Viaggi organizzati nei metamondi virtuali

Sbarca online il primo tour operator che offre visite guidate nei mondi virtuali dei giochi multiplayer online

Roma - "La nuova frontiera del turismo è fuori dal nostro mondo. È nascosta nella geografia invisibile del cyberspazio". Paesaggi postatomici virtuali, sordidi, sintetici quartieri a luci rosse, spiagge di pixel assolate bianco fluorescenti, disseminate su isole incontaminate, grattacieli di cui non è possibile intravedere la fine. Guarda al futuro, il tour operator Synthravels. A portata di mano, per un tour guidato, accompagnati da avatar "autoctoni".

Èquesto l'obiettivo di Synthravels, tour operator virtuale con base a Milano, che opera negli spazi immersivi digitali dei Massively Multiplayer Online Game (MMOG). Sono ben ventitré le destinazioni, remote e vicinissime, al tempo stesso. Da World of Warcraft, a cavallo di un ippogrifo, solcando praterie innevate, ai temibili dungeon di Ultima Online, da un all-shopping tour per conoscere i trend che spopolano in Second Life, al turismo culturale presso Paragon City, alla scoperta della architetture post art deco. Una guida esperta accompagnerà i pavidi e curiosi avatar-visitatori nei (non)nonluoghi più affascinanti dei MMOG.

I MMOG sono veri e propri mondi paralleli, sono in continua espansione nella loro topografia e nella vita che li popola: secondo le stime di Mmogchart sono oltre dodici milioni i giocatori con profili attivi nei MMOG. I personaggi più incredibili convivono, si scontrano e collaborano negli scenari più impensabili, seguendo regole che scorrono parallele a quelle della vita reale, o che spesso divergono da esse.
Per questo il nuovo membro di una comunità potrà esplorare con difficoltà le regioni più recondite di queste civiltà. "Molti mondi richiedono abilità specifiche (e spesso punteggi accumulati con fatica) per essere visti nella loro interezza, e per scoprire il meglio, dovreste passare molte ore di fronte al monitor, ad eseguire compiti snervanti": questo, a parere di Synthravels, è il principale ostacolo che si frappone fra i newbies(i nuovi adepti) e la loro curiosità.
Registrandosi a Synthravels, scaricando il programma che fa da interfaccia al metamondo desiderato, si potranno scegliere giorno e orario per un tour guidato che esplorerà anche gli anfratti più remoti dei mondi virtuali, senza bisogno di armarsi fino ai denti o di raggiungere picchi di abilità in discipline oscure ai più. Ci penserà un esperto, un heavy gamer, un programmatore o un architetto, capace di muoversi con disinvoltura nel metamondo che padroneggia.

"Viaggiare in questi territori sarà come sognare" promette Synthravels, "si può provare una nuova esperienza, vedere come è fatto il mondo virtuale e raccontarlo agli amici".
Magari, fra un racconto entusiasta e il ricordo di un episodio gustoso, si potrà mostrare agli amici l'album degli screenshot, facendoli morire d'invidia, o inducendoli a prendere parte a questo o quel metamondo.

Il fenomeno dell'"assaggio dei metamondi" non è recente: già nel 2005 era disponibile un discutibile e discusso servizio di noleggio a pagamento di account già avviati, GamePal, in modo da consentire un'esperienza di gioco che spaziasse in un range di possibilità più ampio rispetto a quello concesso ai limitati skill e punteggi propri dei neofiti. Più nello spirito di mutuo, disponibile sostegno, invece, sono i tour guidati che si organizzano, ad esempio, in Ultima Online già dalla fine degli anni novanta.

Se, a parere degli utenti, è proprio l'intrecciarsi di reti sociali a rendere appassionanti le vite parallele dei MMOG, i tour guidati nei metamondi non possono che inserirsi in questo contesto. "Il servizio è configurato come un social network per favorire l'incontro tra neofiti degli universi sintetici ed esperti avventurieri dei mondi online", annuncia su Videoludica Mario Gerosa, ideatore del progetto insieme a Matteo Esposito di IMILLE, nonché rodato globe-trotter, redattore capo di AD Italia e coautore (insieme a Aurélien Pfeffer) del libro Mondi Virtuali.

Gerosa non è nuovo alle esperienze nei mondi virtuali: è lui il delegato europeo delle Kuurian Expedition, un progetto di esplorazione dei metamondi degli MMOG, che ha l'intento di valutarne gli sviluppi e l'impatto. Il progetto si inserisce nel più ampio panorama della Synthetic Worlds Initiative, un centro di ricerca dell'Indiana University, che mira a promuovere riflessioni e dibattiti riguardo ai mondi virtuali. Realtà e virtualità si intrecciano persino nella metodologia: una conferenza di Kuurian organizzata da Gerosa si è svolta il 15 ottobre nel quartiere Parioli. Su un'isola di Second Life.

Gaia Bottà
21 Commenti alla Notizia Viaggi organizzati nei metamondi virtuali
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)