Troppo software Microsoft nel Governo USA?

Ralph Nader e il Consumer Project on Technology chiedono di sapere quanto costa Microsoft al Governo USA, di svelare una parte dei segreti di Microsoft e di condizionare le scelte dell'azienda. Da Redmond una risposta lapidaria: maramao

Troppo software Microsoft nel Governo USA?Washington (USA) - Attacco diretto al cuore di Microsoft, il maggiore fornitore di software per il Governo e per la Pubblica Amministrazione americana. Un attacco che arriva nientemeno che da Ralph Nader e dal Consumer Project on Technology.

In una lettera aperta inviata al governo federale, Nader e gli altri esponenti dell'influente movimento dei consumatori hanno chiesto di sapere quanto spende ogni anno il Governo USA in software Microsoft. Si tratta di cifre cospicue, sostengono, che conferiscono un forte potere ad un cliente così importante, tanto da poter indurre Microsoft, in modo molto più convincente di quanto potranno mai fare i tribunali, a pratiche di mercato diverse dalle attuali.

Il movimento di Nader denuncia il fatto che a qualsiasi livello, dalle navi agli aerei, dagli uffici di Washington a quelli di New York, la stragrande maggioranza del software utilizzato è Microsoft ed è soggetto a frequenti aggiornamenti "necessari o critici".
Secondo Nader e James Love, che firmano congiuntamente la lettera, il ruolo del governo federale nei confronti di Microsoft è talmente forte da poter risolvere i problemi relativi alla sicurezza e alla competizione nel mercato del software. "Se si esaminano i casi antitrust - ha specificato Love - si nota che richiedono molti soldi e molto tempo. Noi riteniamo che possa essere molto più efficiente per il governo utilizzare opportunamente le proprie politiche di acquisto. Quasi tutto di quello che si cerca di ottenere con le sanzioni in tribunale può essere ottenuto attraverso le politiche di acquisto".

Ma i consumatori di Nader non si fermano qui. A loro parere, infatti, è necessario che il Governo valuti il bilancio costi-benefici non solo delle soluzioni proprietarie ma anche di quelle open source. "Se ci si pensa - ha affermato Love - nel settore privato il governo americano è probabilmente l'unico cliente sulla Terra che ha il poter di controllare le scelte di mercato di Microsoft".

Secondo Nader, a Microsoft deve essere imposta anche la pubblicazione di tutti i dettagli tecnici relativi ai formati dei file utilizzati dai propri pacchetti software da ufficio e da quelli multimediali "in modo tale che i dati realizzati con questi programmi possano essere letti in modo affidabile anche da software non Microsoft".

Insistendo sull'open source, la lettera si chiede se non ci sia da considerare anche un problema di sicurezza nel dipendere da un unico fornitore per tutti i software delle agenzie federali e degli uffici governativi e se non sia il caso di fornirsi anche di altri sistemi non Windows.

Nader si è detto convinto che non sarà facile per il Governo americano, che ritiene troppo tiepido rispetto alla posizione processuale di Microsoft, trovare convincenti motivazioni per bocciare le nostre proposte. "Queste cose - ha spiegato Nader - hanno a che vedere con l'efficienza di servizi pagati dalle imposte, con la promozione della competizione senza ricorrere a nuovi regolamenti e con la sicurezza nazionale".

Sul piano della solidità dei software Microsoft è intervenuto anche David B. Nelson, capo della sicurezza informatica della NASA, secondo cui "tutti noi ci appoggiamo su Microsoft, chi più chi meno, e tutti vorremmo che Microsoft migliorasse sul lato sicurezza". Secondo Nelson l'inserimento di orpelli e gadget nei software Microsoft rende le nuove versioni dei software un problema per l'utenza governativa. "Questi programmi - ha affermato - arrivano con una sequela di campane e serenate ed ogni campana è una vulnerabilità".

Per ora Microsoft non è entrata nel dettaglio della questione ma attraverso la sua portavoce Ginny Terzano ha fatto sapere: "Noi riteniamo che se il signor Nader avesse esaminato da vicino l'industria del software avrebbe scoperto che nessun altro fornisce più tecnologia a prezzi accessibili per agevolare consumatori di tutto il mondo".
20 Commenti alla Notizia Troppo software Microsoft nel Governo USA?
Ordina
  • La ricerca si chiama "IT Market and Forecast for Western Europe, 2000-2005: Vertical Industry Trends" pubblicata da Gartner il 1o Marzo 2002.

