Partita la campagna europea anti-DRM

Nel giorno della mobilitazione globale viene annunciato il coordinamento europeo per le iniziative anti-DRM. Il suo sito consentirà di informare e dare visibilità alle iniziative in ambito UE. Tutti i dettagli

Partita la campagna europea anti-DRMRoma - Ci sono ancora una volta quelli di Free Software Foundation Europe dietro ad un'iniziativa ambiziosa che mira ad alzare il tono del dibattito intorno alle tecnologie anticopia, quel Digital Rights Management contro cui ieri è stata celebrata la Giornata mondiale anti-DRM.

Proprio ieri è stata annunciata la nascita di DRM.info, una piattaforma di informazione collaborativa interamente dedicata a descrivere e contrastare i potenziali pericoli del DRM (qui definito Digital Restriction Management).

"I tuoi dispositivi non si fidano di te!": questo è il messaggio di base del DRM - spiega Joachim Jakobs, media coordinator di FSF Europe - Infatti si fidano di te così poco che non ti avvertono neppure di averti messo sotto controllo. Il caso del rootkit Sony ha dimostrato che il software è stato installato segretamente senza il consenso dell'utente, che trasferisce informazioni a Sony e che persino danneggia l'installazione di Windows quando si cerca di rimuoverlo".
Date le implicazioni politiche che comporta mettere sotto il controllo dei venditori di dispositivi i proprietari di computer, media player, telefonini e altri device - spiegano i promotori del sito - non ci si può meravigliare se l'industria preferirebbe che nessuno sapesse del DRM. Un dirigente Disney - ricordano - un anno fa ha dichiarato all'Economist: "Se i consumatori sapessero che c'è un DRM, o sapessero cosa sia e come funziona, avremmo già fallito".

Il poster dell'iniziativaDa qui l'idea di mettere in piedi DRM.info, di cui Punto Informatico è media partner per l'Italia, un sito che nasce dall'esigenza di informare i consumatori e coinvolgerli in decisioni destinate ad influenzarli ad un livello molto personale.

"Le tecnologie DRM - sottolinea il presidente di FSFE Georg Greve - sono basate sul principio che una terza parte ha più influenza sui tuoi dispositivi di quanta ne abbia tu, e che l'interesse di questa terza parte valgano più dei tuoi quando le due parti entrano in conflitto. Questo è vero anche quando l'interesse del consumatore è perfettamente legittimo, e legale, e spesso e volentieri vale anche per i tuoi propri dati".

L'iniziativa anti-DRM europea rappresentata da DRM.info sta attirando già ora l'interesse di molte organizzazioni europee e al lancio del nuovo sito hanno collaborato entità di molti paesi, come il Consumer Project on Technology (CPTech), Electronic Frontier Finland (EFFI), Electronic Information for Libraries (eIFL.net), iCommons (iCommons), International Federation of Library Associations and Institutions (IFLA), netzpolitik.org (netzpolitik.org) nonché Cory Doctorow, celebre autore e promotore tra le altre del blog BoingBoing.net.

A dar man forte al dibattito si sono accostati all'iniziativa anche media partner di diversi paesi. Oltre a PI per l'Italia, sono coinvolti Linux Magazine Brasil, Linux Magazine Espana, PC World.cz (Repubblica Ceca) e VNU.de (Germania).

"DRM.info - sottolinea Greve - è pensato per porre fine al silenzio sul DRM". Chiunque può già contribuire alla diffusione delle informazioni contenute nel sito, e degli altri contributi che via via si aggiungeranno, scaricando e "adottando" sul proprio sito il bottone DRM.info.

Ma per contrastare il DRM si può fare anche di più. Di seguito i consigli di DRM.info.
47 Commenti alla Notizia Partita la campagna europea anti-DRM
Ordina
  • Con windows7 il"grande fratelo" microsoft impediscono utenti di scaricare programi Tv o radio da emitenti free(comw esempioTv2000 o Radio Maria).Exatamente come Hitler e Stalin ano bruciato libri in piaza publica.Non si puo scrive un picolo programa per poter anulare questa infamante atitudine degna di evo medio o di Iran.O instalato Real Player quale in Vista o Xp vano benisimo.Ma in Windows& ce Media center quale e un (scuzate) grandisimo schifo.Io sono vechio e malato.Ma voi giovani perqe non facete qualcosa concreto non semplice lamenti,forum,e congresi?
    non+autenticato
  • > Mentre leggo con attenzione e interesse i
    > consigli per combattere il DRM e, in
    > particolare, quello di rifiutare l'acquisto di
    > prodotti che ne fanno uso, campeggia al centro
    > della pagina una pubblicità che invita a
    > "scaricare" da iTunes.
    > Perchè Punto informatico non dà l'esempio,
    > rifiutando tali pubblicità?
    > Francesco

    Ma so gia' che arrivera' con incredibile solerzia il moderatore che cuttera' pure questo messaggio.

