Un cellulare per aspiranti madri

Dal Sol Levante, un telefonino che segnala alle donne il loro periodo fertile, basato su un calcolo che offre una media statistica

Tokyo - In Giappone il tasso di fertilità (inteso come numero medio di figli di ogni donna) è sprofondato al valore minimo storico di 1,25. Un dato considerato allarmante che sembra aver fatto da stimolo per un'invenzione alquanto originale: un telefono cellulare che segnala alle donne il proprio "periodo fertile".

L'idea è ascrivibile alla designer Momoko Ikuta. Il nuovo telefono, realizzato per NTT DoCoMo, è indirizzato evidentemente all'utenza femminile e integra un'applicazione in grado di far suonare "una campanella" in corrispondenza del periodo fertile del ciclo mensile. Cosa che può interessare a chi ambisce a diventare madre, ma che può valere - interpretandone i segnali al contrario - anche per chi non vi aspira affatto.

Il principio del funzionamento si fonda su un calcolo medio, basato a sua volta su alcuni dati da inserire (come la data di inizio del ciclo mestruale): l'utente può impostare l'applicazione in modo da ricevere un alert nei tre giorni che precedono l'ovulazione e un ultimo avviso nel "giorno clou". L'azienda precisa che si tratta di un calcolo probabilistico che tiene conto di valori medi: non è quindi il caso di affidarsi ciecamente al nuovo apparecchio, che fornisce solamente valori indicativi.
E forse l'allarme fertilità non è nemmeno l'unico motivo che potrebbe indurre una donna all'acquisto del singolare apparecchio: oltre alla versione mobile del professor Ogino (che come l'austriaco Knaus giunse al calcolo del periodo fertile basato sul ritmo mestruale), ci sono altre funzionalità che le utenti potrebbero trovare interessanti, tra le quali spiccano un database di ricette gastronomiche e la "camouflage melody", che tramite un pulsante posto su un lato esterno dell'involucro fa suonare il telefono a comando (utile per simulare una telefonata in entrata per sfuggire ad attenzioni indesiderate).

D.B.