    La tabella 2-16 così recita:

    Table 2-16

    Leading IT Services Vendors, Western Europe, 2000 Government

    2000 Rank Vendor        1999 Revenue(US$M)    2000 Revenue(US$M)

    1 Siemens Business Services     971             938
    2 Computer Sciences Corporation 684             850
    3 IBM                 1,122             805
    4 Groupe Bull             868             710
    5 Finsiel             676             640
    6 Accenture             531             621
    7 Cap Gemini Ernst & Young     535             472
    8 SchlumbergerSema         -             446
    9 EDS                 440             424
    10 Hewlett-Packard         326             363
    11 Unisys             261             320
    12 Lockheed Martin         130             317
    13 Getronics             348             311
    14 PinkRoccade             258             304
    15 Telecom Italia         -             302
    16 GE Capital IT Solutions     275             302
    17 debis Systemhaus         294             287
    18 Compaq             267             274
    19 TRW                 231             254
    20 KPMG Consulting         118             155

    Source: Gartner Dataquest (January 2002)


    Urca urca, vuoi vedere che forse forse dietro tutta questa spinta verso la "libertà" di Linux, forse forse c'è soltanto una bieca spinta commerciale per vendere ancora più servizi diminuendo la concorrenza ? Windows in fondo lo conoscono in troppi.

    Altro che Echelon: Finsiel e Telecom per chi non lo sapesse controllano oltre ai telefoni anche l'anagrafe tributaria.

    non+autenticato


  • Ma quante ne sa il peruviano....
    non+autenticato
  • riduce drasticamente gli aggiornamenti?
    no anzi può essere vero anche il contrario, la nostra soc. e passata da un sistema exchange ad un altro (non cito la marca ma a buon intenditor poche parole) e i costi di gestione non sono migliorati anzi il trend sta diventando estremamente negativo.

    se non si vogliono fare aggiornamenti fate come le banche un bel 390 una tonellata di progr. cobol
    e vi garantisco che alla prima necessita di modifica vi sparate nei cogl.....


    non+autenticato
  • > se non si vogliono fare aggiornamenti fate
    > come le banche un bel 390 una tonellata di
    > progr. cobol
    > e vi garantisco che alla prima necessita di
    > modifica vi sparate nei cogl.....

    io lavoravo appunto in una banca, con os390 e cobol, nemmeno una volta ci siamo trovati in difficolta'. e uno.
    due: da dove verrebbero i dati di amazon che da quando usa open source sta risparmiando milioni d $?
    non+autenticato
  • ...allora, in poche parole, Nader dice che il governo dovrebbe fare uno sforzo per influenzare il mercato in una certa direzione, piuttosto che lasciare che le naturali forze di mercato impongano ciò che avviene.

    Mi piacerebbe vedere il miglioramento dell'Open Source, etc. Ma non voglio che il governo usi i soldi delle mie tasse per ottenerlo (ad eccezione dell'antitrust)

    Il governo dovrebbe fare una ricerca attenta ed acquistare quello che ha più senso. Comunque, per quanto a tutti noi piacciano le alternative a Microsoft, in cose come le suite di ufficio, è disonesto sostenere che esista una soluzione viabile non-microsoft per qualcosa che equivale ad una società con oltre un milione di dipendenti. Che tipi di strumenti di gestione hanno le suite da uppicio open source? Quanti lavoratori IT sono preparati nella loro installazione/risoluzione dei problemi?

    I governi in generale, ed il governo USA in particolare, possono appena fare il loro lavoro così. Chiedere loro di assumere un ruolo di leadership nell'IT è come chiedere a Microsoft di assumere un ruolo di leadership nell'etica corporativa. Non succederà, ed il tentativo sarebbe un costoso spreco di tempo e denaro per tutti.

    La mia opinione è che l'open source prevarrà nel lungo periodo -- ma preferirei aspettare 10 anni in più piuttosto che il governo fissi questo tipo di precedente.
    non+autenticato
  • quanto affermato da nader fa piacere, ma siamo
    sicuri che non siano soltanto parole buttate al vento ?
    Appare chiaro che M$ sta diventando al governo USA
    come la fiat lo e' per noi: cioe' una ditta che se va male porta a problemi anche nel governo, e nel caso preciso di M$, vuol dire che l'NSA sfruttando
    "collaborazioni" con M$ puo' accedere al 90% dei
    pc client del mondo connessi via Internet.
    Questo e' potere, un potenziale echelon, nelle mani
    degli USA... perche' mai dovrebbero buttarlo via ?
    non+autenticato
  • Perchè potrebbe essere usato anche contro di loro?Occhiolino

    Adesso che la questione sicurezza inizia ad avere la sua giusta importanza affidarsi al clossd source può essere rischioso (vedi interbase....)

    Ciao
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)