PC/ Il grande sorpasso dei senzanome

Per la prima volta uno studio rivela che la maggior parte dei computer venduti nel mondo non arriva dalle fabbriche dei grandi produttori. Vincono i PC artigianali

Roma - Da anni preferiti da chi non vuole spendere troppi soldi per l'acquisto di un personal computer, gli assemblati, i computer "senza marca", salgono oggi sul trono e superano di diverse lunghezze i grandi produttori di hardware americani.

Ad affermare che nel mondo più della metà dei computer venduti non è "di marca" è l'autorevole osservatorio di International Data Corporation (IDC), secondo cui il gruppo dei circa 500 costruttori di componenti e PC "white box" che operano in 55 diversi paesi nel mondo, nel 2001 ha ottenuto complessivamente il 58 per cento delle quote di mercato.

Se si volesse inserire questo gruppo nel suo insieme nella classifica dei produttori più importanti del mondo si troverebbe agevolmente in testa, seguito molto da lontano da Dell (13 per cento del mercato), Compaq (11 per cento) e HP (7 per cento). Il tutto nell'ambito di un settore che non si espande più come una volta e che anzi nel 2001 ha perduto, secondo IDC, il 4 per cento del proprio valore, scendendo a 134 milioni di pezzi venduti.
Stando agli analisti di IDC, le ragioni del successo costante e crescente dei piccoli produttori risiede prima di tutto nel prezzo, spesso sensibilmente inferiore rispetto ai prodotti più pubblicizzati, ma anche nei servizi ad personam che molti produttori offrono ai loro clienti. Come a dire che, essendo più piccole, queste aziende riescono ad essere più "vicine" al proprio mercato.

"I grandi - ha spiegato uno degli autori dello studio IDC - hanno tentato di penetrare nelle piccole aziende e nei settori della pubblica amministrazione ma non è mai stato facile perché i piccoli sono capaci di fornire servizi, prezzo e flessibilità. Le opportunità ci sono ma non è come cogliere il frutto da una pianta".
TAG: hw
15 Commenti alla Notizia PC/ Il grande sorpasso dei senzanome
Ordina
  • Adesso non voglio fare di ogni erba un fascio...
    Però è evidente che molti assemblatori danno sempre due prezzi quando preventivano una macchina: con software originale e "copiato". E se l'acquirente ha necessità di avere una buona dose di software (o crede di averla) la scelta "economicamente" è fatta in partenza.
    Oltretutto in caso di problemi con un programma, o con l'intero sistema in poco tempo si ottengono risposte e soluzioni, o al limite una bella reistallazione di tutto quanto e via alla grande.

    Almeno a me è quasi sempre capitato.

    Personalmente consiglio sempre di rivolgersi ad un assemblatore per avere l'assistenza adeguata "ad personam" invece di scontrarsi con reti di assistenza ignobili e call center con storditi a rispondere...
    non+autenticato
  • mi pare che tu stia uscendo un po' dal seminato.
    La pirateria software rimane tale, sia che tu la pratichi sull'assemblato che sul PC di marca.
    Il negoziante che ti installa i programmi piratati è e rimane disonesto.

    Quanto all'assistenza post vendita: non saprei, ma dalle mie parti il 90% dei negozianti se ne frega, e risolve i problemi rifilandoti pezzi spesso usati o semplicemente reisntallando tutto - che non è un bel modo di risolvere i problemi, con con windows ci siete abituati...
    non+autenticato
  • Una volta in un negozio ho chiesto se davano linux, mi hanno risposto che loro non adottano questi stratagemmi. Fancu*o

    Immaginate come ci sono rimasto.

    Fortuna che ci sono tanti assemblatori più seri, decisamente più seri.

    E basta con l'immagine dell'assemblatore che preinstalla win senza dire niente a nessuno e senza licenza!

    Da anni il massimo che vedo é senza sistema operativo, non senza licenza! Anche perché la Tought Police di M$ sta facendo pulizia.
    non+autenticato
  • compri un pezzo qua' ed un pezzo la', cogliendo, se puoi, il "best of breed", poi passi qualche giornata piovosa, e senza neve,(dunque preferibilmente invernale...) a "cucirti addosso" la tua macchina!
    E' troppo divertente!

    Byez
    non+autenticato
  • Prima che uscissero i box compatti che ci sono in giro adesso, chi voleva farsi un impianto decente prendeva il piatto Marantz, l'ampli Technics, la piastra Pioneer, le casse XY e si metteva in piedi uno stereo personalizzato secondo quanto aveva da spendere e la qualità che voleva raggiungere.

    Non si è scoperta l'acqua calda quando lo stesso sistema si è scoperto valido anche (soprattutto) per i PC che effettivamente consentono il massimo della personalizzazione, sia in termini di Hw sia di Sw.
    Ovvio che chi non se ne intende o chiede all'amico oppure prende un prodotto standard preconfezionato.

    non+autenticato


  • - Scritto da: Stefano
    > Prima che uscissero i box compatti che ci
    > sono in giro adesso, chi voleva farsi un
    > impianto decente prendeva il piatto Marantz,
    > l'ampli Technics, la piastra Pioneer, le
    > casse XY e si metteva in piedi uno stereo
    > personalizzato secondo quanto aveva da
    > spendere e la qualità che voleva
    > raggiungere.
    >
    > Non si è scoperta l'acqua calda quando lo
    (cut)


    beh, CONTINUA ad essere così ... e purtroppo la gente invece si prende quelle KAGATE di plastica negli ipermercati... con tutti i buconi e le manopolozze.
    mentre gli ampli SERI hanno il tasto ON-OFF e il volume.


