Online le nuove norme sulla sicurezza stradale

Il Governo ha pubblicato anche in rete il decreto legge varato il 20 giugno

Roma - E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 21 giugno scorso il decreto-legge, approvato dal Consiglio dei ministri il 20 giugno, recante disposizioni urgenti per garantire la sicurezza nella circolazione stradale. Ora Ŕ disponibile anche online.

Queste le principali novitÓ: la possibilitÓ di usare durante la guida apparecchi telefonici purchŔ dotati di auricolare, la riduzione del tasso alcolemico consentito che passa da 0,8 grammi a 0,5 grammi per litro, l'obbligo di utilizzo anche di giorno dei proiettori anabbaglianti per i veicoli a 2 ruote.

Il decreto Ŕ qui.
TAG: italia
4 Commenti alla Notizia Online le nuove norme sulla sicurezza stradale
Ordina


  • - Scritto da: light
    > io non lo trovo !

    di sicuro sarà scritto sul libretto dei vigili urbani che non aspettano altro di appioppare multe di quà e di là solo per far vedere che loro sono più bravi e più inflessibili degli altri.

    E se tu cerchi di dirgli che non lo sa nemmeno il ministro cosa si deve fare con le luci, loro ti dicono: "eeeeh, ma qui si vuole venire ad insegnarci il mestiere.... già che ci siamo allora guardiamo le gomme, il triangolo, le luci..." e ti fanno la multa perchè hai la targa davanti illeggibile (e vagli a spiegare che è uno scarrafone spiaccicato dieci minuti prima).

    Non ci credete?
    Se volete vi do' nomi, cognomi e numero di scarpe di personcine squisite come quelle che vi ho raccontato.


    non+autenticato
  • Comunque, la notizia di ieri, è che i vigili non sono "abilitati" ad appioppare multe per almeno due mesi (quelli di "prova" del decreto)!

    - Scritto da: Consentitemi l'anonimato
    >
    >
    > - Scritto da: light
    > > io non lo trovo !
    >
    > di sicuro sarà scritto sul libretto dei
    > vigili urbani che non aspettano altro di
    > appioppare multe di quà e di là solo per far
    > vedere che loro sono più bravi e più
    > inflessibili degli altri.
    >
    > E se tu cerchi di dirgli che non lo sa
    > nemmeno il ministro cosa si deve fare con le
    > luci, loro ti dicono: "eeeeh, ma qui si
    > vuole venire ad insegnarci il mestiere....
    > già che ci siamo allora guardiamo le gomme,
    > il triangolo, le luci..." e ti fanno la
    > multa perchè hai la targa davanti
    > illeggibile (e vagli a spiegare che è uno
    > scarrafone spiaccicato dieci minuti prima).
    >
    > Non ci credete?
    > Se volete vi do' nomi, cognomi e numero di
    > scarpe di personcine squisite come quelle
    > che vi ho raccontato.
    >
    >
    non+autenticato


  • - Scritto da: light
    > io non lo trovo !

    Ecco qui, i riferimenti:

    DECRETO-LEGGE 20 giugno 2002, n.121:
    "Art. 1.
    1. Le disposizioni degli articoli 11 e 12 del decreto legislativo 15 gennaio 2002, n. 9, hanno effetto a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto."

    Decreto legislativo 15 gennaio 2002, n. 9:
    "ART. 11
    1. All'art. 152 del decreto legislativo 30 aprile 1992 , n. 285, e successive modificazioni, dopo il comma 1 è inserito il seguente: "1-bis. Per i ciclomotori ed i motocicli, in qualsiasi condizione di marcia, è obbligatorio l'uso dei proiettori anabbaglianti e delle luci di posizione.".
    ART. 12
    1.All'art. 153 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, è apportata la seguente modifica:
    a) al comma 1, lettera a) dopo le parole "i proiettori anabbaglianti:" sono inserite le seguenti: "in autostrada;". "

    Decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285:
    "Art. 153. Uso dei dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione dei veicoli a motore e dei rimorchi.
    1. Nelle ore e nei casi indicati nell'art. 152, comma 1, durante la marcia dei veicoli a motore e dei veicoli trainati, si devono tenere accese le luci di posizione, le luci della targa e, se prescritte, le luci di ingombro. In aggiunta a tali luci, sui veicoli a motore, si devono tenere accesi: a) i proiettori anabbaglianti: nei centri abitati, quando la illuminazione pubblica manchi o sia insufficiente; ...."

    non+autenticato