E ora TIN.it è contro lo spam

Il provider criticato e denunciato dal GCN e da Mailgate per non aver bloccato gli spammatori cambia rotta e propone agli utenti un contratto contro lo spam

Roma - Lo spam è una piaga che non sembra avere alcuna voglia di morire e ora uno dei provider italiani che in passato ha subito le più forti critiche per la propria gestione del fenomeno spam ha deciso di lanciarsi nella mischia proponendo ai propri utenti un nuovo contratto che tira esplicitamente in ballo la questione della posta indesiderata.

L'articolo 3.2 del nuovo contratto ora fa esplicito riferimento allo spam, affermando che TIN si adopererà per capire se "con la linea telefonica utilizzata dal Cliente per effettuare l'accesso ad Internet sia stato generato dal Cliente stesso o da terzi, un collegamento durante il quale si siano verificati uno o più episodi di spamming eventualmente anche a sua insaputa o senza il suo consenso. Il Cliente - nel dichiarare di avere la legittima disponibilità dell'utilizzo della linea telefonica attraverso la quale accede alla rete anche nell'ipotesi in cui questi non sia intestatario di tale linea - esonera da ogni responsabilità Tin.it, impegnandosi a manlevarla, da ogni richiesta di danno, qualora Tin.it, nell'esercizio delle facoltà e dei diritti sopraindicati, non consenta e/o interrompa l'accesso da parte di terzi, diversi dal Cliente stesso, alla rete tramite la linea telefonica da cui si è generato uno o più episodi di spamming".

L'allocuzione in burocratese sembrerebbe dunque indicare che TIN vuole essere dispensata da ogni responsabilità qualora, per bloccare azioni di spamming o ripetuti abusi da parte di spammer, si trovi costretta ad agire sulla connettività del soggetto.
E al punto 6.4.1. il cliente prende atto che è vietato fare spamming. Il tutto rafforzato dal punto 6.6: "Il Cliente prende atto ed accetta che ove Tin.it verifichi l'esistenza di uno o più episodi di spamming aventi comunque origine dalla linea telefonica di cui è intestatario il Cliente e/ o che questi utilizzi per collegarsi alla rete, Tin.it avrà facoltà di adottare ogni opportuna misura tecnica che non consenta la continuazione dell'accesso e/o recedere dallo stesso (..)".

Nella lettera con cui presenta il contratto ai clienti ed invita a sottoscriverlo, TIN afferma di essere "da sempre impegnata a prevenire e bloccare lo spamming, cioè l'invio di mail non autorizzate o non richieste, questo per salvaguardare non solo i nostri utenti, ma in generale la qualità della "vita in rete"."

Una dichiarazione che sembra però fare a pugni con le denunce piovute su TIN più volte dagli esperti dell'antispam sul newsgroup it.news.net-abuse e formalizzate persino dal GCN, il Gruppo Coordinamento News che gestisce la gerarchia it.* di Usenet e ribadite da Mailgate. Come noto, infatti, il GCN ha bloccato la possibilità agli utenti TIN di inviare messaggi nei newsgroup moderati utilizzando i news-server di TIN, accusati di far passare una quantità di spam di fatto trasformandosi in un veicolo per posting abusivi su Usenet.

La lettera di TIN, però, induce a ritenere che la situazione per TIN e i suoi utenti potrebbe presto cambiare.
TAG: spam
16 Commenti alla Notizia E ora TIN.it è contro lo spam
Ordina
  • Ho sempre ammirato la chiarezza con la quale P.I. tratta gli argomenti. Debbo tuttavia constatare che in merito alla contorta richiesta di TIN.it di fare la guerra santa al cosiddetto spamming (vi avevo io stesso segnalato la cosa per aver ricevuto la contorta richiesta), avete deciso di usare un mix di informatichese e politichese. Ne deriva che non avete saputo (secondo me voluto) dare una vostra autorevole (le vostre lo sono sempre) opinione sul da farsi in merito a questa richiesta di giuramento antispammista (i giuramenti anti qualcosa non sono sempre quanto di meglio si possa trovare per conquistare gli altri alle proprie idee). Vi saluto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: F.F.Conte
    > Ho sempre ammirato la chiarezza con la quale
    > P.I. tratta gli argomenti. Debbo tuttavia
    > constatare che in merito alla contorta
    > richiesta di TIN.it di fare la guerra santa
    > al cosiddetto spamming (vi avevo io stesso
    > segnalato la cosa per aver ricevuto la
    > contorta richiesta), avete deciso di usare
    > un mix di informatichese e politichese. Ne
    > deriva che non avete saputo (secondo me
    > voluto) dare una vostra autorevole (le
    > vostre lo sono sempre) opinione sul da farsi
    > in merito a questa richiesta di giuramento
    > antispammista (i giuramenti anti qualcosa
    > non sono sempre quanto di meglio si possa
    > trovare per conquistare gli altri alle
    > proprie idee). Vi saluto.

