Ho comprato troppo su SonyStyle Europe

Lo afferma un lettore, che racconta il suo tribolare dopo aver spedito due ordini di acquisto per un mancato funzionamento del sistema di ecommerce del sito Sony

Roma - Gentile redazione di P.I., vi volevo rendere partecipe della qualità del servizio di customer care SonyStyle Europe. Il 28 marzo 2002 ho acquistato dal sito SonyStyle Europe un palmare Sony Clié PEG-T625C. O meglio, due palmari.

Il primo acquisto è stato effettuato con carta di credito. Al momento del checkout ho ricevuto un messaggio di errore, dove s'indicava che non era possibile specificare un indirizzo di spedizione diverso da quello di fatturazione. Nel messaggio non era indicato se l'ordine era stato accettato o meno. Trattandosi di un messaggio d'errore ho dedotto che l'ordine non fosse andato a buon fine.

Ho quindi effettuato immediatamente un secondo ordine, questa volta pagando con bonifico bancario. Ho scelto questa formula in quanto permette di indicare un indirizzo di spedizione diverso da quello di fatturazione. Non entro nel merito della diversità tra i due metodi di pagamento, fermo restando che da un colosso come Sony mi sarei aspettato servizi di ben altra levatura. L'ordine questa volta va a buon fine. Esco dal sito SonyStyle Europe, accedo ai servizi di home banking e dispongo il bonifico.
Sul sito era indicato che avrei dovuto attendere 2/3 settimane per mancata disponibilità del bene. Potete immaginare la mia gioia quando ho ricevuto il palmare dopo pochi giorni dall'acquisto! La spedizione del bene mi viene confermata via mail il giorno prima della consegna. Mi sembra strano però che in fattura siano riportati due indirizzi uguali per spedizione e fatturazione. Si saranno sbagliati, penso.

Il 9 aprile 2002 ricevo un'altra mail di conferma spedizione. I dati riportati indicano chiaramente che si tratta dell'acquisto effettuato tramite bonifico bancario. Qui i due indirizzi sono diversi. Capisco subito che il primo ordine era andato a buon fine quindi, e che il secondo era stato evaso con un certo ritardo per i tempi più lunghi legati al pagamento via bonifico. Contatto il customer care, e mi indicano di rifiutare direttamente la consegna. Procederanno poi al rimborso, anche se ci vorranno circa 3 settimane. I 15? del corriere non verranno comunque rimborsati.

Trovo il personale SonyStyle Europe cortese e professionale. Mi rammarico un po' per i 15?, ma sono ancora felice per l'acquisto del nuovo palmare, e decido di soprassedere.

Ad oggi, 30 maggio 2002, di giorni lavorativi ne sono passati ben 36. Ho più volte contattato SonyStyle Europe via e-mail. Le loro risposto sono sempre state molto concise. L'ultima ricevuta oggi ribadisce che ci vogliono circa 20 gg lavorativi per la procedura di rimborso. Ah beh! Allora posso stare tranquillo... Nella stessa mail viene fatto presente che il servizio finanziario è unico per tutta Europa, e che quindi hanno molto lavoro da sbrigare. Insomma, mi fanno presente i loro disagi interni. Nessuna menzione al disagio che mi stanno causando.

Ad oggi subisco quindi un ammanco di 568?, comprensivi dei già citati 15? su cui non posso rivalermi. Il tutto per un cattivo design dei servizi di e-commerce del loro portale. Speriamo davvero che il mio sia un "caso isolato" come da loro indicato, anche se tutto fa pensare il contrario.

Distinti saluti.

Andrea De Piero

Caro Andrea, abbiamo segnalato a SonyStyle Europe la tua disavventura. Contiamo di poter presto ospitare su queste pagine la posizione dell'azienda e la notizia della risoluzione del caso. Un saluto, la Redazione
17 Commenti alla Notizia Ho comprato troppo su SonyStyle Europe
Ordina
  • Sono l'autore della lettera. Sto seguendo con interesse il forum messaggi. Beh, ovvio interesse visto che sono parte in causa. Sorride
    Premetto che uso abitualmente i servizi di e-commerce, ed è la prima volta che mi scontro con questi problemi e con un simile cattivo design del sito.