    non+autenticato
  • esatto! io ho ancora amplificatore marantz, giradischi thorens e radio/cassette Pioneer!
    Dal '79! Credo che me li terrò per tutta la vita, ci sono troppo affezionatoSorride
    Per non andare fuori argomento: anche io ho un "clone" ed il fatto che siano i + venduti non mi sorprende affatto. Però capisco che ci sia gente che voglia pagare di + per un computer già tutto pronto (contenti loro ovviamente).
    Saluti
    non+autenticato
  • ricordo benissimo io piccolino e mio padre e mio zio che discutevano della triade MARANTZ, THORENS, AR....ma dopo un periodo glorioso ed affascinante (sfogliate l'intera collezione di SUONO, STEREOPLAY, AUDIO REVIEW...) siamo tornati a punto e a capo: partiti dai compatti siamo tornati allo stesso punto di partenza perche' sempre compatti sono anche se usano tecnologia molto piu' evoluta.
    La qualita' del suono e' altra cosa.
    Anche con i PC assemblati arriveremo presto alla completa omologazione: controller scsi sempre meno usati, IBM, Quantum, Fujitsu che cedono parte della produzione del settore HD o si concentrano sulla fascia alta del mercato (vedi serie MAN e MAM dei bellissimi FUJITSU), 3DFX, DIAMOND, TURTLE BEACH annientate, MATROX che annaspa, ATI che si butta sui Chipset (poveri noi vista la qualita' dei driver delle sue schede video), NVIDIA che ora che ha preso il quasi monopolio delle schede video GAME ci prende in giro con prodotti fotocopia...mi fermo.
       
    non+autenticato
  • pensate ad una macchina, un'auto:
    Se tutti i "meccanici" avessero la competenza di mettere assieme un'auto fatta con i pezzi migliori e più economici che stanno assieme perché esistono degli standard e non avesse esigenze di estetica ...

    tutti avremmo auto che non inquinano, potenti, veloci, sicure ...

    eccetera

    in barba ai "ricambi originali" (del cazzo) eccetera.

    non+autenticato
  • TRA MACCHINA E PC CE NE PASSA E TANTO E I PC DI MARCA QUANDO ESCONO DALLA FABBRICA SONO GIA' VECCHI
    non+autenticato


  • - Scritto da: Assembled
    > pensate ad una macchina, un'auto:
    > Se tutti i "meccanici" avessero la
    > competenza di mettere assieme un'auto fatta
    > con i pezzi migliori e più economici che
    > stanno assieme perché esistono degli
    > standard e non avesse esigenze di estetica
    > ...
    >
    > tutti avremmo auto che non inquinano,
    > potenti, veloci, sicure ...
    >
    > eccetera
    >
    > in barba ai "ricambi originali" (del cazzo)
    > eccetera.
    >


    sono sempre stato della stessa idea ... ma ora si vedono in giro dei cabinet fikoni ... solo che ci sta dentro la roba che dicono LORO e non tu ... mentre invece io ormai tengo i pezzi appoggiati sopra gli scatoloni e i cavi che si attaccano per aria ... ho prestazioni da urlo e il controllo TOTALE sulle mie macchine.

    certo se entri nella stanza di lavoro e non hai la stessa passione ti pare solo un covo di un elettricista rockettaro
    non+autenticato
  • con quel che costano!!! e poi non è necessario metterci dentro il windows
    non+autenticato


  • - Scritto da: leogiov
    > con quel che costano!!! e poi non è
    > necessario metterci dentro il windows

    A parte il prezzo, puoi avere effettivamente quello che ti serve e che funziona con il sistema operativo che vuoi.

    Assemblare un PC e' veramente semplice, personalmente di solito ordino i pezzi e faccio da me.

    Anche se sono una ragazza.

    Ciao!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Marina
    >
    >
    > - Scritto da: leogiov
    > > con quel che costano!!! e poi non è
    > > necessario metterci dentro il windows
    >
    > A parte il prezzo, puoi avere effettivamente
    > quello che ti serve e che funziona con il
    > sistema operativo che vuoi.
    >
    > Assemblare un PC e' veramente semplice,
    > personalmente di solito ordino i pezzi e
    > faccio da me.
    >
    > Anche se sono una ragazza.
    >
    > Ciao!

       Diciamo che assemblare un pc Puo' essere semplice, dipende da quali problemi puoi incontrare
    durante e dopo l'assemblaggio, comunque oggi come oggi in linea generale lo e' al 99%. Rimane sempre quel 1%, ed e' proprio quel 1% che fa' la differenza tra un assemblatore di mestiere e uno fai da te' (dipende solo dall?esperienza accumulata, che sia per hobby o per lavoro non ha importanza, basta che ci sia esperienza).
    Comunque concordo anch'io sul fatto, che OGGI, assemblare un PC e' mui simplex |:)|.
    Il fatto che Tu sia una ragazza che si assembla il pc da sola certo e' un po' atipico, ma di sicuro non discriminante, e probabilmente se Tu lavorassi per un po' in un laboratorio informatico, credo che a breve potresti diventare molto + brava di tanti millantati tecnici di sesso maschile, che normalmente affollano detti luoghi.
    Comunque, ancora complimenti e ciao
    non+autenticato
  • eh no, non ci siamo

    i PC cosiddetti assemblati (perchè i brand alla fine cosa sono?) sono più up to date e performanti, più economici (anche contando il costo delle licenze software un buon PC assemblato sarà sempre e comunque superiore al miglior brand) ed il livello di servizio è nettamente superiore (anche sul discorso server non sarei così entusiasta come alcuni di IBM e COMPAQ ad esempio)

    non c'è storia
    non+autenticato