    Ciao
    dovro' spostare tutto in pi pro e contro
    L'operazione di TIN arriva dopo tutto quello che sappiamo. Penso che il tempo ci dara' dei dati... Mi rendo conto dello scetticismo di tanti...Sorride
    Ciao!
    Lamberto
    non+autenticato
  • cosa pretendete da telecom aka tin.it : è il fiore all'occhiello della nostra nazione, in ambito telematicoSorride))))))
    non+autenticato
  • IO non capisco proprio...
    In quelle righe si nota palesemente che TIN non parla di "connessione" ad internet in quanto tale ma di "connessione telefonica tramite la quale".. secondo me leggendo alla lettera il contratto, sembra che non interessi gli utenti ADSL oppure di altri tipi di connessioni (non so.. linee dedicate o simili, wireless etc)
    Boh non la capisco questa cosa.
    non+autenticato
  • perche' il maggior problema nella lotta allo spam è sulle dial , specie gratuite, dove non basta cancellare l'account (che può essere facilmente ricreato dallo spammer), ma occorre blacklistare il chiamante....

    non+autenticato
  • - Scritto da: mm
    > perche' il maggior problema nella lotta allo
    > spam è sulle dial , specie gratuite, dove
    > non basta cancellare l'account (che può
    > essere facilmente ricreato dallo spammer),
    > ma occorre blacklistare il chiamante....

    In realtà, in questo momento, sembrerebbe che
    tin abbia grossi problemi a gestire gli spammer
    su ADSL e per questo molti suoi blocchi IP
    per ADSL sono finiti in varie blacklist

    GGG
    non+autenticato
  • Sembra che Tin voglia sopprimere i servizi Usenet
    e relativo server news:
    provate a chiedere all'assistenza tecnica
    Virgilio (assiste anche Tin Telecom)
    che avete problemi con i gruppi della gerarchia
    free o alt.binaries
    vi risponderanno che non è loro competenza!

    non+autenticato
  • e infatti, non e` di loro competenza!
    non+autenticato
  • Ai Call Center nessuno sa mai nulla, a prescindere dalla società che li usa.

    I Call Center servono solo a mettere a posto la coscienza (e a basso costo) di chi dovrebbe fornire un supporto clienti.
    Chi ai suoi clienti ci tiene non usa i Call Center.

    (BTW, per "Call Center" intendo quelli in cui rispondono incompetenti con cuffietta microfonata e che leggono bovinamente dal manuale che qualcun'altro ha scritto per loro)
    non+autenticato

  • > (BTW, per "Call Center" intendo quelli in
    > cui rispondono incompetenti con cuffietta
    > microfonata e che leggono bovinamente dal
    > manuale che qualcun'altro ha scritto per
    > loro)

    ---->> Vorrei ringraziarti pubblicamente per aver offeso la dignita' di quanti, non trovando un lavoro migliore ( soprattutto al sud ), sono costretti a lavorare in condizioni precarie e con uno stipendio da fame, in un call center.
    Vorrei farti notare che non tutti sono, cito, incompetenti con cuffietta microfonata, e non tutti, ricito, leggono bovinamente dal manuale che qualcun'altro ha scritto per loro.
    La tua conoscenza sul mondo dei call-center e' veramente deplorevole, ma scommetto che tu hai il tuo bello stipendietto mensile che ti consente di comprarti il macchinone e magari hai dipendenti che tratti da skifo...
    Mi fai pena....
    non+autenticato


  • - Scritto da: UnBovinoConLeKuffie

    > ---->> Vorrei ringraziarti pubblicamente per
    > aver offeso la dignita' di quanti, non
    > trovando un lavoro migliore ( soprattutto al
    > sud ), sono costretti a lavorare in
    > condizioni precarie e con uno stipendio da
    > fame, in un call center.