    Alcune informazioni aggiuntive:
    1. Il disclaimer sui limiti del pagamento via carta di credito c'è. Però c'è anche un'interfaccia web che permette comunque di compilare i due indirizzi in modo diverso, salvo poi riportare l'errore al momento del checkout. La mia deduzione è stata "non avranno aggiornato il disclaimer".
    2. Ho ricevuto una mail dopo il primo checkout, ma non era assolutamente indicato se l'ordine fosse o meno andato a buon fine. Il testo della mail non era assolutamente chiaro al riguardo. Così come la pagina web, che riportava solo il warning sui due indirizzi diversi.
    3. Io contesto più l'assistenza ricevuta che il ritardo nel rimborso. I problemi ci possono essere, ma un simile atteggiamento non mi sembra all'altezza di un colosso come Sony.

    ciao a tutti,
    Andrea
    non+autenticato
  • Ok. mi pare di capire che tu non sia il tipo che spara a zero sulle cose....

    confermo, il commercio elettronico è ok e proprio perchè ad alto rischio è molto sicuro.

    continuate a pagare il ristorante e il profumo con la carta di credito e usate pure il commercio elettronico....

    ma non vi lamentate se nel motel del Kansass-City
    (si scrive così?) vi hanno addebitato 5mila euro sulla carta e per via del sito dove vendono bambole gonfiabili prodotte in bangladesh (costano meno) avete dovuto disattivarla...

    basta usare attenzione.

    saluti


    non+autenticato
  • Questo caso, mi pare evidente, è un caso limite. Ovvio che tra migliaia di ordini andati a buon fine, ogni tanto qualche disguido o qualche problemino organizzativo puo' capitare!
    Non spariamo sul commercio elettronico se lo 0.01% dei clienti ha un problema!
    Io è da anni che compro e prenoto via internet con carta di credito, e non ho mai avuto alcun problema, e come me penso molti altri. Certo che quando si verificano dei problemi,si fa sempre un gran polverone,pero' bisogna anche pensare a tutti gli altri a cui l'ordine è andato a buon fine! Comunque in questo caso, a parte il ritardo nel rimborso (a quanto pare,tutte le aziende sono molto restie nei rimborsi) un po di colpa ce l'ha anche il compratore,bastava leggersi il disclaimer e capiva che con carta di credito non poteva fatturare a terzi.
    non+autenticato
  • di un portale per e-commerce

    - Scritto da: ZapMangusta
    > Questo caso, mi pare evidente, è un caso
    > limite. Ovvio che tra migliaia di ordini
    > andati a buon fine, ogni tanto qualche
    > disguido o qualche problemino organizzativo
    > puo' capitare!
    > Non spariamo sul commercio elettronico se lo
    > 0.01% dei clienti ha un problema!
    > Io è da anni che compro e prenoto via
    > internet con carta di credito, e non ho mai
    > avuto alcun problema, e come me penso molti
    > altri. Certo che quando si verificano dei
    > problemi,si fa sempre un gran
    > polverone,pero' bisogna anche pensare a
    > tutti gli altri a cui l'ordine è andato a
    > buon fine! Comunque in questo caso, a parte
    > il ritardo nel rimborso (a quanto pare,tutte
    > le aziende sono molto restie nei rimborsi)
    > un po di colpa ce l'ha anche il
    > compratore,bastava leggersi il disclaimer e
    > capiva che con carta di credito non poteva
    > fatturare a terzi.

    onestamente sono i casi limiti che mostrano l'efficenza e la correttezza di una soluzione di e-commerce, e onestamente qui si puo notare una profonda noncuranza per i diritti dei clienti.
    non+autenticato
  • >onestamente sono i casi limiti che mostrano
    >>l'efficenza e la correttezza di una soluzione di >ecommerce, e onestamente qui si puo notare una
    >>profonda noncuranza per i diritti dei clienti.

    I casi limite,o qualche piccolo inconveniente puo' capitare a chiunque !! Azz tu sei sempre perfetto in tutto?
    Cmq i disclaimer delle aziende vanno letti, i regolamenti non ammettono ignoranza,altrimenti passi dalla parte del torto.
    Certo che poi anche loro nei rimborsi sono assai lenti...dovrebbero migliorare questo secondo me.
    non+autenticato
  • Mhh io credo che il disclaimer conti poco se un sito è fatto bene.

    E in quello di Sony forse ci sono alcuni errori:

    Primo errore: non permettere indirizzi di spedizione diversi se usi la carta di credito.

    Come mai? E` una limitazione del tutto arbitraria per un utente, che infatti non puó immaginarselo assolutamente e procede all`acquisto

    Secondo errore: non interrompere la procedura di acquisto in caso di errore.

