Cracksiti italiani sempre più offline

Vita dura per certi spazi web gestiti da italiani. Nelle scorse ore è stato sottoposto a sequestro un sito dedicato al sat-hack mentre sono stati sospesi due altri siti dedicati a cracking e dintorni. Parla Aruba

Cracksiti italiani sempre più offlineRoma - Si occupava di sat-hack il sito "Axtermixsat.com, studio della decodifica satellitare", sito italiano che nelle scorse ore è stato sottoposto a sequestro dal Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni dell'Emilia Romagna su disposizione della Procura della Repubblica di Forlì.

Quello spazio web, di cui non rimane più traccia neppure nella cache di Google e della cui vicenda si è occupato anche Baudnet, da qualche tempo aveva conquistato una certa notorietà grazie ad una certosina opera di promozione che, probabilmente, ha finito per esporlo, per provocare un aumento notevole dei contatti, fino ad attirare l'attenzione delle forze dell'ordine. Queste da tempo sono impegnate nella repressione di quelle attività online che si attribuiscono al sito.

Su quelle pagine era infatti possibile trovare i codici con cui adattare le schede pirata per la ricezione della televisione satellitare ed è probabilmente proprio questa la ragione del sequestro, come già accaduto in altre occasioni.
Proprio ieri è poi giunto un comunicato stampa dalla Polizia Postale di Catania con cui è stato annunciato il sequestro di un sito indagato dal sostituto procuratore Giovannella Scaminaci della Procura Distrettuale della Repubblica di quella città.

Il sito, spiega una nota, propagandava e inneggiava all'ideologia fascista, "con contenuti apologetici finalizzati a un reclutamento".

Il comunicato informa che il gestore è stato denunciato per apologia del fascismo e nei locali di sua disponibilità sono state effettuate delle perquisizione che hanno avuto "esito positivo". Non è nota la URL del sito.

Ma dopo il recente sequestro di un sito di medicina alternativa, a "saltare" (ma senza l'intervento della magistratura) in questi giorni in cui si attende l'Hackmeeting di Bologna, sono stati due siti ospitati dal celebre fornitore di hosting Aruba e in vario modo legati al mondo dell'"underground tecnologico".
TAG: censura
195 Commenti alla Notizia Cracksiti italiani sempre più offline
Ordina
  • SARANNO TUTTE QUESTE STRON..TE CHE DITE SE VOLETE DIFFONDERE LE VOSTRE GUIDE PROGRAMMI ECC USATE SERVER FUORI DALL'ITALIA E REDIRECT VARI E SCRIVETE IN INGLESE. HO LETTO DELLE COSE CHE MI HANNO FATTO RABBRIVIDIRE MA DA DOVE ESCE QUESTA GENTE DALLA LAVATRICE? RITORNATEVENE DA DOVE SIETE VENUTI , SE NON CI FOSSE STATO IL WAREZ INTERNET MANCO SAREBBE ARRIVATO AL 90 % DI VOI... QUESTA GENTE NON MERITA DI PENSARE.

    non+autenticato
  • ESPLORATE IL FANTASTICO MONDO DEI SERVER IRC NASCOSTI NEGLI INFERI REMOTI NELLA RETE.... FORSE LI C'E' RIMASTA UN PO DI LIBERTA... FOTTI LA CENSURA, NESSUNO MI METTERA' UN TAPPO ALLA BOCCA SENNO DOVREI INFILARGLIELO BEH SAPETE DOVE...
    non+autenticato
  • Perche' l'apologia del fascismo e' un reato mentre l'apologia del comunismo no? Eppure il comunismo ha ucciso milioni e milioni di persone nel mondo (pensino piu' del nazismo) e decine di migliaia in italia alla fine della seconda guerra mondiale oltre ad affamare e limitare nei loro diritti umani ancora oggi milioni di persone come in cina e a cuba.
    non+autenticato
  • La ricetta per fermare il sat hacking così come la diffusione degli mp3 o le copie illegali di Xp è quella semplicissima di abbassare i prezzi e non di pseudoproteggere con allegoria i prodotti (Vedi se*a2, CD musicali, dati e affini). Ma visto che tele-, case discografiche, microsoft e compagnia bella fanno finta di non sentire, benvengano queste cose.
    INVECE DI ROMPERE IL BELINO A CHI CERCA DI LIBERALIZZARE L?INFORMAZIONE, LE AUTORITA' DOVREBBERO COMBATTERE I PEDOFILI E IL PORNOFETICISMO CHE STA LETTERALMENTE DILAGANDO IN INTERNET !!!
    non+autenticato
  • In qualche post qui e la e' stato affermato che il netweork Bismark.it distribuisce "materiale illegale".
    Ricordiamo a tutti che Bismark.it e' un motore di ricerca e nel nostro server non sono contenuti materiali atti ad infrangere la legge.

    Bismark.it e' un portale sulla sicurezza, e' molto cambiato e cambiera' ancora... diventando un portale a tutti gli effetti!.

    Ricordiamo inoltre che ognuno si prende le proprie responsabilita' su cio' che scrive sia in sede civile/penale. Bismark.it e' in grado di agire legalmente.

    Lo staff bismark.it
    bismark
    admin c
    www.bismark.it
    non+autenticato
  • vai BISMARK!!! PORTALI TUTTI IN TRIBUNALE!! QUANDO LA POLIZIA TI TOKKA DIVENTI COME UNO DI LORO... E' COME DEGLI ESSERE MORSI DAGLI ZOMBIE..:)

    chi vuol capire capisca..
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 29 discussioni)