    Mah, offeso. Anche le mie esperienze con i call center riflettono l'immagine che ha tratteggiato il sig. John Doe.

    > Vorrei farti notare che non tutti sono,
    > cito, incompetenti con cuffietta
    > microfonata, e non tutti, ricito, leggono
    > bovinamente dal manuale che qualcun'altro ha
    > scritto per loro.

    Meno male. Cio' non toglie che normalmente l'impressione che ne trae chi ci ha a che fare sia proprio quella.

    Un muro di gomma messo li' per non far rompere le scatole ai reali responsabili del servizio offerto e magari non corrisposto.

    > La tua conoscenza sul mondo dei call-center
    > e' veramente deplorevole,

    Mondo ? Quale mondo ? Perche' dovrebbe conoscere il "mondo dei call center". Che gli frega ?
    A me nulla. A me interessa che chi e' li' stipendiato non si incazzi e non mi sbatta il telefono in faccia quando non sa cosa rispondere perche' non ha la competenza necessaria per stare li. Ancora una volta, se sia colpa sua perche' e' un "bovino microfonato" o perche' il suo datore di lavoro non ha interesse ad istruirlo ma solo a sacrificarlo in pasto ad un cliente giustamente incacchiato perche' passa il tempo a chiamare un numero verde che non serve a nulla, non mi interessa piu' di tanto.

    Se non trovi altro lavoro e non vuoi morire di fame, fai pure questo di lavoro, ma non risentirti quando qualcuno ti etichetta come incompetente frangiflutti. Se lo sei, come spesso e', taci, ingoia e nel frattempo cerca un altro lavoro. Se non lo sei, sei l'eccezione alla norma. Buon per te, non hai motivo di sentirti offeso e magari puoi anche trovarti un lavoro migliore.

    >ma scommetto che
    > tu hai il tuo bello stipendietto mensile che
    > ti consente di comprarti il macchinone e
    > magari hai dipendenti che tratti da skifo...

    Beh, questo e' uno sfogo che ti lascio altrimenti non ti resta manco quello.

    > Mi fai pena....

    Non sembra, a vedere quanto ti sei irritato.

    Ciao

    non+autenticato
  • Quando una callcentrice bovinesca di telecom, ADDETTA ALL'ADSL, a cui chiedi come mai non hanno ancora staccato la loro stramaledetta portante, ti dice "come? cos'è la portante?"....... non le sputi in faccia solo xè sei al telefono.
    non+autenticato


  • - Scritto da: John Doe
    > Ai Call Center nessuno sa mai nulla, a
    > prescindere dalla società che li usa.
    >
    > I Call Center servono solo a mettere a posto
    > la coscienza (e a basso costo) di chi
    > dovrebbe fornire un supporto clienti.

    I CC sono potenzialmente uno strumento utile in modo impressionante all'azienda.
    Ma molte azinede non si rendono conto della sua potenzialità


    > Chi ai suoi clienti ci tiene non usa i Call
    > Center.

    sicuro?
    non+autenticato


  • - Scritto da: SiN
    >
    > I CC sono potenzialmente uno strumento utile
    > in modo impressionante all'azienda.

    Il markettaro in azione ^__-
    non+autenticato
  • Bisogna vedere se, all'interno dell'elefantesca struttura di Telecom le nuove regole varranno effettivamente per tutti. Mi spiego meglio, e` facile staccare la spina al "maschiotto" emulo di Rasmus Lino in una delle innumerevoli catene di Sant'Antonio o Multi Level Marketing. Vorrei vedere invece segate senza pieta` (anche se cio' causera` scompensi ai commerciali) le HDSL e le CDN che il "partner" Interbusiness da` a spammer professionisti, o peggio ancora ad aziende che tengono i server SMTP completamente aperti ed abusati.
    non+autenticato
  • Per esperienza diretta l'interbusiness ( che è di TI) se ne frega se uno ha l'SMTP aperto a tutti, pur ricevendo in cambio decine di migliaia di euro l'anno per la connettività.
    Loro non si muovano se non per soldi, ci sono troppi interessi in ballo.
    Per poter limitare o almeno controllare in parte il traffico generato da utenti tin.it, dovrebbero radicalmente cambiare metodo, ma non vogliono, preferiscono spendere soldi per pagare Vieri che per personale tecnico. Vedi cosa è successo a Virgilio qualche mese fa
    non+autenticato