Chacha Search, cercare è umano

Dall'inizio di settembre è online un servizio di ricerca che sfrutta motori umani e che promette un'informazione gratuita, raffinata da operatori pagati. Prova su strada del nuovo search

Roma - "Chiedete e vi sarà dato (in sovrabbondanza)": questa la filosofia dei tradizionali motori di ricerca. "Chiedete e vi sarà scremato": questo l'ambizioso proposito di Chacha ("Cha" significa "cerca", in cinese), un motore di ricerca che fa convivere il fattore umano con gli algoritmi. È dall'inizio di settembre, da quando il servizio ha preso il via in versione Alpha, che su forum, blog e magazine brulicano rumors riguardo a questo servizio, ideato da Scott A.Jones e Brad Bostic.

Un plotone di "Guides", gli operatori, si cava gli occhi al posto dell'utente selezionando le URL in grado di soddisfare le richieste più impensabili, esaminando i risultati provenienti da motori di ricerca e attingendo a fonti da essi non indicizzate. I responsi vengono poi organizzati e resi disponibili per ricerche future.

L'impalcatura economica sulla quale si regge Chacha è la pubblicità. Mentre si interpellano le Guide mediante una finestra di chat, si sorbiscono un paio di banner al lato della pagina. La risposta offerta dal web crawler umano è affiancata da alcuni link a pagamento, coerenti con la ricerca. L'operatore, affinché garantisca accuratezza nella risposta, viene pagato fino ad un massimo di 10 dollari l'ora, in base alla sua reputazione (proprio oggi i più anziani di loro terminano la sessione di addestramento e iniziano a percepire il compenso). Le nuove Guide vengono reclutate con un sistema di inviti: questo meccanismo può fruttare all'operatore che recluta qualcuno fino al 10 per cento di quanto guadagna la nuova "guida" da lui presentata.
Il servizio messo a disposizione da Chacha ricorda il modello partecipativo e il sistema di attribuzione di Yahoo! Answers e Windows Live QnA, entrambi gratuiti (coloro che mettono a disposizione la loro erudizione, però, a differenza degli operatori di Chacha, si prestano solo per onore e gloria), nonché di Google Answers, le cui risposte sono a pagamento.
Tutti questi servizi sono collocabili nell'ampio orizzonte del social search, accuratamente analizzato da Chris Sherman per Search Engine Watch.

Ma funziona davvero? A leggere in giro molti si lamentano della lentezza di Chacha, spesso sovraccarico a causa dei troppi contatti e dei troppi operatori che si contendono una query, altri sostengono che alcune Guide si dimostrano poco competenti.
Ma questi sono verosimilmente problemi limitati alla versione Alpha: operatori e sistema sono ancora in fase di training. Di certo, alcuni rumors non fanno bene al motore di ricerca che rischia anche di perdere credibilità per conflitto di interessi: se un utente chiedesse ad una Guide di trovare un albergo per una notte a Chicago, potrebbe venire indirizzato verso un link remunerativo per l'operatore o per la società, senza che la risposta sia segnalata come annuncio a pagamento.

Un'altra questione da considerare è il target che Chacha intende colpire.
Il viral marketing con il quale si cerca di far conoscere Chacha è localizzato soprattutto su forum, magazine, blog dedicati all'ICT. Un pubblico esperto, dunque. Ma un utente di questo tipo sarà disposto, per raffinare l'informazione, ad affidarsi ad una persona che lo faccia in sua vece? E, nel caso in cui sia disposto a farlo, non pretenderà un servizio "professionale", fornito da un operatore che abbia più competenza di lui? Forse le Guide devono ancora specializzarsi.
Un problema di marketing si pone invece nel caso in cui Chacha intenda conquistare una porzione di pubblico che ha poca confidenza con il Web. Probabilmente questo tipo di utenza sarà felice di lasciare che qualcuno selezioni la mole di informazione per lui: è difficile però promuovere l'awareness del servizio presso un tale pubblico, se non facendo uso di mezzi più mainstream rispetto a blog e forum.

Di seguito la prova su strada di Chacha per Punto Informatico.
8 Commenti alla Notizia Chacha Search, cercare è umano
Ordina
  • Ho provato Chacha Search chiedendo l'origine del mio cognome, le guide erano sempre occupate, mi sono stati forniti dei link a motori di ricerca (non i risultati di una ricerca) e a uno degli innumerevoli siti di genealogia, Ancestry, che conoscevo gia' e che non contiene informazioni utili.
    Se devo perdere tempo con motori e metamotori di ricerca posso fare da solo, non ho bisogno di sprecare tempo anche con Chacha.
  • una cosa comica è vedere i google ads su un altro motoreSorride
    non+autenticato
  • Il risultato del test mi sembra ottimo, nonostante le 2 ricerche effettuate siano assolutamente inadatte per valutarlo.

