IBM: 2001, l'anno dei Linux Client

IBM sembra convinta che Linux non sia solo un ottimo server, ma abbia ormai il look giusto per conquistare anche il mercato dei client. Pronta dunque una nuova linea di notebook con preinstallato Linux-Workstation

Tokyo (Giappone) - Mentre da un lato IBM è impegnatissima a far emergere Linux come server enterprise, dall'altro sembra altrettanto decisa a proporre il Pinguino anche come client.

La divisione giapponese di Big Blue ha infatti annunciato che a partire da quest'anno lancerà sul mercato una nuova linea di notebook equipaggiata con una versione "workstation" di Linux.

"C'è necessità di notebook Linux fra gli utenti universitari e gli istituti di ricerca. Noi faremo sì che il 2001 sia il primo anno di Linux per i client", ha affermato Kazufu Hotta, amministratore delegato di IBM Japan.
Turbolinux è il distributore scelto da IBM per preinstallare Linux sui notebook ThinkPad i Series 1620. Accanto a Linux gli utenti potranno trovare Applixware Office for Linux 5.0 e molte altre applicazioni client sviluppate in casa da IBM.
5 Commenti alla Notizia IBM: 2001, l'anno dei Linux Client
Ordina
  • Insisti su LINUX anche come Client, stavolta non ti sbagli.
    Alien.
    non+autenticato
  • Vista la fine che IBM è riuscita a far fare OS/2, Lotus Notes, Tivoli, etc. se fossi un fan di Linux prenderei le mie "precauzioni".

    Essendo nauseato da qualsiasi *X (tutti nati da una buona idea avuta negli anni 70, ma poi fondamentalmente invariati da allora), ma soprattutto disgustato da chi cerca di venderceli come i sistemi operativi del futuro (distruggendo peraltro il business di molti informatici), non posso che tifare IBM.
    non+autenticato
  • Chissa` perche' tutto questo, quando Linux fallira` entro quest'annoOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: i'Ciccio
    > Chissa` perche' tutto questo, quando Linux
    > fallira` entro quest'annoOcchiolino

    Sorride

    Non e' che l'IBM vuole trattare Linux cosi' come ha trattato l'Apache nel suo WebSphere?

    E soprattutto, non e' che tra tre o quattro anni l'IBM abbandonera', come suo solito, Linux al suo destino per passare ad un altro ambiente/SO?
    non+autenticato
  • Ragazzi, Linux non puo' fallire in quanto non e' un prodotto commerciale.

    Semmai puo' fallire chi vuole sfruttarlo per fini commerciali, e allora ben venga il fallimento!

    Linux, dal canto suo, la sua vittoria l'ha gia' avuta, ovvero proporre un concetto di Open Source e di informatica VERA e fatta solo di topi e finestre!

    Tutto il resto e' solo marketing.

    - Scritto da: Sbaturzio
    > - Scritto da: i'Ciccio
    > > Chissa` perche' tutto questo, quando Linux
    > > fallira` entro quest'annoOcchiolino
    >
    > Sorride
    >
    > Non e' che l'IBM vuole trattare Linux cosi'
    > come ha trattato l'Apache nel suo WebSphere?
    >
    > E soprattutto, non e' che tra tre o quattro
    > anni l'IBM abbandonera', come suo solito,
    > Linux al suo destino per passare ad un altro
    > ambiente/SO?
    non+autenticato