Tutti nell'Alliance di Microsoft

A Barcellona il gigante di Redmond svela il nuovo consorzio industriale che promette di migliorare l'interoperabilità fra i prodotti hardware e software. Dentro, tra gli altri, Sun, Siemens, NEC e... Novell

Barcellona - Il Microsoft TechEd IT Forum spagnolo ha tenuto a battesimo il nuovo credo di Redmond: "interoperabilità". Martedì scorso è stata svelata, infatti, l'Interoperability Vendor Alliance. Una sorta di lobby industriale che collaborerà con Microsoft per migliorare la compatibilità fra i prodotti hardware e software. Fra i membri si può annoverare praticamente il gotha internazionale dell'IT: Advanced Micro Devices, BEA Systems, Business Objects, CA, NEC, Novell, Siemens Enterprise Communications, Software AG, Sun Microsystems, e altri ancora.

Secondo gli esperti, la politica di Microsoft sulle tecnologie proprietarie sta evolvendo. Se un tempo l'impegno per l'integrazione era considerato marginale, adesso, grazie al successo di piattaforme alternative, è evidente l'esigenza di investire nell'interoperabilità. Un'esigenza che è stata reclamata, per prima, dagli stessi clienti, in seria difficoltà nel tentativo di far convivere Windows con applicazioni business sviluppate per altri sistemi. Bill Gates, lo scorso febbraio, non a caso, aveva iniziato a parlare di soluzioni "interoperable by design", ovvero la possibilità di far convivere i prodotti Microsoft con altri attraverso la tecnologia XML.

"Interoperability Vendor Alliance" cercherà, quindi, di individuare e poi pubblicare online le "best practices" che possano agevolare l'integrazione fra i prodotti dei vari brand coinvolti. I vendor collaboreranno direttamente con i clienti, in modo che sia possibile stabilire le priorità di interoperabilità riguardanti il system management, la virtualizzazione, i tool di sviluppo, il data integration, lo storage management, e altro.

Inoltre, è prevista la realizzazione di materiali tecnico-informativi e case studies correlati alle esperienze dei clienti. Insomma, Microsoft a distanza di poco più di cinque mesi dalla nascita dell'Interoperability Customer Executive Council - che si riunirà due volte all'anno per discutere sui problemi di connettività, integrazione applicativa e scambio dati - rilancia con un'altra iniziativa ad ampio respiro che coinvolge strettamente vendor e clienti come mai in passato. Se poi si considera il recente accordo con Novell per Suse Linux il quadro sembra essere completo.
La questione dell'interoperabilità, comunque, non è solo un "problema" per Microsoft. Ormai il mercato è talmente frammentato, con rapporti di forza in continua evoluzione, che gli stessi vendor sembrano sottolineare questa esigenza di normalizzazione.

"L'interoperabilità non è solo una questione di standard", ha dichiarato Jason Matusow, senior director del Dipartimento Intellectual property and interoperability di Microsoft: "Il raggiungimento di uno standard è solo uno dei tanti passi per raggiungere la completa interoperabilità. L'alleanza tra vendor e consumatori è fondamentale".

Dario d'Elia
20 Commenti alla Notizia Tutti nell'Alliance di Microsoft
Ordina
  • Sono allibito. E contento. Certo cambia lentamente, e a modo loro: ma la direzione è indubbiamente verso un maggior rispetto dell'utenza.

    Spero solo che Vista non abbia un successo eccessivo, altrimenti mancherà la spinta verso i consumatori che sembra aver investito microsoft in questi ultimi tempi.
  • - Scritto da: mythsmith
    > Sono allibito. E contento. Certo cambia
    > lentamente, e a modo loro: ma la direzione è
    > indubbiamente verso un maggior rispetto
    > dell'utenza.

    Microsoft cambia volto ? Mha, secondo me a ben guardare non e' il volto ma e' la solita maschera per il Cul0.

    > Spero solo che Vista non abbia un successo
    > eccessivo, altrimenti mancherà la spinta verso i
    > consumatori che sembra aver investito microsoft
    > in questi ultimi tempi.
    non+autenticato
  • Il lupo perde il pelo ma non il vizio.
    non+autenticato
  • Avete notato come da quando Intel fornisca Apple la combricola di Ballmer trovi AMD molto più simpatica? Sorride
  • "Fra i membri si può annoverare praticamente il gotha internazionale dell'IT: Advanced Micro Devices, BEA Systems, Business Objects, CA, NEC, Novell, Siemens Enterprise Communications, Software AG, Sun Microsystems, e altri ancora."

    Ora... non per essere pignolo... Manca IBM, Manca Google, Manca Red Hat, Manca Motorola e Nokia... Manca Oracle, Manca Intel, Manca Sony

    Perchè ogni volta che C'è Microsoft c'è sempre il Meglio dell'informatica mondiale? Dai... cerchiamo di essere meno parziali!

