Brevettato il cellulare parassita

Motorola ha ottenuto un brevetto che permette ai cellulari con batteria quasi scarica di mantenere contatti SMS sfruttando il Bluetooth degli apparecchi vicini

Roma - Nella telefonia mobile la fastidiosa seccatura dei virus non è più una novità. È però abbastanza inusuale il concetto di parassitismo cellulare, che nemmeno agli impagabili Piero e Alberto Angela deve essere molto familiare: lo ha introdotto Motorola registrando un brevetto per un'invenzione battezzata Parasitic cellphone patent application.

Come ogni novità scientificamente rilevante, ne dà notizia il New scientist. Si tratta di un'idea che trova applicazione sui telefoni cellulari: nel momento in cui l'utente si ritrova con la batteria semi-scarica (ad esempio quando l'indicatore è giunto ad una misera e solitaria "tacca"), il sistema si occupa di garantire la più lunga autonomia possibile. Come? Grazie alla tecnologia Bluetooth, che permette collegamenti a cortissimo raggio con un basso dispendio di energia (e comunque inferiore a quello implicato da una conversazione telefonica).

Giunto ad un livello di carica minimo, il cellulare "parassita" disabilita tutte le proprie "funzioni non vitali" e blocca le eventuali chiamate in entrata. Contemporaneamente, si mette alla ricerca di dispositivi Bluetooth attivi nelle vicinanze per connettersi ad essi e sfruttarli come proxy, per inviare un avviso di scarsa autonomia ad una lista predefinita di numeri telefonici.
Con questi ultimi potranno essere mantenuti contatti esclusivamente via SMS, che viaggeranno via Bluetooth tra il telefono "parassita" e il "proxy" (che deve però essere consenziente e compiacente), che li reindirizzerà sulla normale rete GSM per recapitarli ai destinatari.

Non è dato sapere se Motorola intenda lanciare questo optional nella sua produzione di serie o lucrare sulle royalty da altri produttori intenzionati a sfruttarlo. Per il momento, l'unico dato certo è la registrazione del brevetto.

Dario Bonacina
29 Commenti alla Notizia Brevettato il cellulare parassita
Ordina
  • Vi prego ridatemi i cellulari che telefonano! Fantasma
    non+autenticato
  • ma non è poi così innovativa...
    sarebbe molto meglio se i cell funzionassero anche via wifi e tra di loro:
    se il mio amico è nella stessa stanza (penso ad un locale affollato) spedire un msg o parlare non dovrebbe costare nulla, visto che potrebbero collegarsi direttamente...
    non+autenticato
  • Ciao !

    > ma non è poi così innovativa...
    > sarebbe molto meglio se i cell funzionassero
    > anche via wifi e tra di
    > loro:
    > se il mio amico è nella stessa stanza (penso ad
    > un locale affollato) spedire un msg o parlare non
    > dovrebbe costare nulla, visto che potrebbero
    > collegarsi
    > direttamente...

    Per smartphone con OS Symbian mi pare che ci sia qualche applicazione che permette sia si usare SMS tramite BT sia di usare il telefono come una specie di Walkie-talkie a breve distanza.


  • > se il mio amico è nella stessa stanza (penso ad
    > un locale affollato) spedire un msg o parlare non
    > dovrebbe costare nulla, visto che potrebbero
    > collegarsi
    > direttamente...

    Tecnologici a tutti i costi....se il mio amico e' nella stessa stanza mi do un'occhiata in giro, lo trovo e gli parlo,non gli scrivo certo un msg...fra non molto farete sesso via sms....
    non+autenticato
  • > Tecnologici a tutti i costi....se il mio amico e'
    > nella stessa stanza mi do un'occhiata in giro, lo
    > trovo e gli parlo,non gli scrivo certo un msg...

    abbiamo capito che se non ti sei trovato mai in un ambiente tanto affollato da aver necessità di telefonargli.
    a me è capitato diverse volte, spero la cosa non ti disturbi.Occhiolino
    non+autenticato
  • > altra idea rubata...
    > ma non è poi così innovativa...

    sparare queste cose senza giustificarle e da anonimi, è un ottimo modo per dare peso zero alle proprie affermazioni.
    non+autenticato
  • Ciao a Tutti !!

    A proposito di evoluzione tecnologica ... a passo di gambero.
    Prima c'erano i cellulari analogici dove il telefono rappresentava anche il contratto telefonico.
    Poi sono arrivati i digitali con le SIM card e l' idea geniale (veramente) di svincolare il contratto telefonico dal telefono in se rendendo tutto più flessibile.
    Poi è arrivato il delirio commeciale del sim-lock (stesso delirio che ha partorito il regional code dei DVD e che impedisce di creare telefoni che gestiscano due SIM contemporaneamente) sempre più stretto ... mandando a farsi benedire la trovata geniale iniziale.
    Poi arriva Motorola e tira fuori questo arzigogolo tecnologico per permettere una maggiore autonomia, che tra l' altro mi sembra un pò campata per aria, per fare quello che in due secondi si potrebbe fare facendosi prestare un cel ed inserendoci la nostra scheda ... mi sa che i nostri politici non sono i soli a drogarsi.
  • Sarebbe interessante se si potesse equipaggiare il cellulare con celle fotovoltaiche in grado di dare una ricarica, anche parziale, per permetterne l'utilizzo in casi di emergenza.

    Sulle calcolatrici viene già fatto da anni.

    bye
    non+autenticato
  • Ciao Anonimo !

    > Sarebbe interessante se si potesse equipaggiare
    > il cellulare con celle fotovoltaiche in grado di
    > dare una ricarica, anche parziale, per
    > permetterne l'utilizzo in casi di
    > emergenza.

    Questa non sarebbe una brutta idea ...

    Tempo fa in Giappone in un negozio vidi che vendevano un ammenicolo del tipo "Non hai scuse per non ricaricare il cel".
    Lo scatolotto er dotato di una spina di rete elettrica (come un normale carica batteria) un vano che ospitava 4 mezze torce, un pannellino solare e ... una manovella !!!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 17 ottobre 2006 14.36
    -----------------------------------------------------------
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)