    La procedura deve andare avanti solo se si è sicuri che si sta facendo quello che l`utente vuole, e in caso di messaggio di errore non lo si è affatto

    Terzo errore: non specificare chiaramente se l`acquisto è andato o no a buon fine.

    L`utente non è indovino.

    Insomma esiste una scienza che studia l`usabilità e che permette di PREVEDERE questi problemi. Basta leggere un manuale qualsiasi (`La caffettiera del masochista` per dirne uno) per rendersene conto. Il fatto che nessuno la conosca e la applichi, neppure un colosso come sony, è un indice di scarsa attenzione culturale a questi problemi.

    Credo che per rendere la rete migliore per tutti occorrerebbe tenerla un po` piú presente...

    Ciao
    non+autenticato
  • ori nati sur campo de grano(e pagati meno di un raccoglitore di pomodori), e gli fai sforna in due giorni er sito de e-sbufcomerce.
    Bisogna capire che mettere 1000 righe di codice in croce non significa saper programmare, anche na scimmia messa davanti a na tastiera te scrive caratteri a caso, il valore aggiunto di una soluzione e-commerce e tutto il lavoro che ci sta intorno, e nell'abilità di non lasciare nell'incertezza l'utente che l'adopera.

    ma per fare cio ci vogliono informatici con studi appositi non coltivatori diretti.
    non+autenticato

  • E' assurdo che non si possa indicare un indirizzo di spedizione diverso!
    Mi pare che sia la situazione piu' comune quella di chi lavora, e a casa di giorno, quando di solito passano i corrieri, non c'e' nessuno a ricevere.

    Secondo me e' indice della poca serieta' dell'azienda.


    Per fortuna c'e' chi non e' cosi'.
    Io ho ordinato piu' volte dei DVD dal Giappone, indicando a volte l'indirizzo di casa (quando sapevo che ci sarebbe stato qualcuno) e a volte quello dell'ufficio, e non ho mai avuto problemi, il form prevedeva un campo apposito.

    Non solo, sono stati sempre velocissimi (a volte spedivano prima ancora della data di uscita ufficiale del disco), e una volta ho pure fatto cambiare l'indirizzo due giorni prima, tramite una email e sono stato accontentato senza alcun problema.

    non+autenticato
  • Non conosco perfettamente la gestione amministrativa, ma credo che non ci sia sostanzialmente alcuna garanzia di erogazione della somma richiesta via ecommerce che venga fornita dai circuiti di carte di credito quando l'indirizzo di recapito è diverso da quello dell'intestatario.
    Non sono i siti o le aziende indietro, ma le banche.
    non+autenticato
  • Non è come tu dici. Nel momento della compilazione dell'ordine tu inserisci sia l'indirizzo dell'intestatario, sia quello di spedizione. Il primo fa fede per le operazioni di addebito sulla carta di credito, il secondo per l'invio del bene. L'azienda è quindi certa del pagamento. Al limite è il cliente che può ricusare l'acquisto, con la formula di protezione degli acquisti tipica dei circuiti delle carte di credito.
    non+autenticato
  • Chiedere sempre di pagare in contrassegno, le ditte sono velocissime e la merce arriva tempestivamente (perché fino a che non arriva, la grana la vedono col binocolo).
    non+autenticato
  • ma scusa perquale motivo devo rinunciare alla comodità del pagamento anticipato?

    e se il pacco lo ritira il portiere?
    e se me lo faccio mandare in ufficio
    e lo ritira la segretaria? rischio che torna
    indietro perchè nessuno paga il contrassengo.

    ripeto quanto detto in un msg precedente.
    quella di sony è un eccezione e mi auguro che sony sistemi la cosa. ma in generale basta prestare attenzione...

    non+autenticato
  • lasci i soldi alla segretaria...
    o al portiere...
    o meglio ti fai trovare in casa o segnali al corriere la tua disponibilità.

    Carte di credito e internet al momento non ci si può fidare.
    Meglio il contrassegno : quando mi dai l'oggetto ti do i quattrini !
    non+autenticato
  • Se hai acquistato il palmare che hai rimandato indietro con la carta di credito perche' non contesti l'addebito? Metodo piu' veloce che rivolgersi ai customer care delle aziende.
    non+autenticato
  • No, è quello che ho acquistato con bonifico bancario. Sennò avrei già fatto come tu giustamente consigli.
    Grazie della segnalazione comunque.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)