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > "Fra i membri si può annoverare praticamente il
    > gotha internazionale dell'IT: Advanced Micro
    > Devices, BEA Systems, Business Objects, CA, NEC,
    > Novell, Siemens Enterprise Communications,
    > Software AG, Sun Microsystems, e altri
    > ancora."
    >
    > Ora... non per essere pignolo... Manca IBM, Manca
    > Google, Manca Red Hat, Manca Motorola e Nokia...
    > Manca Oracle, Manca Intel, Manca
    > Sony
    >
    > Perchè ogni volta che C'è Microsoft c'è sempre il
    > Meglio dell'informatica mondiale? Dai...
    > cerchiamo di essere meno
    > parziali!
    >

    Mi sembra che non ci sia nemmeno Apple...
    non+autenticato

  • No guarda Sony con l'informatica c'entra come le merendine del mulino bianco alla salute degli alunni italiani
  • Credo che la PS3 possa essere considerata un prodotto informatico (limitato forse) paragonabile tranquillamente ad un PC.
    Arrabbiato
    non+autenticato
  • "Secondo gli esperti, la politica di Microsoft sulle tecnologie proprietarie sta evolvendo. Se un tempo l'impegno per l'integrazione era considerato marginale, adesso, grazie al successo di piattaforme alternative, è evidente l'esigenza di investire nell'interoperabilità."

    MS-evolution.... e tutti dietro... ovviamente; e' cosa buona e giusta e se lo dice MS allora sta bene a tutti.

    "L'interoperabilità non è solo una questione di standard", ha dichiarato Jason Matusow, senior director del Dipartimento Intellectual property and interoperability di Microsoft: "Il raggiungimento di uno standard è solo uno dei tanti passi per raggiungere la completa interoperabilità. "

    Eccoci finche' non lo dicevano manager MS non potevamo credere che fossero concetti tanto importanti...

    "L'alleanza tra vendor e consumatori è fondamentale"."

    L' alleanza tra vendor consumatori? E su che basi? I vendor si riuniscono tra loro e decidono che NOI ci dobbiamo alleare con loro?

    mammamia quanta spocchia... quanta retorica....
    aspettano solo il momento per poter ritrattare tutto con la scusa che i tempi son cambiati ecc. ecc....

  • - Scritto da: Alessandrox

    > "L'alleanza tra vendor e consumatori è
    > fondamentale"."
    >
    > L' alleanza tra vendor consumatori? E su che
    > basi? I vendor si riuniscono tra loro e decidono
    > che NOI ci dobbiamo alleare con
    > loro?
    >
    >

    ma piu' che altro considerando che i "contratti - licenze" ms sono estremamente vessatorie per l'utente finale non vedo quali migliaramente nella propria vita possa apportare questa allliance che ha sapore piu' di un "cartello" verso in consumatore che di una alleanza.
    Verrà da se che per usare questa stampante o quel scanner potro' usare solo questo o quel software naturalmente a pagamento ?
    Non potro' piu' utilizzare delle cartuccie refil perche' questo o quel software me lo impedisce e allora dovro' aquistare quelle di marca ? e cosa mi dirà che e' originale "microsoft genuine refil black & color" ?


  • > "L'interoperabilità non è solo una questione di
    > standard", ha dichiarato Jason Matusow, senior
    > director del Dipartimento Intellectual property
    > and interoperability di Microsoft: "Il
    > raggiungimento di uno standard è solo uno dei
    > tanti passi per raggiungere la completa
    > interoperabilità.


    Il piu' importante. Come sa BENISSIMO casa Microsoft che sul non divulgare aspetti delle API e dei formati ci ha campato per decenni.

    Primo passo, stabilire uno standard
    Secondo passo, Pubblicarlo (senza trucchi di brevetti tipo il primo sender-id)
    Terzo passo, rispettarlo.

    Se tale standard interessa a qualcun altro tranquilli che qualche programmatore viene sguinzagliato sul problema e l'interoperabilita' vien fuori.

  • Wow c'e' AMD,

    ma NON C'E' INTEL !!!


    Attenzione!!!
    Compriamo tutti prodotti intel per proteggerci dal TCP
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Wow c'e' AMD,
    >
    > ma NON C'E' INTEL !!!
    >
    >
    > Attenzione!!!
    > Compriamo tutti prodotti intel per proteggerci
    > dal
    > TCP

    ROTFL!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Wow c'e' AMD,
    >
    > ma NON C'E' INTEL !!!
    >
    >
    > Attenzione!!!
    > Compriamo tutti prodotti intel per proteggerci
    > dal
    > TCP

    Io avrei bisogno di una lavatrice nuova, ma Intel non ne ha in catalogo...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)