Vacche senza ciccia per i cellulari

La crescita del mercato è destinato a rallentare e i produttori dovranno fare i salti mortali per convincere gli utenti a spendere in nuovi modelli

Londra - Sarà significativo il rallentamento che subirà quest'anno la crescita del mercato dei telefonini cellulari: a livello mondiale la crescita delle vendite, fin qui sempre in aumento di anno in anno, è destinata a calare e la situazione non si smuoverà prima del prossimo anno, secondo quanto rilevato da una ricerca diffusa da Informa Telecoms & Media.

"Quest'anno è destinato ad essere l'ultimo con una crescita a due cifre", ha riferito a Reuters David McQueen, analista senior di Informa e fra gli autori della ricerca. Lo studio di Informa ha stimato che la crescita di vendite di cellulari nel prossimo anno scenderà al 9,2% rispetto a quest'anno, rispetto al 16% dell'anno precedente.

Considerando invece il lustro 2006-2011 la previsione di crescita annuale è stata stimata del 7,5%. Tutt'altra cosa rispetto al 20% di crescita media annuale nei precedenti tre anni.
Nel 2005 il mercato dei telefonini era cresciuto del 25% e, di conseguenza, è verosimile pensare ad una concentrazione del mercato in pochi player, viste le recenti contrazioni e le difficoltà incontrate da non poche aziende (si veda, da ultimo, il caso di BenQ Mobile). Le speranze di tutti i produttori risiedono nei mercati emergenti dei Paesi in via di sviluppo, ai quali molte aziende hanno mostrato interesse, progettando apparecchi a basso costo. Ma i tempi di maturazione di quei mercati non sono certo brevi.

D.B.