Rule of the Rose, la replica degli esperti

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una lettera aperta del direttore editoriale di Gamers e GameCon al direttore di Panorama, relativa al controverso articolo sulll'ormai celebre titolo videoludico

Roma - "Caro Direttore,
le scrivo questa lettera in risposta all'articolo di copertina (e alla copertina stessa) dell'ultimo Panorama, A scuola di ferocia con i videogame. Come giornalista della stampa specializzata, direttore culturale di GameCon, il Salone del Gioco e del Videogioco e presidente di Gamers, società che promuove il medium videoludico come forma d'arte, non posso che essere indignato da quanto scritto sul vostro periodico.

Anzi, contento. Vede, Direttore, quello che voi fate, dando alle stampe un reportage del genere, è pubblicizzare oltremodo i videogiochi, un mezzo di comunicazione del pensiero originale, moderno e assolutamente unico, che già da anni è assurto a forma d'arte e che si sta avviando a ripercorrere quello stesso cammino già seguito da tanti altri media demonizzati, come il cinema, i fumetti, la musica rock. Portare il Videogioco sotto i riflettori come solo la grande stampa generalista può fare, amplificata da telegiornali nazionali e grandi emittenti radiofoniche, serve alla causa dell'alfabetizzazione videoludica, sebbene l'operazione nasca sotto i foschi stendardi dell'oscurantismo e della più cieca negazione. Per questo me ne rallegro.

Se tuttavia il desiderio è di andare oltre e parlare di contenuti, vediamo di fare chiarezza. Rule of Rose è un men che mediocre gioco horror giapponese, uscito quasi un anno addietro nel più completo disinteresse del pubblico e della critica. Perché? Per il suo scarso valore artistico e ludico. Si tratta di un prodotto di bassa lega che ha puntato tutto sui suoi contenuti forti, come infinite volte è avvenuto nella letteratura e nel cinema, senza peraltro riuscire a bucare il muro di indifferenza naturalmente eretto dalla comunità di videogiocatori, molto meno ingenua e disattenta di quanto voi possiate ritenere.
Rule of Rose è un horror e, come tale, è vietato ai minori: il fatto che possa essere scaricato sotto forma di copia pirata da Internet o che sia venduto da negozianti poco scrupolosi e attenti nel loro lavoro, ha ben poca rilevanza, mi scusi. E poi come stupirsi che si trattino temi quali la perversione o il sadismo o che ci siano personaggi minorenni? È una storia dell'orrore, questi sono tutti elementi piuttosto comuni al genere, quale che sia il tipo di opera nel quale si manifesta. Lo stesso può dirsi delle tensioni sessuali. Stanley Kubrick ha firmato l'adattamento cinematografico di Lolita: deve di nuovo essere messo al bando? Certo che no, tanto più che si tratta di un'opera d'arte, un capolavoro. Rule of Rose un capolavoro non lo è di certo, ma ha tutto il diritto di esistere: sarà punito dal mercato e dalla critica, come infatti è avvenuto... a meno di miracolosi recuperi in terra italica, dopo la vostra straordinariamente immeritata pubblicità.

Siccome non voglio tediarla oltre, Direttore, passo subito a dire che il fatto davvero grave è il ricordarsi che esistono i videogiochi solo quando si deve lanciare una crociata o una caccia alle streghe, prendendo spunto da un pessimo prodotto di nicchia quasi potesse rappresentare altro rispetto ai "videogiochi spazzatura", che di certo esistono proprio come i romanzi, i film, i dipinti o qualunque altro tipo di prodotto dell'ingegno umano.

Per affrontare un qualunque discorso è richiesta serietà e competenza, e occorrerebbe documentarsi correttamente. Nell'articolo pubblicato sul suo prestigioso settimanale c'è di tutto: semplici errori di traduzione (Grand Theft Auto diventa Gran ladrone d'auto), grossolani errori di interpretazione (non è vero che in certi giochi i cattivi sarebbero i buoni, è solo che i cattivi sono i protagonisti: ha mai visto Il Padrino?), generalizzazioni della peggior specie (un Grand Theft Auto e uno Yakuza sono opere che contenutisticamente parlando hanno ben poco in comune: le ricordo che sono proprio le generalizzazioni a essere alla base di ogni razzismo), semplici casi di disinformazione (Postal 2, altro titolo di pessima qualità, è un prodotto volutamente parossistico, che fa dell'ultraviolenza la sua cifra stilistica comico demenziale). Fa effetto constatare come nel frattempo, in Francia, Le Monde affronti lo stesso argomento con un servizio dal taglio leggermente diverso: "Videogiochi. E se ai bambini facessero bene?"

Chiudo con un ironico "complimenti" alla signora Anna Serafini, Presidente della Bicamerale per l'Infanzia che, dopo aver ammesso di non saper neanche accendere una Playstation, ritiene comunque opportuno parlare di videogiochi, invece di documentarsi e rivolgersi a qualcuno che può fornirle dei dati utili.

A conclusione di questa lettera aperta, invito lei e il signor Guido Castellano a un confronto sul tema della violenza dei videogiochi, che potrebbe aver luogo nella sede di GameCon (Napoli, 8-10 dicembre) o in qualsiasi altra sede da voi ritenuta più opportuna.