    E' un sistema in alpha rel., deve saper rispondere alle domande + comuni, la biografia di Bostic non è certo tra queste.

    L'altra domanda invece è stata un successone considerando che in tempi brevissimi è arrivata la risposta per la XBOX e che un operatore umano, apparentemente esperto, ci ha informato che il "IV" della domanda era ambiguo e ha risolto l'ambiguità in chat.
    (Ci vogliono ore di letture per capire anche solo questo)
    Se poi i motori di ricerca non riportano la risposta alla richiesta non è certo colpa dell'operatore/servizio, anzi, dopo solo 6 minuti abbiamo la (quasi) certezza che non esistono fonti in merito.
    Da notare la gentilezza dell'operatore che suppone e suggerisce 1 anno di ritardo tra l'uscita per XBOX e per PC.

    Ce ne fossero di servizi così: GRATUITI !!!
    non+autenticato
  • Immagino (e spero) che la tua risposta fosse ironica.
    Mi riesce difficile capire perchè devo PAGARE qualcuno per fare delle ricerche su Google al posto mio. Aspettare che lui abbia finito. Spiegargli che non era esattamente quello che cercavo. Aspettare che abbia finito di nuovo.
    E scrivergli un sacco di cose via chat per raffinare la ricerca (che richiedono tempo da parte mia, mentre se clicco sui link di google faccio sicuramente prima)
    Mah.
    Potrei capire se ho bisogno di fare una Ricerca (con la maiuscola) nel senso: per domani ho un compito sui dinosauri. Mi cerchi tutto quello che c'è da sapere, me lo metti in ordine e mi mandi un pdf?
    Per il resto mi sembra l'ennesima hype-vaccata...
    In lacrime
    J.J.
    non+autenticato
  • "....L'impalcatura economica sulla quale si regge Chacha è la pubblicità. Mentre si interpellano le Guide mediante una finestra di chat, si sorbiscono un paio di banner al lato della pagina..... "

    Ma sai leggere?
    Tu non devi pagare una mazza!
    Anche sull'utilità poi mi sembra che tu non abbia colto il messaggio: mettiamo che tu cerchi qualcosa di specialistico, per esempio limitazioni e implicazioni dell'uso di una certa libreria C++ con JAVA.
    Non credi che se a risponderti è un JAVA guru la scrematura dei risultati di google sia molto migliore? (ammesso che tu non sia un java guru pure tu)

    Personalmente da quando c'è google mi sento molto più sicuro quando mi chiedono cose che conosco poco, ma ho spesso perso ore sui vari siti (sempre in inglese) prima di arrivare all'howto che mi serviva.
    Vuoi mettere questa comodità di un esperto che ti fa anche solo il primo scremaggio?
    non+autenticato
  • > Mi riesce difficile capire perchè devo PAGARE
    > qualcuno per fare delle ricerche su Google al
    > posto mio.

    Non se ne può più di questa gente che commenta senza leggere nemmeno le notizie.. Perplesso
    non+autenticato
  • trovare un java guru a rispondermi sulla chat di un motore di ricerca mi sembra improbabile,forse è più facile che ci si trovi davanti un ragazzo di belle speranze alla sua prima esperienza lavorativa.
    riguardo ai test,a prescindere dalla difficoltà dei quesiti posti e dalla gentilezza e cortesia dell'operatore,resta il fatto che non si siano date risposte certe.
    passi pure che usando motori di ricerca da soli non si riesca ad ottenere di meglio,ma allora dove sta il guadagno nell'usare un motore di ricerca umano come chacha?
    curiosità=alto numero di contatti=notorietà=maggior prezzo per gli spazi pubblicitari=maggior profitto per chacha,che magari un bel giorno verrà acquisita da google a suon di miliardi di dollari.
    qualcuno di sicuro ci guadagna ma la caritas è qualche metro più in là.
  • Sarà... ma nella mia ignoranza ho trovato la risposta a GTA IV in 50 secondi, al secondo sito visitato e una decina di righe su Brad Bostic in 2-3 minuti...