Bruxelles: Vista va giudicato in quattro punti

L'antitrust europeo - rivela Microsoft - ha individuato in quattro funzionalità dell'imminente sistema operativo dell'azienda i nodi critici da sciogliere. Rimane in campo la questione del kernel di Vista

Bruxelles - Il mirino dell'antitrust europeo è ormai da tempo puntato su Windows Vista, ma come ha svelato il top executive Microsoft Ben Fathi, ormai i nodi della questione riguardano specificamente quattro funzioni integrate. "La Commissione Europea si è pronunciata su quattro componenti, e due di questi riguardano la sicurezza", ha commentato Fathi, vice presidente del Dipartimento sicurezza dell'azienda statunitense.

Windows Security Center, secondo la Commissione, assicurerebbe un netto vantaggio a Microsoft rispetto alle altre società produttrici di software di sicurezza: metterebbe in campo un sistema di alert che in qualche modo tenderebbe a favorire i prodotti dell'azienda. "In pratica vogliono che i vendors abbiano la possibilità di disabilitare gli alert del Security Center. Sono comunque soddisfatti del fatto che abbiamo messo a disposizione queste API a tutti i nostri partner per la sicurezza", ha aggiunto Fathi.

L'altra nota dolente riguarda PatchGuard, il sistema di protezione che previene gli accessi al kernel di Vista. McAfee e Symantec non hanno gradito, e quindi la Commissione Europea ha espressamente richiesto la sua disattivazione. "Il Kernel patch protection è proprio una cosa che non vogliamo disabilitare. Abbiamo già detto che stiamo lavorando per trovare una soluzione adeguata. Comunque, come abbiamo promesso alla Commissione, forniremo le API di ogni parte di Vista", ha sottolineato Fathi.

I problemi di Microsoft, però, non sono finiti perché anche la questione XML Paper Specification (XPS) è considerata di vitale importanza. La Commissione vorrebbe che il formato diventasse aperto; l'azienda di Redmond, invece, spinge per una soluzione royalty-free che permetta la lettura e scrittura dei documenti XPS. La distribuzione, insomma, sarebbe libera solo dopo aver ottenuto la licenza.
L'ultima voce di discordia riguarda il sistema di upgrade automatico che permette di passare da Internet Explorer 6 alla versione 7. L'ultima release è stata lanciata la scorsa settimana, ma sarà distribuita attraverso l'Automatic Update solo fra un mese.

Microsoft in queste ore non ha invece voluto confermare i rumors secondo cui anche il sistema di cifratura e quello di riconoscimento della scrittura di Vista sarebbero nel mirino della Commissione. Fathi, comunque, ha ricordato che per quanto riguarda l'applicativo di riconoscimento non dovrebbero esserci problemi, perché proveniente da terze parti.

Dario d'Elia
52 Commenti alla Notizia Bruxelles: Vista va giudicato in quattro punti
Ordina
  • Chi sarebbero questi 4 fantomatici esperti che dovrebbero giudicare Windows Vista, Politici, solottisti, giornalisti,..., cacciavitari con la tessera politica di turno (di sx).

    Ma fatela finita di nascondervi dietro questa inutile porcata del monopolio di MS e dite la verità, scrocconi, odiate zio bill perché...non è di sx.

    Tutto qui

    PS: Fan AppleFan Apple

    PPS: Linux Users are TrollTroll occhiolinoTroll chiacchieroneTroll occhi di fuoriTroll di tutti i colori
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Chi sarebbero questi 4 fantomatici esperti che
    > dovrebbero giudicare Windows Vista, Politici,
    > solottisti, giornalisti,..., cacciavitari con la
    > tessera politica di turno (di
    > sx).
    >
    > Ma fatela finita di nascondervi dietro questa
    > inutile porcata del monopolio di MS e dite la
    > verità, scrocconi, odiate zio bill perché...non è
    > di
    > sx.
    >
    > Tutto qui
    >
    > PS: Fan AppleFan Apple
    >
    > PPS: Linux Users are
    > TrollTroll occhiolinoTroll chiacchieroneTroll occhi di fuoriTroll di tutti i colori

    Un commento autorevole, non c'è che dire...
    non+autenticato
  • In realtà la stanno salvando.
    Se mettesse in atto tutte le azioni che ha annunciato con Vista rischia:

    - di perdere il supporto 3rd party (le aziende spingono chi le fa guadagnare)

    - la diffusione al 90% calerebbe a meno del 70% creando un effetto valanga per Linux & Co (la "pirateria" come modello di business funziona...)

    - Supporto del governo americano (così è un cavallo di troia, diversamente non servirebbe e si potrebbe applicare l'antitrust)

    - che si affaccino nuovi produttori HW e SW cinesi che rosichino il mercato.

    Se Bill non si vuole suicidare commercialmente è meglio che lasci le cose come stanno e dia retta a mamma EU...
  • ...Con la virtualizzazione alle porte non è il caso di bloccare le licenze, anzi, andrebbero facilitate con prezzi vantaggiosi.
  • Prima spingono la gente ad usare windows e poi si lamentano.

