pieni di videogiochi infarciti
    [...]
    > l'Oil for food) facendo dei videogiochi una
    > scusa.

    ti quoto,
    questi che si scadalizzano fanno solo il gioco dell'odio, non sono ne più ne meno delle pedine della propaganda.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > In effetti siamo pieni di videogiochi infarciti
    > di sbudellamenti & co, tutti o quasi con gli USA
    > al centro (uno qualsiasi, Ghost Recon Advanced
    > Warfighter).
    > La differenza è che per una volta anzichè avere
    > gli USA come buoni e (qualcun altro) come cattivi
    > abbiamo (qualcun altro) come buoni e gli USA come
    > cattivi.
    > Poi molto ci sarebbe da dire sul fatto che si
    > attaccano petroliere che trasportano petrolio
    > (no, perchè nella mia vita di videogiocatore
    > petroliere, campi, oleodotti, autostrade, ponti e
    > depositi ne ho fatti saltare pochi) ma
    > limitiamoci a dire che nessuno s'è mai fatto
    > problemi ad "ammazzare degli americani" quando
    > per ammazzarli si impersonavano ALTRI americani
    > (Max Payne
    > ?).
    >
    > Probabilmente i vari "offesi" farebbero meglio a
    > chiudere il becco, perchè stanno facendo la
    > stessa figura di quelli che si scagliavano contro
    > Postal, GTA Vice City e cosi
    > simili.
    > Cioè, in pratica, si sono scordati della regola
    > aurea: è un videogioco, è SOLO un videogioco, non
    > è la vita reale, se è divertente ci giochi, se
    > non lo è
    > no.
    >
    > Nessuno s'è scandalizzato per le grosse denuncie
    > sullo stato della società presenti nei vari Metal
    > Gear Solid e di sicuro nessuno ha pianto quando
    > in questo o quel gioco c'è stato da fare il
    > teppista da strada o il killer (Manhunt
    > ?).
    >
    > Probabilmente stanno solo cercando di colpire
    > l'Iran (a cui, per molti versi, dovremmo essere
    > grati, intanto perchè è un grande importatore di
    > made in italy e poi perchè è l'unico produttore a
    > volersi staccare dal dollaro e commerciare in
    > euro... come lo era, guardacaso, Saddam durante
    > l'Oil for food) facendo dei videogiochi una
    > scusa.

    Semplicemente, non è un gioco americano. Non possono mica vietare un gioco non americano in un paese non americano.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)