IBM: le decisioni si prendono in Second Life

Big Blue investirà 100 milioni di dollari in idee frutto di un brainstorming online che ha coinvolto 150mila persone. L'annuncio dei progetti è avvenuto nel mondo virtuale di Second Life

Roma - Sam Palmisano, chief executive di IBM, annuncia un investimento di 100 milioni di dollari. Nulla di insolito, se non fosse che le idee su cui si investirà provengono da InnovationJam, un enorme incubatore di innovazione, una sessione di brainstorming collaborativo online basato sull'improvvisazione, sui grandi numeri e sui lampi di genio di una "folla intelligente". Nulla di cui sorprendersi, se non fosse che l'investimento e le idee sono state presentate contemporaneamente in Cina e in una versione di pixel della "Città Proibita" di Pechino, situata su un'isola privata nel metamondo di Second Life.

Il brainstorming online è una strategia messa in atto da IBM a partire dal 2001. Ma la sessione di InnovationJam di giugno è stata inaudita per portata, per organizzazione e per brillantezza delle idee.

L'enorme brainstorming online ha coinvolto, nel giro 72 ore, più di 150mila avatar persone. Oltre ai dipendenti di IBM, sono stati invitati ad azzardare idee anche partner, utenti e membri delle famiglie dei dipendenti. Sono emerse cinquantamila idee, scremate fino a ridurle a dieci in una successiva sessione di voto.
Dalla lucidità e dall'esperienza dei dipendenti, dalla fantasia e dal punto di vista del consumatore sono emersi progetti che spaziano dai servizi di traduzione immediata, alle smart card per usufruire dei servizi medici, alle nanotecnologie per il filtraggio dell'acqua, da servizi di storage online all'Internet 3D. Progetti in cui Big Blue investirà quei 100 milioni di dollari.

Il CEO virtuale"Sam Palmisano ha chiarito che non vuole un "business as usual", ma idee radicalmente nuove", annuncia David Yaun, vice presidente dei programmi di innovazione presso IBM.

Anche la presenza di IBM in Second Life sembra confermare la voglia di operare su idee radicalmente nuove. Palmisano si è già dotato di due avatar, uno casual, e uno vestito in un formale completo business (vedi immagine a lato), che ha debuttato nel metamondo in occasione della presentazione delle idee emerse da InnovationJam.

IBM ha già acquisito familiarità con Second Life e con i Massively Multiplayer Online Game (MMOG): l'"evangelista dei mondi virtuali" Ian Hughes aveva spinto Big Blue a sondare un terreno ancora poco esplorato, ma dotato di potenzialità enormi.
20 Commenti alla Notizia IBM: le decisioni si prendono in Second Life
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)