Brevetto JPEG, accomodate tutte le cause

Forgent, detentrice di un ormai noto brevetto sul formato grafico JPEG, ha annunciato la risoluzione di tutte le cause legali ancora in corso

Austin (USA) - Il controverso brevetto sul JPEG con cui, dal 2002, Forgent Networks ha tenuto sulle spine molte aziende, è tornato nel limbo dal quale era venuto. Forgent ha infatti annunciato di aver accomodato tutte le cause relative al proprio brevetto '672, lasciando intendere di non volerne aprire altre.

Sebbene in un primo momento Forgent non abbia rivelato i dettagli dell'accordo extragiudiziale, la società ha in seguito annunciato di aver ricevuto un indennizzo di 8 milioni di dollari: una cifra che si aggiunge ai 110 milioni di dollari che il brevetto ha fin qui fruttato all'azienda.

La società texana si è detta soddisfatta di come sono andate le cose, ma di certo 118 milioni di dollari è una somma assai più modesta del miliardo che Forgent sperava inizialmente di incassare dalla propria tecnologia. Ciò che ha spinto l'azienda ad accontentarsi, appianando frettolosamente tutti i contenziosi legali ancora in corso, è stato il timore che l'Ufficio Brevetti americano (USPTO) possa invalidare il brevetto '637: un'eventualità tutt'altro che improbabile vista la decisione preliminare a cui l'UPSTO è giunto lo scorso maggio.
Il processo di revisione del brevetto '637 è stato innescato dal Public Patent Foundation, un'associazione non profit che si occupa della salvaguardia dei diritti dei consumatori. Una "cronistoria" della vicenda è accessibile da qui.
7 Commenti alla Notizia Brevetto JPEG, accomodate tutte le cause
Ordina