    E la cosa francamente fa un po' rabbia. Primo perche' l'argomento NON e' affatto OT, anzi e' intimamente collegato all'articolo.
    Secondo perche' significa che come testata, simili discussioni vi fanno paura, altrimenti non le tagliereste, anzi le affrontereste direttamente e senza problemi.

    Che male ci sarebbe nel dire "gli inserzionisti ci danno la pagnotta e quindi non possiamo parlare male dell'iPod"?

    Sarebbe chiarezza, secondo me, e vi farebbe onore.
    non+autenticato
  • Il denaro é signore e padrone di tutti, anche di PI.
    non+autenticato
  • > Che male ci sarebbe nel dire "gli inserzionisti
    > ci danno la pagnotta e quindi non possiamo
    > parlare male
    > dell'iPod"?
    bè sarebbe un controsenso no?
    faccio vedere la foto di un prodotto e dico di NON comprarla, bè magari è un nuovo tipo di pubblicitàA bocca aperta

    >
    > Sarebbe chiarezza, secondo me, e vi farebbe onore.
    non c'è bisogno di esplicitare certe cose, basta pensarci e si capiscono da sole. dai su capiamoci
    non+autenticato
  • > non c'è bisogno di esplicitare certe cose, basta
    > pensarci e si capiscono da sole. dai su
    > capiamoci

    ahhh ecco non solo da solo quindi Pirata
    non+autenticato
  • > Che male ci sarebbe nel dire "gli inserzionisti
    > ci danno la pagnotta e quindi non possiamo
    > parlare male
    > dell'iPod"?
    >
    > Sarebbe chiarezza, secondo me, e vi farebbe onore.

    Secondo me non solo e' una discussione ot ma rasenta un'ovvieta' agghiacciante
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Secondo me non solo e' una discussione ot ma
    > rasenta un'ovvieta'
    > agghiacciante

    Non e' OT per nulla, secondo me.

    Nell'articolo si parla di:

    - della campagna massiva anti DRM
    - PuntoInformatio dice di essere un partner di questa campagna, benissimo.
    - dall'articolo apprendiamo che i 4 punti fondamentali della campagna si basano principalmente sul primo e cioe' quello di BOICOTTARE i prodotti o le tecnologie che diffondono o fanno uso di DRM.

    Se invece poi vedo che Punto Informatico mi fa gli articoli sull'iPod un giorni si' e l'altro pure, e se vedo pure i banner di iTunes, non vedo perche' non far notare questa incoerenza di fondo.

    Poi PI puo' rispondere o meno (e secondo me farebbe meglio a chiarire la sua posizione), ma un'idea almeno chi legge se la puo' fare.
    non+autenticato
  • > Ma so gia' che arrivera' con incredibile solerzia
    > il moderatore che cuttera' pure questo
    > messaggio.

    infatti mi chiedo che aspettano

    non+autenticato
  • CIAO A TUTTI
    che i DRM siano un problema, e` cosa ben assodata dato che violano le liberta`/diritti dell'utente, ma anche il Trusted Computing fa la stessa cosa, ed i due sistema, vanno a braccetto e sono uno peggio dell'altro.
    Ora, e` una cosa positiva che siano partite queste iniziative contro i DRM ma sarebbe bene che venissero avviate iniziative anche contro il Trusted Computing dato che questo, avra` il potere di limitare la scelta dell'utente nell'acquisto di un prodotto...
    Cosa sbagliatissima, quindi andiamo tutti a firmare la petizione che qualcuno ha cortesemente avviato utilizzando una delle mie pubblicazioni: "http://www.petitiononline.com/n0pal/petition.html" ma la cosa piu` importante e` che evitiamo di acquistare prodotti che utilizzano tecnologie TC e DRM.
    DISTINTI SALUTI
    Crazy
    1945
  • 1481 messaggi tutti uguali. PIANTALA!!!

    Moderatori fate qualcosa, vi prego!
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > 1481 messaggi tutti uguali. PIANTALA!!!
    >
    > Moderatori fate qualcosa, vi prego!
    PIANTALA TU! Crazy ha ragione, finchè non si ripeteranno all'infinito e le stesse cose le persone come te saranno il vuoto della bottiglia.A battersi contro questo accerchiamento sono, tra gli altri, i sostenitori del free software, un movimento che sta lavorando su molti fronti per frenare, ostacolare, fermare l'avanzata del DRM. E che farà il punto su tutto questo a Torino il 18 marzo nel corso di una importante conferenza a cui parteciperà tra gli altri il fondatore di Free Software Foundation Richard Stallman. Per capire come FSF si prepara a dare battaglia al DRM, Punto Informatico ha scambiato quattro chiacchiere con Stefano Maffulli, presidente della sezione italiana di Free Software Foundation Europe.E tra questi ci sono pure io.Che ti piaccia o no!
    Cordiali saluti
    ....ciao Crazy ! Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    ....inoltre se volete mp3 senza drm andate quì : http://www.komp3.net/
    Buon divertimento ! Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 05 ottobre 2006 11.55
    -----------------------------------------------------------