    Se non sbaglio il sito

    http://www.europarl.it/

    e' quello ufficiale, benissimo, lo apro, passo alla pagina Diretta video del PE.

    con opera non riesco a vederlo, con IE lo vedo al primo colpo.

    Prima di lamentarsi con MS, perche' invece non si mettono in regola laoro, facendo in modo che i loro prodotti si possano aprire anche con altri browser....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Prima spingono la gente ad usare windows e poi si
    > lamentano.
    >
    > Se non sbaglio il sito
    >
    > http://www.europarl.it/
    >
    > e' quello ufficiale, benissimo, lo apro, passo
    > alla pagina Diretta video del
    > PE.
    >
    > con opera non riesco a vederlo, con IE lo vedo al
    > primo
    > colpo.
    >

    Tu non riesci, io perfettamente.
    Uso:
    Opera
    Firefox
    Aborro:
    IE

    > Prima di lamentarsi con MS, perche' invece non si
    > mettono in regola laoro, facendo in modo che i
    > loro prodotti si possano aprire anche con altri
    > browser....

    Saluti
  • anche io lo vedo bene, resta il fatto che gira sul quel cesso di IIS
    non+autenticato
  • ma cribbio, per adesso nessuno ha detto che palladium serve a creare piattaforme drm blindate. Che si possa sospettare ci può anche stare, non darlo per certo e su questa illazione montare soluzioni tese a demolire quel poco di buono che è rimasto in vista a forza di tagli...
    non+autenticato
  • Spero sia la solita bufala, altrimenti sarebbe un bel problema. Nessuno sa nulla?
    non+autenticato
  • Non è una bufala, sembra che nell'eula di Vista ci sia scritto chiaro chiaro che puoi spostare una volta sola il so da un pc all'altro.

    Ovviamente per la versione retail la versione OEM non è spostabile.

    Fastidiosetto in linea di principio, in quanto chi è che ha una versione box del so ?

    ciao
    non+autenticato
  • mai comprato e tra l'altro da quando possiedo un pc "mio" non c'è mai stato Win dentro. L'ho chiesto senza OS e così è stato.
    non+autenticato
  • Ma fondamentalmente la EULA che valore ha ?
    Stiamo parlando di un qualcosa seriamente regolato o di una pseudo scrittura privata che pretende di spacciare per buono un clic del mouse contro la vecchia firma nero su bianco ?

    Se uno non rispettasse l'eula cosa gli cambierebbe in fondo ?

    Se uno copia un programma o lo installa su più computer di quanto prevede la licenza (che cmq in questo caso si riferisce a computer di utilizzatori diversi non dello stesso) quella che scatta è la violazione del diritto d'autore non di un txt del menga.

    non+autenticato
  • Forse non hai capito bene, o sono io che non ha capito. Ma io ho sentito che se si rompe un componente hardware (ad esempio un processore) devi riattivare il software, e questo è già considerato una seconda attivazione. Se poi cambi pc, una scheda video o un hard disk, quando vai a riattivare devi riconprare una nuova licenza.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Forse non hai capito bene, o sono io che non ha
    > capito. Ma io ho sentito che se si rompe un
    > componente hardware (ad esempio un processore)
    > devi riattivare il software, e questo è già
    > considerato una seconda attivazione. Se poi

    Cosa? Dove come?

    Hai sentito male.. se cerchi il contratto lo trovi tranquillamente. Da nessuna parte c'è scritto questo.
    Anzi esplecitamente c'è scritto "first user" e "device" nel senso di computer.

    Se cambi troppi componenti ti richiede l'attivazione ma non c'entra con lo spostamento della licenza non ti pare?

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma fondamentalmente la EULA che valore ha ?
    > Stiamo parlando di un qualcosa seriamente
    > regolato o di una pseudo scrittura privata che
    > pretende di spacciare per buono un clic del mouse
    > contro la vecchia firma nero su bianco
    > ?
    >
    > Se uno non rispettasse l'eula cosa gli
    > cambierebbe in fondo
    > ?

    L'EULA è un contratto di licenza; il contratto ha forza di legge tra le parti (almeno fino a quando ha validità o un giudice non ne ha dichiarato la nullità).

    Nel momento in cui non accetti l'EULA, tutti i diritti da essa discendenti vengono meno, e tu hai l'obbligo di non installare né usare il software, non avendo accettato il contratto. Se invece lo accetti ma lo violi si apre la strada alla possibile richiesta di risarcimento dei danni per inademp8imento contrattuale (e tutto questo senza contare la violazione penale sul fronte del diritto d'autore)

    Se poi si vuole sindacare la vincolatività di clausole vessatorie perché in violazione dell'art 1342 Codice Civile, sono d'accordo, ma qualcuno dovrebbe farsi avanti in sede giudiziaria ...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)