Cordiali saluti,
Marco Accordi Rickards

Nota - sulla vicenda vedi anche: L'Italia è pronta a bruciare videogiochi?
59 Commenti alla Notizia Rule of the Rose, la replica degli esperti
Ordina
  • Caro(Carissimo A bocca apertaA bocca aperta),Governo,al posto di rompere le scatole per un Videogioco praticamente sconosciuto fino a ieri e che oggi conosce 9/10 di Italia,sparando le solite ipocrisie assurde sulla violenza,perversione,ecc.,perché non mi spiegate come mai se vi preoccupa tanto la morale,la violenza,la malavita(Visto che avete citato Grand Theft Auto),come mai avete approvato l'indulto mettendo in circolazione migliaia di VERI delinquenti?? A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

    Avanti,rispondete!!Arrabbiato

    P.S.
    Siete stati molti bravi anche a suggerire agli Italiani come ottenere il gioco nel caso voi ne vietaste la vendita:Con il P2P,grazie per il suggerimento! Rotola dal ridere ,vado subito!(Prevedo un considerevole aumento delle fonti per questo gioco su eMule,che,per me,eMule RulezA bocca aperta)
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 16 novembre 2006 23.58
    -----------------------------------------------------------
  • Questa storia mi fa pensare alla madre di un mio amico che gli impediva a 17 anni suonati di venire a giocare con noi ad un gioco di ruolo (nello specifico l'AD&D), perchè convinta che chi vi giocava impazziva e uccideva gli altri o si toglieva la vita. Questo perchè l'aveva letto su di un giornale tempo prima, e anche perchè penso aveva provlemi... ma il punto è che con videogiochi e film violenti sono cresciute già parecchie generazioni (mio fratello mi fece vedere a 6 anni Nightmare 3, non ho dormito 3 notti) eppure io non ho voglia di rubare un'auto perchè ho finito tutti i GTA, non ho voglia di investire persone o causare incidenti perchè ho giocato a Carmageddon, non vado in giro a chiedere il pizzo perchè ho finito Il Padrino, e così via... Allora quello che mi domando è: ma siamo sicuri che l'eliminare i videogiochi violenti renda i ragazzi meno inclini ad utilizzare la violenza in ogni sua forma? oppure non sarebbe meglio invece di censurare i videogiochi alzare il livello culturale della televisione? che ne sò, un ragazzo vede un documentario o un spettacolo teatrale di un certo livello in tv, poi spegne e si distrae con un gioco... mi sembra logica come cosa. Invece ora cosa succede, un ragazzo accende la tv e vede... reality? cioè ma ci rendiamo conto? Io penso che non ci sia niente di più triste del rendersi conto di quello con cui veniamo in contatto ogni giorno guardando la tv o leggendo i classici giornali... sfido io che i giovani sono tutti una massa di imbecilli (o almeno si comportano come tali), cmq il mio parere in definitiva è che si sarebbero cose molto più importanti a cui pensare che non se un videogioco vada bene o no...
    non+autenticato

  • Da piccoli i servi vengono addestrati a non comunicare fra loro (ad esempio passando le giornate davanti all'XBOX) così da grandi ci si troverà dei perfetti lobotomizzati pronti all'uso, ottimi come carne acritica da consumo e/o ufficio (nasci, produci, consuma, crepa)

    D'altronde, come diceva hitler, le masse vanno mantenute ignoranti...


    non+autenticato
  • Ahimè! Oddioooo!!! Avete ragione!!! Io ho 31 anni e da quando mio padre è venuto per il mio decimo natale a casa con il C64 (commodore64) ho giocato, e poi giocato e quando finivo ricominciavo a giocare ore e ore davanti il pc, la console, la tv, si ore ore giorni e giorni.
    Sono un lobotomizzatoooo!!! SIiiiiii!
    Però intanto mi sono laureato, sono un ingegnere informatico (ma valà potevo mai essere meccanico??? ahahah!) lavoro, e poi per guadagnare ancora più soldi faccio la seconda attività, mi sono costruito il mio impianto di video sorveglianza, inoltre ho amici, conosciuti con i videogiochi! ho avuto tante ma tante ragazze e poi che dire... mi sposo a marzo!
    Avete capito che ci avete rotto i c.....oni??
    Ma signori e signore lasciate che i vostri figli giochino, con criterio si, ma che giochino e state vicini a loro sempre!!! SEEEEMMMPPPRRRREEEE!!!
    con amore.... un lobotomizzato
    ah ah ah ah ah ah ah ah
    EA03 AE10
    100011100010011101011001100
    capisciiiiiiiiiiiii?
    ih ih ihi hihihi la vita è un gioco
    non+autenticato
  • .........................
    l'ignoranza e la stupidità umana non ha limiti..... la gente povera di mente, di idee, di CONOSCENZA, non può far altro che ODIARE ciò che non capisce......
    Patetico essere umano che hai scritto questo post, uomo o donna che tu sia ti consiglio di uscire dal tuo mondo piccolo e vacuo senza punti di riferimenti e sopratutto senza valori...... devi comprendere che la REALTA' non si trova nella tua mente ma fuori di essa.....
    Comunque ti compiatisco..... suppongo che la solitudine che provi ogni istante della tua vita ti porta a odiare tutto ciò che ti circonda..... ma non ti devi ARRENDERE devi combattere e andare avanti..... so che è difficile.... la STUPIDITA' e difficile da combattere..... ma se ti ci metti riuscirai sicuramente ad abbatterla....
    Faccio il tifo per te, patetico essere umano ...... FORZA FORZA Pirata
    non+autenticato
  • Sinceramente spero che non trattino tutti gli argomenti come hanno trattato quello sui videogiochi o vi prego, qualcuno bruci le sedi dei principali TG e Giornali...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 20 discussioni)