  • - Scritto da: Crazy
    > CIAO A TUTTI
    > che i DRM siano un problema, e` cosa ben assodata
    > dato che violano le liberta`/diritti dell'utente,
    > ma anche il Trusted Computing fa la stessa cosa,
    > ed i due sistema, vanno a braccetto e sono uno
    > peggio
    > dell'altro.
    > Ora, e` una cosa positiva che siano partite
    > queste iniziative contro i DRM ma sarebbe bene
    > che venissero avviate iniziative anche contro il
    > Trusted Computing dato che questo, avra` il
    > potere di limitare la scelta dell'utente
    > nell'acquisto di un
    > prodotto...
    > Cosa sbagliatissima, quindi andiamo tutti a
    > firmare la petizione che qualcuno ha cortesemente
    > avviato utilizzando una delle mie pubblicazioni:
    > "http://www.petitiononline.com/n0pal/petition.html
    > DISTINTI SALUTI

    Ancora con i tuoi messaggi? Accidenti, non ne perdi una di discussione su DRM, Vista, Microsoft, TCPA, Quaqquaraqquà...
    Sempre gli stessi messaggi!! Almeno cambia un pò il modo di scriverlo!

    Davvero, sono contro il DRM e tutto il resto, ma se continui così finirò per favorirlo PerplessoPerplesso
    non+autenticato
  • Grande LucaS... DrM for the Masses... hai preso il DVD live in Milan?Occhiolino... la scena della foto è proprio un attimo prima del campo di grano in Never Let Me Down Again... giusto?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 ottobre 2006 09.59
    -----------------------------------------------------------

  • - Scritto da: yusaku
    > Grande LucaS... DrM for the Masses... hai preso
    > il DVD live in Milan?Occhiolino... la scena della foto è
    > proprio un attimo prima del campo di grano in
    > Never Let Me Down Again...
    > giusto?
    >

    L'immagine a cui ti riferisci e' quella della campagna di Drm.info Occhiolino

    per quel che mi riguarda i DM sono finiti quando ando' via Vince Clarke. Poi forse con Violator qualcosa avevano capito. Ma poi hanno comprato una chitarra, ed e' finito tutto. Visti dal vivo a Roma molti anni fa, molto deludenti e rockettari... preferisco assordarmi con il remix S/F di Masters and Servant e sembrare tanto vecchio.

    fine OTA bocca aperta
  • Forse sarebbe meglio far tradurre il sito anche in italiano o dobbiamo sempre essere figli di un dio minore?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Forse sarebbe meglio far tradurre il sito anche
    > in italiano o dobbiamo sempre essere figli di un
    > dio
    > minore?

    Datti da fare, mandagli le traduzioni
    non+autenticato
  • E comunque ha fatto un'osservazione utile. Perché in italiano no? Io stesso e tante altre persone hanno una conoscenza dell'inglese che definire elementare è fare un complimento.
    Magari fosse in italiano...
    non+autenticato
  • l'inglese è un'altra forma di DRM, o lo sai o ti attacchi
    non+autenticato
  • >l'inglese è un'altra forma di DRM, o lo sai o ti attacchi



    Già.. allora visto che non lo sò, mi attacco al DRM per mancanza di informazioni.

    E poi non vemitemi a dire perché non ho partecipato al boicottaggio del "TC" Computer, se questo dovrebbe prendere piede e limitare le vostre libertà.
    non+autenticato
  • in effetti non e' cattiva l'idea di una localizzazione..
    c'e' veramente molta gente che pur usando il pc non conosce l'inglese.. (o almeno io ne conosco fin troppa..)Con la lingua fuori
  • Aggiornatevi, ormai l'inglese e' INDISPENSABILE.
    In Nord Europa i film e libri tecnici nemmeno vengono tradotti nelle lingue locali.
    non+autenticato
  • Rimane sempre il fatto che se vuoi far conoscere una cosa sei TU che devi adattarti agli altri e non loro a TE senno campa cavallo...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Aggiornatevi, ormai l'inglese e' INDISPENSABILE.
    > In Nord Europa i film e libri tecnici nemmeno
    > vengono tradotti nelle lingue
    > locali.

    Può anche esser vero, ma i paesi del nord europa hanno la cultura anglosassone nelle arterie, lingue con le stesse radici.
    Noi latini, in confronto, siamo in un'altra dimensione.
    Guarda la Spagna: anche lì, come in Italia, l'inglese ha l'appeal di una cimice morta e penetrazione pari a 0.
    non+autenticato
  • se ti offri come traduttore il sito viene tradotto in italiano. Non penso che abbiano soldi per farlo, si basano sul contributo di volontari.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)